Immagine
 Letto di L... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 31/05/2005 @ 10:22:39, in diario, linkato 842 volte)

Leggo:

Kamasutra in Smart dimostra che non bisogna credere alle apparenze: lo stesso Carvelli in un’intervista definisce il titolo del racconto “un cavallo di troia”. E’ davvero così, quel titolo serve solo (spudoratamente) a fare acquistare il libro. Ma in questo modo, ci domandiamo, non rischia forse di perdere quei lettori -un po’ meno “da gadget”- che i libri li leggono anche e che potrebbero passare, in sua compagnia, un’ora di piacevole lettura?

Se devo dire la mia. Il titolo (per quanto accattivante...o presunto tale) è quanto mai appropriato. Il discorso sull'amore (kamasutra) dichiarato è quello che si conviene all'interno (che è appunto una breve educazione sentimentale) per quanto il cote trattatistico sia evaporato in una scrittura-storia, in un racconto. ...in smart...vuol dire che è un discorso che avviene nella ristrettezza dell'angustia...  che è una macchina salvaspazio, che è una storia fugace, che è un vedersi nel breve del corpo (che poi breve nonostante noi non è)...che è - in definitiva - una metafora. Cavalloditroia per me non voleva dire "ingannare il possibile acquirente" (vendergli quello che non c'è) anche se poi magari è avvenuto e come scrive la giornalista può essere stato un deterrente alla lettura pura di un amante di letteratura come per un curioso delle posizioni... Non posso sapere chi acquisterà, sfoglierà distrattamente, chi regalerà... Posso solo onestamente propormi di avere delle cose da raccontare e/o da dire in una forma che mi diverta e mi dia l'impressione - l'impressione - di aver messo insieme qualcosa di cui non pentirmi. KIS insegna che non bisogna credere alle apparenze sì... che la variantistica del coito non è ipso facto iltitolo di un'opera più complessa di educazione all'amore... e che la smart è un oltre, l'oltre dell'oggetto....e qui ci vorrebbe Munari, Dorfles, Barhes...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/05/2005 @ 10:19:47, in diario, linkato 882 volte)
Kamasutra in Smart
Kamasutra in Smart
Roberto Carvelli 

Romanzo, Italia 2005
63 pp.
Prezzo di copertina € 5
Editore: Coniglio Editore, 2005
ISBN 88-88833-33-1

Coniglio Editore

Una normale giornata di traffico romano ed il protagonista viene tamponato da Luna, scattante ventenne smart-munita con il vizio di frenare di botto e fare retromarcia senza guardare.



Kamasutra in Smart: Due cuori e una city-car

Sono nella mia intima essenza uno sfigato, un imbecille, un poveraccio. Nella mia zona di essenziale e zenitale centratura sono un coglione. Autentico. Dico questo in un’epoca di necessari bilanci. Quella del mio quarantacinquesimo anno in cui, per una specie di vortice del tempo, mi accorgo all’improvviso e per intero della mia età. Sono un coglione. Ho quarant’anni passati e forse ho passato più della metà della mia vita a non fare nulla. Oggi ho quarantacinque anni, una casa di imbarazzante cubatura e di invereconda mancanza di personalità.

A prima vista più che un libro, il racconto di Roberto Carvelli sembra un gadget natalizio da regalare agli amici smart-muniti: titolo ammiccante, promessa di una sessantina di pagine leggere, divertenti. Superficiali probabilmente, anche dal punto di vista sessuale. Quante posizioni si possono arrivare ad immaginare dentro una smart? Poche, ovvio. E sono infatti poche quelle che l’autore dipinge nei suoi incontri con Luna. Incontri che si consumano rigorosamente in Smart, senza preliminari, senza cena prima o cinema dopo, in fin dei conti senza mettersi in gioco più di tanto. O forse no?

La superficialità preconcetta, che viene facile di primo acchito, si perde dopo poche pagine, quando lo stile asciutto di Carvelli e la sua spietata lucidità nel guardare la generazione a cui appartiene, se stesso forse, comincia a toccare qui tasti che sono la sostanza della vita. Le relazioni, l’amore, il lavoro, la realizzazione o il fallimento, i bilanci di un single di quarantacinque anni, il sesso vengono impressi sulle pagine come scatti di una polaroid sui tempi che corrono. Senza fronzoli, senza falsi pudori, senza prendersi in giro per non accorgersi del disincanto con il quale si vive. “Incontrarci e separararci è la sola traccia che lasciamo del nostro passaggio nel vuoto” scriveva Stefano Benni in Baol e qualcosa di simile lo dice anche il protagonista del racconto. Un racconto dove ci sono soltanto loro tre: lui e lei, con i loro venticinque anni di differenza, e la Smart, con le informazioni del depliant pubblicitario a mo’ di citazioni letterarie a inizio capitolo che sanno tanto di istruzioni per la vita moderna. “ A volte è necessario cambiare tutto perché niente cambi. Per questo alla Smart è naturale mettere in discussione i risultati acquisiti e proporre sempre soluzioni innovative. (Depliant Smart Fortwo coupé & Smart Fortwo cabrio 2004).

