\\ Home Page : Articolo : Stampa
Narcisismo non (pił) pervenuto
Di Carvelli (del 30/12/2010 @ 08:54:25, in diario, linkato 985 volte)

Ho conservato un articolo di Massimo Ammaniti apparso su laRepubblica 10.12.10 dal titolo è il caso di dire sintomatico "Il narcisismo non è più malattia". Fa riferimento all'atteso (2013, ma molto ritardato) DSM5, sigla che sintetizza il sistema diagnostico più diffuso al mondo in campo psichiatrico. Oggetto dell'articolo è l'esclusione del disturbo narcisistico di personalità. Mi ha colpito questo brano: "Era questo il contesto in cui ha preso corpo il concetto di narcisismo patologico, caratterizzato da un senso grandioso di sé e dal costante bisogno di conferme da parte degli altri. Inevitabilmente la vita emotiva dei narcisisti è particolarmente povera e superficiale, con un bisogno di costanti rassicurazioni e una incapacità a provare empatia per gli altri, soprattutto per le loro sofferenze". E le conclusioni (anche un po' ad effetto) da leggere nell'era di facebook e dei blog - mea culpa - del Grande Fratello ecc): "Ma forse il mondo sta cambiando: il narcisismo non solo aiuta a vivere, può addirittura, se assume un carattere di grandiosità personale, predisporre verso una carriera politica".
Il resto lo trovate qui http://formazioneinrete.myblog.it/tag/massimo+ammaniti

La domanda è: il narcisimo si toglie dalle diagnosi per esubero, soprannumero (e quindi l'eccezionalità diventa normalità)?