Immagine
 firenze... di Carvelli
 
"
Cosa cercano gli uomini nelle donne?/ il profilo del desiderio soddisfatto./ Cosa cercano negli uomini le donne?/ Il profilo del desiderio soddisfatto.

William Blake
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
WE#
Di Carvelli (del 30/11/2009 @ 09:14:46, in diario, linkato 793 volte)

WE#

5 libri ecco qua.

Felix Feneon - Romanzi in tre righe
Yasushi Inoue - Il fucile da caccia
Schulz - Le botteghe color cannella
Maupassant - I racconti (traduzione di Oreste Del Buono)
+1 regalo

2 treni (+macchina+moto+metro) follia affettiva che dura 1 ora più viaggi. Follia affettiva che dura un cappuccino, due ore di i-pod, ottanta pagine di libri (vedi alla voce LIBRI). Follia affettiva tutto sommato utile e inutile. E' il fiensettimana dei mezzi di trasporto. Come per stare in tutte lecasistiche di movimentazione.

2 film uno è Parnassus (cui segue festa...vedi all voce FESTA). Bello e onirico. Parliamo di Gilliam quindi tocca ricordare Brazil e nel ricordarlo un po' di nostalgia. L'altro è Su la testa. Peccato: film sbilanciato e diviso, con un po' di vuoto in mezzo, personaggi appena abbozzati, caricaturali (problemi di scrittura) e tanto sopra le righe (attori che si innamorano del loro personaggio e strabordano). Di questo regista avevo visto L'aria salata e mi era piaciuto. Come dire: secondo film con più soldi, meno ingenutità, più possibilità, più aspettative (personali e altrui). Il risultato manca un po' le coordinate di tutta questa attesa.

1 festa ore 24 arrivo. Una checca isterica vestita da donna bussa a tamburello alla porta di un bagno. Un altro disegnato a pennarello sulla faccia balla scatenato in un salone viola. Non ricordo niente altro che ridere, ridere.

2 paia di scarpe ovvero 4 di cui 2 stivali. Mi sento non dico un millepiedi ma un quadrupede sì.

1 nostalgia l'estate, la sabbia, una festa di paese. E fa tre!

1 consiglio se non vuoi veramente cambiare tieniti stretto quello che hai.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/11/2009 @ 09:14:27, in diario, linkato 801 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/11/2009 @ 08:46:20, in diario, linkato 831 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/11/2009 @ 16:58:22, in diario, linkato 825 volte)

Non sono stato buono e così non ho avuto nessun premio. Ma voi siete stati bravi e così un premio lo meritate. Un doppio premio. Pure con la panna se la volete. Un invito a spese vostre al cinema. E una canzone. Un piccolo duplice premio di consolazione o almeno consolatorio. Il film vi divertirà L'uomo che fissa le capre. Mi spendo perché sono stato a vederlo sabato sera con una combinata di differenze che mi ha fatto sorridere e gioire già di partenza, allo strappo dei biglietti. E tutti ci siamo divertiti di noi stessi e del film. Mi spendo perché sono andato a vederlo nonostante le recensioni negative di amici e affidabili visionatori. Ma io ho toccato con mano e mi sono divertito. Ecco. Infatti. Appunto. Ciao ciao.

Premio 1
">.

Premio 2
">.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/11/2009 @ 09:44:22, in diario, linkato 821 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 26/11/2009 @ 08:57:05, in diario, linkato 1158 volte)

Portiamo tutti e tre un Car nel nome o nel cognome. Io, C. e G. Ieri G. passa a sorpresa da casa mia. Ore 22: una roba così. E' andata da poco via F. G. mi racconta cose sue recenti. E mi stupisco del grande parallelismo in cui viaggiano le nostre tre vite. Da luglio io, C. e G. abbiamo fatto un giuramento, una specie di voto. Vite diverse, fatti diversi abbiamo deciso che qualcosa sarebbe cambiato e ognuno aveva di che cambiare qualcosa. A suo modo. Con una propria urgenza - propria in ogni caso. Ora siamo ad una svolta. Senza saperlo stiamo chiudendo o aprendo qualcosa, non so. E' successo. Non ce lo siamo detti. Diciamo che io che ho raccolto le confidenze di entrambi e ci ho sommato la mia me ne sono accorto per primo. E, di nuovo, non posso che dirmi stupefatto.

Leggo un raconto di Carver che si intitola LA MOGLIE DELLO STUDENTE. Parte così:

"Le aveva letto Rilke, un poeta che gli piaceva, e lei si era addormentata con la testa sul suo cuscino. Gli piaceva leggere a voce alta, e leggeva bene - con voce sonora e sicura, ora con un tono basso e cupo, ora crescente, ora penetrante".

