Immagine
 Letto di L... di Carvelli
 
"
Fuggi da ogni grandezza: la vita nostra in una povera casa può andare oltre quella dei re e degli amici dei re. (...) la roba che non ci si adatta è come il calzare del proverbio che troppo largo ci inciampa e troppo stretto ci piaga.

Orazio
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 31/07/2008 @ 15:04:31, in diario, linkato 1091 volte)
"Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica". Stanno seduti al tavolino di un bar e un uomo più grande sta parlando ad uno giovane. Glielo sta dicendo: "Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica". Qualcosa non mi torna nella frase e me la ripeto a ritmo continuo.  Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica Tu sei a digiuno di vendita e di cosmetica. E' come se volessi capire se ha significato e quale. Penso a tutte le volte che mi hanno umiliato e a come ho reagito. Penso alle umiliazioni fatte e subite. Ma anche a quelle non riuscite.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/07/2008 @ 12:24:17, in diario, linkato 1043 volte)

I bagni qui in ufficio, dopo che uno ha tirato lo sciacquone, espellono un fiotto blu di prussia. Sembra quasi che qualcuno ha rotto una boccetta d'inchiostro nella tazza. Ma fin qui... Poi si sprigiona un odore di mentolo - che sta tra colluttorio e dentifricio (è comunque uno stimolo odontoiatrico) - che mi mette una nausea associativa, psicologica, come se fosse una specie di effetto dissolvenza incrociata di una bocca. Forse qualcuno prima di me avrebbe dovuto pensarci. E invece rischio di essere io l'incolpevole estensore di questa sovrapposizione indigesta.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/07/2008 @ 09:15:27, in diario, linkato 1262 volte)

Perché i camionisti che trasportano legname si alzano prima degli studenti zen

Nell’alto sedile, prima dell’alba, oscurità,
I mozzi tirati a lucido brillano
E la splendente marmitta diesel
Produce calore e vibra
Su per Tyler Road, in salita,
Fino ai tagliaboschi di Poorman creek.
Trenta miglia di polvere.

Non esiste un’altra vita.

 da L'isola della tartaruga - taraduzione C. D'Ottavi

 

 

 

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/07/2008 @ 15:55:27, in diario, linkato 1281 volte)

Love 20 cents the First Quarter Mile


All right. I may have lied to you and about you, and made a
few pronouncements a bit too sweeping, perhaps, and
possibly forgotten to tag the bases here or there,
And damned your extravagance, and maligned your tastes,
and libeled your relatives, and slandered a few of your
friends, O. K. ,
Nevertheless, come back.

Come home. I will agree to forget the statements that you
issued so copiously to the neighbors and the press,
And you will forget that figment of your imagination, the
blonde from Detroit;
I will agree that your lady friend who lives above us is not
crazy, bats, nutty as they come, but on the contrary rather
bright,
And you will concede that poor old Steinberg is neither a
drunk, nor a swindler, but simply a guy, on the eccentric
side, trying to get along.
(Are you listening, you bitch, and have you got this straight?)

Because I forgive you, yes, for everything. I forgive you for
being beautiful and generous and wise,
I forgive you, to put it simply, for being alive, and pardon
you, in short, for being you.
Because tonight you are in my hair and eyes,
And every street light that our taxi passes shows me you
again, still you,
And because tonight all other nights are black, all other hours
are cold and far away, and now, this minute, the stars are
very near and bright.

Come back. We will have a celebration to end all celebrations.
We will invite the undertaker who lives beneath us, and a
couple of boys from the office, and some other friends.
And Steinberg, who is off the wagon, and that
insane woman who lives upstairs, and a few reporters, if
anything should break.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/07/2008 @ 09:11:49, in diario, linkato 982 volte)

L'altroieri all'inaugurazione della casa per i rom del progetto-stalker Savorengo Ker. Ecco un servizio: www.romauno.tv/newsvideo.php?id=3182
Festa
di inaugurazione. Cena. Giri in motorino a turno con i bambini. Dentro la casa, tra le case. Del Casilino 900 uno dei campi più grandi (forse d'Italia). Non è un bel momento per parlare di Rom, per fare una riflessione serena. Non lo è neanche per ragionare sulle associazioni che se ne occupano, sui progetti in campo e forse lo spiazzamento di questa idea di casa a costo minore dei disumani e concentrazionari container è la cosa giusta per andare oltre alle polemiche inutili.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/07/2008 @ 16:48:12, in diario, linkato 1059 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/07/2008 @ 09:23:04, in diario, linkato 1018 volte)

"La guardò e per un momento lei visse nel luminoso mondo azzurro degli occhi di lui, con curiosità e fiducia. Poi lui si mise in spalla le ultime suppellettili e andò nella sua macchina, e Rosemary uscì dall'acqua, scosse l'accappatoio, e s'avviò verso l'albergo".

Leggo questa frase da Tenera è la notte di F. Scott Fitzgerald. La mia è una vecchia edizione comprata da poco su una bancarella di Porta Portese. E' tutta ingiallita e manda quell'odore dolce di carta vecchia. Dico sempre miele quando ci penso ma non è. Caramello? Non so. Forse è solo "odore di carta di libro vecchio". Un libro che porta in testa "55° migliaio" e il disegno di una ragazza sul bagnasciuga. E il libro inizia così. Su un bagnasciuga.

Catalogo degli animali: formiche, formiche, formiche, formiche, formiche, formiche, formiche, formiche, formiche, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare, zanzare.

