Immagine
 marina di pisciotta... di Carvelli
 
"
Com'è, o Mecenate, che nessuno vive contento della sorte che la ragione gli ha dato o il caso gli ha gettato davanti, e tutti invece non fanno che esaltare chi persegue una vita diversa?

Orazio
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 29/09/2006 @ 15:57:12, in diario, linkato 1235 volte)

Finalmente al cinema con un bel film che, d'accordo, è un film semplice con personaggi tratteggiati in modo lineare ma almeno vivaddio si ride e ci si emoziona e alla fine not me scatta un applausone non timido ma fragoroso. Sincero. Naturale. Indice che il film funziona ed in effetti dopo mesi di sale vuote (come leggete la crisi?) ecco una sala gremitissima con un pubblico che riempie ogni posto enigmisticamente. Forse questo è un caso per gridare al miracolo semplice. E allora, via, al cinema.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/09/2006 @ 09:07:54, in diario, linkato 1408 volte)
Ancora due preziosi spunti dal libriccino di cui scrivevo ieri: L'apprendista scrittore di Raffaele La Capria (minimum fax, curiosamente ancora marcato in lire e l'effetto è straniante: Lire 14.000 ovvero diremmo oggi un circa 7€...anche se non so se sia ancora disponibile). La Capria: "Ho cercato sempre un rapporto tra la mia scrittura e il senso comune. Il "senso comune" per me non vuol dire il buon senso, che è riduttivo, ma vuol dire sentirsi parte di un mondo naturale e spirituale che condividiamo con tutti. Mettersi in rapporto col senso comune significa reagire all'eccessivo intellettualismo che domina nella letteratura oggi. Vuol dire anche scrivere per tutti, come facevano Tolstoj e Cechov, e non per una élite di persone colte; vuol dire, anzi mettersi a scrivere con questa intenzione. Vuol dire (anche) senso della misura, del limite, che è parte della civiltà mediterranea". E dopo, alla domanda della intervistatrice (e curatrice del volume) Stefania Brazzoduro, su che cosa dia fastidio massimamente allo scrittore napoletano leggo questo: "Il consenso di certi lettori per ragioni sentimentali, che non condivido. L'entusiasmo per ragioni sbagliate è peggiore di una critica negativa", Una ammissione di umiltà che fa riflettere.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/09/2006 @ 09:14:57, in diario, linkato 1172 volte)

"Il primo libro non bisognerebbe mai averlo scritto, dice Calvino. E' vero. Uno si domanda se doveva essere necessariamente quello o se non avrebbe potuto essere invece un altro. Così fatalmente ogni primo libro diventa una 'falsa partenza', che però ti condiziona, perché gli altri libri che verranno in seguito, anche se lo contraddicono, non potranno prescinderne." Così scrive, questo è lo start de L'APPRENDISTA SCRITTORE (minimum fax) di Raffaele La Capria.

Così scrive La Capria del suo primo libro a cui rimprovera un intimismo da cui poi si sarebbe affrancato. Scrivo questo, leggo questo mentre esiste già l'ISBN (quel simpatico numeretto da detenuto che alberga nella IV di copertina dei libri) del mio libro namberuan che Coniglio editore si appresta a rimandare a gennaio in libreria con il suo tutolo originario: LA RIVOLUZIONE SPIEGATA ALLE COMMESSE. Esiste già una copertina (bella) che non pubblico stante i tempi ancora distanti e i previsti e gli imprevisti ripensamenti. Il libro conterrà pagine in più e in meno, cose nuove e cose rinnovate. Ma a parte ogni rivisitazione e conferma mi viene da domandarmi se e come potre prendere le distanze da questo primo libro e se ne conservo ripensamenti. Intanto mi domando come sempre se sia questo il mio primo libro e non piuttosto LETTI, già uscito in parte in rivista, o le decine di racconti pubblicati in ogni dove di rivista semplicemente spedendoli e basta, mandandoli in lettura e basta. Non sono forse quelle le prime cose? Forse no. Bebo (questo il nome del protagonista del mio primo libro) è un personaggio-libro, di un libro che è bildungsroman, saggio, raccolta di novelle (nel senso antico della questione), campionatura di voci, trattamento cinematografico. E proprio nell'essere tutto, tutto questo, forse ne è molto ma molto meno. Il suo essere meno (meno letterario, meno libro, meno canone) lo rende però un non-libro. O, quantomeno, non un libro-inizio ma un libro-fine. E siccome non ha fine (non finisce né ha scopi reconditi) è un libro che può continuare ed è giusto (oggi, o meglio a gennaio) che abbia futuro. Un nuovo futuro. Il futuro di chi riparte. Con spirito nuovo ma da quel che è.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2006 @ 15:30:37, in diario, linkato 2436 volte)

