Immagine
 lanzarote-letto... di Carvelli
 
"
Salta giù dal letto di primo mattino e si mette in cammino solo quando ha lo spirito netto, il cuore puro, il corpo leggero come un abito estivo. Non si porta dietro provviste. Berrà per strada aria fresca e respirerà salubri odori. Lascia le armi a casa, gli basta tenere gi occhi bene aperti. Gli occhi gli servono da reti dove le immagini verranno ad imprigionarsi da sole.

Jules Renard
"
 
\\ Home Page : Articolo
letti
Di Carvelli (del 01/12/2003 @ 22:10:38, in diario, linkato 12269 volte)
Alcuni LETTI - i primi - sono stati pubblicati sulla rivista FERNANDEL (n. 27 - Marzo-Aprile 2000). Nello stesso anno sono stati tradotti in inglese e croato e hanno ottenuto il primo premio della giuria del festival internazionale di poesia Noc Poezije '00 (Fifth Literary Festival - Pontes Award) dell'isola di Krk (Veglia) in Croazia (resoconto e immagini sul sito www.pontes.hr e pubblicazione dei testi in lingua originale e traduzione inglese nel volume "Literature and the industry of entertainment. Pontes 99/00"). Sempre nel 2000 sono stati tradotti in macedone e pubblicati nella doppia versione inglese e macedone sul numero 7 della rivista letteraria on line BLESOK-SHINE. Poi ancora in macedone su SZBOR e su www.szbor.org.mk. Nel 2001 sono uno dei temi centrali nell'ambito del "Kerosene Festival 2001" durante il quale vengono letti e illustrati.
Dopo essere stato un libretto edito da Kerosene e in vendita sul sito
www.combustibileperlamente.net
sta per diventare un libro di più di 100 pagine, in uscita per Voland nel maggio 2004.



Luisa Montalto

IL SOPPALCO

E' il letto di ora. Letto in cima ad una scala di legno. Un nido sull'albero della casa. Salire è già un po' dormire. Anche l’amore è sospeso in una sinfonia risonante, come se alzarsi fosse anche amarsi, abbracciarsi. E poi dormire, senza gocce e pillole. Due sveglie sono meglio di una: scendere è doppiamente difficile. E il letto sopra i letti. Un signor letto. Restare nel giaciglio caldo, accampare scuse per non scendere. Letto viziato, accidioso, che merita solo chi ha carattere attivo e laborioso.


Sabrina Di Stefano

IL LETTO DI S.

Non è un letto, sono due: A e B. A è quando S. è sola, B quando è in compagnia. A è sopra e B è sotto come un cassetto che apri all’occorrenza. Ma per voi l’occorrenza non esisterà perché tu non occorri. A sta a B come la casa in città sta a quella al mare, luogo in cui arrangiarsi un mese o due fare scorrere le ruote di B sotto A. Per te con S. sarà sempre A e alla fine ti domanderai se B esiste e perché non viene fuori. E la risposta sarà perché tu sei improvviso e non calcolato. Parte di A e cioè di S. Una cosa che non ingombra e che non occorre. E infatti non vi sembrerà di essere stati stretti e a pensarci neanche di essere stati. Parti uno dell'altra senza la necessità dei calcoli e delle previsioni. Arrivato e rimasto senza altra etica che quella della felicità, sarai andato via senza lasciare dispiaceri. Anche questi sono letti che non si dimenticano: A e B, A su B, tu e S.


Barbara Fagiolo

LETTI DA CIRCUMNAVIGARE

Una volta il letto sarà stato un continente intero inesplorato e i corpi che lo avranno attraversato imbarcazione. Lei, zattera o gommone, avrà solcato lo stretto mare del contorno passando gli angoli come promontori. A volte la navigazione sarà stata tempesta e tu sopra ti sarai retto a fatica per non finire fuori dallo scafo. Avrete attraversato mari ondosi, doppiato capi di Buona Speranza, scoperto isole, nominato arcipelaghi. Poi, a forza di peripli, avrete gridato soddisfatti 'terra!'. Ma dall'alto della sovraccoperta viola, ancora guardando al mare come all'amico di una volta o al principio di ogni andare, vi sarete mossi come se il letto fosse piattaforma sull'acqua, palafitta e poi avrete ripreso la Via delle Indie.


