Immagine
 il letto di silvietta con rios... di Carvelli
 
"
Affamato e inferocito, sapevo che nulla al mondo mi avrebbe costrtto al suicidio. Proprio in quel periodo avevo cominciato a capire l'essenza del grande istinto di conservazione, la qualità dui cui l'uomo è in sommo grado dotato. Vedevo i nostri cavalli sfiancarsi e morire - non posso esprimermi in altro modo, utilizzare altre parole. I cavalli non si distinguevano in nulla dagli uomini. Morivano a causa del Nord, del lavoro troppo gravoso, del cibo cattivo, delle botte - e anche se subivano tutto ciò in misura mille volte inferiore agli esseri umani, i cavalli morivano prima. E capii la cosa più importante: che l'uomo è diventato uomo non perché è una creatura di Dio, né perché nelle mani ha quella cosa straordinaria che è il pollice. Ma perché è FISICAMENTE più forte, più resistente di tutti gli altri animali, e poi perché in seguito ha saputo costringere il proprio spirito a servire con successo il corpo.

Varlam Salamov
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 31/03/2008 @ 16:44:09, in diario, linkato 968 volte)

Ecco come siamo in acqua. Dei finti pesci, con le gambe a rana, con le gambe a essere umano. Siamo con le unghie lunghe. Siamo coi tatuaggi. Con questi costumi senza concessione al piacere, alla bellezza. Sembriamo degli esseri umani pentiti. Tutti con le nostre cuffiette che dopo non ci riconosceremmo più. Negli spogliatoi: uomini con uomini, donne con donne. Fuori sembriamo normali. C'è un misto di pulizia e disinfezione. Sembra che qualcuno ci ha lasciati in una bagnarola a sciogliere microbi. E l'abbiamo ingannato il tempo e la varechina con il gioco: uno sgambare tutto felice. Ora siamo fuori e sembriamo esseri meno spirituali. Ci piace così, di non esserlo. Non del tutto, almeno. Non fuori dal prelavaggio in quella vasca di cloro. E ora andiamo. Dove ci piacerebbe. Ora, solo ora.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/03/2008 @ 16:40:31, in diario, linkato 1118 volte)

Dal blog di Mattatoia una poesia non di Mattatoia. Una poesia di Alessandra Palmigiano



Prego solo per questo rimanere

sulle cose che vengono bene

sulla grazia di questa pedalata

animalesca: non mi sfibreranno

i giochi le aperture le chiusure

né mi farò confondere dagli angoli

delle parole che consegnano troppe

cose, insieme troppe ma non vanno

 a stanarle, non stanano le cose.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/03/2008 @ 16:35:13, in diario, linkato 1089 volte)
Dovrebbe essere come per un musicista una nota. Per uno scrittore ci dovrebbe essere un suono a cui far seguire altri suoni. Dovrebbe essere uno spunto, potrebbe essere uno spunto. Data una situazione tipo... E sviluppare un seguito. A volte accade proprio così. A volte riesce ma certo la musica è la musica. Le parole le parole. Forse non c'è il corrispettivo di una nota. In letteratura.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/03/2008 @ 16:09:51, in diario, linkato 1098 volte)

1 Scusa, sono occupato
2 Ti voglio bene
3 Arriverò alle
4 Chiamami per piacere
5 Per piacere dimmi come arrivare.
6 Per piacere Videochiamami.
7 Scusa, sono in ritardo.
8 Scusa sono in ritardo. Arriverò alle
9 Dove sei?

Queste sono le opzioni standard di messaggio che offre il mio (video)telefonino. Sto lì a pensare all'uso delle virgole e dei punti, alle azioni, alle mancanze, alle scelte, all'utilità di questo dire standard.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/03/2008 @ 16:03:15, in diario, linkato 1130 volte)

Un cartello dice

ZONA STERILE

ALLARMATA

 

Avrei voluto fotografarlo ma un altro cartello dice

 

NON FOTOGRAFARE

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/03/2008 @ 09:53:53, in diario, linkato 1432 volte)

Riverbero l'invito alla lettura di Malacarne www.malacarne.splinder.com (a cui devo a suo tempo il rimbalzo della questione-Maggiani, una questione un po' cheap e un po' sgvadevole come si dovrebbe dire in un buon salotto) del libro di Filippo Tuena. Nel suo sito anche una buona dose di commenti.

