Immagine
 Letto di pescatore a Comacchio... di Carvelli
 
"
Dunque, poiché la cosa della quale si parte in cerca non può né deve avere un volto, come riconoscere i mezzi per raggiungerla se non dopo averla raggiunta, e che mai potrà essere la meta se non una meta apparente? Un precettore orientale non parla diversamente, là dove asserisce che il discepolo deve camminare per arrivare, spingersi avanti con la forza del suo spirito al fine di ricevere la sua illuminazione. Il compiersi dell'illuminazione è pari al subitaneo schiudersi del loto o al ridestarsi del sognatore. Non è dato aspettarsi la fine di un sogno, ci si desta spontaneamente quando il sogno è finito. I fiori non si apriranno se ci si aspetta che s'aprano, ciò avverrà da sé quando il tempo sarà maturo. L'illuminazione verso la quale si procede così non si raggiunge. Essa verrà da sé, quando il tempo sia maturo.

Cristina Campo
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 09/11/2007 @ 14:57:05, in diario, linkato 1171 volte)

Rubo un po' di corda scorsoia dal sito di Mattatoia.

Claudel, tornando dall'Estremo Oriente, mi diceva quanto fosse turbato dallo spreco in Francia.
Mia madre mi insegnava a vuotare sempre il bicchiere di sidro prima di alzarmi da tavola e a non prendere mai più pane di quanto potessi mangiarne.
Di sicuro qualcosa di quell'idea di economia sopravvive in questo urgente bisogno di misura che sento.

Chi scrive è André Gide e il prezioso volumetto da cui sono tratte queste frasi è meritevolmente pubblicato dalla Archinto col titolo - d'accordo non invitante ma il suo - Consigli a un giovane scrittore. Il tema dell'economia mi è vicino e così pure l'idea dello spreco. Ma è un tema non il suo svolgimento un po' ovvio, un'idea non la sua conclusione e trovo bello che la meditazione sulla scrittura di Gide parta da qui.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/11/2007 @ 11:52:01, in diario, linkato 791 volte)

E' un bel sogno. Sono in macchina. Guido. Da solo. Non so come ma penso che la via che percorro sia la via Salaria andando da Roma verso fuori. A sinistra scorrono campi seminati. L'impressione è quella di scorrere lo sfondo di tele come Guidoriccio o la Gioconda.

Mentre a destra (lato passeggero, vuoto) passo venditori di pentole di rame, ceramiche (come può acccadere dalle parti di Deruta). Ma la strada è in leggera discesa e questo dà un senso sottile di possesso come se andare fosse un dominare. La strada va e io continuo a guidare. Il sogno è andare (non guidare: non c'è stanchezza, senso del pericolo o cose così). E il sogno è bello. Il risveglio lo è. Sereno. Come se sognare fosse stato autovaticinarsi una serenità. La serenità di chi procede senza paura e senza ostacoli.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/11/2007 @ 15:31:46, in diario, linkato 666 volte)
Sopra è aperto. Siamo ognuno in una cabina ma sopra è aperto. Ci parliamo per stanza. A rimpalli. Cose stupide per lo più: palle corte se dovessimo parlare per tennis. Battute facili comunque. Ognuno sta sul suo lettino con la fisioterapia adeguata. Nel frattempo succede poco. Qualche frase, qualche confessione di stupidità, di semplicità. E' tutto molto confortevole. Tutto. Nessuna parola ha la forza di offenderti, ferirti. Forse neppure di farti pensare. O così sembra. Piuttosto ci sono cose senza ragione, senza interesse, forma. Niente di troppo pensoso. La signora autoironizza sulla sua bruttezza "magari mi violentassero". Tutti ridono. Non avrebbe senso altrove questa comicità.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/11/2007 @ 14:33:46, in diario, linkato 757 volte)

Certe volte mi piace immaginare le piccolezze di cui siamo artefici o vittime dinanzi all'implacabilità del giudizio del fuoco. Le piccole fughe, quelle infingardaggini da bambini o bambine, il dito davanti al quale nascondiamo il nostro corpo enorme, le nostre malefatte, i nostri piccoli interessi che proteggiamo - piccoli e li proteggiamo. La fortuna di non essere mai messi davanti ad un contraddittorio. La certezza, anzi. L'abuso di quel nostro piccolo potere. Ho davanti ai miei occhi quelle facce tronfie della loro sicurezza. Le conoscete no? Avete presente? Quelle facce lì: tutte piene di birignao, della loro non-etica dell'etica come se bon ton e saper vivere coincidessero con la teoria e non piuttosto con una buona presentazione/introduzione della teoria. Certe volte - non sempre - immagino quelle facce lì, davanti alla giustizia, all'etica del fuoco. Che facce farebbero? Ancora birignao? Ancora "buon gusto", parole così? Chissà!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/11/2007 @ 09:19:47, in diario, linkato 789 volte)

