Immagine
 Il letto di Padova... di Carvelli
 
"
Ho incontrato molte persone importanti nella mia vita, ho vissuto a lungo in mezzo ai grandi. Li ho conosciuti intimamente, li ho osservati proprio da vicino. Ma l'opinione che avevo di loro non è molto migliorata.

Antoine De Saint-Exupéry
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 18/11/2010 @ 10:04:14, in diario, linkato 442 volte)

Spiaggia è una parola, lontana. Oggi. La dico sottovoce, tra me e me. Per essere sicuro che nessuno mi senta. Spiaggia: penso e dico tra me oggi. La dico piano perché non so se, alla fine, mi va di andarci veramente con qualcuno. O da solo. Ancora non so. Magari è solo per ricordare. Qualche mese fa. O anni fa. Un posto preciso. Penso spiaggia e alla fine mi viene pure voglia di andarci. Alle volte, anche se non sempre, le parole sono (o diventano) proprio le cose che dicono.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/11/2010 @ 08:59:53, in diario, linkato 514 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/11/2010 @ 11:44:32, in diario, linkato 502 volte)

Ho smesso di credere al caso come si smette di fumare. All'improvviso non ho più comprato il pacchetto. Eppure ho spesso voglia di fumare. Spesso, se vedo gli altri accendersi una sigaretta, sono tentato di chiederne una. Anche se so che nuoce gravemente alla salute. Anche se so che è un brutto vizio, anche dispendioso. Ho smesso di credere al caso, alle coincidenze. Si può dire che sono fuori pericolo. Di tempo ne è passato e davvero si potrebbe dire che ormai non fumerò più. Anche se è un campo in cui anche la scienza mette molti “forse”. Eppure sono fermamente convinto che non mi farò ingannare dalle fatalità come se fossero un prodotto autonomo di un’imperscrutabile volontà superiore, o inferiore. Insomma, se avrò la forza di dire sempre no un giorno guarderò al me che credeva nel caso con un po’ di compatimento. Come si parla a distanza di uno che ha avuto un brutto vizio o un male da cui è guarito. Ma anche i medici su questo avanzano continui allarmi di recidive. Che vizio stupido che avevo, penserò. E quando vedrò gli altri accendersi un “che coincidenza!” li guarderò con quella pena che si ha verso chi non riesce a fare a meno di qualcosa che gli fa male. Solo talvolta, in giorni un po’ speciali, penserò “cavolo, se fumassi ancora… a quest’ora mi accenderei una bella sigaretta e chissenefrega di tutto…” Ma resisto. Resisterò, lo so. E resisto, resisterò perché ho sufficienti prove nel tempo per poter pensare così. Il Caso non esiste, le Coincidenze obbediscono in realtà a una meccanica – a volte a me incomprensibile – che però dà sempre risultati probabili e avvicinabili.

 

 

Ho pensato tutto questo ieri osservando il mio gatto Google. Un gatto trovato e per giunta ineducato (prima dalla Natura e poi da me). E anche se andrebbe da sé, un gatto autonomo in maniera anche più autonoma dell’autonomia della specie. Non posso pensare che non mi voglia bene. Come molti – per fortuna non solo animali –  mi ha mostrato nel tempo di volermene. E’ il modo di quel “volere” che non mi è del tutto chiaro. Rarissimi accessi di dolcezza, commoventi, appaganti, in mezzo a una continua aria di sfida, litigiosità, competizione. Sta lì che sembra dirmi “conquistati il mio amore, la mia fiducia”. E tutto questo, purtroppo, non è la prima volta che accade nella mia vita. Tutto questo è la mia vita. Ragion per cui ieri ho ripensato al Caso come al continuo e inflessibile ripetersi di un evento speciale ma singolare (e proprio) che abbraccia tutta la mia vita indipendentemente da qualsiasi scelta ma con regolarità. Forse se stessi attento riscontrerei questa associazione di leggi nella crescita delle mie piante, nel rapporto con il droghiere, nell’acquisto delle moto, nella scelta dei vestiti.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/11/2010 @ 10:33:05, in diario, linkato 497 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/11/2010 @ 15:56:03, in diario, linkato 658 volte)

