\\ Home Page : Articolo : Stampa
Una poesia di Mariangela Gualtieri
Di Carvelli (del 30/03/2012 @ 08:56:36, in diario, linkato 989 volte)

Voi che eravate le porte
del regno dei cieli
e chi non passava da voi non passava
voi che eravate purissima gioia
voi che eravate noi bloccati nella
più grande bellezza
voi che somigliavate ai cuccioli
degli altri animali
voi che capivate lo splendore
misterioso degli animali
voi che dormivate un sonno perfetto
e benedetto
voi che vi svegliavate ridendo
voi che facevate balletti strepitosi.
Voi, nostre divinità domestiche.

Nascete ancora, cuccioli. Restate.
Siate. Salvate. Giurate. Siate. Siate.
Siate.

[Mariangela Gualtieri, Sermone ai cuccioli della mia specie, p. 11]
da www.paolonori.it