Immagine
 Il letto di Sabrina... di Carvelli
 
"
"Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". "Sarà molto carino," disse. "Ancora uno stato a due," dissi. "Sì," disse.

Kurt Vonnegut
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 30/09/2010 @ 14:51:33, in diario, linkato 663 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/09/2010 @ 09:59:26, in diario, linkato 637 volte)

1. Esiste un genere di film di cui fa parte Inception che ho visto ieri. Il genere è "film il cui plot è enigmistico" e penso ai rebus. E infatti alla fine la gente che commenta è presa soprattutto dalla considerazione "ho capito" o "non ho capito". Nothing else. Eppur stiamo parlando di un film bello. Ben girato. Ben recitato (il solito bravissimo Di Caprio...anche se qui non brilla come altrove). Se dico "ben congegnato" devo per forza leggerlo nell'ottica del rebus. E nel tremore e clamore finale dei giovani vicini di sedie che dichiarano di non averci capito nulla. Ci sono parti belle. Quelle della rimozione del dolore, del senso di colpa: e qui parlo dei livelli a me congeniali. Mi è piaciuto - e parlo qui ancora di cose inessenziali, lo so - il fatto che per doppiare il giapponese ci sia un giapponese (italianizzato) al posto di quelle voci a macchietta che fanno apparire imbecilli gli orientali.

2. Non mi piace - e non dite che non ve nie siete accorti - il fatto che nelle riviste di moda (e parlo qui della Repubblica delle Donne, l'unico che incidentalmente mi trovo a sfogliare) le modelle vengono spesso disposte sul piano della foto (che sia un letto o un pavimento) come bambole snodate. Un braccio qua, una gamba là. Tutto in modi innaturali. Posture artefatte, come se per produrle fosse necessario un intervento esterno. La parola che mi viene in mente è bambolizzate. Qual è il sottotesto? Che in definitiva un corpo è un oggetto inanimato o animabile per vie tarocche. Irreali. Finte. Non mi piace.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/09/2010 @ 12:39:59, in diario, linkato 773 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/09/2010 @ 10:59:16, in diario, linkato 729 volte)

Ho letto in breve tempo Acciaio di Silvia Avallone. E questo va a suo onore. Infatti il libro è ben scritto e congegnato nelle scene. Contrariamente a quello che mi era arrivato - tutti parlano male di questo libro e mi riferisco, soprattutto, a gente del mestiere e metto qui una nota* - il libro non è per nulla male. Un buon esordio per la giovanissima età dell'autrice e a prescindere, per la capacità di padroneggiare una struttura così articolata, complessa. Quello che non funziona è a monte e a valle ed è editoriale. A monte c'è un'invariabile  e pervicace debolezza della nostra editoria per le storie molto sentimentali, gravemente sentimentali e parlo del tempo recente. A valle la scarsa disponibilità (almeno qui) all'editing compiuto (vorrei dire anche compunto e non mi dite che hanno voluto mantenere degli sporchi, della freschezza giovanile di questo esordio...non attacca!...e non torna col resto!). C'è un problema di registri in questo libro: ad esempio una voce narrante (onnisciente e superiore) non ben distinta da quella delle protagoniste tredicenni. La struttura, come detto, funziona - anche se funziona è una parola che non uso a caso...c'è, vedi sopra, una caccia alla trovata allettante che squalifica certo nitore di base, nell'osservazione, nella calata in periferia e sottoproletariato [ma fanno il classico i sottoproletari?] e via così... - tranne che nel finale "Elba" un po' più debole a riprova che non si può scrivere una letteratura OGM e poi all'improvviso finire in "BIOLOGICO". Comunque nella somma non male.

