Immagine
 Il gattolettoamore di Julia... di Carvelli
 
"
Dunque, poiché la cosa della quale si parte in cerca non può né deve avere un volto, come riconoscere i mezzi per raggiungerla se non dopo averla raggiunta, e che mai potrà essere la meta se non una meta apparente? Un precettore orientale non parla diversamente, là dove asserisce che il discepolo deve camminare per arrivare, spingersi avanti con la forza del suo spirito al fine di ricevere la sua illuminazione. Il compiersi dell'illuminazione è pari al subitaneo schiudersi del loto o al ridestarsi del sognatore. Non è dato aspettarsi la fine di un sogno, ci si desta spontaneamente quando il sogno è finito. I fiori non si apriranno se ci si aspetta che s'aprano, ciò avverrà da sé quando il tempo sarà maturo. L'illuminazione verso la quale si procede così non si raggiunge. Essa verrà da sé, quando il tempo sia maturo.

Cristina Campo
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.

Di Carvelli (del 30/12/2009 @ 12:31:10, in diario, linkato 950 volte)
Finalmente dopo esserci inseguiti per giorni sono a casa s\di Veronica. Non la vedevo da 15 anni almeno. Ha tre figli e un nuovo compsgno da un mese che scopro di conoscere. Insieme a noi anche alberto e la compsgna. non sentivo parlare italiano da giorni. ieri serata weatern nippon. per fortuna senza spari ma ho rischiato. tanto tempo per pensare nel vuoto di cellulari, nel controtempo. tutto e qui. tutto e niente. ieri cenato con yuka e sua sorella. sono stato subissato di regali per gli amici italiani a shinanomachi. che festa!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/12/2009 @ 03:54:29, in diario, linkato 869 volte)
Mi tamburella nella testa. Se ti perderai ti troverai o se ti troverai ti perderai. Un film o un libro. Qualcuno. In prima istanza scelgo la prima istanza. perdere l io e trovare il se. La seconda e accetta il mistero. Accetto comunque. la gentilezza ovunque. un signore lascia la via del lavoro e i colleghi e mi accompagna a fare il biglietto. lo stesso una ragazza. lasciano quello che devono per accompagnarmi. due uomini zoppi e ben vestiti. 12milioni di abitanti quante possibilita di rincontrare le stesse persone? una ragazza a cui manca la falange del medio mi indica la fermata Shinjuku, ha un cerotto sul dito...forse l incidente e recente. stmamane vento. e non mi sono mai perso. come su una strda gia segnata per me.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/12/2009 @ 03:49:42, in diario, linkato 778 volte)
Questo il titolo di un articolo dell International Herald Tribune Asahi Shimbun di oggi. Parla di nuove tecnologie. Non non e abbastanza... Mi sono ricordato di un odore. Era un odore di una zia che arrivava da fuori dopo un viaggio notturno in corriera. Mi sono ricordato di quell ultima lacrima *di dispiacere? e ho sognato. Molto. Protetto dai grattacieli, dal cielo ovunque. Ho lasciato senza mai perdere. Questo il segreto della compresenza. Ho lasciato che tutto si depositasse qua dentro. Un piccolo affollato recinto di gente che non mi ha abbandonato e che non abbandono. Non basta neppure incontrare, desiderare. Bisogna tenere. Tengo.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/12/2009 @ 09:19:44, in diario, linkato 842 volte)

