Immagine
 maria scarpe e parole... di Carvelli
 
"
Siamo oggi senza ombra e senza mistero,/ In una povertà che lo spirito abbandona;/ Restituiteci il peccato e il sapore della terra/ Perché il nostro corpo si emozioni, tremi e si dia.

Louis Brauquier
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 23/09/2004 @ 08:52:07, in diario, linkato 801 volte)

Prestare videocassette o DVD non è esattamente una bella idea. Spesso. Ad esempio ho ricevuto in prestito dal mio vicino di casa un cofanetto doppio disco di un artista polacco. una di quelle cose che costano un botto di euri, l'ho veducchiato appena e l'ho restituito dopo mesi (!!!!). Giorni dopo il mio vicino mi rimproverava di essersi accorto che non c'era nel cofanetto né un disco né l'altro. Che è successo? Boh. Lancio un appello a chi mai li avessi prestati (possibile prestare DVD di altri...senza custodia!!!!????). Con Russ Meyer il contrario. Comprai la serie intera e la prestai anche se il tipo ha sempre negato di averli ricevuti. Attendiamo i DVD. Russ Meyer ha qualcosa di classico nel suo essere pop ed è un tono che mi piace e che per esempio tentai di replicare in BEBO. Ma un tono non è uno stile e soprattutto non è uno scrittore o un regista per cui omaggiamo Meyer e basta. C'è un che di tranquillizzante nel suo sguardo dal basso, nei suoi paesaggi collinari, nel suo alzare ad icona la sua musa. C'è anche trasversalità di generi, ironia e capacità di racconto, con passo da autore antico. Questo mi piaceva prima di prestare le VC.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2004 @ 10:13:56, in diario, linkato 744 volte)

 

ALCUNE PROPOSTE DI SPONSORIZZAZIONI. So che non è possibile e che nessuno investirebbe su questa poca fortuna ma se fosse... ecco da chi accetterei volentieri regali. Non dico soldi no. Regali sì però.

 

 
cuscini e copripiumini in lino e cotone di qualità
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2004 @ 17:46:49, in diario, linkato 733 volte)
Giorni fa da la Repubblica si citava l'introduzione del prossimo Rifkin che rivendicava la speranza di un sogno europeo di contro a quello americano, troppo religioso o religiosamente deterministico dei laici. Oggi stesso giornale Saramago (in forum con Mauri e Eco) scrive parlando di democrazia amputata "...gli elettori vengono chiamati a sostituire un governo con un altro, ma ciò che in realtà non cambia mai, ciò su ci i cittadini non possono incidere, è il concubinato tra il potere politico e il potere economico". Oggi come non mai il mercato domina la politica".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2004 @ 09:20:21, in diario, linkato 744 volte)

Ieri come al solito ospedale ma poi... Prodi e Bertinotti moderati da De Bortoli alla festa di Liberazione. Sono andato. E' difficile dire perché uno come me va ad una serata così. E' difficile dire pure perché no. Stamane ho letto su segnalazione della mia amichetta Raffa (RA) un articolo su cosy. Cos'è cosy? E' la solita cazzata di etichettatura, la solita scoperta dell'acqua calda. L'antitesi del cool. In due parole persone che fanno cose e vedono gente ma sotto l'isegna di un oraziano quiet. Così. Insomma ho scoperto di essere essere stato e sarò cosy. Anche se dall'articolo erano cosy la Margherita D'Amico, Ozpetek... Insomma per essere cosy uno deve avere i soldi, il potere, la fama e... vivere come cazzo gli pare. Indi io non sono così. Così, ops cosy, è chi lo fa per partito preso, per scelta adduttiva non per definizione. Il cosy è un cool che rifiuta di essere tale. Ma perché sembraiamo tutti stronzi dagli articoli sulle tendenze? Boh, così.

