Immagine
 il letto open di Sogno... di Carvelli
 
"
Questo lillà perde i fiori. Da se medesimo cade e cela la sua antica ombra. Morirò di cose come questa.

Alejandra Pizarnik
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 20/12/2005 @ 09:43:09, in diario, linkato 802 volte)

Il mio cuore è un cuscino. Mi ci appoggio ed è sonno. Un tutt'uno. Si sgonfia. Mi alzo, deluso e lo guardo. E' gonfio. Mi riabbasso e si riappiattisce. Mi alzo e si rigonfia. Mi riadagio e si abbassa. Il mio cuore è un cuscino. Se fosse un pinguino non sarebbe mai una lingua ma sempre una collina come la testa su una pancia o su una spalla di chi ami o ti ha amato. Il mio cuore è un cuscino, l'imperfetto distribuirsi delle piume o della lana o del trinciato di gommapiuma. Il peso umano della nuca sull'inanimato schiacciarsi della materia. Il mio cuore è un piumino, certe volte, il largo abbracciare di una stoffa, in una stanza, in un letto. Il mio cuore è un andare e un venire della rigidità e della morbidezza. Un andamento incostante o costante ma morbido sempre. Come una risacca di quiete. Come l'alzarsi e abbassarsi delle maree in un bicchiere che fa le bolle della notte. Il mio cuore è un cuscino. Sia che lo si guardi piatto e usato che morbido e desiderato. Una speranza, un piacere. Che ora diciamo sempre e ora diciamo mai. Che ci delude e si affossa ma si rigonfia. Come le fasi della vita, della luna, le stagioni. Che non puoi mai dire "ancora" o "mai più". Ma che dici "sempre" o "sarà".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/12/2005 @ 14:31:35, in diario, linkato 870 volte)

 

AUTORE: Roberto Carvelli

FOTOGRAFIE: Mimmo Frassineti

PAGINE: 320

ILLUSTRAZIONI: 150

PREZZO: 35 euro

EDITORE: Electa

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 2005

IN LIBRERIA: dicembre

 

 

"Una città respira, è allegra o triste, una città ha un ritmo e un colore, ha un carattere e un'anima, qualcosa che può abbracciare o dividere, irritare o unificare, provocare o sorprendere".

 

Un atto di amore nei confronti della città più bella del mondo, narrata e fotografata in modo davvero originale. AmoRomaPerché è un percorso nella Roma che ha ritrovato lo smalto del passato e la nuova luce del futuro. Nelle fotografie di Mimmo Frassineti e nei testi di Roberto Carvelli si scopre quello che c’è di nuovo e di rinnovato nella Capitale. I nuovi scavi, i ritrovamenti, le riaperture dei musei, le iniziative, le piazze tornate a gremirsi di gente ed eventi, i monumenti che sono tornati a brillare. Un viaggio metropolitano, con sconfinamenti periferici, che disegna la mappa culturale di una Roma che da anni non conosceva tanta sistematicità e tanta cura, raccontato in chiave personale e ricco di informazioni e curiosità. Alla ricerca “del dietro le quinte” di questa fortunata sinergia che ha reso l’Urbe uno dei luoghi di maggior prestigio internazionale recuperando lo stallo degli anni passati e risalendo le classifiche
del gradimento turistico. Il volume, edito da Electa, si apre con una presentazione di Walter Veltroni, e contiene un’intervista di Miriam Mafai e Gianni Borgna, assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma.

 

SOMMARIO

  

La città inizia così

Il miraggio dell’assuefazione

Lo spirito dei luoghi

Tra il Partenone e Costantinopoli

La hit-parade dei monumenti

 

Roma città di città

Più di uno, più di due, più di tutto

Sotto il segno dei gemellaggi

Il Monopoli della cultura

Il nomadismo delle mostre

 

Culture del contemporaneo

La storia a una cifra

La contestata incursione del nuovo

Luna, pignatte, champignon

Fabbriche d’arte

Ricalcare le scene

Shakespeare nel verde

Loggioni

 

Il passato come sistema. Mura, acqua, ponti

Beati gli antichi

Il principio primo

Camminando su macchine e case

A.C. Antichità

Di acqua sotto e sopra i ponti                

La Fontana “torno subito”

La Fontana dell’eterno ritorno

 

L’invenzione del tempo

Loro sotto i piedi

Vie, piazze e città

Le terribili sorti

Il Tempo dalla nostra parte

 

La storia come cura del presente

Storia di un inerte e clonazioni

La fantasia all’intonaco

Resuscitare tesori

Preparare un futuro al passato

Lottare contro le sofisticazioni

 

Roma segreta

Lontano dagli occhi è il segreto del nostro passato

Magazzini Montemartini

La provvisorietà definitiva

La bellezza celata

Sette, nove Sale

Zanne, zolle, nani

Scolpire la voce

L’impero dei cocci

 

