Immagine
 il letto di chiara... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Carvelli (del 30/06/2009 @ 10:05:04, in diario, linkato 954 volte)

C'è stato un tempo più giusto a cui purtroppo non abbiamo partecipato. C'è stato un momento ed era quello il tempo giusto ma noi non c'eravamo. Eravamo appena un po' più in là. In un cono d'ombra. Vedevamo da là sotto tutta quella luce. E ci sembrava bella. E ci sembrava vicina. Abbiamo pensato che un giorno (non sapevamo quando, ma presto) saremmo usciti da lì e avremmo goduto di tutta quella luce che in definitiva era nostra. Che era lì per noi. Eravamo noi. Solo ora sappiamo che il tempo giusto era quello e aspettare è stato un errore di ottimismo. Un bene cattivo che non sappiamo riconoscere come non sappiamo alle volte quanto sono buoni certi mali a usarli bene.

Pubblico qui ancora un "brandello per una veste che forse non indosserò", parte di una cosa più lunga a cui sto lavorando di questi tempi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/06/2009 @ 09:04:09, in Diario, linkato 906 volte)
Non avrai altro dio all'infuori di me.non ti ho chiesto mai una cosa così difficile.bastava restringere un po' il cerchio e guardare più in basso al resto avremmo pensato dopo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/06/2009 @ 09:11:01, in Diario, linkato 982 volte)
Non moriremo invano come invano non siamo vissuti.la promessa la sappiamo.ci salutiamo per poco al bivio di strade che si riuniscono.niente è disgiunto da niente.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/06/2009 @ 09:20:05, in Diario, linkato 915 volte)
Chiamo per nome il sole
nascondo due conchiglie nella sabbia
la magia è fatta di poco
ha un rituale semplice la felicità
si tratta solo di disimparare
mi dico
tutto verrà da sé.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/06/2009 @ 10:15:02, in Diario, linkato 948 volte)
successo ancora.succede spesso.sognare ieri.e ieri era un libro di murakami che leggevo.il sogno è in giapponese.occhi a mandorla e parole.nessun sottotitolo.ignoro il senso e se sia un bene sognare al reale.assumo di s come un teorema che non so dimostrare.ancora.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/06/2009 @ 18:09:07, in Diario, linkato 882 volte)
Quanti anni hanno?sei?otto?forse sì.giocano con un piccolo videogioco.se lo litigano.lei,piccola vendetta sorridente,lo apostrofa:come va con tutte le tue fidanzatine?lui ride e nega.lei ride e ripete.corrono in mezzo alle poltrone.ancora si contendono il gioco.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/06/2009 @ 15:23:48, in diario, linkato 5197 volte)