Succede e non succede: il mare non mosso, il sole. Il mare mosso,
le nuvole, allattare i bambini, addormentarli. Il cane che ha fame, che
fa il bagno. La casa di Barbie, il vestito di Ken. I fogli all'acqua. Niente.
Il fuori-stagione, il fuori-copione. Acqua salata, Acqua che non c'è. Che
poi c'è. Non anelli. Non collane. Né cavalli. 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/10/2007 @ 17:16:31, in diario, linkato 1629 volte)
Anche magari per ricordare Genova in un modo migliore e anche perché ho finito una quasidefinitiva stesura di una cosa nuova che nasce da un impulso suo che voglio ricordare una persona a me cara. Fulvia Bardelli. Il nucleo centrale di quello che oggi ho finito di lavorare è una cosa che lei lesse (e che poi uscì in rivista) ben dieci, quindici? anni or sono. Da allora ho continuato a mettere mani a quel corpus di cose famigliari che oggi è più gonfio e tumefatto, più vissuto e sofferto. Fulvia fu una delle persone che mi incoraggio di più alla scrittura. Lesse quel racconto (ma per me era già - nelle intenzioni - il capitolo di qualcosa di più ampio) e mi chiese di leggere altro. Poi ci conoscemmo e più di qualche volta ci siamo visti. Alla fine - non mancavo mai passando per Genova per varie situazioni di cercarla - ci saremmo incontrati quasi cinque volte. Una volta anche a Roma quando lavorava per il Teatro Modena ed era in trasferta. Due cose non voglio dimenticare - la seconda è l'incoraggiamento che ho detto - la prima è il pranzo in un baretto di Sampierdarena. Forse quaranta minuti forse meno. Lì, per l'ultima volta, per la prima volta, conoscevo tutta la sua vita come se fosse un testamento, il rantolo di una disperazione che dovevo mandare a memoria come fossi una spia che dopo deve distruggere le prove e conservare a mente una lezione che forse gli salverà la vita al momento opportuno. Forse non è ancora oggi - oggi che ho finito di scrivere da quel racconto un romanzo breve - ma sentivo di ricordarla così. Oggi. Fulvia Bardelli.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/10/2007 @ 17:10:19, in diario, linkato 1372 volte)

Approfitto di questa bella poesia di una poetessa (di lingua) slovena Vanja Strle per segnalarvi la bella rivista-sito di Alessio Brandolini Fili d'Aquilone (www.filidaquilone.it).

 ZAKAJ JAZ BIVAM
Veš,
jaz bivam zaradi ljubezni.
Ta ljubezen,
zaradi katere jaz sem,
je kot piramida
grajena.
Njena ploskev je široka
kot prostor
med svetovi
in njen vrh
nima konca.

Delam in zidam to ljubezen,
ki je moje edino delo.
Delam in zidam
in bivam - zaradi ljubezni.


PERCHÉ ESISTO

Sai,
io esisto per merito dell'amore.
Questo amore
a cui debbo l'esistenza
è costruito
come una piramide.
La sua base è larga
come lo spazio
tra i mondi
e il suo vertice
non ha fine.

Mi applico e costruisco questo amore
che è la mia unica opera.
Mi applico e costruisco
ed esisto - per merito dell'amore.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/10/2007 @ 16:29:24, in diario, linkato 1263 volte)

Segnalo l'interessante intervista di Giovanna Zucconi a Silvia Ballestra, uscita su Tuttolibri di sabato scorso. L'inizio. Il resto qui.

