\\ Home Page : Articolo : Stampa
Mala kruna di Franca Mancinelli
Di Carvelli (del 18/10/2007 @ 15:09:52, in diario, linkato 1165 volte)

E' bella la Mala kruna (Manni) di Franca Mancinelli (sì ne ho già parlato). Una maturità di sguardo che lascia preludere cose. Una voce esatta, un puntiglio. Un dolore calmo che accompagna, che non sposta. La sua piccola corona di spine non lascia, non costringe, non uccide. Se ferisce lo fa con buona pace di tutti i sentimenti. Niente è definitivamente perduto ed è per questo che tutto continua, anche se a strattoni di ricordi non tutti addolorati. E soprattutto senza lapidi. Belle soprattutto le ultime tre sezioni "Il mare nelle tempie", "Nel treno del mio sangue" e "Un rudere la casa".

se oggi avessimo la febbre insieme
staremmo come due cucchiai riposti
asciutti nel cassetto,
c'inventeremmo i piedi
avanti e indietro come stracci
per le carezze ai pavimenti,
o resteremmo nudi come chiodi
dimenticati in mezzo alla parete.