Kamasutra in Smart dimostra che non bisogna credere alle apparenze: lo stesso Carvelli in un’intervista definisce il titolo del racconto “un cavallo di troia”. E’ davvero così, quel titolo serve solo (spudoratamente) a fare acquistare il libro. Ma in questo modo, ci domandiamo, non rischia forse di perdere quei lettori -un po’ meno “da gadget”- che i libri li leggono anche e che potrebbero passare, in sua compagnia, un’ora di piacevole lettura?



Simonetta Degasperi  (28-05-2005)


Vota il libro!
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/05/2005 @ 09:39:20, in diario, linkato 853 volte)
Che molti palazzi sono vuoti. Abbandonati. Decaduti. Che altri lo sono anche di più ma in basso c'è una luce accesa che li salva dagli spiriti. Che la pizza ha un altro sapore e nello strutto frigge la milza. Che il mattonato della Vucciria non sarà mai asciutto e che la notte continua a bruciare la carne. Che il mare ha un pratone davanti e che le magnolie sono più grandi di tutte le magnolie che puoi sperare di aver visto nella tua vita. Che una porta - per quanto antica e imponente - è un urinatoio. Che se non ci sono soldi c'è genio. Che una chiesa può avere uan forma tutta sua. Che la partannina è una gazzosa. Che il tempo non cancella l'amicizia, che il tempo la rinsalda o ne mantiene degli spicchi. Che la vita è a colori - i sogni sono in bianco e nero. Che non sempre i colori sono quelli giusti. Che si può essere ricchi senza avere soldi e avere soldi senza maneggiarli, esibirli. E che i soldi vanno consumati. In fretta. Fin che ci sono.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/05/2005 @ 14:43:47, in diario, linkato 857 volte)

Cos’è che trattengono le mani? Qual è il filo che non vogliono lasciare andare? Questo filo leggero che lascia il segno, leggero ma che scava un solco rosa-rosso nella pelle bianca. È perché il filo è sbagliato, è perché non sono veloci le timide mani? Perché non portano giù? Forse bisogna tirare più forte? Forse bisogna cercare di prendere un altro filo e un altro e un altro? Forse il mondo non tiene o le nostre mani. Forse non fa la storia. E allora su: altri fili. Magari perdendo questo che non tiene. Magari avendo il coraggio delle mani sgombre e di uno sguardo più sereno, analitico, freddo ché le emozioni scelgono male i capi delle funi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/05/2005 @ 09:46:20, in diario, linkato 738 volte)
Ogni mattina una riga in più. Ogni mattina una parola oltre. Avanza a questi piccoli passi la scrittura. Ritratta verso un’alba necessaria. Prima delle fatiche del giorno. La scrittura è assediata. Dal tempo, dalle ore, dalla veglia, dal lavoro, dalle cose. Ogni mattina una riga in più. Ogni mattina una parola. Una frase. Una correzione. Un sinonimo. Nel silenzio della casa. Nell’odore del caffè. Senza che nessuno ti dica “va bene” senza la certezza dell’editoria sorge l’impeto della necessità. E non è sfortuna scrivere senza sapere cosa fare, senza la certezza del libro. È l’incertezza che fa nascere il libro. Da un sogno tormentoso e saltuario come da questa forzata ritualità. Riscattata ad una vita ingombrante che ha mangiato ore per soldi e soldi per cibo e pantaloni lisi e colli di camicie consunti. Ogni mattina una riga in più. Ogni mattina una parola oltre.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/05/2005 @ 09:13:49, in diario, linkato 774 volte)

Esistono verità come laghi. Ferme. Persistenti. Eppure, come un odore continuo, invisibili. Verità come fiumi. Che scorrono. Continue. Ciononostante, in un suono uniforme, indecifrabili. Esiste la verità. E nello stesso momento della sua esibizione occhi e orecchie che non la colgono.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/05/2005 @ 11:12:35, in diario, linkato 857 volte)

E' un invito all'acquisto. In edicola. Dove c'è un bellissimo doppio CD di Nicola Arigliano "Il re dello swing". Con una versione straziante di

ARRIVEDERCI

di G.Calabrese - U.Bindi

Arrivederci,

dammi la mano e sorridi senza piangere,

arrivederci

per una volta ancora è bello fingere.

