\\ Home Page : Articolo : Stampa
Distrazione e guano
Di Carvelli (del 09/03/2009 @ 10:42:36, in diario, linkato 708 volte)

Distrazione e guano, foto-racconto su accattone.org

www.accattone.org/PA/web/content.php?cid=401

 

Ordinanza n. ---

L’Autorità

premesso che l’EUR è zona di grande scorrimento e in ispecie l’anello circondariale del Palazzo dell’Eur ora PalaLottomatica è da ritenersi punto nevralgico del traffico e a rischio di incidenti vieppiù nelle ore serali;

premesso che già con note precedenti – i cui numeri non vengono qui richiamati – era già stato fatto divieto ai volatili di specie storni (Sturnus vulgaris) di manifestare nella zona in questione producendo distrazione e guano;

considerato inoltre che l’orario di apertura delle attività serali del suddetto PalaLottomatica coincide con quelli della presenza di detti uccelli;

considerato che l’adozione delle precedenti Ordinanze è stata disattesa dai medesimi;

attesa l’opportunità, al fine di garantire la tutela del diritto alla quiete e alla sanità della popolazione nelle ore in questione, di disporre una specifica regolamentazione;

attesa inoltre la necessità di preservare raccolti e piantagioni limitrofe all’area;

verificato che la mancanza di regolamentazione è frutto di nuovi disagi per la circolazione e per i cittadini e che nulli sono risultati i precedenti tentativi di sensibilizzazione allo spostamento di detto gruppo di volatili (grida di uno storno attaccato da un rapace o colpi di carabina registrati e riprodotti da altoparlante, azioni di falconeria, dispositivi di cannoneggiamento ad aria compressa, mescola di anticoncezionali nei mangimi);

ritenuto altresì che la specie in questione non è da ritenersi a rischio estinzione;

Tutto ciò premesso e richiamato

ORDINA

  • a codesti volatili di migrare volontariamente o svolgere le loro evoluzioni artistico-aeree in altro loco discosto dal detto tratto di strada per non creare ostacolo al traffico delle automobili e nocumento ai passanti. I contravventori saranno multati e obbligati al rimpatrio forzato nell’areale di provenienza di ciascuno storno.