Immagine
 Il letto di Nadia... di Carvelli
 
"
Quand'ero giovane, avevo ali instancabili,/ ma non conoscevo le montagne./ Quando fui vecchio, conobbi le montagne/ ma le ali stanche non tenevano più dietro alla visione./ Il genio è saggezza e gioventù.

Edgar Lee Masters
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/02/2007 @ 08:47:58, in diario, linkato 3486 volte)

Il Dottor Jekyll e Mr. Hide

E, come per la maggior parte del genere umano, fu così anche per me: scelsi il lato migliore per trovarmi poi nella condizione di non sapere come restargli fedele. Sì, è così: scelsi il medico anziano e insoddisfatto, circondato da amici e incline alle buone speranze e insieme mi congedai in maniera decisa dalla libertà, dalla relativa gioventù, dal passo leggero, dagli impulsi improvvisi e sfrenati, dai piaceri segreti chew avevo goduto nei panni di Hyde".

(Robert Louis Stevenson - Il Dottor Jekyll e Mr. Hyde)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/02/2007 @ 16:08:29, in diario, linkato 139520 volte)

Anche se ormai non è più facile che chi entra incontri chi esce (hanno inventato uscite laterali per evitare scambi)...entrando al cinema - andavo a vedere SATURNO CONTRO di Ozpetek - ho sentito una donna dire ad un uomo "è un film sull'amicizia".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/02/2007 @ 09:23:10, in diario, linkato 1170 volte)

Mi vorresti dire che la vita è difficile e che, nonostante questo, dobbiamo morire. Tra l'altro. Che sei sola, che lui è andato via. Che i figli...i figli. Faccio segno di aver capito. Mi vorresti dire è lunedì e già sono stanca che sto qui e mi sbatto ed è appena l'inizio. Non ci si riposa mai. Mai. Sabato e domenica, non ci si riposa mai. Mi vorresti dire che è inutile fare tutti questi sforzi senza risultati che poi tanto nulla cambia. Nulla cambia. Nulla cambia. L'ottimismo era una cosa di prima. Prima potevo essere ottimista. Prima. Ora no. Ora come faccio. L'ottimismo (mi vorresti dire) è una cosa da coglioni. L'ottimismo è per chi c'ha i soldi, per chi non ha problemi. Mi vorresti dire che nulla cambierà, che è inutile. Che è tutta una merda. Che il lavoro è così. Che non troverai nulla di meglio. Che tanto è inutile tentare, provare. Va tutto male. Mi vorresti dire che è una merda. Tutto. Che che palle sempre la stessa storia, non dire nulla, tanto è così, non mi convinci, va male e basta, è una merda e basta. Cose così. Che per esempio tu sì ti stai sforzando e niente. E allora? E' facile parlare, lamentarsi, arrabbiarsi. E' così e non cambia. Tutto va male e andrà sempre peggio. Così mi vorresti dire. Così mi dici.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/02/2007 @ 09:59:58, in diario, linkato 1167 volte)
"Navigo in pessime acque, Utterson; mi trovo in una posizione penosa, sì, una posizione strana, molto strana. Una di quelle che non si raddrizzano a parole". Leggo questa frase da Stevenson IL DOTTOR JECKYLL E MR. HYDE (lo leggo nella versione di Barbara Lanati, edizione Feltrinelli). Leggo questa frase e mi si salda perfettamente in un unico pensiero. Penso a come è detto bene quel "una di quelle che non si raddrizzano a parole". Chissà in inglese. Controllerò. E'  vero che esistono situazioni su cui le parole non possono nulla. Non possono campire le tristezze o le penurie. Non possono disegnare futuro. Né raccontarlo, sia pure con doti fantastiche. Non possono anticipare soluzioni. Né conclusioni. Ci sono cose che non si raddrizzano a parole.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/02/2007 @ 09:38:18, in diario, linkato 1147 volte)
Milioni di insetti ci fissano, piccole tarme rosicchiano silenziosamente il legno su cui mangiamo, mosche e zanzare volteggiano nelle nostre stanze, formiche fanno gallerie sotto di noi, uccelli ci volano sulla testa, gatti si acquattano in attesa della nostra uscita, topi scorrazzano liberamente intorno ai nostri sonni ignari.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/02/2007 @ 15:15:45, in diario, linkato 1202 volte)