Sparire per ricomparire

di Roberto Carvelli

“Pochi giorni fa mi è arrivata, per via indiretta, una cartolina da San Antonio, Texas”. Chi scrive è Pier Vittorio Tondelli, indimenticato scrittore italiano a cui si deve la vera ripartenza di una letteratura contemporanea italiana nonché un brogliaccio di nomi perché essa si perpetuasse negli anni successivi nonostante la prematura scomparsa dello scrittore (frutto dello scouting delle sue antologie under 25). E’ lui che riceve la cartolina; è a lui che, in risposta a una sua recensione, scrive Carlo Coccioli. Peregrino tra Francia – in cui cerca di scampare per il livore del predominio nelle Patrie Lettere di Moravia – e Messico dove muore nel 2003. Tondelli fu estimatore di Coccioli che poi incontrò. Ora, grazie a Giulio Mozzi – anche a questo scrittore padovano dobbiamo un simile lavoro di messa in sicurezza dal rischio di annichilimento della letteratura – e a un nipote di Coccioli, questo autore riprende vita dopo tanto silenzio. Succede con il libro Davide (1976, ora Sironi € 17), finalista al tempo del Premio Campiello, autobiografia in transfert dell’eroe biblico su cui lo stesso Tondelli aveva messo in guardia dalla lettura ardua. Coccioli, come suggerisce Tondelli, è scrittore talvolta dell’esplosione del dettaglio ma interessante (“la sua ossessività, piace ugualmente”). Quello che interessa in Coccioli è la sua capacità di rilettura del mito in Ego. Un Ego a volte doppio o plurimo: “Non vi è mai stato un solo Davide: sempre ce ne sono stati due. Eravamo (siamo?) racchiusi in un solo corpo, ammirato per quanto lo si trovava bello (...) i nostri affanni (...) Consistevano nel sapere chi fosse chi: chi dei due Davide fosse Davide...” Coccioli (era questa ora la voce del suo Davide), oltre che per “lettori forti” come da definizione di Tondelli, non è autore consolatorio, nuova prova del nove per lettori non disposti alla facilità. La sua è una letteratura dell’eccesso dove si vive di continuo nel doppio e nell’incerto quello che gli fa leggere nell’eroe della Bibbia l’angelo e l’animale (“dualità funesta”). Mi piace pensare (non avendo letto altri libri e desiderando che vengano riportati alla luce; tra essi c’è anche una biografia di Buddha e un Piccolo karma che cercherò di procurarmi quanto prima) che il lavoro sull’Io e sulla sua doppiezza o complessità, sulla spiritualità, sia una traccia continua della sua opera, intesa anche come “necessità della funzione sociale” a cui si richiama, e a cui chiama lo scrittore, Coccioli  (lo leggo in un saggio sullo scrittore dedicatogli dal Mercure de France nel 1952 a dimostrazione della attenzione non recente dell’universo mondo letterario). Lo scrittore, nato a Livorno nel 1920, fu anche autore di un contestato e ostacolato romanzo di tematiche omosessuali: Fabrizio Lupo (in Francia nel 1952 non senza ostracismi lì e altrove fino all’edizione italiana del 1978 e analoghe reticenze) di cui leggo per voce di Mozzi, che scrive un’appassionata ouverture bibliofila, aperto alla trascendenza (anche qui ho conferma che sia tematica ideale più che spunto narrativo). Quello che dà gioia in questa riscoperta post-mortem di Coccioli è comunque la capacità di durare della letteratura, la sua grande potenzialità temporale. I libri non muoiono anche se non danno, apparentemente, più segni di vita. In letteratura nulla scompare per morire: va solo in una latenza sempre pronta all’emersione. L’autore del miracolo è il lettore. Il lettore appassionato, quello che conserva i libri e li legge, la funzione principe della sua piccola religione. E’ bene ripetersi questa capacità dei libri in tempi in cui le regole le fa il fariseismo del commerce. La verità dei numeri non è nella diffusione milionaria. Il numero che conta è il 2, il piccolo ponte a sponde tra scrittore e lettore. Un raddoppio, il segno in una unione semplice ma potenziabile, l’unico gesto che fa funzionare e durare le parole delle storie. Il rapporto esclusivo dell’a tu per tu è la vera assicurazione della durata dei libri, quella che manca spesso nell’indeterminatezza del ponte incerto e provvisorio che dalla base missilistica dell’editore blockbuster cerca di raggiungere l’universo-acquirente più che l’universo-lettore. E’ a due che si gioca la partita della lettura e il primo a saperlo doveva essere proprio Coccioli alla continua presa con l’altro da sé fino al mito e alla trascendenza.

 

PS Aggiungo questa nota dopo aver comprato su internet e ricevuto il prezioso Piccolo karma (Baldini&Castoldi), il cui sottotitolo recita Minutario di San Antonio in Texas. Scrivo “prezioso” perché intendo che qua dentro c’è il senso della vera spiritualità e mi rimarrà attaccato addosso, lo capisco da subito e me lo confermo divorandolo. La felicità di una ricerca che inizia dall’assunto “Vorrei non avere scritto tutti i libri che ho scritto. Vorrei averne scritto soltanto uno: semplice, chiaro, preciso, definitivo. Vivo con la pena di non essere stato capace di scriverlo.” In realtà per un fausto contrappasso questa dichiarazione di sconfitta finisce per esserlo d’intenti e leggete uno dei libri più essenziali che vi possa accadere d’intercettare. Senza saperne nulla. Per caso. Così come s’intercetta per caso (ma dopo sforzi lieti, sinceri e instancabili) l’illuminazione.

 

www.zoemagazine.net

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/06/2009 @ 09:49:35, in diario, linkato 978 volte)

Visto ieri sera. Consiglio. Le Père de Mes Enfants di Mia Hansen-Lve. Regista giovanissima capace di un'opera (seconda) matura, intensa, sobria. Un film convincente e pieno di dimensioni, una felice compinazione di ottima sceneggiatura, una superba prova di recitazione frutto di una saggia direzione degli attori. Le bambine e la ragazza sono bravissime e poi fa sempre piacere rivedere la Caselli. Quando succede, spesso, è per il bene di un film.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/06/2009 @ 17:37:32, in diario, linkato 1031 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/06/2009 @ 17:06:00, in diario, linkato 982 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 247 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pi cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/11/2019 @ 22:42:31
script eseguito in 481 ms