Abbiamo sfidato l'amore quasi per gioco

ed ora fingiam di lasciarci soltanto per poco.

Arrivederci,

esco dalla tua vita, salutiamoci.

Arrivederci,

questo sarà l'addio, ma non pensiamoci.

Con una stretta di mano

da buoni amici sinceri

ci sorridiamo per dir

arrivederci.

Abbiamo sfidato l'amore quasi per gioco

ed ora fingiam di lasciarci soltanto per poco.

Arrivederci,

esco dalla tua vita, salutiamoci.

Arrivederci,

questo sarà l'addio, ma non pensiamoci.

Con una stretta di mano

da buoni amici sinceri

ci sorridiamo per dir

arrivederci.

Arrivederci.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/05/2005 @ 09:43:04, in diario, linkato 2006 volte)
Vorrei dire una cosa a questo mio amico che ha una ragazza gelosa. Tutti hanno almeno un amico o un'amica con un partner geloso, capita. Al mio amico – un tipo bellissimo, ma dozzinale (chiedo scusa)… ha fatto anche il modello per un catalogo di moda… lei invece è meno carina ma palestratissima attenta alla moda fashionissima – vorrei dire che è uscito uno studio americano che prova – direi proprio così “prova” – che la gelosia è malizia. Malizia attiva. E che lo studio americano sottolinea come non debba confondersi la gelosia con una elaborata attenzione. Non è così e glielo direi: lo dice uno studio americano “gelosia è malizia”. Non so se “uno studio americano” è un buon viatico per passare questa comunicazione ma proverei. In realtà non ci sono studi americani o se ci sono non li ho. Così mentirei: ma a fin di bene. È evidente che c’è un bene. Anche se spesso chi ha un compagno/a geloso/a non sente ragioni un po’ terrorizzato e un po’ circonfuso di attenzioni. Questo mio amico poi è diventato ossessivo e nell’ossessione ha perso anche lo sguardo, una qualsiasi oggettività del vedere. Ha perso anche la serenità nel fare le cose. Lei la conosco, è carina, dolce, affettuosa. Non è cattiva ma manco lontanamente. Davvero: non gli trovi un difetto. Eppure c’è questa cosa che ha nella testa che la forza ad un’attenzione ossessiva. Tra l’altro è un ossessione solo attiva. Non passiva. Mica si accorge che altrettanti suoi comportamenti potrebbero generare gli stessi sospetti: esce con dei tipi che magari non hanno avuto e non hanno esattamente intenzioni amichevoli, incontra persone di cui non vede secondi fini. Una specie di ingenuità su sé e malizia sull’altro. Ma, ripeto, senza volgarità, senza opportunismo. È solo che non le riesce questo traslato delle intenzioni sull’altro e in suo si convince ancora con più forza della sua giustezza anche perché la esercita, la declina, la prova. E la prova… e le prove sembrano (in sé) darle ragione su tutti i fronti. E la convincono. E la piegano alla ripetizione di questa lotta. Ma senza volgarità: non è così aritmetico che uno è geloso perché in sé concepisce il tradimento (che è un concetto filosoficamente pure possibile). Insomma vorrei dire a questo mio amico e a lei che esiste uno studio americano. Ma esiste? Potrebbe esistere? Gli americani che tutto analizzano potrebbero per favore produrre una ricerca in tal senso?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/05/2005 @ 10:14:59, in diario, linkato 867 volte)

 

Ripenso adesso a come amai interamente

 

quand’ero ragazzo,

 

e a come ero sicuro che il mio amore era un angelo,

 

a come anch’io ero un angelo,

 

a come eravamo uguali

 

(ma lei era più uguale di me).

 

E adesso non dico: tutto questo è falso

 

perché la vita è diversa, la vita mi ha cambiato;

 

adesso invece dico: era tutto vero.

 

Nasciamo angeli e interamente amiamo,

 

con tutto il cuore del nostro amore ci innamoriamo

 

come dei bambini che non conoscono il mondo

 

e interamente moriamo.

 

 

Claudio Damiani

  

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/05/2005 @ 10:05:41, in diario, linkato 782 volte)
I tormenti del mattino. I risvegli. Le colazioni senza energia. Le lenzuola che dormono ancora, mentre esci con lenzuola nuove addosso e dormi ancora. Il mare della macchine. Il sonno sul vento della moto. Il caldo, il sudore, il sonno. La testa in sù. Il cielo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 391 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








24/11/2020 @ 22:24:07
script eseguito in 679 ms