Lo so che è un po' scorretto. Che è come ascoltare uno standard o un pezzo a effetto della produzione di un autore di evergreen o un hit... che, insomma, è come giocare sporco, essere troppo assertivi, dare ragione senza pensarci a chi vuoi favorire, essere adulatore di chi vorresti amare o riconquistare, cose così...Lo so, ma è come quando alle volte ti prende la voglia di risentire quel motivetto che fa così...

AMORE A PRIMA VISTA (di Wislawa Szymborska)


Sono entrambi convinti
che un sentimento improvviso li unì.
E’ bella una tale certezza
ma l’incertezza è più bella.

Non conoscendosi prima, credono
che non sia mai successo nulla fra loro.
Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi
dove da molto tempo potevano incrociarsi ?

Vorrei chiedere loro
se non ricordano-
una volta un faccia a faccia
forse in una porta girevole ?
uno “scusi” nella ressa ?
un “ha sbagliato numero” nella cornetta ?
- ma conosco la risposta.
No, non ricordano.

Li stupirebbe molto sapere
che già da parecchio
il caso stava giocando con loro.
Non ancora del tutto pronto
a mutarsi per loro in destino,
li avvicinava e allontanava,
tagliava loro la strada
e soffocando un risolino
si scansava con un salto.

Vi furono segni, segnali,
che importa se indecifrabili.
Forse tre anni fa
o il martedì scorso
una fogliolina volò via
da una spalla a un’altra ?
Qualcosa fu perduto e qualcosa fu raccolto.
Chissà, forse già la palla
tra i cespugli dell’infanzia ?

Vi furono maniglie e campanelli
su cui anzitempo
un tocco si posava su un tocco.
Valigie accostate nel deposito bagagli.
Una notte, forse, lo stesso sogno,
Subito confuso al risveglio.

Ogni inizio infatti
è solo un seguito
e il libro degli eventi
è sempre aperto a metà.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/02/2007 @ 08:50:59, in diario, linkato 1422 volte)
Forse se un giorno si disegnasse uno scenario alla Flannery O'Connor o più medievale con imbonitori che cercano di convincere che quella pozione, che quell'unguento, che quella medicina beh forse io sarei lì. Quantomeno ad ascoltare irretito. E così mi accade quando mi imbatto nei mercati in quegli imbonitori che declamano al microfono le meraviglie degli sbucciapatate. Poi magari non compro: è che mi salva la penuria (interna soprattutto) di spazio, l'odio per l'ingombro e una certa ritrosia alla conservazione (se non è accumulo disordinato, allora sì!). Stamattina ho passato il dentifricio sul parabrezza dello scooter. Credo che non mi abbia visto nessuno. Spero che non mi abbia visto nessuno. Vi chiederete: perché lavavo i denti allo scooter? La risposta è che uno mi ha detto che siccome è graffiato se ci passi un panno morbido e il dentifricio torna a brillare e si cancellano i riverberi. La parola italiana (o è solo romana?) per simili figuri è cojone. Così si dovrebbe pensare ma io ci ho risolto alcune sottili problematiche della mia vita come l'herpes. Il tutto solo per aver ascoltato un consiglio un po' fantasioso come quello di quando eri ragazzo e cadevi e ti sbucciavi il ginocchio e uno ti diceva "pisciaci sopra che disinfetta". Era un azzardo allora ascoltare simili buone pratiche? Lo è ancora adesso? Io stamattina lavavo i denti allo scooter. E mi sembra che abbia funzionato.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/02/2007 @ 09:33:20, in diario, linkato 1246 volte)

Così.