Premetto che non ho nulla contro il cetriolo in sé. Né come concetto assoluto né come concetto reale. L'ortaggio, il nutrimento. Il vantaggio del suo basso contenuto calorico. Il fatto che so che alcuni sono intolleranti allo stesso come al cocomero eccetera. Saussurrianamente potrei pure distinguere significato e significante e non mi sfugge il fatto che sia una limpida metafora per altro. Metafora che non mi è avulsa. Come metafora, come giro di parole per dire cose sgradevoli (e qui parlo per me). Metafora che ritengo pure di aver usato e forse talvolta abusato. Con ingenuità e infantilismo. Sono consapevole altresì che ne esiste un uso strumentale e che tale uso (improprio) sia scandaloso per alcuni. Eppure fino a qui ho pieno rispetto e non mi scandalizzo. Tutt'altro. Ma - e non credo che sia qui la prima volta che lo manifesto - mi irrita l'uso del sesso in pubblicità. Non mi piace. Ma non perché mi irriti in specie morale o tocchi una sfera pudica. No, mai. E' solo che non mi piace l'associazione sesso/vendita. E non voglio allargare il campo: non parlare di strade, né di politica, né di leggi di tutela. E di certo c'è un discorso "femminile" che non posso far finta di ignorare. Ma al di là di qualsiasi di questi discorsi e fatto salvo qualsiasi uso secondo o terzo di quell'ortaggio di cui sopra mi piacerebbe che chi vende maglioni, macchine, merendine, salotti o cucine quello vendesse. E magari anche lo status symbol di quello ma non il privato in quello. Ma viviamo un'altra stagione e, fuori stagione, e fuori contesto, sappiamo ora che il privato (l'iperprivato) è sempre più pubblico e pubblicizzato. E questo non mi piace. Proprio perché amo pervicacemente il privato tra l'altro confermandomi nel fatto che esista questa parola opposta a un'altra che qui riutilizziamo noiosamente e un po' indispettiti: pubblico.

Di seguito la querelle.
www.affaritaliani.it/coffeebreak/sisley_modelle170910.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/11/2010 @ 15:50:33, in diario, linkato 498 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/11/2010 @ 09:12:35, in diario, linkato 434 volte)

Questa notte ho ripreso a leggere Vasilij Grossman. Verso pagina 80 c'è una lettera bellissima di una madre a un figlio. Ci sono punti molto belli come quando la donna descrive la visione di un gruppo di ebrei per strada distinguendola da altri gruppi umani sulla strada. E' bello quando esprime la peprlessità sulla morte annunciata di uomini che sanno fare bene mestieri. Come se non si capacitasse. Ma la frase che mi ha colpito (e in fondo sta bene addosso a queste meditazioni) è questa:

Qui ho capito che la speranza  non ha quasi mai a che vedere con la ragione, che la speranza è illogica e, credo, figlia dell'istinto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 16/11/2010 @ 09:10:11, in diario, linkato 460 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/11/2010 @ 15:23:09, in diario, linkato 423 volte)

Molti anni fa tenevo in mano un libro di Raymond Carver. Erano molti anni fa e non c'era ancora minimum fax a cui la fortuna italiana di Carver dovrà sempre moltissimo. Era una riunione di redazione di una rivista appena nata a cui partecipavo e una tipa doveva aver capito male il mio nome così mi chiese "è il libro che hai scritto tu?". Il libro era della Pironti, un libro di poesie appena uscito che recensivo e che ho ancora insieme con l'intera MinFax collection dell'autore e a qualche garzanti. Le ripubblicazioni einaudi per quanto belle non mi tentano (così come per John Fante rimango legato a Marcos y Marcos) ma ho preso in prestito dalla biblioteca l'antologia ultima dell'autore americano (destinata da Carver stesso a raccogliere il meglio dei suoi racconti), Da dove sto chiamando . Ho letto tre racconti. Uno si intitola Intimità ed è la storia di un tipo che va a trovare la sua ex moglie dopo 4 anni e alle 9 del mattino in casa di lei (il nuovo compagno fuori per lavoro). E' sempre duro il rapporto con le ex sarà che qualcosa rimane, per dirla con De Gregori, tra le pagine chiare e le pagine scure (era così?). Carver rende con perfezione questa atmosfera ibrida ma sentimentale. Che è tutta in un "Dice:" con cui vengono presentate le affermazioni della donna. A voi un brano che si conclude con una strepitosa battuta:

"Non ci stringiamo la mano e neanche ci baciamo. Mi fa accomodare in soggiorno. Appena mi siedo, mi porta un caffè. Quindi comincia a tirare fuori tutto quello che le passa per la testa. Dice che le ho causato un sacco di angoscia, l'ho fatta sentire inerme e umiliata.
Non c'è da sbagliarsi, mi sento subito a casa".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/11/2010 @ 14:41:12, in diario, linkato 528 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1556 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








27/09/2020 @ 16:11:12
script eseguito in 649 ms