Succede tutto prima dei
vent'anni, diceva Flannery O'Connor
e dice Silvia Ballestra. Sarà
forse perché di anni ne ha trentotto
che Silvia è così tosta e così
d'altri tempi, o anzi una tosta
d'antan (visti questi, di tempi, è
un complimento massimo). Nelle
piccole cose e nelle grandi, quando
parla della sua formazione underground,
di femminismo, o
quando dice che ogni volta che
esce per comprarsi un golf, perché
li ha tutti a pezzi, torna a casa
senza maglioni ma invece carica
di saggi e romanzi. «Finisco sempre
in libreria, come i cavalli che
tornano alla stalla».
Quale libreria?
«In una Feltrinelli, anche se mi secca
dirlo perché non mi piacciono
più. Negli anni in cui abitavo a Bologna
andavo in quella di piazza Ravegnana,
dove Romano Montroni e
gli altri erano bravi librai. Non è più
così. Una volta le vetrine erano piene
di piccoli editori, adesso sono
vendute alla monomarca. È un
grande dolore».
Silvia Ballestra non ama il mainstream.
Mai, in nulla. Forse perché prima
dei vent'anni, quando tutto è successo,
si è formata nella ricerca, nell'underground.
«È il mio peccato originale, forse il
mio difetto. Nella musica, sono più
affezionata agli esordienti che ai
grandi cantanti. Nel cinema e nelle
letture, idem. Non leggo premi Nobel,
sarei più per i piccoli, per la nicchia.
Per me conta come arrivi alle
cose, quanta fatica fai per scoprirle,
è un percorso anche emotivo. Da
ragazza ho letto tantissimo, essendo
cresciuta in un posto desolato
dove c'erano soltanto due librerie...
».
San Benedetto del Tronto, nelle Marche.
«...i libri andavano cercati, scoperti.
Era un piacere in più, come pure
parlarne con l'unico amico che leggeva,
e che poi è finito anche lui a
scrivere, Emidio Clementi. Erano
anni di scoperte, in letteratura, nel
cinema, nella musica. Adesso tutto
è a portata, allora Paris, Texas di
Wim Wenders in un cineforum era
un'emozione. La difficoltà valorizzava
».
Non c'è niente di nostalgico né dimoralistico,
nel rilevare la distanza fra allora
e oggi. Semmai una sana incazzatura
politica.
«La televisione ha vinto, Moccia è il
Grande Fratello. Nelle case editrici
non c'è più progetto, ricerca, catalogo:
si spera soltanto nel prossimo
bestseller».
Qualcuno vince alla lotteria, però. Tamaro,
Mazzantini, Moccia...
«Le grande aziende funzionano così,
e sono loro che contano. La tragedia
di questi anni è questa, si restringono
gli spazi di libertà e democrazia.
Agli inizi degli Anni Novanta
io ho fatto in tempo a passare; è passato
Tondelli, uno di provincia, non
figlio di notabili. Oggi l'editoria è
cambiata, governa il marketing, il
criterio è l'utile. Ma i libri non sono
mocassini o scaldabagni. E in chi legge,
e in chi scrive, sarebbe auspicabile
una conoscenza della letteratura,
non dei prodotti editoriali di mercato».

L'intervista completa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/10/2007 @ 09:02:04, in diario, linkato 1194 volte)
Fanno che non devono andare a lavoro: le mani indugiano sulle pagine del giornale, il dito suona il bordo della tazza dove fuma il the. Spezzano lentamente un biscotto, lo posano sul piattino, lo rotenano nella bevanda calda e poi fumano e si alzano e si risiedono. Fra venti minuti li prende una scossa da capo a piedi e si vestono. Fuori pestano il marciapiede come un fronte da conquistare e poi con le loro auto aggrediscono tutti i motorini e le altre macchine che incrociano. E' la loro guerra. Se la vincono, dopo, in ufficio, ritorneranno a parlare quieti di licenziamenti e promozioni, di pratiche da sbrigare. Come tutti i giorni.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 29/10/2007 @ 10:37:01, in diario, linkato 1278 volte)

Un sito molto vitale di e su Genova www.mentelocale.it fa conoscere a Maurizio Maggiani il mio disappunto per la somiglianza nei titoli (nei titoli) tra il mio libro uscito nel 2004 e il suo (in uscita) per Feltrinelli. Pubblico il link alla lettera di Maggiani, che in un primo tempo era stata titolata TUTTI GLI SCRITTORI RUBANO  e la mia,di risposta, qui di seguito.