Lascio un cielo nuvoloso. Prendo una birra media e patatine fritte. Lascio un cane alla porta che mi aspetterà. Porto una canzone che canterò e ballerò al momento giusto. Lascio una gonna a fiori che nel frattempo saranno ormai appassiti. Porto il pensiero inflessibile del mio amore universale. E di quello un po’ particolare, inflessibile pure lui, che in parte lascio. Come lascio le sfuriate, le litigate, i musi lunghi, un bicchiere scheggiato, una sciarpa infeltrita. Prendo con me un altro po’ di pazienza, un sorriso che non meritavo, una carezza che ho immaginato. Lascio cartoline non spedite, non ricevute, non ancora stampate. Prendo un cappuccino caldo. Lascio un sorso di qualcosa, che non ricordo cosa fosse ma era alcolico, nel bicchiere. Porto un maglione che porto da anni, una fedeltà tutto sommato preziosa. Lascio quello che pensate di me ad altri che non lo pensano, e lo dico sia per il bene che per il male. Anche le lenzuola lascio, le lascio sporche che chi vuole sentire il mio odore lo senta sia che l’ha già sentito, sia che avrebbe voluto. Porto una cosa da dire sperando che ci sia tempo. Una cosa da fare, sperando di farla bene anche se non sarà giusta – si fanno spesso cose non giuste e non sempre è per averne del male. Lascio la speranza della pace, lì non mi servirà perché parto in pace, qualsiasi cosa possa essere successo, qualsiasi cosa possa ancora succedere. Porto un animale da compagnia invisibile che si siederà quando mi siederò, che si alzerà quando mi alzerò e andremo via insieme. Lascio tutto sommato molte cose da fare e molte già fatte. Qualcuna fatta male, d’accordo, ma che magari qualcun altro sistemerà – delle volte ho sbagliato pensando che fosse meglio fare che non fare ma ormai. Prendo un po’ d’aria, un po’ di caldo, un po’ di pioggia, un po’ di tempo. Lascio un sistema di fedeltà non so dire se utile o inutile e comunque lo lascio a chi servirà – a me è servito. Porto un thermos con qualcosa di caldo. Lascio il colore viola, un paracadute, un aquilone, una foglia – tutte cose che volano, differentemente da noi, senza sforzo. Metto un pacchetto di cracker che magari avrò fame. Lascio qualche volto poco sereno e anche la fiducia che cambierà, cambierà ne sono certo, siatene certi. Come sono certo che potranno cambiare tante altre cose che ora non cambiano nonostante tanto dolore. Porto un pezzo di carta e dovrò pensare bene a cosa scriverci. Starò attento a dire le parole giuste, a scriverne meno, anche se non potrò giurare di riuscirci e già sto andando contro i miei proponimenti. Così la chiudo qui e vada come vada.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/12/2009 @ 09:17:28, in diario, linkato 950 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/12/2009 @ 08:39:58, in diario, linkato 798 volte)

Questi gli auguri dell'altra madre che io ho Etain per il solstizio invernale. Una poesia di Milosz (Héron) che vorre diventasse una preghiera semplice per me e per le persone che amo. Un buon proposito buono di questi tempi.

 

L'amore significa imparare a vedersi
come si guardano le cose lontane
perché sei solo una cosa fra molte.
Chi vede così guarisce il proprio cuore,
senza saperlo, da vari mali -
un uccello e un albero gli dicono: Amico.
Dopo si desidera trattare se stesso e le altre cose
in modo che siano sempre nello splendore della maturità.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 24/12/2009 @ 08:36:23, in diario, linkato 808 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/12/2009 @ 09:30:33, in diario, linkato 840 volte)
Viviamo come in un film horror. Qualcuno a un certo punto è entrato dentro di noi. E ora non vuole più uscire. Avvertiamo questa presenza aliena. Desideriamo che esca da noi. Bramiamo essere liberati. La presenza ha diverse facce: un amore che non ci abbandona, un dolore che non ci lascia, un modo di pensare sbagliato, un atteggiamento che ci fa male, una chiusura. Tutto il film è retto dalla paura. Se abbiamo paura quell'elemento non esce da noi. E allora serve un esorcismo. Serve un aiuto esterno. Ma per quanto la fortuna possa munirci del miglior artefice, se abbiamo paura anche la formula di rito non funzionerà. Ecco alle volte penso alla nostra vita come a un film horror. Dove vince chi non ha paura. Da cui si esce solo quando smetti di averla. Bisogna chiudere gli occhi e pensare che tutto quello che pensiamo che sta dentro di noi è in realtà già fuori di noi o non c'è mai stato.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/12/2009 @ 08:47:12, in diario, linkato 805 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/12/2009 @ 16:10:52, in diario, linkato 909 volte)

Forest nell'intervista da me linkata giorni fa citava il Kierkegaard che dice che la sola cosa che un individuo possa fare per un altro individuo è di renderlo inquieto. E concludeva che la letteratura non ha valore se non inquieta il lettore. In Schulz (Le botteghe color cannella) c'è in appendice un'intervista in cui dice:  "L'arte, però, opera in una profondità anteriore alla morale, in un punto in cui il valore si trova ancora in statu nascendi. E' l'arte che, come espressione spontanea della vita, assegna compiti all'etica, e non il contrario. Se l'arte avesse solo la funzione di confermare ciò che è già stato stabilito, sarebbe inutile". Metto in relazione i due pensieri destabilizzanti. E invito alla lettura del libro di questo grande scrittore polacco. La sua è una scrittura preziosa che trasuda perfezione dalla normalità. Solo con l'apoteosi dei sensi nel racconto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 104 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pi cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








20/11/2019 @ 01:20:43
script eseguito in 505 ms