Seguono due poesie di Beppe Salvia. Non adesso ma poi...vorrei...comprare questo piccolo tributo amichevole alla storta perfetta sorte della poesia e alla sua bellezza.

 

Adesso io ho una nuova casa, bella

anche adesso che non vi ho messo mano
ancora. Tutta grigia e malandata,
con tutte le finestre rotte, i vetri
infranti, il legno fradicio. Ma bella

per il sole che prende ed il terrazzo
ch’è ancora tutto ingombro di ferraglia,
e perché da qui si può vedere quasi
tutta la città. E la sera al tramonto
sembra una battaglia lontana la città.
Io amo la mia casa perché è bella
E silenziosa e forte. Sembra d’aver
Qui nella casa un’altra casa, d’ombra,
e nella vita un’altra vita, eterna.

***

Abbiamo nel cuore un solitario
amore, nostra vita infinita,
e negli occhi il cielo per nostro vario
cammino. Le spiagge i cieli, la riva
su cui sassi e rovi e il solitario
equisèto, e colli erbosi grassi
rioni, città dispiegate come
belle bandiere, e nude prigioni.
Questa è la nostra vita. Questi nostri
volti vagabondi come musi
di cani ci somigliano. Il vento
il sole le corolle rosse e blu,
i sogni mai sognati i nostri sogni.
Questa è la nostra vita e nulla più.
 



Beppe Salvia (1954 – 1985)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/09/2006 @ 08:25:29, in diario, linkato 1152 volte)
Oggi, cercando di quantificare una fregatura occorsami e i conseguenti dispendi, mi sono sorpreso a pensare a che valore si debba dare alla felicità, il prezzo, la quotazione. E' possibile dire 25mila euro? Duemila euro? So che cammino con le parole sul bordo dell'ovvio eppure, con la facilità dell'essenziale, ieri mi sono sorpreso a fare un ragionamento monetario sul più prezioso (uno dei più preziosi) beni di cui disponiamo. Il più prezioso o il primo. Anche se nessuno si azzarderebbe a dire che e se è costoso, se e che prezzo meriti. Dunque, se c'è un prezzo da pagare che si paghi. E che non ci si domandi se siano ben spesi o siano troppi. Miele per l'amara medicina? Forse, ma costa poco.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/09/2006 @ 08:54:40, in diario, linkato 1285 volte)
Parlano a voce bassa e alludono. Sesso e minori. Preferisco scollegarmi. Parlano di sesso. Due uomini dal profilo morboso e abiti sguaiatamente eleganti. Si dicono cose che si giustificano. Giustificano la loro predilezione per un sesso senza regole. Non l'età, non il contesto. Mi rendo conto che uomini così possono solo pagarle le donne, possono solo avere la fortuna di fare incontri con un mezzo in mezzo: il denaro. Sia esso contributo di un piacere diretto o dilazione di un vantaggio nel tempo. Capisco quanta distanza c'è tra queste persone (le loro idee) e l'incontro, lo scambio. Di qualsiasi tipo siano. Non è questione di pudore, né di altro. Non c'è terreno di mezzo, l'incontro deve necessariamente pendere verso di loro. A meno di un ripensamento, una distanza da quello che esprimono ora (ché tutto si può cambiare). Poi parlano di calcio. Moggi. Il sistema arbitri. La Fiorentina. Tutto è avvenuto in un baleno ed ecco che il registro è cambiato e hanno assunto una forma compita, professionale e mi domando da dove gli venga questo eloquio più sobrio, attento, consapevole. Parlano di calcio ma è come se parlassero di politica. Citano firme del giornalismo sportivo come menzionassero premi nobel e autorità intellettuali. Poi scendono. Anch'io.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/09/2006 @ 14:33:21, in diario, linkato 1276 volte)