Catalogo dei desideri e delle attese: mare, prato, sabbia, piscina, fare colazione in un bar al porto.

Catalogo delle cose non dette:...

Catalogo dei colori: arancione e/o salmone, viola, verde.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/07/2008 @ 17:24:58, in diario, linkato 946 volte)

Ormai è così. Leggo questo blog dall'altra parte del mondo e penso. Chissà che succede a Trinidad e Tobago. Ecco, cosa succede. Da stillwavesinyoureyes.blogspot.com/

sabato 26 luglio 2008

Terry's Philosophy

 
Erano le cinque del mattino ed eravamo in macchina, solo io e lei. Mi aveva telefonato all'una di notte, chiedendomi dove fossi. Ero appena rincasata da un venerdi' sera senza infamia e senza lode al Coco Lounge, locale etseticamente gradadevole sulla Avenue, pieno di gente incamiciata dalla pelle chiara. Il posto sull'isola che piu' potrebbe somigliare a un locale di Milano, con le ovvie differenze. Con mia grandissima sorpresa, quell'ambiente mi aveva irritata da morire. L'avevo trovato cosi' ovvio, cosi' provinciale, cosi' vorrei-ma-non-posso. Dopo aver tentato di sfuggire alla noia abissale lasciando che un sedicente artista mi offrisse da bere, ho convinto la mia amica a rincasare.

Stavo aprendo la mia terza serratura quando ha chiamato Terry. Hai voglia di andare a ballare? Ho esitato un secondo, poi ho detto si'. Bisogna sempre dire di si'. Mezz'ora dopo ero allo Zen, a controbilanciare la serata con uno spettacolo opposto a quello che avevo assistito fino a quel momento. "Ecco dove vanno tutti i ragazzi neri il venerdi' sera", mi sono detta entrando. La discoteca enorme fa sempre uan certa impressione. Musica techno, un sacco di gente, ambiente dodgy. Luci colorate, coriandoli che piovono dall'altro, fumo bianco sparato ovunque. Il solito bacchanal di danze erotiche. Giovani che si divertono, giovani ubriachi, giovani che ti ballano addosso. E tu ci balli insieme, che e' tutto allenamento per il prossimo Carnevale. Io e Terry ci siamo divertite. Sorridevamo a tutti. Ballavamo con tutti.

Eravamo in macchina, esauste. Mi stava riaccompagnando a casa. "Hai presente quel ragazzino con la maglietta bianca, quello che praticamente e' diventato nostro amico?", mi ha detto. Si', avevo presente. "Non se lo aspettava, che fossimo simpatiche con lui. Non e' normale che una ragazza bianca e una ragazza alta, magra e red diano retta a un ragazzo nero. Questi ragazzi provano a parlarti sapendo gia' che verranno allontanati. E invece hai visto? Noi ci siamo divertite con loro". Io annuivo in silenzio, cominciavo a comprendere queste dinamiche. "Ma sai Vivi, io ho una filosofia di vita". Ha continuato lei. "Se quando parli con una persona, con qualunque persona, anche con un ragazzo in discoteca. Se mentre le parli la fai sentire come la persona piu' importante del mondo..." Ha fatto una pausa sorridendo, e poi ha completato la frase in modo candidissimo, ingenuo da non crederci. "Allora tutti saranno felici".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/07/2008 @ 09:57:04, in diario, linkato 993 volte)

Mi scrive P. che il suo vicino è persona silenziosa e sorridente. La moglie è invece irascibile. Spunta da casa e si lamenta, strilla, dice che non riesce a dormire per i rumori. P. chiede al marito di lei che nega. M. e G. dissentono anche loro con P. del post precedente "Più cose contemporaneamente" di cui questo vuole essere un parziale emendamento.

Dove è scritto "Le donne fanno più cose contemporaneamente: stirano e pensano a cosa faranno per cena, mentre candeggiano una camicia, mentre puliscono una bocca. Mettono a scaldare il latte e caricano la macchinetta del caffè. Fanno la lista della spesa, vanno al lavoro, organizzano la casa e non vanno a dormire subito: c'è sempre qualcosa che è avanzato." aggiungasi "litigano e fanno pace".

Dove è scritto: "Le donne fanno più cose contemporaneamente: amano due persone di un amore identico o diverso ma entrambi forti. Le donne amano di più. Pensano di più a questo o questi amori. E poi combattono per questi amori. Le donne fanno tutto meglio. Persino tradire è un fare bene. Avere dei figli, amarli. Avere un marito, amarlo".  aggiungasi "Sono irascibili e testarde come morbide e tolleranti. Sono inflessibili sovente. Amano di più e certe volte non è un bene né verso i mariti né verso i figli. Perché anche quell'amore è testardaggine e capziosità. Spesso è che è un ego raddoppiato (o raddoppiabile) che non aiuta il senso dell'insieme... del noi, del tu. Degli altri insomma ".

Per il resto valga quanto già scritto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 25/07/2008 @ 14:42:32, in diario, linkato 1049 volte)
C'erano tempi così, durante i quali romantico significava cose come queste che uno si diceva e qualcuno le cantava. O era viceversa? Io, allora, non avevo il tempo giusto per dirle ma mi domando se quello fosse stato il mio tempo come sarei adesso, come avrei scaricato la versione 2.0 di quel senso di romantico che poi non esisteva più.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Ci sono 626 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








14/11/2019 @ 05:58:27
script eseguito in 423 ms