Inizia così. Con questa canzone di Bobby Womack - Across the 110th street. Per chi l'ha visto e per chi non l'ha visto inizia così il film di Tarantino, Jackie Brown. Che anche se... per me è uno dei suoi film più perfetti. Anche se, dicevo, ci sono Pulp fiction e Le iene alle spalle e un doppio Kill Bill all'orizzonte è uno dei suoi migliori film. Con un'ottima Pam Grier (oggi siamo un po' in un'atmosfera afro power) in uno dei ruoli femminili più sfaccettati che il genere ricordi anche se a Tarantino dare ruoli sfaccettati alle sue attrici sta a cuore. E che è un film noir ok lo so eppure mi è venuto da pensare a certe atmosfere di un libro che giorni fa ho mancato di citare tra i libri (di racconti) d'affezione: L'amore degli adulti di Claudio Piersanti. C'è come l'aria di qualcosa che deve cambiare al fianco all'aria di qualcosa che forse non può cambiare ed è un'elettricità bella se uno la vive bene. E a me interessa pensarla. Quali sono le tue fantasie? (è la domanda che vorrei evitare sempre come se annullasse il fatto stesso di possederle, il dirle). Senza dirlo/e è quest'atmosfera che mi fa provare una scossa. L'età, la ripartenza, la fine e il cominciamento.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/02/2007 @ 13:03:02, in diario, linkato 2418 volte)

Cito ancora dal bellissimo blog www.luxuslinguae.splinder.com

Traduttese

Dall'intervista a Giuseppe Antonelli,  italianista e autore di Lingua ipermedia. La parola di scrittore oggi in Italia, Manni Editori 2006, pubblicata su Stilos e riportata sul sito della casa editrice:

l consolidamento di un italiano che lei definisce «neo-standard» va anche nella direzione di una maggiore volontà, da parte degli autori, di essere traducibili? Che ragioni ha?
 
Oggi la stagione della lingua ipermedia è già finita. Casi editoriali –prima che critici– come Non ti muovere, Vita o, da ultimo, Con le peggiori intenzioni sembrano preludere a un ritorno all’ordine: romanzo benfatto, intreccio, personaggi e lingua tradizionale. Se si guarda alle classifiche, la sensazione è che il punto di riferimento stia diventando la lingua corretta, scorrevole, pacatamente brillante o moderatamente letterata delle traduzioni. Oggi la narrativa italiana vende di più, ma sempre più spesso la sua scrittura somiglia a quella dei libri stranieri così come li conosce il pubblico. Gli editori l’hanno capito e mi sembra di avvertire –nell’editing e prima ancora nella selezione dei testi– una forte spinta all’omologazione sul «traduttese».
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/02/2007 @ 10:24:33, in diario, linkato 1176 volte)

Due raccolte di racconti. Tutt'e due belle. Tutt'e due scritte da autrici donne. Tutt'e due esplosive nel racconto del reale. Del nuovo felice ritorno alla narrativa di Carola Susani non avevo parlato per distrazione e mancanza di tempo. Ho letto questo libro in giorni dolorosi e affaccendati e quindi è finito in una sacca del cuore un po' triste e lì è finito per rimanere. Anche se con amicizia. Anche se con ammirazione. Mi piace ora leggendo il racconto che dà il titolo alla raccolta (Pecore vive) che era l'unico rimasto indietro nella lettura che si parla di quello che ho vissuto in quei giorni in cui lo leggevo. Corsie, ospedali, portantini, pigiami. E mi piace scoprire che di tutti è forse il racconto migliore. Anche se mi era piaciuto pure Cinderella. Che tipo di scrittrice è Carola Susani non so dire. Lascio ai critici la complessità e il giudizio. Per me tengo la bellezza di questa lettura e l'idea di costruire un percorso di letture, tematico. La prossima volta che vado in ospedale me lo rileggo questo racconto e lo stesso faccio se cambio orientamento sessuale avendo pensato che Appartamenti della  Lisa Ginzburg sia uno dei racconti letti sull'omosessualità più profondi e intensi. Anche se parlo da estraneo, anche se sto lì di lato. Anche se in fondo (e ritorno a Pecore vive di Carola Susani) spero di non avere mai un tumore e di rendere felici i miei e - per quanto posso - i vostri giorni. Ciao.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 252 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/11/2019 @ 22:43:00
script eseguito in 626 ms