Gentile Maurizio Maggiani

 

 

 

alle elementari, ebbi una maestra che abiurò all’improvviso la matematica e si convertì all’insiemistica. Non so cosa le fosse successo e comunque durò solo per un anno ma forse per questo rimasi involontariamente affascinato da quel metodo fatto di cerchi e cerchietti e, pur avendolo successivamente dimenticato, mi sono trovato spesso a farne tesoro. Abbiamo scritto, io e lei, Maggiani, due guide letterarie (INSIEME: GUIDE LETTERARIE) e di un sottoinsieme particolare, un cerchietto nel cerchietto (SOTTOINSIEME: GUIDE LETTERARIE DI CITTA’ ITALIANE SCRITTE DA SCRITTORI ITALIANI), in questi anni particolarmente in voga. Fino a qui, io mi sento ben contento di trovarmi in questi due cerchi al fianco del suo nome più noto e blasonato. Quello che mi infastidisce è trovarmi al suo fianco, in quel sottoinsieme con un nome in codice molto simile. Anzi, per rimanere alle elementari, diciamo a una coniugazione del verbo: PERDERSI (A)/MI SONO PERSO (A) a cui segue solo il nome di una città diversa. Il tutto a una distanza breve di anni dalla pubblicazione del mio libro. Provo a rimettere vicine le parole non senza un brivido: Perdersi a Roma. Guida insolita e sentimentale e Mi sono perso a Genova. Una guida (originariamente, come risulta da tutti i siti dell’acquisto on line di libri, doveva chiamarsi Guida sognante per perdersi a Genova).

Non mi fa lo stesso effetto della parola “strada” nei romanzi arcinoti che cita, talmente noti da far evaporare qualsiasi accusa di somiglianza proprio perché il confronto è sotto gli occhi di tutti. D’altronde “strada” è parola talmente generica, credo, che un uomo della sua profonda cultura non faticherebbe a riscontrare esempi di titoli di romanzi nella sua e in altre lingue della letteratura.

Lei, Maggiani, gigioneggia e ridimensiona riflettendo genericamente su difetti di retina, donne e laghi in cui faremmo pesca comune o sull’utilizzo dello stesso dizionario quando sarebbe bastato evocare lo spettro della “contemporaneità”, quello stesso che, però, fa stridere i due titoli. Poi conclude con un tono muscolare in cui mette avanti il suo editore per titolo e IV di copertina. Già, ha ragione lei: sono cazzatine (uso il suo dizionario) dal punto da cui lei guarda e lo saranno ancor più quando i muscoli del suo grande editore – che ci tengo ribadirlo ha tutta la mia stima – e relativa grande rete distributiva avrà la forza di cancellare un ricordo più piccolo. Dal mio punto di vista non lo sono, cazzatine. Se fossimo nel mondo della pubblicità – e forse ahimè in parte ci siamo – l’eventuale creativo, una volta smascherato, avrebbe fatto la figura che merita. Lei si immagina una marca di pasta con un messaggio di vendita troppo simile ad un altro? “Muitoni: e c’è casa”?

Non sono così naïf da pensare di mettere il copyright ad un verbo (perdersi) ma vedere pubblicare una guida letteraria (una guida letteraria, non un romanzo) con l’espresso invito nel titolo a perdersi in una città come modo conoscitivo, pur dopo eccelsi secoli di flanerie di cui tutti abbiamo fatto e faremo tesoro, non mi aspettavo che accadesse a pochi anni, ad un Premio Strega e ad un grande editore. Scrivo così ma in cuore ho un’altra sgradevole sensazione che mi sforzo di scacciare nonostante molti, del nostro stesso ambiente, Maggiani, mi ricordino in questi giorni quello che lei tra le righe sembra voler dire ovvero che è così...che si sa, che tutti gli scrittori rubano, che i grandi rubano o s’ispirano ai piccoli mentre poi sono molto orgogliosi di non somigliare ai pari loro e compagnia cantando.

Quello che avrei voluto io, invece, in questi giorni, Maggiani, è che si alzasse una riflessione diversa – che non mi aspettavo potesse venire da lei o dal suo editore – sulle sproporzioni tra la piccola editoria e la grande (e non con il solo gusto del “piccolo è bello” che spesso è oleografia che nasconde problematiche serie come mancati pagamenti, scarsa trasparenza nelle rendicontazioni o strozzatura dei distributori, scarsa visibilità commerciale e mediatica ecc.), la mancanza di un codice di comportamento, il ricorso al marketing letterario, gli autori non sostenuti con forza dalla critica e quelli vivamente caldeggiati, il tema sempre vivo delle scuderie et similia, la mancata capacità di dragaggio e di arbitrato della comunicazione letteraria (fu critica letteraria) quella comunicazione letteraria purtroppo spesso presa in “polemiche di successo” e in quel sano e taciturno saper vivere.

Con cordialità per lei e quelli di mentelocale.it che hanno ospitato questo scambio

Roberto Carvelli

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 960 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 03:57:47
script eseguito in 681 ms