*Nota "gente del mestiere". Dovete sapere cari lettori che "gente del mestiere" sono quelli che dichiarano successo o insuccesso dei libri. Quelli che sono i libri. Li scrivono, li pubblicano, li fanno pubblicare. Ebbene questi stessi eroi delle Patrie Lettere sono spesso schizofrenicamente presi a rivestire il doppio ruolo - per semplificare: pubblico e privato - di chi lancia o promuove ( e ne decreta il successo) un libro di cui poi in privato parlerà malissimo. E quello che colpisce è che è gente che sta negli stessi gruppi, che si vede in riunioni apparentemente concordi e molto famigliari. Persone che spesso si palesano fratelli, sodali, amici. Per parlare per esempio e rivengo ad Acciaio, di un libro di cui tutti sanno che devono parlare bene (per dovere di scuderia allargata) ma di cui in privato pensano e dicono tutto il male possibile. Ma questo è un vecchio discorso che chi sta nel mondo del lavoro ben conosce. Potrei fare anche esempi più vicini a noi, a voi. Sono sicuro che molti di voi hanno storie a riguardo. Nella mia piccola esperienza - un'esperienza peraltro confortante - nel mondo del lavoro non c'è uno che parli bene di un altro (colleghi di colleghi, capi di colleghi, capi di capi, colleghi di capi). La differenza è solo se il parlar male riesce a svilire definitivamente (ma anche qui il definitivo non esiste) la persona di cui dice male. Perché sempre e comunque si parla male. Il mio motto è sempre: di ognuno di noi si può parlare bene o male con ragione. Il punto è capire se si vuole il meglio da quella persona o ci si accontenta del peggio. In questa scelta c'è il futuro (e il presente) di noi lavoratori. Per le aziende e purtroppo anche per noi. Che bella che è la realtà! Così discorde.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/09/2010 @ 13:51:58, in diario, linkato 766 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/09/2010 @ 10:39:09, in diario, linkato 738 volte)

Ecco, una domenica di porta portese, orto botanico, librerie, frascati (Roma vista dall'alto è grigia e nebulosa come se fosse lo specchio di un cileo nuvoloso). Segue un venerdì-sabato di sedici ore di sonno (sabato notte eclusa). E' come se tutto funziona solo se tutto ha smesso di funzionare. Per esempio come i cellulari (li continuiamo a chiamare "telefonini" perché quando sono nati erano più piccoli di un telefono normale) che prima si devono scaricare del tutto e solo dopo possono essere ricaricati. Ecco, domenica. Orizzonti di gloria è un bel film di Kubrick. Bello perfino per me che non amo i film di guerra. Bello perché è un film contro la guerra. Mi è ritornato in mente leggendo una frase da Hillman, James Hillman. Lui cita il generale Patton. Ecco ho trovato


"C'è una battuta in una scena del film Patton, generale d'acciaio, che da sola riassume ciò che questo libro si propone di capire. Il generale Patton ispeziona il campo dopo una battaglia. Terra sconvolta, carri armati distrutti dal fuoco, cadaveri. Il generale solleva tra le braccia un ufficiale morente, lo bacia, e, volgendo lo sguardo su quella devastazione, esclama: "Come amo tutto questo. Che Dio mi aiuti. Lo amo più della mia vita". Se non entriamo in questo amore per la guerra, non riusciremo mai a prevenirla né a parlare in modo sensato di pace e disarmo".

A psicologi e filosofi è permesso tutto. Pure noi dovremmo permetterci qualcosa in più. O in meno. E invece? Noi ci allineiamo, difendiamo a tutti i costi e per preconcetto l'idea della pace. Ma che facciamo in realtà? Difendiamo solo uno status quo delineato da altre guerre a cui noi abbiamo dato, senza saperlo, il nostro appoggio/assenso. E ora appoggiamo una guerra che c'è già stata magari solo per la codardia di non combatterne un'altra. Questa contrapposizione di forze (e guerre) è evidente nel film di Kubrick. E nel mio film di oggi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/09/2010 @ 10:37:02, in diario, linkato 716 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2010 @ 12:25:39, in diario, linkato 819 volte)
Condòmini
Escono le mattine della domenica
dopo che tanto è piovuto
e la festa splende nel sole dissepolta;
alzano la gaia concitazione
delle partenze al mare
al giro di ogni nuova mandata
e allo scatto del portone corrisponde
l’ombra nel fruscío di una tendina;
chi rimane è un viso che si sporge
sulla rivalsa di chi parte
stanno uniti cosí, nei giorni piú luminosi,
lo scorto e chi scorge
come labbra mai bagnate da un bacio.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2010 @ 12:13:40, in diario, linkato 0 volte)
.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2010 @ 09:27:01, in diario, linkato 754 volte)


Approfittando di sconti ho comprato (anche) questi estratti dalle Memorie di Giacomo Casanova che vanno sotto il titolo Le donne e gli amori e dovrebbero antologizzare alcune pagine dedicate va da sé al Casanova amatore. Cito una frase poco "amatoriale" e la faccio mia.


Ho sempre voluto riconoscermi come la causa di tutto il bene e di tutto il male che mi è capitato; e mi ha fatto sempre piacere essere allievo di me stesso, e in dovere di amare il mio precettore.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 629 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








14/11/2019 @ 05:58:46
script eseguito in 474 ms