Prodi e Bertinotti? Difficile dire cosa è interesse e cosa no in una coppia che si sposa avendo ciascuno la sua gran fetta di tornaconti. Cosa fa di un matrimonio di amore dichiarato l'interesse di un matrimonio? Lo vedremo. Per ora amore e fischi. Sorrisi sornioni e proclami il tutto in salsa gelatinosa. Ma De Bortoli non poteva essere un po' più movimentato. Forse no. Forse la ricetta è: agitare dopo l'uso non prima.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/09/2004 @ 14:59:30, in diario, linkato 1017 volte)

da il manifesto del 17 settembre

 

Il lato oscuro della Lupa
L'arbitro ferito al capo, la partita con la Dinamo Kiev sospesa, una punizione esemplare dell'Uefa in arrivo. La maledizione del passato che ritorna. La Roma fa i conti con le proprie ossessioni. E se tornasse a essere solo una squadra di calcio?
GUIDO LIGUORI
ANTONIO SMARGIASSE

Roma giallorossa è attonita, shoccata, il giorno dopo gli ennesimi «fatti dell'Olimpico». C'è chi tace, in lutto. Chi ammette: adesso abbiamo esagerato. Chi intigna: quell'arbitro è un mascalzone, un provocatore, hanno fatto bene, o quasi... Un mercoledì nero per i romanisti, scrive un quotidiano. Iniziato con il nuovo «caso Cassano», proseguito con l'ammonizione a Totti, l'espulsione di Mexes e un primo tempo meritatamente in svantaggio, conclusosi con la faccia insanguinata dell'arbitro Frisk. Un mercoledì che segue, come non vederlo, una catena fatta di tanti, troppi «nervosismi», dalla rissa col Galatasaray alle tante polemiche innestate da Sensi, alle corna di Cassano in diretta tv a San Siro, allo sputo di Totti in Portogallo. Immagini che fanno il giro del mondo, che rovinano un'«immagine» sapientemente costruita grazie ai tanti che - per mestiere ma anche per passione - cercano da tempo di confezionarla in positivo. Ma perché tutto questo? Come è potuto succedere, come può succedere? Nulla è solo frutto del caso, soprattutto quando gli eventi si susseguono formando una catena che si allunga nel tempo. E allora proviamo a ragionare, proviamo a capire cosa c'è nel Dna e nella storia, recente e meno recente, della squadra giallorossa. Solitamente le squadre di calcio sono nate e nascono perché, appunto, c'è gente che ha voglia di giocare a calcio. La Roma no. L'AS Roma nasce per «rappresentare» una città, la sua cultura e la sua identità. Il progetto aveva appunto questo obiettivo: una città, una squadra. Alla Lazio e ai laziali che, rispetto alle altre tre squadre, ebbero la forza per poter dire no, il ruolo dei reprobi, dei refrattari, degli Altri per antonomasia. Non più «gens romana», il copione non prevede che all'interno dell'Urbe possano esserci pluralismo, articolazioni, differenze.

Nel corso degli anni l'industria culturale - che proprio a Roma ha il suo centro - assorbe e amplifica il progetto. L'AS Roma diviene sempre più Roma tout court. I romanisti sono molti (tre tifoserie su quattro unificate, appunto, nel 1927), la massa dei tifosi fa da volano. I film (da Bonnard ad Alberto Sordi ai Vanzina, passando per molti altri), la radio (Orazio Pennacchioni) e le radio (ma quante sono quelle che «usano» il calcio, nella Capitale, anche per fini direttamente o indirettamente politici, quasi sempre di destra?), la tv e le tv: tutti convergono sempre più nell'esaltare il mito-Roma e nel creare il prodotto-Roma. Ha fatto impressione, poche sere fa, sentire Giulio Andreotti in televisione ripetere quasi alla lettera quanto Sordi diceva proprio a lui, nel film Il tassinaro (1983), occasione per una comparsata ammiccante di don Giulio: dopo decenni lo scudetto (quello del 1983, appunto) era tornato a Roma! A Roma, come se la Lazio, che lo aveva vinto solo nove anni prima, non esistesse...

