Immagine
 Il letto di Dettifoss... di Carvelli
 
"
Cogliamo fiori, prendili tu e lasciali sul grembo,/ e che il loro profumo renda soave il momento -/ questo momento in cui tranquillamente non crediamo in niente,/ innocenti pagani della decadenza./ Almeno se sarò ombra prima, ti ricorderai poi di me/ senza che il mio ricordo ti bruci o ti ferisca o ti commuova,/ perché mai intrecciammmo le mani, né ci baciammo,/ né fummo altro che bambini.

Fernando Pessoa
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 11/10/2010 @ 09:05:53, in diario, linkato 439 volte)
 
Di Carvelli (del 08/10/2010 @ 15:15:53, in diario, linkato 1230 volte)

Ho cercato e ho trovato qui parte dei versi della poesia ritrovata di Ted Hughes scritta alla morte per suicidio della moglie Sylvia Plath. Ma non è tutta qui, essendo di 150 versi. Se qualcuno la trovasse la recepisco volentieri. Le fredde note dell'inglese portano nelle biografie, alla morte della poetessa: "She committed suicide by carbon monoxide poisoning at age 30". Non so se mi piace o no. Ma l'idea che "commettere" sia il verbo a locuzione per "suicidarsi" mi sembra che molto aggravi di volontarietà il gesto. E da un punto di vista della responsabilità non mi dispiace.


Sylvia Plath


www.dailymail.co.uk/news/article-1318398/Ted-Hughess-letter-Unearthed-poets-lament-Sylvia-Plaths-suicide.html

 
Di Carvelli (del 08/10/2010 @ 08:32:51, in diario, linkato 399 volte)
 
Di Carvelli (del 07/10/2010 @ 14:46:57, in diario, linkato 405 volte)

Era tutto più semplice:
tu che mi domandi dove vai
io che ti dico al cinema
tu che mi chiedi lo sa papà
io che ti dico no
tu che mi inviti a dirglielo
lui che mi dice no
io che rimango a casa
senza che poi ci volessi
davvero andare
al cinema.

 
Di Carvelli (del 07/10/2010 @ 08:32:02, in diario, linkato 644 volte)
 
Di Carvelli (del 06/10/2010 @ 16:47:28, in diario, linkato 714 volte)

Ho intercettato per caso questo saggio molto bello di Emiliano Morreale. L'invenzione della nostalgia (Donzelli).

In realtà ho letto solo il primo capitolo Teorie e pratiche della nostalgia. E mi è sembrato molto interessante. Analizza il sistema di nostalgia creato da cinema e, in tempi più recenti, dai media in genere riflettendo sul come questi ultimi (tv in testa) abbiano creato una acuzie del sentimento. E' un tema bellissimo tout cort e bello in questa osservazione/riflessione. Bella anche l'idea del ciclo di nostalgia col salto di 20 o 30 anni. Ho pensato se noi in fondo abbiamo nostalgia per il senso permeabilissimo che abbiamo nella nostra formazione giovanile (la musica, i film, i cartoni dei nostri anni giovani) o anche (oppure) necessitiamo di un salto epocale, un non voler essere nel tempo in cui siamo ma in uno precedente che non abbiamo potuto attraversare (nell'altro caso che non avremmo voluto abbandonare). Chissà. Alle volte penso che sia una forma più o meno idealistica di dilatazione (rallentamento) del tempo che viviamo (vita/morte cose così). Un modo per fregare il tempo intercettandolo in posticipo.
">.

 
Di Carvelli (del 06/10/2010 @ 14:50:06, in diario, linkato 631 volte)
 
Di Carvelli (del 06/10/2010 @ 14:44:48, in diario, linkato 465 volte)
Iersera sono stato inviato ad una serata x-factor. Sopro da non possessore di tv che c'è gente che si vede per tifare un cantante o un altro. La serata prevedeva un vassoio cadauno (la mia amica uno e io un altro contenente carne e bieda), la possibilità di dire un certo numero imprecisato di parolacce e un cane che cercava di mangiare a turno da uno dei piatti. Superati un paio di ostacoli non è stato per nulla male. E' bello poi andare a vedere la tv a casa d'altri. E i cantanti... beh alcuni sì erano davvero bravi.
 
Di Carvelli (del 05/10/2010 @ 14:12:31, in diario, linkato 503 volte)
 
Di Carvelli (del 05/10/2010 @ 09:16:49, in diario, linkato 534 volte)
Senza saperlo ho celebrato anch'io la fine della DDR rivedendo Le vite degli altri. Ho pensato che essere parte di un noi collettivo e senza persone sia il grande male di tutte le organizzazioni. Religiose, politiche. Credo che tutti i consessi umani si infrangano sul muro di un noi senza persone. Un noi facile perché indistinto e quindi più cementificabile. Un concetto che non è rimasto al muro ma che si perpetua ovunque e sempre. In qualsiasi organizzazione è più arduo tenere tante preziose unità rinunciando ad avere una malta compatta e indistinta ma è l'unico modo per farle durare nel tempo. Anche se nel breve può sembrare più efficace unime materiali identici o rendere identici materiali dissimili. La bellezza di quel film, credo, è proprio nella celebrazione dell'impossibilità di rendere a forza elementi diversi pasta comune annullandone le differenze.
 
Ci sono 1700 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








01/10/2020 @ 19:20:40
script eseguito in 602 ms