Immagine
 Letto di L 2... di Carvelli
 
"
Com'è, o Mecenate, che nessuno vive contento della sorte che la ragione gli ha dato o il caso gli ha gettato davanti, e tutti invece non fanno che esaltare chi persegue una vita diversa?

Orazio
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 23/02/2011 @ 17:02:27, in diario, linkato 450 volte)

Gabriele Muccino* negli extra del DVD del suo film primo americano La ricerca della felicità, dice una cosa sull'andare di Will Smith. Grosso modo dice che i suoi passi sempre in andare, sempre di corsa, sempre verso qualcosa che gli sfugge sono quelli di un uomo che vuole essere migliore. Una cosa del genere che a me è piaciuta. E' vero che esiste un modo di andare che rappresenta la corsa dell'essere umano verso qualcosa di lontano da lui, raggiungibile ma sempre un passo oltre. Ecco la corsa, l'andare frenetico. Il rincorrere. Con tante perdite e una lenta, faticosa rincorsa di qualcosa che è bello ma dura un secondo. Il secondo che ci rende massimamente umani.

*Su Muccino (Gabriele) vorrei fare una postilla che vale anche per Baricco (Alessandro), scrittore. Si tratta di due personaggi un po' capri espiatori di tutte le idiosincrasie (magari anche giuste) della critica. Mi piacerebbe che verso di loro si attenuasse il fiele del giudizio. Baricco ha fatto cose buone con uno stile che è suo, un po' barocco, qualche traccia di retorica ma con un grande senso della scrittura, invidiabile e originale rispetto a tanta medietà editoriale (ricompattazioni da editor di stili uniformati). Muccino ha fatto dei buoni film fino a questo americano (compreso) poi è scivolato sul sequel fastidioso del suo grande successo. Baciami ancora, di cui già scrissi, era infatti la malriuscita copia del primo. A lui il merito di aver portato nel cinema italiano una ottima direzione degli attori fino a lui praticata male o solo autorialmente. Non stiamo stilando nessun canone (che anzi parrebbe scaturire dalle uniformazioni di cui dicevo), né definendo categorie alte. Né in un caso né nell'altro. Solo un saggio riequilibrio di proporzioni che spesso il successo fa perdere (a chi lo subisce o lo patisce).

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2011 @ 14:42:28, in diario, linkato 534 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2011 @ 10:12:39, in diario, linkato 823 volte)
Su Internazionale, numero ancora in edicola, un interessante articolo di Hanif Kureishi dal titolo "Kama Sutra senza peccato" (in originale "KS and the search for pleasure" che forse per il nostro cattolico paese va reso eliminando il problema a monte). "Il divieto rende possibile il divertimento serio, come le regole rendono possibile lo sport. Se spariscono l'autorità e i tabù, non aumenta il divertimento, aumenta il nulla". Così scrive Kureishi. Che parla della mancanza di sguardo, del tanto non detto non scritto in questo bellissimo libro antico. Tanto che lo definisce un po' un manuale self help per nerd. In realtà nel KS ci sono tante cose. Tante ne mancano. Certo fa parte di una manualistica antica che ha trovato agio da noi per quelle stinfie paginette di posizioni spesso illustrate. Magra cosa sì pensando al tanto che ci passa in mezzo a tutti quei cambi di prospettiva. E questo è noto. Come noto è che il manuale fosse rivolto a un pubblico preciso. Anni fa mi sono cimentato in una postmoderna riclassificazione di un "discorso amoroso" ai giorni di oggi. Con tanto di clone di quelle stinfie paginette evoluzionistiche. Con poca fantasia e poco spazio. Lo spazio di una smart. Non c'erano immagini e questo ha spesso dissuaso i recensori. E forse i lettori anche se a oggi Kamasutra in Smart è esaurito. Anche io credo che il discorso o "la Situazione Uomo-Donna" come la definiva una mia amica abbia bisogno di più di un catalogo di mosse. E il discorso in genere abbia bisogno più di silenzi che di parole. Perché le parole che diciamo a proposito spesso non ci riguardano. Sono altre. Altre da quelle che sentiamo davvero. Altre da quelle che vorremmo davvero dire. La storia è lunga e controversa. Io oggi merito solo di annunciarla. Agli altri le conclusioni. Ritornando alla frase dall'articolo di Kureishi. Ricordo ancora l'adagio di Bunuel che così sintetizzava la sua educazione arcicattolica (cito a memoria): "le cose che ha acuito invece di cancellare in me sono state il senso della morte, l'interesse per il sesso" e la terza non la ricordo. Buonagiornata.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2011 @ 08:26:30, in diario, linkato 475 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2011 @ 08:24:13, in diario, linkato 439 volte)
Stamattina non ho carte buone. O scarto quattro o passo. E passo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2011 @ 15:53:43, in diario, linkato 462 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2011 @ 15:44:35, in diario, linkato 510 volte)
Un mio amico, più grande di me di qualche anno, tempo fa raccontava qualcosa riguardo al suo matrimonio, ai figli. Il suo precedente matrimonio. Ora è separato. Ora ha un'altra compagna. Com'è andata, come non è andata quella storia è finita. E lui, nel fare, un po' di sana e saggia dietrologia. Niente di trito o di banale. Raccontava di come lui si facesse portare da qualcosa che c'era in quel rapporto che non gli apparteneva veramente. Tipo che sgridava i figli, li riprendeva e anche con una certa rabbia. Ma a ben vedere, raccontava, non c'era una verità in quel rimproverare. C'era un obbedire ad una forma. Una forma che non era la sua. Che non lo riguardava veramente. Qualcosa di autoimposto. Forse mediato dalla compagna. Qualcosa che andava fatto. E in un certo modo. Niente, comunque, di vero. Niente che gli appartenesse davvero.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2011 @ 08:49:49, in diario, linkato 436 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2011 @ 08:40:03, in diario, linkato 563 volte)
"Adesso devo andarmene (...) Se resto qui, fra un attimo avrò voglia di baciarti". Così dice la maestra Kate Swift al suo ex allievo George Willard. Quando questi realizza la proposta e tenta di farlo, lei dapprima gli si abbandona e poi si irrigidisce e lo prende a pugni. Tutto questo mentre il reverendo Curtis Hartman la sta desiderando, si sta perdendo in lei e, infine, si sta redimendo in lei, vedendo in lei la "forza di Dio". Tutto questo succede a Winesburg, mentre stiamo leggendo. Come ovvio sto parlando ancora di Anderson.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/02/2011 @ 14:48:14, in diario, linkato 563 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2331 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








10/08/2020 @ 04:02:29
script eseguito in 630 ms