Immagine
 il letto di Miyajima... di Carvelli
 
"
"Ho vissuto solo così a lungo che tutto quello che mi circonda è personale, privato. Non mi meraviglierei se non ci fosse più nessuno in grado di capire quel che dico". "Io ti capirò," disse con tenerezza. "Dammi solo un po' di tempo... e capirò tutto quello che dirai." Si strinse nelle spalle. "Ho anch'io un mio modo personale di scherzare..." "Da oggi in avanti..." dissi, "uniremo di nuovo i nostri codici privati e ricostruiremo un'intimità a due". "Sarà molto carino," disse. "Ancora uno stato a due," dissi. "Sì," disse.

Kurt Vonnegut
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 30/09/2013 @ 11:51:26, in diario, linkato 587 volte)

Arrivo tardi a dirvi di cosa parla “L'avversario” di Carrère – libro ripubblicato ora da Adelphi su cui, nel frattempo, sono scorsi inchiostro e pourparler! – così me ne disinteresso. Volutamente. Me la cavo precisando due dati necessari: 1 trattasi di cosiddetta autofiction; 2 ne è protagonista oltre allo scrittore testimone Jean-Claude Romand, autore di un’efferata serie di omicidi famigliari e di un non riuscito tentativo di suicidio al termine di questi nonché reo di aver per anni ingannato tutti (cari compresi) fingendo una vita che non ha mai vissuto. Fatte queste brevi premesse scrivo con un po’ di libertà e pretesto che per me il tema di questo libro è: quanto coefficiente di verità siamo capaci di omettere anche in buona fede. La sua trama è, definitivamente, quanto possiamo rimanere invischiati nella menzogna, nella finzione. Abbiamo o abbiamo amato davvero la moglie o il marito che abbiamo avuto? Lo, la abbiamo scelto, scelta? I figli che abbiamo avuto di che amore li abbiamo nutriti? E così via. Ma io volevo parlare non di questo libro ma dei libri. Della letteratura. Cosa voglio da Lei. Cosa mi aspetto da Lei. E c'entra la questione della verità e della finzione. La domanda è: quanta finzione anche la Letteratura – L maiuscola – può sostenere? Quanto scarto rispetto a quella e a che prezzo e scopo deve tollerare? E mi rendo conto che per me al di la del principio del piacere la vera letteratura deve mantenere un coefficiente misurato e sobrio in questo scarto. Detto questo, leggo e apprezzo libri che quel coefficiente allargano a forbice. A volta anche con piacere. A volte divertendomi. Punto. A capo.