Nel racconto la donna si addormenta. Poi si risveglia ma stavolta è lui che dorme e non c'è verso di svegliarlo. Mi addormento anch'io. Quando mi risveglio penso a Rilke e alle bellissime ELEGIE DUINESI. Alla prima elegia in particolare (che possiedo nella bella traduzione e cura di Franco Rella, BUR). Quella che inizia così:

Se pur gridassi, chi mi udrebbe dalle gerarchie
degli angeli ? E se uno mi stringesse d’improvviso
al cuore, soccomberei per la sua troppo forte presenza.
Perché nulla è il bello, se non l’emergenza
del tremendo: forse possiamo reggerlo ancora,
ed ammirarlo anche , perché indifferente
non degna distruggerci. Ognuno degli angeli è tremendo.
E mi trattengo così, e inghiotto l’appello d’oscuri
singulti. Ah! Chi possiamo allora chiamare in aiuto ?
Gli angeli no, gli uomini no, e i sagaci
animali lo notano già quanto noi inadeguati
siamo qui di casa nel mondo già interpretato.
Ci resta forse un albero là sul pendio, che ogni giorno
possiamo rivedere; ci resta la strada di ieri e anche
l’adusata fedeltà ad una abitudine, che in noi
si è rintanata, è rimasta, e non se ne andò.
Oh, e la notte, la notte, quando il vento colmo
di cosmici spazi ci corrode il volto – a chi mai
potrebbe mancare l’agognata , che sì dolcemente disillude,
essa, che di fronte al cuore solitario penosamente
si leva ? È forse più lieve agli amanti ?
Il destino lo nascondono soltanto l’un l’altro.
Non lo sai ancora ? Getta dalle tue braccia il vuoto
fin dentro gli spazi che respiriamo; forse gli uccelli
con volo più intimo sentono l’aria così dilatata.

Sì, le primavere ebbero bisogno di te. Di te cercava
qualche stella, chè tu ti mettessi sulle tue tracce.
Saliva attraverso il passato un’onda, o forse là dove
passasti, da una finestra spalancata, ti si offriva
un violino. Tutto questo era un compito. Ma tu, tu
lo potresti reggere ? Non eri forse, ancora una volta,
sempre disperso nell’attesa, come se tutto annunciasse
un’amata ? (Dove vorresti custodirla, che i grandi
pensieri stranieri in te vengono, vanno, e indugiano
spesso di notte). Se lo vuoi, canta allora le amanti;
non è ancora immortale il loro sentimento famoso.
Quelle che tu quasi invidi, le abbandonate, a te
più care delle appagate. Ricomincia sempre
di nuovo l’inattingibile celebrazione; pensa:
l’eroe rimane; anche il trapassare fu per lui
solo un pretesto per essere: la sua ultima nascita.
Ma le amanti l’esausta natura in sé le riprende
di nuovo, come non ci fosse più altra forza per
questo compito. Hai parlato abbastanza di
Gaspara Stampa, così che una qualche fanciulla,
cui sfugga l’amato, ne senta dentro di sé
entusiasmante l’esempio: e se come lei fossi io ?
Non devono forse alla fine questi così antichi dolori
diventare fecondi per noi ? Non è tempo che amando
ci liberiamo noi dell’amato restando frementi:
come la freccia, che è tesa alla corda, raccolta
nello scatto per essere oltre e più di se stessa.
Perché non c’è più luogo alcuno per stare.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/11/2009 @ 17:02:39, in diario, linkato 808 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/11/2009 @ 14:08:50, in diario, linkato 735 volte)
Che da così lontano guardi, vedi le facce strane che faccio, le smorfie, i denti che li stringo. Guarda ora che non hai altre cose da sbrigare, quelle cose lì tipo rassettare (da chi altro sentirò usare un verbo così dispositivo), cucinare. Tenere le ginocchia in terra e le mani a tutt'andare nella vasca. Lenzuola, lenzuola, sapone, sapone. Che sono diventato bravo a fare errori e a far finta di niente. A tenere nascoste le emozioni. Si diventa bravi a crescere. Ma io sono stato al banco tuo ed è il mio piccolo vantaggio. Quello degli occhi tuoi a piangere. Io so da te come si fa a stare in un angolo. A diventare invisibile se ti guardano. Niente mai stato così, anche da laggiù se guardi bene.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/11/2009 @ 09:53:38, in diario, linkato 840 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/11/2009 @ 09:06:21, in diario, linkato 763 volte)
Fa così la storia - come nella frase di Marx che campeggia random a fianco dei letti nell'apertura del sito - fa così la vita. Si ripresenta. La prima volta tragedia e ne soffri. La seconda farsa e ridi. Pensi di ridere. Non è un riso allegro, no. E' la tua vita in forma tetra che dispettosamnte rifà capolino con l'aria beffarda di chi ti lusinga con un sarcasmo mirando a uno scacco matto e, pensi alla fine, la sa lunga. E la sa lunga? Parrebbe di sì. Riniziamo da qui.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 258 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/11/2019 @ 22:43:35
script eseguito in 531 ms