Alessandra Sabatini

COMODINI

E' la cassetta degli strumenti. La valigia di chi sempre parte. La sedia di paglia con la sveglia, le sveglie. Il vademecum del riposo. Chi la Bibbia, chi il Kamasutra, le foto dei cari il lume. Sonniferi tappi preservativi. Tu il diario di anni di sogni scritti a penna e occhi cisposi per tenere il ricordo dei fotogrammi del film infinito di tutte le tue vite passate e future.


BEDS

The bed one

That’s the first bed. It comes after the kids’ pillow and lasts for five years. That’s a short bed and it’s a shame to give it away since it’s pretty. It’s all of brass, with high barred sides closing it from four sides. Sometimes, with an added blanket, it will become a playground for an unconscious game of shelter: to hide inside and defend one’s self from the cold, protecting one’s self. Underneath the blankets, among opaque brass tubes going grey in places, there’s shadow. With mild yellow light which passes over the white of the canvas, one can play shadows. Sometimes the still small foot will strike against the tubes and the pain will produce the short shiver of the first pleasures. It’s a bed of unserious illnesses, the bed of five days in bed and no school at a time when halls are neither a habit nor a pleasure. It’s a bed of bowls of pasta, of porridge, of sours soups, of thermometers shaken down in large movements. Of the smell of knees as if attacked with small pox. The sheets are linen, with double-sewn angles to pull them close by laces you can chew on, savouring the clean taste. It’s a bed of you being small and others having different ones. A bed of yours to count before you can get a long bed yourself. It’s a bed of brass. With bars.


Silvia Levenson


The first bed

That’s the bed that comes next. The bed of now you’ve grown. A big bed and you drowning in it. It’s a bed in a marine style, deep brown with brass joints and drawers underneath it, of which Mom leaves you one: the others will be used for the linen. Discussions, then resignation and in what you’ve got left you organise a Universe for yourself. You put into it certain things that you care a lot for: toys, books like Jose the Merry Optimist, comics, colouring pencils. Once you’ll even hide a sweet in it, to eat it the next day at school with your classmate Angelo Anselmi. It’s a bed finally equal to all the others. A bed that will last long. Your first bed and your second bed. Your bed for such a long time. The one of the kids’ room, where your bed and your brother’s are together. It’s yours: a pulpit from which to proclaim go play on your bed and your brother gets up and goes away or the two of you quarrel and give each other the first good strokes, the ones you try to make work, the ones that hurt. And a pain that follows after which you’ll get full of remorse. And your brother’s bed, identical but more orderly, newer, prettier. The bed of first jealousies, of micro-differences of the Enigmatic Week, a hunt for personality which makes you stigmatise a preference of your family’s for it. The bed of your first differences, of him who keeps it orderly, with dirty clothes on yours. The bed of covers the colour of rust. The bed of love on your own.


The bed after

The bed of first love, on the other hand, will be a pull-out settee which opens and closes as if it had a mind of its own. It’s got cashmere design in champagne yellow and grey. The one you’ve chosen your-self instead of being assigned to you. The bed different from your brother’s. The bed which means you’re no longer a kid. The bed which, one day, will make you say let’s do it now to a blond Italian-German girl and there will be three speedy minutes of pleasures preceded by millions of hours of anxiousness and the wish to feel better afterwards and the stories. It will be the bed you don’t want any more, the one on which you will imagine another bed, in another house of your own and without your family. It will be the bed of you wishing for another bed. It will be a bed to betray.