Roma tra pagine, schermi e palcoscenico

Tu che abiti nel cuore della folgore

Essere senza avere

Roma due punti

I libri in mostra

Un segno che trasforma

In pellicola

                  

La permanenza del paesaggio

Roma sua maestà e i cimeli di Napoleone

Foscolo al Verano

Ville, verde, viva

La Tor Tre Teste Cup

 

E’ scientifico

Nell’anno del sudoku

C’è e ci sarà

Ferragosto con il muflone

La tassidermia non è una malattia

 

L’orizzonte degli eventi

Finché l’alba non ci separi   

Un’antologia per la città

A caccia di vento, 2005

 

Io, la mia storia

Crescere a Roma

Il taoismo dei genitori e il Capodanno dei bambini

Un chilometro al futuro

Album di altrui famiglie

                  

Al futuro di Roma

 ___________________________________________________________________________

Il volume AMOROMAPERCHE' sarà presentato in anteprima
 
Mercoledì 21 dicembre 2005 ore 18 
 Complesso del Vittoriano - Roma
via San Pietro in Carcere
 
 saranno presenti
 l'Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Roma Gianni Borgna
gli autori Roberto Carvelli e Mimmo Frassineti
 
intervengono
Vittorio Emiliani, Franco Ferrarotti e Melania Mazzucco

La ricchezza artistica, monumentale e umana di Roma come "volano" di crescita culturale e di promozione economica in un libro che ripercorre gli ultimi dodici anni di vita della città. Dal centro alle periferie "AmoRomaPerché" illustra attraverso i racconti di Roberto Carvelli, le strutture e gli eventi che hanno determinato il "nuovo Rinascimento romano". Foto inedite, scatti di Mimmo Frassineti, conducono il lettore dall'antico basolato dell'Appia Antica all'ex Mattatoio di Testaccio, una delle sedi di Macro, il Museo di Arte Contemporanea di Roma, dai Mercati di Traiano alla Centrale Montemartini, dal Parco archeologico di Centocelle al Galleria Lapidaria dei Musei Capitolini. Nel libro appare "l'altra Roma", volti e colori delle persone e di una città immersi nella loro vita culturale che è poi la vita di ogni giorno, flash di luoghi e di eventi come l'Estate Romana e la Notte Bianca che, negli ultimi anni, hanno reso questa città una "fabbrica di cultura", riconosciuta da tutto il mondo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/12/2005 @ 10:25:14, in diario, linkato 836 volte)

Che è una promessa velata di pianto in mezzo agli ostensori, all’incenso e alla mirra, che tu non sai cos’è e neppure lui. Non fai il presepio e neppure il presepe e neppure l’albero e neppure le lucette. Anche quest’anno. Di domenica stai a casa. Di lunedì vai a lavoro. Oggi stai male e ti fai un brodo caldo e ci metti un formaggino che è come tornare bambino. Che l’amore, l’amore… l’amore passa, l’amore si ferma. Che c’è la guerra ma non qui. Qui ci sono le conseguenze. Che come l’amore. Anche lì, altre conseguenze. Il tamburellare delle dita, un fioco rantolo di dolore nel sonno. Una parola forse alac, una cosa così. O forse alat o calat. Ma su quale vocabolario cercare. Una carta dei tarocchi ma quale? La coincidenza delle scacchiere: basta dire una volta una parola e compare ovunque. Perché? C’è un destino fattivo che ha la nostra lingua? Una gestualità? Uno scaturire e un creare? Scacchiera. Ed è ovunque. E non sai mai quando finisce una partita. E non hai mai vinto fino alla fine. Fino all’ultima pedina. Le facce che fai per dire “è buono”, le cose che dici per dire “sono triste”. Amico mio. Amica mia. Che vi possiamo fare da mangiare? Quanto vi trattenete? Sei mio ospite. E ti siedi. Allarghi le braccia per dire “fosse per me” per dire “io vorrei ma” per dire “non dipende da me”. Ed è brutto che tu faccia così, ed è triste ma come allarghi le braccia tu… Un cristo pari. E ti si perdona tutto. E poi oggi c’è il sole. E ti ricordi come pioveva ieri? Una pizza. Non sarà una cosa lunga. Eppure pare infinita. Eppure pare il massimo del niente, del poco. È una pizza ma è la migliore che esista. Te lo avevo detto no? Michele a Forcella. Due tipi e basta ma è la migliore e basta. Che anche mio nonno anni fa... Se vai a Napoli… questo e quello…se vai a Napoli questo e quello. E quando torni?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/12/2005 @ 14:31:16, in diario, linkato 896 volte)

Voglio dire che, se dietro ad ogni spavento ci sta un dio, noi non possiamo sempre bestemmiare curandoci dallo spavento.