In questa tifoseria già gonfia di orgoglio, celebrata e autocelebrativa, ma a lungo scarsa di vittorie, i trionfi di Cragnotti hanno avuto l'effetto di un elettroshock rivitalizzante: nel 2001 anche la Roma, anzi «Roma», vince. I «gladiatori» tornano, l'Urbe comanda, ecc. La stampa sguazza, le tirature salgono: i tifosi al Circo Massimo (non per i gladiatori, ma per il celebre spettacolo che «non proseguisce») sono - nei titoli, negli articoli - 500mila, un milione, due milioni. L'orgia mediatica pare inarrestabile. Persino questo giornale (vogliamo fare un po' di sana autocritica?) parla di «mutazione antropologica» (de che?), a proposito delle nuove «radiose giornate» dei festeggiamenti; ma tutti i giornali, le tv, le radio divengono un coro senza tregua. L'identità incrocia il mercato: compra la maglietta, non per andare allo stadio ma per indossarla tutti i giorni. Guarda la pay-tv, abbonati a Roma Channel (una struttura in gran parte gentile omaggio della Rai, cioè di noi tutti). Compra e appendi in macchina il pupazzo giallorosso. Compra le stoviglie della Roma, la sveglia della Roma, il caffè della Roma, il casco della Roma, la credit card della Roma. È degli ultimi giorni l'ultima chicca: in un paese già tristemente noto per essere l'unico al mondo in cui escono ben tre quotidiani sportivi, ora c'è un quotidiano (12 pagine!) rivolto solo ai tifosi della Roma che parla solo della Roma. Nel suo entourage anche alcuni «bei nomi» di uomini delle professioni e dell'intelligenza, per i quali quel giornale è un ninnolo, il secondo o terzo o quarto o quinto quotidiano della mazzetta giornaliera, ma che non si rendono conto del danno che fanno nel momento in cui tanta gente comune invece di comprare un quotidiano qualsiasi che anche parla del mondo e dei conflitti che lo attraversano, compra da qualche giorno solo il quotidiano che parla solo della Roma...

L'ipertrofismo identitario del tifoso romanista, la sopravalutazione di sé e della sua squadra, il suo vittimismo, dunque, non possono che crescere a dismisura, blanditi, aizzati, inturgiditi: la Roma è sempre e comunque uno squadrone, non può (ma perché? chi lo stabilisce?) vendere i «suoi» campioni, deve comunque stare «lassù», altrimenti fioccano, ridicole ancor più che vergognose, le interrogazioni parlamentari. Totti è il più grande giocatore del mondo, Cassano è il secondo più grande giocatore del mondo, l'uno è paragonato a Pelè, l'altro a Maradona. De Rossi è il pallone d'oro di domani, per dopodomani già s'intravede Aquilani... Ergo, se gli scudetti, le coppe e i palloni d'oro non arrivano, è colpa certo di un Complotto! Non è vero che in campo Totti è sempre sopra le righe e spesso gli vengono risparmiate le due ammonizioni a partita che meriterebbe. Non è vero (ora inizia a essere evidente) che Cassano è un caso così grave di fronte al quale al tedesco Voeller, poverino, non resta che invocare inutilmente «disciplina» (c'aveva provato anche Capello, ma la Società era stata magnanima...). E che forse vuole andare via, a fare gol e danni a Milano o a Madrid. Non si può scrivere che la squadra e la società sono fortemente ridimensionate, che gli schiaffoni sul mercato estivo sono stati tanti. Né che Voeller è una brava persona ma non è mai stato un grande allenatore. Insomma, non si può dire che l'«Impero» rischia di venire travolto non solo e non tanto dai «barbari», ma anche da quel «male oscuro» che fa parte del proprio Dna, che è la sua forza e la sua debolezza: dover essere non una squadra di calcio, ma il simbolo di una città, anzi della città. Eterna, per di più. E dunque un'ossessione, un dover essere, un destino che nel momento in cui non si avvera diviene una maledizione. E che in ogni caso produce una pressione ambientale terribile, insopportabile, e un parossismo in campo e fuori che tutto il mondo inizia davvero a non poter più sopportare (le sentenze della Uefa lo diranno chiaramente).

