\\ Home Page : Articolo : Stampa
Mi vorresti dire
Di Carvelli (del 26/02/2007 @ 09:23:10, in diario, linkato 1212 volte)

Mi vorresti dire che la vita è difficile e che, nonostante questo, dobbiamo morire. Tra l'altro. Che sei sola, che lui è andato via. Che i figli...i figli. Faccio segno di aver capito. Mi vorresti dire è lunedì e già sono stanca che sto qui e mi sbatto ed è appena l'inizio. Non ci si riposa mai. Mai. Sabato e domenica, non ci si riposa mai. Mi vorresti dire che è inutile fare tutti questi sforzi senza risultati che poi tanto nulla cambia. Nulla cambia. Nulla cambia. L'ottimismo era una cosa di prima. Prima potevo essere ottimista. Prima. Ora no. Ora come faccio. L'ottimismo (mi vorresti dire) è una cosa da coglioni. L'ottimismo è per chi c'ha i soldi, per chi non ha problemi. Mi vorresti dire che nulla cambierà, che è inutile. Che è tutta una merda. Che il lavoro è così. Che non troverai nulla di meglio. Che tanto è inutile tentare, provare. Va tutto male. Mi vorresti dire che è una merda. Tutto. Che che palle sempre la stessa storia, non dire nulla, tanto è così, non mi convinci, va male e basta, è una merda e basta. Cose così. Che per esempio tu sì ti stai sforzando e niente. E allora? E' facile parlare, lamentarsi, arrabbiarsi. E' così e non cambia. Tutto va male e andrà sempre peggio. Così mi vorresti dire. Così mi dici.