Immagine
 il sabsoppalco... di Carvelli
 
"
Un uomo è ricco in proporzione al numero di cose delle quali può fare a meno.

Henry D. Thoreau
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 10/01/2012 @ 14:33:57, in diario, linkato 525 volte)

Recessione in Galleria
di Roberto carvelli

“Tutti al mare a mostra’ le chiappe chiare” cantava Totti dopo il 2 a 0 col Bologna. Meno allegramente quest’anno noi e altri che come noi, peggio di noi, subiscono, intuiscono o paventano i segni della crisi, le chiappe preferiscono non mostrarle. Diremmo – con facile gioco di parole – che scelgono di tenerle ben coperte immaginando che le fasi 2 o 3 o 4 della nuova recessione in generosa cura governativa le metteranno a repentaglio e sarà bene coprirle cospicuamente. E così il nostro “tutti al mare” è “tutti alla Galleria Alberto Sordi” ma ben attenti a non finire nella spirale dell’acquisto selvaggio e compensativo.

Vi siete mai chiesti, ad esempio, come mai i centri commerciali nei giorni di Ferragosto o poco prima sono presi d’assalto? Io la definisco la Sindrome degli Sfigati. Spiego. Per non incorrere nell’autocommiserazione si cerca di esorcizzarla in acquisti controbilancianti. Il sottotesto è: ho risparmiato sul viaggio e mo’ mi concedo questo regalo. L’esito alla fine è quantomeno dispendioso se non omologo di imprese turistiche di questi tempi fortemente incentivate.

Così il mio invito in questo tempio degli acquisti deve essere cauto. E, come si legge nel bugiardino farmaceutico, preceduto da avvisi tipo “leggere con attenzione modalità d’uso e controindicazioni”. È vero che Zara promette tanto con poco e Feltrinelli è una buona area di sosta per curiosità a gratis o piccole spese anche rinfrancanti. Ma al fianco ci viaggia il lusso o l’inutile a caro prezzo, il non necessario, il di più. Un genere facile da definire ma meno da riconoscere.

E però già fa bene guardarsi attorno. Fissare estaticamente la scultura di plastica che ci ricorda i gadget di chi è partito e torna con le sue palle di vetro con effetto neve. Orientarsi nella bellezza crociata della galleria, assumere un po’ di calore mentre fuori fa rigore e gelo. Ricordarla anni fa lasciata all’incuria. E prima santificata da Verdone, De Sica e la Giorgi – in una pellicola non cinepanettona – in cui la bella attrice romana piroettava coi suoi pattini a quattroruote (non ancora in linea) sognando Lucio Dalla. Eh sì, beata ingenuità di qualche anno fa!

Oggi le rotelle sarebbero impossibili se non quelle dei ragazzini incorporate nelle suole delle scarpe da ginnastica. Forse neppure ammissibili. Forse sanzionate. Di certo ardue alla “libera” piena di paletti in forma di pedoni. Ma la tentazione di lanciarsi su questi marmi sontuosi non ci lascia indifferenti.

Certo a guardarla bene la Galleria – tappatevi le orecchie voi impenitenti antimeneghini – non ha nulla a che vedere con la bellezza anche conservativa della Galleria Vittorio Emanuele II di Milano. Un po’ per bellezza e grandezza su cui c’è poco da fare confronti. Un po’ per la capacità di mantenere (quella) il suo senso storico anche nelle griffe e nei locali storici che da noi è andata riccamente perduta. Chi di voi si ricorda lo storico Caffè Berardo di quella che allora e ancora oggi ci piaceva chiamare Galleria Colonna (con tutto il rispetto per Albertone!)? Inciso finito.

L’appuntamento da Feltrinelli rimane il più gettonato (nonostante la palla di neve e il rumore assordante e monotono del suo motore) direi guardando tutti questi singoli che si guardano speranzosi intorno. Perché centrale e a prova di malintesi di uscite. Il bar coi suoi tavolini ha una sua aria glamour ma non troppo sofisticata. Insomma non sembra di essere in un tempio dello spendo dunque sono. Vale un caffè e vale pure un aperitivo che allunghi la sosta in una pausa.

Per concludere: per chi non si può permettere il “tutti al mare” di Totti, buon “chiappe coperte” alla Galleria Alberto Sordi. O Colonna. Chissà che il prossimo anno le cose non vadano al contrario. Non ce l’ho con Totti, sia chiaro. È solo un invito, un po’ ingenuo si dirà, a un 2012 che risparmi le nostre già magre fortune e ci tolga l’impressione di essere finiti in una palla di neve claustrofobica per quanto festosa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/01/2012 @ 14:27:02, in diario, linkato 1170 volte)

Tutte le lettere d'amore sono ridicole
Todas as cartas de amor são
ridículas.
Não seriam cartas de amor se não fossem
ridículas.