Les Revenants
Devo ringraziare Gian Paolo Serino (Satisfiction) per avermi fatto scoprire un libro di bellezza strepitosa, Ultimo Parallelo di Filippo Tuena. …ribadisco il concetto, insiste Serino alla fine del suo articolo, leggete questo romanzo perché è un capolavoro. Lo è. È un libro potente e profondo, scritto con una lingua che ha il dono della nettezza allo stesso tempo musicale, immaginifica. È un libro sulla condizione umana.
Da tempo, fuori alcuni classici o scrittori come Mari o Moresco, non leggevo qualcosa del genere.
Noto poi una tragica coincidenza: il libro di Tuena è passato sotto silenzio quando per qualità e spessore avrebbe meritato ben più attenzione. È una cosa che sottolinea, rabbiosamente, anche Serino. Ed è una cosa che in effetti fa rabbia: come nel caso, ad esempio, di un altro libro altrettanto strepitoso, altro capolavoro, a mio avviso, solo di recente (ri)pubblicato in tutta fretta da Fazi, Necropoli di Boris Pahor (si pronuncia Pachor).
Il testo mi fu regalato qualche anno fa (edito dal Consorzio Monfalconese, coraggiosa e meritevole associazione culturale) da un mio amico triestino-sloveno, aggiungendo che si trattava di un grande, grandissimo libro sulla condizione concetrazionaria. Lo è. E finalmente, dopo anni, dopo che in tutta Europa è stato pubblicato questo splendido libro nonché gran parte dell’opera di Pahor (93 anni suonati credo), dopo riconoscimenti e premi internazionali, l’editoria italiana si è accorta che esiste uno scrittore sloveno-triestino (italiano?) di immensa qualità.
Ho domandato al mio amico come mai secondo lui scrittori come Pahor siano stati dimenticati così a lungo. Pahor non è l’ultimo arrivato. In Francia e in Germania, per citare due importanti mercati editoriali, i libri e articoli di Pahor sono stati tradotti e pubblicati. È uno scrittore che ha un peso internazionale. È conosciuto, rispettato, celebrato. Perché, perché in Italia, solo adesso, a 93 anni, (eccezion fatta per qualche opera pubblicata dalla coraggiosa e ahimé minuscola casa editrice Nicolodi), sul finire della sua carriera, ci si accorge di Pahor, ci si accorge di uno scrittore che altrove esiste e potentemente esiste? Perché è stato rimosso, mi ha risposto il mio amico. Perché quella parte della storia d’Italia e dunque della nostra cultura è stata rimossa.Verissimo…      
Casi editoriali a parte, cos’è questo silenzio che coglie con estrema precisione, che ha mira, che sa dove colpire? Come mai, a fronte del gruppo milanese, bolognese, romano, delle conventicole in genere, dei resoconti geo-letterari sulla nuova letteratura italiana su cui si dilettano svariati e noti editor-scrittori-giornalisti c’è un silenzio così ben calibrato, così negligente che ricopre scrittori la cui grandezza appare lampante, fulminate, che parlano dell’Italia, della condizione umana, della storia come pochi oggi, nonostante lo sforzo immenso, energumeno profuso degli addetti ai lavori, sanno fare?
Non è un caso dunque che questo silenzio, mi vien da dire, di cui “si macchiano” certi scrittori, sia oggi, tanto più oggi, feroce. Non ho motivo di dubitare del successo, quando viene, se viene e allorché meritato, eppure questo silenzio continua a sgomentarmi, soprattutto quando leggo libri sublimi e spaesanti come quello di Tuena o di Pahor e allorché di contro leggo invece libri mediocri, quantunque ben scritti, di scrittori ben più celebrati.
Bazzicando (uso il termine scientemente) nell’editoria noto la cialtroneria, l’approssimazione culturale, l’assenza di gusto e di critica, l’incompetenza trasversale con cui ho a che fare, cosa da metter in relazione all’avvento dell’editore/giornalista, questo mostro di sintesi che determina il peso sempre maggiore che nell’editoria (editoria soccombente in ogni senso) ha assunto oggi la stampa – tutta la catena che va dalla tipografia al misterioso indaffaratissimo giornalista da prima pagina – e quel sordido patteggiamento, quel frenetico tramestio che decide delle ricadute commerciali e dei gusti nonché dell’esistenza stessa di un’opera a prescindere dalla sua riconoscibile qualità (cosa confermata, garantita e ribadita dall’incapacità, soprattutto sul piano delle medio-grandi casi editrici, di premiare o semplicemente notare, accanto ai pur comprensibili “casi editoriali”, coloro che davvero valgono qualcosa anche se a vario titolo inattuali).
Ben vengano allora les revenants, questi scrittori/fantasma, queste ombre. Ci sono eppure non si vedono. E hanno altro fiato, altro respiro. Hanno altri orizzonti, ben altre mire. Appetitosi e per questo indigesti. Scrivono cose stupende e spiacevoli. Di sicuro non scrivono per gli editori. O per gli amici.  

