Immagine
 Un letto da Etain... di Carvelli
 
"
Scopo ultimo dell'azione spirituale è non può non essere una realtà materiale, qualcosa di palpabile e apprezzabile da tutti, un oggetto insomma nella sua accezione più modesta e concreta, o un ordine forzato di fenomeni.

Tommaso Landolfi
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/04/2007 @ 15:09:01, in diario, linkato 1461 volte)

Adesso fa notte - fa preghiera.
Apre le serrature del silenzio
fa apparire la mappa siderale
e ci inginocchia per quello spazio
immenso
fra qui e l'orlo
del cominciamento
quando le spine dorsali
stanno tutte stese.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/04/2007 @ 14:59:50, in diario, linkato 1153 volte)
Perché le ultime parole e quali. Penso così. penso ad un messaggio nella notte. Ad un sms. Dove è la speranza? Dove è la fine. E' qui la fine? E penso a queste parole: «Perdono a tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi». E sono le ultime di Pavese: un biglietto nei Dialoghi con Leucò prima dei barbiturici. Da che si distinguono le parole ultime? C'è un tono? E non sembra. Spesso non sembra. Anche se qui c'è un perdono totale e a due versi. Cosa scrivere? Cosa dire prima della fine? A chi far avere le proprie ultime parole che le riporti fedeli? Come scegliere il testimone del proprio lascito verbale? Ci sono domande, insomma. Chi riporterà fedelmente quel che abbiamo pensato con lucidità? Magari in una lucidità estrema e nichilista? O se ci sono risposte: emergerannno da quelle frasi cariche di definitività?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/04/2007 @ 14:39:01, in diario, linkato 1326 volte)

Alla fine qui io e qui voi (nell'epoca dei commenti poi ahinoi tolti per interventute fatiche del server)...qui noi abbiamo sempre fatto di parole panda e quindi se ora è in voga e ci si chiede di preservare qualche uso o disuso (pure sull'abuso c'è stato qui esercizio di rifiuto) non facciamo che proseguire con fedeltà la linea. E allora facciamo accoppiare i lemmi che temiamo sterili. Vi va?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/04/2007 @ 09:36:11, in diario, linkato 1172 volte)
Continuo ad aggiornare la rubrica fotografica "Letti di Amicizia". Questo è l'ultimo, quello di L. Questo. Ovviamente sono gradite le vostre foto specie quando sono belle come questa, quando raccontano: una luce del giorno, un arredamento e tutto quello che ci vogliamo vedere. Grazie L.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/04/2007 @ 09:06:26, in diario, linkato 1215 volte)

L'odore non viene da una bustina. Non sale da una tazza fumante. Non è una confezione-scatola che apri ed esce quel profumo. Viene da un campo appena tagliato e chissà se calma la rabbia di tutti accodati in auto, un senso e l'altro, tutti a uno a uno, a destra e sinistra prati. Inscatolati. Chissà se arriva anche in questi abitacoli vuoti, rallentati?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/04/2007 @ 10:30:14, in diario, linkato 1307 volte)

Da qualche giorno mi sta in testa questa canzone di Micol Barsanti, come quando non fai in tempo a sapere se è perché ti piace o perché piace. Entra nel cuore. Da qualche giorno mi stanno in testa le parole di Amanda Davis. Sono tratte dal libro Faith (Terre di mezzo). Sono dei racconti che come viene detto nell'introdurli o presentarli (sono piaciuti) possono piacere a neofiti della letteratura o a grandi teorici della stessa.

"Non sono arrabbiata, le dico, anche se non è del tutto vero. Lei sorride. Dire che non sei arrabbiata è un tipo di rabbia, dice. Non serve proprio a niente, però".

Faith

E questo racconto si chiama Faith ovvero Consigli per una signorina di successo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/04/2007 @ 08:35:31, in diario, linkato 1320 volte)

"Metà mattina, settembre, e rossi trattori
su per un paesaggio ampio come il perdono. Nubi
a ovest sull'orizzonte, pappagalli guizzanti
sull'avena dei Leary, sul campo arato degli Stewart -
i buoni amici sono parenti di sangue che ti scegli.
La frase mi trova nel cuore della campagna
che arpeggio fili di recinti, rientrando nella vita mia".

Da Verso i giorni imminenti (Un arcobaleno perfettamente normale - Adelphi) di Les Murray

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/04/2007 @ 09:46:32, in diario, linkato 1708 volte)

Le case editrici sono aziende, lavorano a scopo di lucro (o quanto meno non possono essere in perdita). Questo è allo stesso tempo un dato di fatto, un vincolo e uno stimolo. Misurarsi col mercato non significa esserne sopraffatti. Ogni casa editrice compone nel proprio catalogo una partitura complessa e articolata, che comprende libri commerciali e libri invendibili, scommesse sbagliate e bellissime sorprese, opere più o meno felici, commerciali, stravaganti, letterarie, interessanti, effimere o eterne. La verità non sta mai negli estremi (le 500.000 copie o le 500, le memorie della spogliarellista o l’edizione critica in sette volumi di un manoscritto in sanscrito…): per capire la qualità del lavoro bisogna interrogare l’intera produzione, vedere come si muove nei tempi lunghi. Lo ribadisco, non penso che spetti all’editor o all’editore commentare o difendere il proprio operato: è sotto gli occhi di tutti, esposto quotidianamente ai critici, ai lettori, ai recensori, agli aspiranti scrittori, agli storici della letteratura, ai comodini, agli scaffali, ai cassonetti della carta di recupero.

Così Paola Gallo, editor della narrativa italiana in Einaudi. Qui fa un piccolo ritratto del profilo di una casa editrice dal punto di vista dei suoi titoli che è cosa che merita davvero riflessione ma è ancora più interessante e forse più fragrante (nella prospettiva di un editor di una grande casa editrice) il resoconto del rapporto scrittore vs editor. Leggi tutta l'intervista qui.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/04/2007 @ 17:00:27, in diario, linkato 1195 volte)
Leggo libri che altri trovano imprescindibili. Vedo film che vanno visti. Le uscite più di grido. I nomi sulla bocca di tutti, le copertine sotto gli occhi del mondo, i trailer che ti rimbalzano ossessivi. Ascolto le hit del momento, il riff ostinato nelle orecchie. Ma ho come la sensazione di essere capitato per caso e per caso desidero di essere altrove.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/04/2007 @ 12:54:11, in diario, linkato 1232 volte)

Una dele letture più felici della mia settimana giornalistica è quella del settimanale Internazionale. Nell'ultimo numero segnalo il divertente editoriale di Milana Runjic e un articolo su questa artista Judith Scott la cui storia e le cui opere meriatano attenzione.

Cito l'articolo della scrittrice croata: "Dicono che gli uomini, a una certa età, impazziscono. Come se prima fossero normali. Anatomicamente parlando, è impossibile che gli uomini siano del tutto normali, perché il loro comportamento è condizionato dallo stato di quel meccanismo che hanno tra le gambe". Qui lo trovate tutto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 102 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








20/11/2019 @ 01:20:32
script eseguito in 445 ms