Também escrevi em meu tempo cartas de amor,
como as outras,
ridículas.

As cartas de amor, se há amor,
têm de ser
ridículas.

Mas, afinal,
só as criaturas que nunca escreveram
cartas de amor
é que são
ridículas.

Quem me dera no tempo em que escrevia
sem dar por isso
cartas de amor
ridículas.

A verdade é que hoje
as minhas memórias
dessas cartas de amor
é que são
ridículas.

(Todas as palavras esdrúxulas,
como os sentimentos esdrúxulos,
são naturalmente
ridículas).
Tutte le lettere d'amore sono
ridìcole.
Non sarebbero lettere d'amore se non fossero
ridìcole.

Anch'io a mio tempo scrissi lettere d'amore,
come le altre,
ridìcole.

Le lettere d'amore, se c'è amore,
devono essere
ridìcole.

Ma, infine,
son le creature che non han mai scritto
lettere d'amore
ad essere
ridìcole.

Beati i tempi in cui scrivevo
senza accorgermene
lettere d'amore
ridìcole.

La verità è che oggi
son le mie rimembranze
di quelle lettere d'amore
ad essere
ridìcole.

(Tutte le parole sdrùcciole,
come i sentimenti sdrùccioli,
sono naturalmente
ridìcole).


Álvaro de Campos (pseudonimo di Fernando Pessoa) - 1935


da http://suitetti.blogspot.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/01/2012 @ 16:31:28, in diario, linkato 456 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/01/2012 @ 16:25:04, in diario, linkato 672 volte)

Mi accorgo che di questa poesia mi piacciono in modo particolare i primi quattro versi. Di fatto è 1/7 della poesia originale. Li leggo come se fossero una verità inconfutabile su cui mi devo fermare a riflettere prima di leggere il resto. Che poi spesso finisco per non leggere. E così questa volta faccio lo stesso anche con voi. Un settimo anche per voi.

Nulla due volte (Wislawa Szymborska)

Nulla due volte accade
Né accadrà. Per tal ragione
Nasciamo senza esperienza,
moriamo senza assuefazione.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/01/2012 @ 12:28:31, in diario, linkato 468 volte)
Poi però mi ha dedicato la nostra canzone... ha detto così e ha fatto una faccia compiaciuta soddisfatta (Ascoltato oggi al bar da una signora di una cinquantina d'anni). Non so quale la canzone né cosa prima ma in quel "poi" e in quel "però" mica lo so come spiegarvi...ci ho visto un mondo. E in quell'aria satolla, poi...però...?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/01/2012 @ 09:35:24, in diario, linkato 543 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/01/2012 @ 09:15:05, in Diario, linkato 644 volte)
Stamane mi sono prodotto in un dolce di riso e cioccolato su ricetta di Allan Bay. Buono dico io ma non ho la controprova dell'ospite. Buono scriveva lui. Ma non è di questo che volevo parlarvi quanto del fatto che il suo consiglio ai fornelli per distrazione è stato pubblicato per ben due volte sul Corriere della Sera. Si sa... Repetita... E io ho ripetuto... E fanno tre... Ma forse non c'è neppure tre senza quattro ...
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/01/2012 @ 17:42:57, in Diario, linkato 507 volte)
È come se fossero un quartiere unico. Unito. Eppure da un mio pomeriggio di ieri l'altro al Pigneto e di questi giorni a spola tra Quadraro e Torpignattara ho l'impressione di un mors tua vita mea (e mi scuso per l'involontario agro gioco di senso). La mia amica d. faceva il paragone con una storia che ci successe tempo fa. Avvisando un signore che nel suo giardino la sera prima avevamo visto entrare un topo questi, perplesso, sottolineava: nel mio? Forse in quello del mio vicino? Come dire... Il topo del vicino è sempre più vero.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/01/2012 @ 07:59:03, in diario, linkato 1905 volte)

Plurale
di Kikì Dimulà

L'amore,
sostantivo,
molto sostantivo,
singolare,
di genere né femminile, né maschile,
di genere indifeso.
Plurale,
gli amori indifesi.
La paura,
sostantivo,
all'inizio singolare
e poi plurale:
le paure.
Le paure di tutto d'ora in poi.
Il ricordo,
nome proprio della tristezza,
singolare,
soltanto singolare
e indeclinabile.
Il ricordo, il ricordo, il ricordo.
La notte,
sostantivo,
di genere femminile,
singolare.
Plurale,
le notti.
Le notti d'ora in poi.

da http://blog.libero.it/VitaPerez/

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 801 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








03/08/2020 @ 23:25:43
script eseguito in 492 ms