"Una dolorosa lucidità è preferibile a una pace illusoria" su questo non posso che convenire con Carrère. Anche la narrativa non dovrebbe proporre ammaestramenti o inganni e comunque è meglio che dia anziché che dica. Che usi insomma le parole che creano piuttosto di quelle che illudono anche se poi certo c’è la poesia che gioca una fiche “effetti speciali” in più e per questo è sottomessa (pur con la concessione ampia della musicalità) alla regola dell’opportunità e della necessità in modo più stringente. Chiusa parentesi. In definitiva scrivere una storia dovrebbe contenere una sfida all'ordine costituito della realtà quanto della finzione che spesso pari sono nei termini della caccia alla verità per come la intendo io. Quello che forse insinua nel finale de “L’Avversario” Carrère: "un crimine o una preghiera". Un crimine o una preghiera. Trovate voi il regolo di queste parole. Verrebbe da parafrasare la sentenza degli psichiatri su Romand: "prima tutti credevano a tutto ciò che diceva, adesso nessuno crede più a niente, e lui stesso non sa cosa credere, perché non ha accesso alla propria verità, ma la ricostruisce con l'aiuto delle interpretazioni che gli offrono gli psichiatri, il giudice e i media". Il destino della letteratura è credere in se stessa e così farsi credere. La verità c'entra anche se in una forma non realistica e non per forza reale. La verità c’entra sempre. Nella letteratura come nella vita.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2013 @ 09:16:14, in diario, linkato 619 volte)
Quindici anni fa avevo un’altra religiosità, cantava Vasco anni fa. Più di quindici. Nel 1979 per essere precisi. Quindici anni fa nasceva invece Google. Mi ricordo poco di quindici anni fa. Poco di Google. Arrivo a tutte le cose con un piccolo scarto di anni. Mi ricordo casa di un amico smanettone, una di quelle cene che si aprono con le patatine e i puff e si chiudono con l’insalata di riso. Il vino? Corvo o Galestro. Mi ricordo solo che disse che non bisognava cercare su Google ma su AltaVista. E a me pareva naturale: erano più belle quelle montagne innevate. Le parole sembravano uscire da lì come da una fonte naturale, purissima, altissima eccetera. La casella di posta andava aperta su Hotmail ma io la aprii su Tiscali perché mi piaceva di più il colore e il font. Mi piaceva anche Virgilio ma il nome mi metteva un po’ di ansia. La posta doveva contenere un nomignolo. O, meglio, quelli che smanettavano lo avevano. Il loro nome di battaglia. Forse perché non ci si poteva chiamare Smanettone 1, Smanettone 2, Smanettone 3. Ma c’erano già quelli che avevano la posta di Mclink e ora, quando, l’incontri ti viene da trattarli come profeti. Quando ho iniziato davvero io a smanettare non era più in tempo per i nick. Avevo una posta con nome e cognome intero. In fondo non mi chiamo Massimiliano Massimiliani. Si poteva fare. Le cose sono cambiate da allora. Certe forme di religiosità si esauriscono naturalmente. Altre no. La religiosità dei capperi, la religiosità dei The Smiths, quella dello zabaione, quella delle due ruote, quella dell’autunno. Le cose pratiche seguono invece un loro corso naturale. A dispetto di una delle cose che da sempre ha per me una considerazione capitale ovvero l’estetica. Non riesco a fare una cosa che non mi piace. A mangiare una cosa buona in un piatto brutto. Altrimenti faccio cose che devo fare, mi comporto come mi devo comportare. Quasi sempre. Insomma, mi si può portare a una cena. Non faccio sfigurare a una festa. Non vi faccio vergognare a un evento glamour (ma se potete evitare di invitarmi…). Ho persino una mia forma di fedeltà nel tempo. C’è qualcosa che faccio da quasi venticinque anni e qualcun’altra da prima ancora. Ma una delle cose che faccio sempre, da sempre, anche quando entro in una stanza, in una casa, in un albergo è chiedermi se mi piace. L’altra è interrogarmi in definitiva e in ultimo se mi serve, mi è in qualche modo necessaria e solo dopo, quasi come un aut aut, se è utile se ne verranno delle cose buone per me o altri. Il resto succede nonostante me.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/09/2013 @ 09:15:47, in diario, linkato 625 volte)

File:The Grandmaster poster.jpg

 

Ho visto The Grandmaster, il nuovo film di Wong Kar-wai e l’ho trovato sontuoso, concluso, epico. Ho pensato che è un film che può passare alla storia del cinema come C’era una volta in America (peraltro citato musicalmente alla fine). E come molti di quei film che hanno capacità di visione e di racconto nel tempo. Delle riuscite elisioni, il racconto del narratore, le sequenze che virano a foto, le didascalie spazio-temporali: tutto concorre alla congruenza della trama, al suo dipanarsi difficile tra protagonisti lontani nel tempo e nei luoghi. Senza che si vedano le righe della semplificazione, il bozzetto. Siamo in mezzo a conflitto cino-giapponese, guerra civile e via a andare. Gli amanti del regista di Shanghai si perderanno nella danza del kung fu, animata dalle prodezze della computergrafica. Qualcuno ogni tanto penserà di essere finito in un film di Ang Lee. E invece il regista di Hong Kong Express , Happy Together, In the Mood for Love o 2046 rispunta all’improvviso a dimostrare che il riuscito innesto di storia nella storia, di filosofia di vita nella filosofia dell’amore non può che arricchire la già ricca valigetta degli attrezzi di questo regista finora affascinato dagli incontri sentimentali impossibili e strazianti (quello raccontato qui si giova appunto dello sfondo ricco e delle virtù della saggezza della filosofia di vita dell'arte marziale). Anzi, ed è un giudizio personale, mi sembra che l’atmosfera melò di Wong Kar-wai non può che agevolarsi di un salto nel passato (o nel futuro), levando le ristrettezze della stanza per farci scoprire la grandezza dell’Universo non solo in un interno. Non può che godere di un incontro con la storia, la biografia (qui Ip Man, maestro di Bruce Lee).
Alla fine, a pensarci bene, comunque è vero che i rimpianti salano la vita. Sempre se non diventano un alibi. 
Tempo: serata tiepida (spettacolo delle 20)
Spettatori: circa 80/100
Biglietto: 8€