Si aggiunge al catalogo dei letti la stanza semivuota in un appartamento vuoto che poi appartamento davvero non è. Prenderne nota? Ricordare per arricchire la sequenza del libro dei letti?  I minuti passano, la notte sembra incorniciata in un piccolo furto a tempo determinato. Come un'occupazione. Come un ricovero di fortuna conquistato nella precarietà di questi giorni e a tempo. Sotto macchine che sfrecciano. L'alba sarà improvvisa e andrà presa al volo. Un treno. L'odore dello sterco dei cavalli. Lavoro.

 

A love story, 1997. Silicon di Luisa Rabbia www.luisarabbia.com

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/09/2006 @ 10:04:03, in diario, linkato 1255 volte)

 

 

 

Sabato mi sono seduto nella Galleria Esedra e ho fatto colazione. Solo. Dagnino è uno dei miei luoghi culto...vedasi "Perdersi a Roma". Mi pregio perciò di fare una piccola ammenda, non sia altro che economica.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/09/2006 @ 08:51:27, in diario, linkato 1206 volte)
Sembra che non stia andando più al cinema e invece è solo che non so di tutti i film che ho visto e vedo quale sia degno di un commento ottimista. Eppure vado molto. Eppure, spesso, trovo qulacosa che mi incuriosisce o mi sorprende ed è per questo che mai abbandono la sala anche se la tentazione alle volte è forte. Ma poi resisto, mi fermo, aspetto, temporeggio. Mi dico "ho speso un bel po' di soldi" e di questi tempi non è il caso di perdere soldi. Anche ieri sono andato al cinema. E a dispetto della drammaticità del plot non ho potuto trattenere una risata pur in uno di quei momenti che il regista penso avesse inteso come apice del climax. I film spesso sono scritti male. Spesso sono male interpretati. Spesso non sembra (le due cose vengono un po' mascherate) ma i personaggi a ben guardare sono macchiette. Alle volte capita (si capisce) che sono mal diretti. Alle volte mal scritti. Tendo sempre a depenalizzare gli attori (molto neorealismo ci ha insegnato come si possa ottenere molto da non professionisti). Ma le responsabilità è giusto che si dividano. Ci sono registi che girano sull'onda di un'emozione. Registi che fanno politica e non cinema. O meglio che fanno cinema quando la politica glielo chiede. Attori che piacciono al governo. Registi che sono cari a una certa intellighenzya. Ci sono registi/autori con un bello sguardo ma solo sotto commissione e registi che pensano di essere americani (nelle interviste propagandano il loro modo di girare coraggiosamente USA) ma a parte qualche effetto e la pretesa di una serie di rutilanti e gratuiti colpi di scena non hanno altro da regalare ad un pubblico...e c'è poi un pubblico partigiano che si esalta riconoscendo la politica di cui sopra o l'americanismo di cui sotto. Nessuno dei due tipi/topoi è capace a quel punto di dirvi se il film sia bello o riuscito. L'importante è recitare/replicare il loro sentire. Tutto questo è ideologia. Che con il cinema c'enta poco o punto. Ecco perché è un po' che non parlo di film.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2006 @ 15:53:58, in diario, linkato 6832 volte)

Queste tre donne sono di Daniele Galliano (Pinerolo, 1961)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 74 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








20/11/2019 @ 01:17:41
script eseguito in 595 ms