Modesta proposta: e se la Roma tornasse a essere solo una squadra di calcio? Se i canali tv e i giornali monotematici spegnessero la luce? Se non fosse più una religione o una fede e neanche una monocultura? Se fosse solo, per i suoi tifosi, una bella passione, una parte della vita, un interesse della domenica e del mercoledì, un articolo al giorno e forse due letti durante il cappuccino e non un film che dura sette giorni su sette, ventiquattro ore su ventiquattro, sogni (in giallorosso) inclusi? Non sarebbe possibile così un approccio più sereno alle vittorie e alle sconfitte che attendono, inevitabilmente, la Roma?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/09/2004 @ 12:21:59, in diario, linkato 717 volte)

O era il giorno? Tanta gente e tanti eventi. Ma alla fine l'evento degli eventi è stato Stefano Ricci e la sua bella mostra nella galleria di via di Panico con una dedica disegnata sul catalogo meravigliosa. Lui è un grande ma voi se non lo sapete lo capirete da questa mini galleria.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/09/2004 @ 16:29:09, in diario, linkato 692 volte)
Avete 60 ore per firmare i referendum sulla fecondazione assistita. Se non lo avete fatto fatelo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/09/2004 @ 10:54:29, in diario, linkato 754 volte)

Così, solo a guardare un po' al volo ce n'è davvero per tutti. www.lanottebianca.it Dai musei alla musica e oltre. A me tentava così la lettura di Lodoli e Damiani e Zeichen a San Lorenzo ma anche gli Acustimantico (che inseguo per sentirli da tempo e tempo che congiura) alla Montemartini... Parecchie cose insomma.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2004 @ 14:34:20, in diario, linkato 839 volte)

E purtroppo di mirto manco l'ombra... Ecco l'articolo che vi segnalavo da il manifesto di domenica...

Il colore viola dell'Olimpico
I colpi-mercato del nuovo padrone, il ritrovato entusiasmo della gente, la rivalità con la Roma: la Fiorentina torna ad assaporare la seie A sfidando Totti e compagni nella partita più attesa della prima giornata di campionato. Sfida tra galletti o alleanza rivoluzionaria?
PAOLO MORELLI
E'successo non l'irreparabile, ma qualcosa che ci vorrà qualche mese per riparare. E' facile dire che dovevo essere più prudente, col senno di poi. Certo sembrava strano. Per lui dico, per quello con cui parlo da una vita, per il tifoso viola incallito che però è romano, anzi si sente fino al midollo romanesco, può sembrare strano che dopo le vicessitudini della Fiorentina in questi anni, appena al ritorno in serie A, proprio alla prima partita si ritrovi di fronte la Roma all'Olimpico. E' un caso sorteggiato, sta di fatto che a lui è sembrato strano, talmente che già da un paio di settimane non fa altro che prepararsi spiritualmente e fisicamente alla giornata di lotta e di alleanza, così straparlava.

Eh si, perché, cosa strana, non passa solo le giornate a stirare le decine di sciarpe viola che ha, ma ne ha comprata una giallorossa e ci si è messo d'impegno tagliandola a metà e cucendola con una delle sue. E questa a me è apparsa la vera novità, visto che da anni l'ho solo sentito inveire contro i «noveaux romanists», contro quella forma debosciata di romanismo che, secondo lui, non ha nulla di autenticamente romano, nulla di stoico, appassionato e distaccato insieme.

E' vero che tifo in greco significa fumo, ho pensato io a quel punto ma non l'ho detto, è vero che alla sua incoerenza ormai ci sono abituato, ma mi ricordo perfettamente l'odio coltivato con cura, da quel giorno di poco più di dieci anni fa quando la Roma s'era divertita a mandare i viola in B, in una mai troppo chiaccherata, lui diceva criminale, partita con l'Udinese.

Altra cosa strana che ho notato è che prima, ai suoi amici romaneschi che lo stuzzicavano chiedendogli come mai un romanesco fosse viola, che in effetti non è mica tanto regolare, lui rispondeva a rotazione in tre modi: o che, essendo un uomo di cultura aveva scelto fin dall'inizio la squadra che rappresenta la cultura del calcio; o che aveva scelto quella che era allora la squadra più forte del mondo come ammise anche Feola, allenatore del Brasile campione del mondo; o ultima, e unica vera, che suo padre lavorava all'epoca in un albergo all'Abetone, e siccome la squadra ci andava a fare il ritiro lui bimbo aveva avuto un imprinting alla Lorenz, riconoscendo come mamma calcistica la viola dei Julinho e Montuori. L'altro giorno invece in un bar del rione Testaccio, l'ho sentito rispondere, gonfiando l'amor proprio a dismisura, che essendo nato fiero oppositore di ogni potere in ogni sua forma, ed essendo allora il calcio italiano una monarchia sabauda, si era iscritto immediatamente al tifo viola, che ne era unico avversario. Ma, ha aggiunto, ora che domina un triunvirato di beceri mafiosi, l'arma della lotta è in mano a queste due squadre, cioè Roma e Fiorentina sono le squadre con la più fiera tradizione di ribellione al potere, di più antica data quella Fiorentina, ma provata quella della Roma. E poi ha continuato dicendo che sebbene ci siano annose incomprensioni tra le due tifoserie, lui si sentiva come se dentro di sé le due maglie si gemellassero, almeno a fronte del nemico comune.