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2013 @ 15:34:15, in diario, linkato 589 volte)

Clove

Clove è la prima parola
che hai detto
e faccio finta che sia anche l'ultima.
Per coerenza.
Hai detto clove
e un gusto che non ricordo,
che non capivo.
Hai detto clove
come un altro avrebbe detto
Rosebud.
Un oleogramma,
un fiat lux,
un abracadabra.
Hai detto clove
e cose che non ricordo.
Che ingenua è la magia:
un incrocio di lettere
e sei del gatto
ovvero un boccone succulento
nel palato del destino,
sospeso a ottomila metri dal suolo.
Hai detto:
è il firmamento che lo vuole.
Hai detto:
così in cielo come in terra.

La vita dovrebbe essere classificata
in rischi mortali e veniali.

Il genere "incidente domestico"
è decisamente meno numeroso
e diffuso
di quello "amoroso".
La gravità delle conseguenze
merita una disputa.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/09/2013 @ 08:58:02, in diario, linkato 565 volte)

Ho visto To be or not to be e non poteva non piacermi. Perché è un piccolo capolavoro passato alla storia della cinematografia mondiale. E quindi non è una notizia che mi sia piaciuto. Tra l'altro tardivamente dato che è qualche mese che imperversa sulle bocche di nostalgici del buon cinema e sparuti frequentatori di sale che siamo rimasti. La notizia è che è stato restaurato. La notizia è che questa commedia degli equivoci di Lubitsch non ha perso il suo fulgore vivace. Funzionano le trovate. Funziona quella ingenuità della commedia "dolce". Straordinaria la capacità di fare ironia sulla storia. E che storia! Bravissimi gli attori. Posso aprire una parentesi? Ho sentito un sì. (Ho solo io l'impressione che anni fa mentire fosse un sentimento così preciso e definito da sembrare virtuoso anche, per dire, nella sua patina di sfumata finzione che dopo di allora mi sembra aver perso trasformato in una cosa troppo seria e poco disposta allo smargine e al gioco?). A Parigi di questi tempi imperversa il restaurato Hiroshima mon amour (arriverà anche da noi?). E trovo bella questa idea che sempre più spesso se resistono le nostre sale (anche quelle non d'essai) sappiano alternare modernità e contemporaneità. Con una sequenza da sussidiario (non mi importa di essere reputato uno stupido, tanto accade già).