(Parlando di UNA QUESTIONE PRIVATA di Beppe Fenoglio) Emanuele Trevi da ISTRUZIONI PER L'USO DEL LUPO (LETTERA SULLA CRITICA) Castelvecchi

PS Cosa fate voi quando vi regalano una nuova edizione di un libro che già avete?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/12/2005 @ 09:03:47, in diario, linkato 739 volte)
C'è una caratteristica somatica che rende riconoscibile a vista un poliziotto o un commissario? Come si fa a riavere sedici anni ma felici? Perché si deve tifare la squadra della propria città? Da dove a dove è amore e da dove a dove non è più? Perché, pur la carta essendo molto delicata, non si trovano in giro banconote troppo lise? Come mai, pur tanta gente tagliandosi o ferendosi, non si vede per terra mai un cerotto accartocciato? Come si fa a capire le intenzioni degli altri? E quelle nostre? E a cosa serve capirle?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/12/2005 @ 16:56:38, in diario, linkato 1242 volte)

Mentre leggo Alicia Erian BEDUINA (Adelphi) che recensirò per BLUE voglio qui declinare la mia debolezza visiva per volti e forme mediorientali...

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/12/2005 @ 11:41:40, in diario, linkato 882 volte)

Dal Corriere della Sera Magazine. Una foto di Jeff Wall

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/12/2005 @ 09:19:32, in diario, linkato 901 volte)

Vi comunico che a casa mia è scoppiata la primavera. Non sono io che parlo ma una fila sterminata di formiche. Hanno fatto la loro tana nel gradino della scala che porta al terrazzo soprastante. Sentito il calore dei termosifoni si sono fatte due calcoli (sbagliati) e sono uscite a caccia di cibo. Il cibo si divide in 1 molliche (le hanno trovate) 2 rimasugli (c'erano) 3 zuccheriera (eccola!) 4 frigorifero (ci hanno girato intorno a giostra estasiate ma fallimentari). Non vorrei dare una troppo buona impressione della mia casa - né dal punto di vista alimentare né da quello climatico - ma casa mia saluta la primavera con un degno anticipo di tempo e festeggia con la Natura (madre e non matrigna) il rifiorire di tutte le specie. Precorre, insomma, i tempi e le stagioni e saluta la vita. Io meno.

PS Perché si dice in fila indiana e non in fila di formiche?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/12/2005 @ 14:11:33, in diario, linkato 1344 volte)
Spero di ricordare bene ma c'è un racconto di Cechov che si intitola CHIRURGIA in cui viene raccontata una dolorosa e incompiuta estrazione dentaria ad opera di un medico in seconda. Dottorino... si dice a Roma per indicare l'inesperta gioventù dei neo-laureati. In Cechov siamo davanti ad un "secondo" invece e il risultato non cambia. Mi viene da pensare alla mia disavventura ortodontistica al Fatebenefratelli di Roma (di cui ampiamente in Perdersi A Roma) in cui l'eroico, violento, spocchioso chirurgo chiamavasi come un panettone. Per anni ho conservato la testa del dente che non mi ha estratto, che mi ha lasciato dentro e ricucito. Per anni ho conservato la traccia della scarsa titolarità di quel luminare. Ancora è lì (lo spirito è evaporato) in un contenitore di plastica che suona come un giocattolo per infanti. Certe volte le cose vanno lasciate andare, evaporare. Conservare le tracce della propria scarsa fortuna è la ferita mal remarginata di altre future sventure. Bisogna saper glorificare le proprie sconfitte invece che portarsele dietro come un album di rancori. La chirurgia deve essere estrattiva, se non lo è non è. Anche il tempo incide (come se indicasse il male, come una freccia su quel che non serve o non va) ma se non toglie forse sta a noi levare quel che non serve o non va prima che si rimargini quel taglio. Alle volte il dolore dell'incisione ottunde e si preferisce vederla chiusa presto più che pulita la ferita.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/12/2005 @ 09:08:11, in diario, linkato 856 volte)

Ecco Doctor avere il tempo vorrei... di vedere andare le palline al posto loro, i pezzi al quadrato, le pedine alla meta della linea di fondo che delimita una fine. Una fine allegra da cui ripartire e andare verso una nuova fine. Avere il tempo di tanti "fine". Avere il tempo di tanti ri-cominciamenti. Ecco cosa vorrei. Ora che le forze mi abbandonano e ritornano per quel breve tratto di una strada, quei passi che mi separano dalla toppa della porta. Come in quelle corse disperate al bagno e quelle promesse fatte con la vescica gonfia o... Avere il tempo. E vedere le cose che cambiano e sapere che le cose si sistemerannoe  cambieranno e non avremo tentennamenti e sapremo cosa è giusto, cosa è bene, cosa è meglio. Vorrei guardare alle nuvole con la certezza del sole, anche di un sole futuro, un sole fra giorni, o fra settimane. Avere il tempo di aspettare un'altra stagione, un altro paio di scarpe, un pantalone non più liso, una ruga che ora è bella, un pensiero che ora è sereno e tenero e felice. Avere il tempo di vedere come va a finire. Senza ansia. Così. Come un orologio.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 217 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








11/12/2019 @ 14:31:56
script eseguito in 553 ms