E' lì il momento che ho sbagliato, mi sono fidato troppo dell'atmosfera da volemose bene. Al bar, fra i brindisi testaccini mi sono guardato dall'intervenire, ma dopo ho fatto l'errore di dire la mia, io che ormai per colpa sua seguo pure le vicende calcistiche. Ho detto che la vedevo un bel po' differente, soprattutto per quanto riguarda la Fiorentina. Per me, gli ho detto mentre tornavamo a casa, il ricco signore che fa da nuovo padrone, conscio ormai di come lo spostare capitali nel calcio apra vie inusitate di penetrazione economico-finanziaria, vorrebbe entrare nella Famiglia Trimurti, crede di star piazzato bene per saltare la barricata e mettersi dall'altra parte, con tutte le sue amicizie e conoscenze, e invece gli stanno solo facendo fare il galletto. Questo non è certo un rampollo come quello di prima, gli ho detto, ma comunque per ora gli fanno fare il galletto, se lo allevano da sparring-partner, come fanno a turno con chi gli pare. Alla Famiglia infatti piace che ci siano squadre competitive ma non troppo, con le quali allenarsi e divertirsi, se no che gusto c'è a giocare con i poveri negletti che servono solo a dare una parvenza di regolarità numerica al campionato? Così la Famiglia si alleva a turno uno o due galletti da combattimento, gli ho detto, poi quando non gli servono più gli tira il collo e se ne fa degli altri, perché se no ci si annoia.

Ma non ti sembra strano, ho rincarato come un fesso kamikaze, tutta la facilità di mercato che ha avuto quest'anno la Fiorentina, tutti che dicono subito di sì come fosse una loro succursale, mentre la Roma ad esempio deve farsi strada tra difficoltà non solo economiche? Io credo che rischiate di diventare i servi preferiti di Famiglia, ho detto, e che la Roma, per caso, si ritrovi ad essere l'unica vera oppositrice dei potenti, forse solo perché i potenti sono da sempre invidiosi di questa meraviglia di città, ho provato a dire.

Solo alle parole «servi preferiti» mi sono accorto che avevo parlato troppo. In un attimo, senza avvertire, lui è diventato un tizzone ardente, come una furia è partito con una craniata, poi una gomitata e una serie di calci infinita, urlando per strada che ero un pericolosissimo infiltrato, una spia vigliacco e traditore, e che mi spediva all'ospedale per impedirmi di intralciare l'operazione di avvicinamento e futura alleanza rivoluzionaria, per impedirmi di andare allo stadio.

Così me ne sto qui sdraiato, a pensare a cosa ho fatto di sbagliato, a quale cacchio di karma malato debbo l'appaiamento a un imbecille del genere, che si tappa gli occhi di fumo per non accorgersi dell'evidenza.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2004 @ 11:40:35, in diario, linkato 684 volte)

PERDERSI A ROMA.
Guida insolita e sentimentaleAggiorno. Nell'ambito della Notte Bianca alla libreria La Strada di Via Veneto (Roma) puntata-presentazione di PERDERSI A ROMA...quasi sicuro...da decidere l'ora che subordino alle esigenze altrui e di chi transuma per Roma...ops...transita...Poi lunedì h. 9 circa Radio Città Futura (sempre Roma...beh chiaramente!) in diretta in trasmissione 97.7 per i romani www.radiocittafutura.it per il resto del mondo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1583 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/09/2020 @ 16:49:43
script eseguito in 654 ms