Spettatori: circa 50
Biglietto: 5€
Tempo: quasi piovoso

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/09/2013 @ 09:18:18, in diario, linkato 629 volte)
Nel numero della settimana passata di La Lettura del Corriere della Sera c’era una interessante recensione da Chatting with Henry Matisse, conversazioni con Pierre Courthion (Paul Getty-Tate Modern Edition). C’era anche un estratto dal chatting. Un brano proprio del detto Matisse. Ne trascrivo parte così come l’ho letta, sperando vi possa fare buon sangue. “Per un pittore esordiente, la vita è difficile. Se è impegnato, si troverà totalmente assorbito dall’oggetto della sua ricerca e non sarà disposto a fare quadri che solleticano il gusto dei collezionisti. Se invece punta al successo, lavora con un’unica idea in mente: dipingere ciò che chiede il mercato e vendere. Però, così facendo, perde il sostegno della sua coscienza e finisce con il dipendere da quello che pensano e sentono gli altri. Trascura i suoi talenti e prima o poi è condannato a perderli. Per noi il problema era semplice: non c’erano compratori. Lavoravamo per noi stessi. Facevamo un mestiere che non ci offriva speranza. E così sapevamo divertirci con molto poco. Forse anche i naufraghi su un’isola deserta trovano la situazione divertente, tutti i loro problemi sono cancellati. Non resta che ridere, raccontarsi barzellette e intrattenersi. I pittori? Come potevano pensare di vendere qualcosa? C’era un’unica possibilità, il Prix de Rome. I pittori erano anime smarrite. Oggi troviamo collezionisti pronti ad acquistare anche esordienti. Ma in quei giorni, su Quai Saint-Michel, dopo un decennio di fatiche, non sono riuscito a vendere nulla per tre anni. Eppure avevo già conosciuto qualche successo”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/09/2013 @ 11:39:09, in diario, linkato 662 volte)

Ieri sera ho visto l'Intrepido e non mi è piaciuto. Il film è lungo, svagato e decentrato anche se apparentemente concentrato su un protagonista e un tema. Il protagonista (il film è quasi una monografia, se possiamo dire così), infatti, non è credibile e pur molto pennellato da tanti tratti fatica a trovare un disegno compiuto e una prospettiva. Un protagonista in-credibile e (ne comprendiamo le ragioni) volontariamente monodimensionale non riesce ad assurgere ad eroe picaro e “semplice” di questa black comedy come, sembra, nelle intenzioni del regista. Il tema del lavoro precario non svetta, non spicca né si approfondisce rimanendo la sola intuizione di un disagio su cui (com)piangere. Forse avrebbe parlato di più attraverso un documentario e la vita vera (non compatita) di chi ci sta in mezzo senza fiaba triste. Viene sfiorato e lasciato lì l’unico tema relazionale di qualche interesse: il (non) dialogo (anche sentimentale) tra le generazioni. Il pur bravo Albanese, affiancato dalla brava antagonista si dà un gran da fare nel trasformismo del cambio d’abiti e nella perdurante naivete ma senza clamori. Tante le macchiette, qualcuna un po’ più riuscita (il truce caporale mangiafuoco). Tento di trovare una correlazione con il precedente bellissimo film di Amelio da Camus e mi convinco che per me il miglior Amelio (a parte l’eccezione del Ladro di bambini) è quello del mettitore in scena. Alle sue spalle un’ampia tradizione di film bellissimi come Porte aperte da Sciascia). Insomma questo regista è più vero e risolto quando ha una trama ben scritta, un’idea già delineata. Eppure ha un bellissimo sguardo personale, trasversale sulle città (qui la Milano in reload verso l’expo) – aiutato in questo caso dall’occhio di Bigazzi – che però separato dalla trama finisce per lasciarsi alle spalle tutto il bello che inutilmente fotografa in una patina di ipermodernismo grigio e vuoto di sentimenti.  

 

Spettatori in sala: 11 (ultimo spettacolo)
Costo del biglietto: 8€
Tempo: serata calda e cielo sereno
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/09/2013 @ 10:01:25, in diario, linkato 925 volte)

A quasi dieci anni di distanza dalla sua prima edizione, è in libreria una riedizione riveduta, aggiornata e arricchita del mio libro PERDERSI A ROMA per Iacobelli editore. Posto qui la scheda editoriale del libro e l'anticipazione uscita sulla prima pagina dell'inserto cultura de Il Messaggero del 13 agosto contenente estratti dall'intervista a Vincenzo Cerami, venuto a mancare mentre eravamo in stampa, e a cui idealmente dedichiamo il libro.

 

 


 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1
Ci sono 22 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/11/2019 @ 07:20:36
script eseguito in 517 ms