Si legga Ultimo Parallelo di Tuena. E anche l’articolo di Serino, che ancora ringrazio.
 
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/03/2008 @ 16:36:03, in diario, linkato 1282 volte)

Brunello, Bach, Capossela. Capossela, Brunello, Bach. Bach, Capossela, Brunello. Tutto qui? Tutto qui. Ma non era poco no.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/03/2008 @ 14:15:40, in diario, linkato 1359 volte)

Approfitto dell'uscita del 3° numero della rivista internet Il seme sotto la neve www.ilsemesottolaneve.org (bel titolo da un libro di Ignazio Silone) per postare una recensione che spinge curiosità. E' interessante il tema della ipervolubilità degli acquisti e la concentrazione delle uscite editoriali. Un tema che prima toccava i piccoli (autori/editori) e sempre più tocca i grandi (autori/editori/casi in montaggio e smontaggio repentini nonostante "manovrine" varie).

“Le ultime ore dei miei occhiali” di Nino Vetri
recensione di Fabrizio Ottaviani

Il successo o l’insuccesso di un romanzo – in questo caso di un racconto lungo; negli Stati Uniti lo chiamerebbero forse novelette – può dipendere da mille ragioni. Può accadere, per esempio, che sia soffocato dai suoi stessi compagni di scuderia. Qualcosa del genere è accaduto con Le ultime ore dei miei occhiali, opera prima del siciliano Nino Vetri, edita da Sellerio. Nelle stesse settimane in cui usciva il romanzo di Vetri comparivano infatti sugli scaffali delle librerie due testi, sempre per i tipi della Sellerio, che gli facevano concorrenza: il romanzo di Pietro Grossi L’acchito, il cui esordio l’anno scorso era stato molto apprezzato dai critici; e un singolare volume, Il correttore di bozze a firma di Francesco Recami, il quale prova ad estrarre da uno dei mestieri più misconosciuti, fra quelli che ruotano attorno alla carta stampata, una sorta di metafisica – ma senza alcun radicalismo cabalistico – della parola o della cifra.

Schiacciati tra Grossi e Recami, Le ultime ore dei miei occhiali hanno finito, quasi per contrasto, con l’essere appiattite e ricondotte agli aspetti più superficiali. In due parole, si è visto in esse l’ennesimo specimen di letteratura adolescenziale, da mettere accanto al celeberrimo e frusto – per le letture che se ne danno, non per il valore intrinseco – Giovane Holden. Quando invece il racconto di Vetri è ad un tempo più esile e più profondo. Anzi forse sta proprio in questo il valore del volumetto del siciliano: nel contrappunto fra un “motivo” adolescenziale virgolettato e ritmico, disteso da un candore compiaciuto e adorabile, da una parte; e quello spesso, greve, composto da due voci, che rimbomba minaccioso dall’altra.

La prima linea narrativa è quella del giovane protagonista, impegnato in un’attività molto comune fra gli adolescenti, la costituzione di una band: «Qualche tempo dopo aver comprato il disco dei Ramones cominciai anch’io ad andare in giro col giubbotto di pelle e i pantaloni strappati alle ginocchia».

