Immagine
 il letto di Federica... di Carvelli
 
"
In un certo senso, avere una dipendenza è sinonimo di intraprendenza. Una bella dipendenza come si deve toglie alla morte l'elemento sorpresa. Perciò si può progettare la propria fine, eccome. (...) La verità è che il sesso non è sesso se ogni volta non lo fai con un partner diverso. La prima volta è anche l'unica in cui uno c'è dentro completamente, con la testa e con il corpo.

Chuck Palahniuk
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 07/10/2008 @ 12:29:03, in diario, linkato 585 volte)
"Mia gentile carogna". Lascia che ti parli così. Lascia che sia sincero e che butti giù questa coltre di bugie dolci che mi apparecchi davanti al viso. Eh sì non è più il tempo del miele, non posso più cibarmi di queste tue seduzioni zuccherine senza mentire a me stesso e sentire la caduta della stupidità. I tuoi malesseri infiniti e le tue finite manifestazioni di debolezza sono alla corda. Ti do una nuova apertura di credito. Faccio finta ancora che sei buona, che non sei cresciuta da quella bambina con le code bionde che ricordo decine di anni fa. Allora una piccola marachella poco pesava ora è una coltellata anche se mi chiedi scusa e levi la tua mano sporca di sangue stupita quasi del tuo fendente distratto e sorridi.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/10/2008 @ 09:51:52, in diario, linkato 605 volte)
"Ehi dico a te merda, mi senti, dico a te". Dice che mi riescono meglio i dialoghi. "Sembri Tarantino". Non si offende, no. Alla fine ci facciamo una risata su. "Ehi dico a te merda, mi senti, dico a te": dobbiamo molto al cinema, anche alla televisione sì. E dopo devi accettare che tutto questo sia così. Un po' brutale. Un po' cattivo. E' così. Un po' più a strappi di una volta. Più su una frontiera di rabbia e spari di offese. Come in un film. Di Tarantino.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/10/2008 @ 09:29:13, in diario, linkato 545 volte)
Dove sono finiti questi chili? E cosa c'era dentro? Cosa si è perduto? Cosa resta? In dieci chili c'era qualcosa che ora non c'è e non è la sostanza specifica di questa mancanza (grassi, liquidi ecc). Altro manca. Altro è andato via e senza neppure avvisare. Non è come con le taglie: una di meno, due di meno. Una specie di metro secondo. Qui qualcosa è sparito e cercarlo appare quasi inutile, fuori dalla storia.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/10/2008 @ 09:26:16, in diario, linkato 611 volte)
La casa di cui parliamo non esiste. Voglio dire, quella casa non c'è. Sei tu che la dici, la immagini. Io ne immagino un'altra. Non è la stessa casa quella di cui parliamo eppure ne parliamo come se fosse una. Quella. Ma non torna. Stanze spostate, mobili diversi: come se parlassimo di due case ma è una. Una che non c'è e che non potrebbe esserci nella realtà di tutte le nostre incongruenze.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 02/10/2008 @ 18:11:46, in diario, linkato 596 volte)
Perdo il mio tempo. Con (segue elenco). Per (segue elenco) Perdo il mio tempo inutilmente e per nessun ritorno. Perdo il mio tempo, regalo il mio tempo. Perdo il mio tempo e sorrido e stringo la mano. Perdo il mio tempo con la falsità malcelata nelle facce buone (ne sono circondato). Perdo il mio tempo nel sorridere di quella bontà, nel compiacermene. Perdo il mio tempo e basta Forse basterebbe utilizzarlo un po' meglio per non essere ora qui a dirselo "Perdo il mio tempo".
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 02/10/2008 @ 12:14:41, in diario, linkato 595 volte)
Capire, non capire, sapere non sapere. Spiegare e correggere. Eccola la commedia umana. Tragica e ridicola. Rappresentata coi difetti dei pupazzi, grossolano espressionismo per risate e pianti facili. Che tristezza tutta la nostra piccolezza, la rappresentazione fatua della nostra grandezza. Dell'intelligenza, del potere, delle capacità. Sì, la commedia umana.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/10/2008 @ 15:05:11, in diario, linkato 619 volte)

Da Nuovi Argomenti, da Il primo amore...

12. Che il meglio sia nemico del bene, lo sostenne Voltaire in una sua poesia. Bisognerebbe tuttavia precisare che il filosofo francese, per rafforzare la propria affermazione, l'aveva attribuita a un nostro compatriota: "Dans ses écrits un  sage Italien / dit que le mieux est l'ennemi du bien". Ovvero: "Nei suoi scritti un saggio italiano / dice che il meglio è nemico del bene". Non so chi fosse la fonte di tanta sapienza, ma è già una soddisfazione immaginare i nostri antenati decisamente più avveduti di noi. Il perché è presto detto, e ci riporta dai cieli del pensiero, alla terra, e più in particolare al risorto problema delle centrali atomiche.
Il motivo per cui diffido del nucleare risiede appunto nell'esempio di Voltaire. In una società incapace di dividere i resti umidi da quelli cartacei, prostrata da incompetenza e corruzione, come sperare nella complessa manutenzione di un impianto? Anche senza affrontare la questione sollevata dallo smaltimento delle scorie di uranio, è ovvio che l'Italia andrebbe trattata alla stregua di quegli "stati canaglia" cui viene proibito l'accesso al nucleare, e questo non per dichiarata aggressività, ma per conclamata insipienza. Non sarebbe più auspicabile dedicarci a sistemi eolici o solari, facilmente controllabili anche con la nostra scarsa affidabilità tecnica e il nostro inesistente senso civico? Questo intendeva dire l'antico motto "il meglio è nemico del bene", nato da una tradizione che da noi sembra ormai tristemente declinata.

www.ilprimoamore.com/testo_1101.html

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/10/2008 @ 08:50:09, in diario, linkato 595 volte)
Con che devozione scrivi. Come sei fedele. Mi pari un sacerdote. Se non ti piace, un monaco. Con che spirito sei lì a ticchettare. Persino esili ti si sono fatte le mani che persino viene difficile pensare che mani come le tue possano stringere altre mani, toccare il corpo di una donna, sollevare pesi. deve venire ora qualcuno lì a da te a sollevarti quel pacchetto leggero che porti dall'alimentari. E che sguardo sereno e pensoso che hai. Sono passati venti anni e non ti riconosco più. I libri ti hanno cambiato il corpo. Prima pensavo il contrario. E ora? Cosa cambierà ancora. Ora e fra vent'anni.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/09/2008 @ 18:01:08, in diario, linkato 1067 volte)
La distanza da qui a casa è esattamente otto minuti. Ho otto minuti. Otto pensieri. Otto cose da vedere. Otto ricette per la cena. Otto cose da salvare di questa giornata. Inizio da ora. Faccio che siano pensieri felici, momenti leggeri. Incominciando dai prati. Incorniciando i prati e l'acquedotto. Otto volte felice. Otto volte sereno. Otto volte. Non una di meno. Prometto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/09/2008 @ 09:21:59, in diario, linkato 1243 volte)
Oggi ho messo una giacca di plastica trasparente per confondermi con lo schermo del PC e rifletterne le luci. E' sempre un grande successo per un'azienda avere impiegati riflessivi e d'altronde il camaleontismo deve rimanere patrimonio di tutte le specie animali noi compresi.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5764 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/09/2020 @ 09:51:13
script eseguito in 680 ms