\\ Home Page : Articolo : Stampa
Dall'intervista a Simic su La Lettura di domenica scorsa
Di Carvelli (del 19/09/2012 @ 15:19:13, in diario, linkato 553 volte)

Scrivere è una partita a scacchi
«I miei avi per secoli sono stati preti serbo-ortodossi e potrebbero scandalizzarsi — premette Simic —, ma per me, ateo, la poesia è una vera e propria religione. Sono un metafisico dei lati oscuri dell’anima, uno che non crede in Dio e prova a comprendere se stesso e l’universo confidando solo sulle intuizioni e l’abilità di pensiero». Doti coltivate praticando il gioco degli scacchi. «Ogni poesia è una nuova partita — dice Simic —. Guardo la pagina nel modo in cui un giocatore guarda la scacchiera. Provo a immaginare le mie possibilità di vincere o perdere. E mi servono giorni, a volte mesi, per vedere cosa ho esattamente sotto il naso. Per capire quale pezzo è nella posizione migliore per far male all’avversario».

Il resto qui: http://lettura.corriere.it/il-club-simic/