\\ Home Page : Articolo : Stampa
Ma se poi penso veramente alla tua morte. Una poesia di Patrizia Cavalli
Di Carvelli (del 29/10/2012 @ 09:16:58, in diario, linkato 660 volte)

Ma se poi penso veramente alla tua morte

in quale letto d'ospedale o casa o albergo,

in quale strada, magari in aria

o in una galleria; ai tuoi che cedono

sotto l'invasione, all'estrema terribile bugia

con la quale vorrai respingere l'attacco

o l'infiltrazione, al tuo sangue pulsare indeciso

e forsennato nell'ultima immensa visione

di un insetto di passaggio, di una piega di lenzuolo,

di un sasso o di una ruota

che ti sopravviveranno,

allora come faccio a lasciarti andar via?