\\ Home Page : Articolo : Stampa
Un insolito fremere, forse salutare, forse no
Di Carvelli (del 02/12/2005 @ 09:44:12, in diario, linkato 921 volte)

Cara E.

immagino che ti smonterò un mito ma io ho un lavoro vero. Sai di quelli che ti alzi, ti lavi e vai a timbrare il cartellino? Solo che prima, masochisticamente, punto una sveglia improbabile e mi metto davanti al computer a scrivere... Non so se è salutare. Finora nessun medico me lo ha probito ma, ad essere sincero, non lo dico mai, ai medici. Sai come sono fatti? Ogni tanto esce un articolo su una rivista americana e sei fottuto. Ti dicono che... E tu sei costretto a cambiare tutte le abitudini. E' successo anche col mangiare. Prendi e butti via tutta la pasta asciutta da casa poi riesce un articolo e la ricompri... Insomma, meglio non leggere i giornali e fare quello che ci piace. Per esempio alzarsi alle sei e scrivere senza sapere se piacerà all'editore o al lettore. Ma ci piace? (E ancora: piace a noi quello che ad altri non piace?). Ai suddetti medici forse bisognerebbe chiedere quale la soglia di questi piaceri che hanno un grande portato di fatica. Sapranno rispondere? Anche il piacere piacere in fondo... dove è fatica, stress, tensione utili...e dove un inutile dispendio di bugie, mistificazioni, tensioni?