The country bed

It’s a servant’s bed, painted bright red over metal to protect it from rust. One layer waiting for the other, a temporary colour which becomes definitive through laziness. It’s a bed that’s put on top of another, then twin beds so you and your brother wouldn’t be one on top of the other, in the years which banish the difference. It’s the silent bed which looks, through the window, over a fence, a field, a valley, a village sleeping under a hill. A bed with no car noises, a bed without television from the neighbours. A bed with the cock’s calling, the snores of he owls. A bed good for dreaming.


The bed between beds

It will be a bed that lasts fifteen days. It’s in an exconvent in the Mountain Tolfa, near Rome. It’s the bed of your exit from the house. You will be appointed a cell and will stay at the castle. Where you prefer sleeping and must go up. Underneath Sandro Picchi from Florence. In other cells other two or three guys. Someone else in the small room. In the morning Knockin’on Heaven’s door by Bob Dylan from the Pat Garrett & Billy the Kid soundtrack and all get out of beds to clean Etruscan tombs, already cleaned by diggers, with brushes. It’s the first bed outside the house: an experience from which you return smoking Camel’s and listening to a new music. You use more slang and have foreign models. Your family says the experience had been bad for you.


S. ‘S bed

It’s not a bed, it’s two beds: A and B. A when S. is alone, B when she’s in company. A is above and B is underneath like a box you open as needed. But for the two of you the occasion won’t exist because you won’t happen. A will be to B like a house at the sea, a place where you can stop for a month or two and for a month or two you make the wheels of B run underneath A. For you, with S. it will always be A and in the end you’ll wonder whether B exists since it’s not coming out. And the answer will be because you’re an improvisation and not a calculation. A part of A is a part of S. The only thing which doesn’t prevent and doesn’t happen. And yet you won’t have felt squeezed. Parts of each other without the necessity to calculate or think ahead. having arrived and stayed with no other ethics but happiness, you will leave without displeasing. Those are also beds one can’t forget: A and B, A over B, you and S.


Make unmake remake

Even beds have their movements, a sort of gymnastics. Their 1,2 and 3, their position of departure which is specific for every house. Beds eternally in a mess, sheets wrinkled by heat, by love. Orderly, open like wallets. And beds and bed-covers, plush animals, a small zoo that some of your girlfriends show off like a defence of first days.

Silvia Levenson



Built-in bed

It’s a bed of the moment. A bed at the top with a wooden step. A nest in the tree of the house. To jumping it is already to sleep a little. Even love is suspended in a resonating symphony, as if to get up were equal to loving, caressing. And then sleeping, with no drops or pills. Two steps are better than one: it’s doubly difficult to get up. It’s a bed above beds. A master bed. To stay in the warm bed, finding excuses not to get down. A vicious and dangerous bed, merited only by those of active and working characters.


Sleeping in the open, Sl. bags and other things

One should have it in summer full of rest under the stars. Nor for having bad a beat moment, like Picasso had his pink and blue periods. One should have had it to break the archetype and solidarise with animals in their skins and the halo’ed pastors in transhumanity. The year of the fall of the Berlin Wall was my turn, and the turn of three guys from Eastern Germany in their first visit to the other side. The beds were: 1) at the entrance to Morocco on a beach not far from Ceuta, in a tent which was crowned by heavy steps of the seagulls - drug-smugglers all! - in the morning 2) South of Spain, on top of a moor full of red and a veritable labyrinth created between camp-fires and scorpions 3) other place at the South of Spain, Villarreal, open country in a Passat station wagon- a change from the Traban - getting a way in the morning with the engine low so as not to enervate the bulls grazing 4) after having said goodbye to the trio from Rostock in Barcelona, on the station of Lugano, fleeing the cold in a phone booth.
All these non-beds have a very uncomfortable taste now, but they are a comfortable memory, full of salvation for a hypothetical systematisation of the fortunes future brings, like the war for which one has a black box.

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
Ci sono 3 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/11/2019 @ 07:18:45
script eseguito in 505 ms