L’altra fa capo invece alla figura del nonno defunto: «Mio nonno cambiava spessissimo i connotati. Una volta aveva dei baffetti sottili, un’altra volta il pizzetto, qualche volta la barba. Ma sempre le mani ai fianchi e il mento puntato verso l’alto. Un retaggio. “Non facciamo i mammolini”, diceva».

Ma per comprendere in tutta la sua criminale estensione in cosa consista tale misterioso “retaggio” bisognerà compulsare l’ultima pagina, un explicit che sorprende per incisività. L’espediente geniale di Vetri è stato di inserire, fra il “retaggio” del nonno e il piacevole egocentrismo del nipote, una sorta di filtro, di membrana osmotica in via di saturazione. È il monologo, sempre più vago ed opaco, del padre, la generazione di mezzo. Ed è significativo che si tratti di un malato di Alzheimer il quale, fra la costernazione di tutta la famiglia, comincia a non ricordare più dov’è il frigorifero di casa, ripone il pane nell’armadio e quando esce a comprare qualcosa torna poco dopo a mani vuote perché non sa più la ragione per la quale era uscito.

Snodandosi lungo questi binari – il giovane protagonista impegnato nelle prove di un concerto; il padre perso dietro ricordi così lontani (la guerra, con le incursioni dei bombardieri americani e le fughe sotto l’urlo delle sirene) da essersi messi in salvo dall’Alzheimer; il nonno, del quale emergono a poco a poco le reliquie (un fucile mitragliatore tedesco, o il mucchio di negativi fotografici dai quali, opportunamente stampati, emergerà la lugubre sorpresa finale) – Le ultime ore dei miei occhiali dimostrano che è possibile, con materiali leggeri, costruire piccoli capolavori di narrativa; riuscendo perfino a nascondere, fra le pieghe delle parole, qualcosa che assomiglia a un’indigesta verità: che l’“umanità” di una persona può entrare a regime su piani molto distanti dalle sue azioni; e che la simpatia, il calore o l’affetto non sono necessariamente un rimedio perfetto contro la barbarie.

(L’Autore è critico letterario de “Il Giornale”)


Nino Vetri
Le ultime ore dei miei occhiali
Sellerio, Palermo 2007
Pag. 80. Euro 10

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/03/2008 @ 11:57:46, in diario, linkato 1092 volte)

Delle volte mi scoppiano nella bocca frasi che dovrei trattenere. Delle volte succede tutto troppo velocemente e non faccio in tempo a frenare la lingua o a chiudere la bocca, a mettere silenzio tra pensiero e parole. Ieri ho pensato e fortunatamente non ho detto né scritto a chi mi aveva mandato il suo numero di telefono

"OK, SEI NEL MIO DATA-BASE"

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/03/2008 @ 08:54:44, in diario, linkato 1081 volte)

L'attenta lettrice L (L sta per Lettrice, infatti, ma non solo) ha remissato alcune cose che ho scritto negli ultimi tempi. Ecco il suo remix. Non è ballabile ma leggibile sì. (Grazie)

una tortura sobria e ben pagata
Ne verremo fuori tardi e male


"Molte cose trovano il tempo ma il tempo non trova molte cose"

Ein Hungerkünstler

Cosa resta, cosa cambia

l'aria nebulosa e vaporosa che hanno i ricordi lontani
vivo senza presenza
C'è vita nei sogni?

essere stati felici in una stanza buia

non esistono cose importanti - intendo "veramente importanti". E, viceversa, c'è veramente poco da fare per le cose necessarie, definitive.


Metto un punto
Su questo foglio bianco
Dove avevi già scritto
E poi cancellato
Tutto tu.
Aggiungo un segno semplice,
Il più semplice.
Scolorirà in un giorno.
Guardo
Questo inverno-primavera
In cui ci diciamo addio.
Guardo il posto che ti è stato assegnato
Dalla sorte bracciante
Per sprofondare nel futuro.
Mi dico che niente sarà più uguale a niente
Ora che ci siamo ritrovati
In quest’assenza numerosa
E che domani ti farà piacere
Sentire fumare il mio caffè.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 68 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








20/11/2019 @ 01:17:06
script eseguito in 456 ms