Immagine
 il letto di Alessandra... di Carvelli
 
"
Fuggi da ogni grandezza: la vita nostra in una povera casa può andare oltre quella dei re e degli amici dei re. (...) la roba che non ci si adatta è come il calzare del proverbio che troppo largo ci inciampa e troppo stretto ci piaga.

Orazio
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 22/09/2006 @ 08:09:10, in diario, linkato 710 volte)

Salgo sul taxi e dico dove devo andare. Il tassinaro registra l'informazione e parte. Accennno al traffico del giorno (già verificato e conclamato dal tassinaro dell'andata) e lui scatta "mortacci sua". E continua, come con un tassametro. E poi declina: "mortacci sua der sindaco e di tutti l'assessori". E via così. Uno dietro l'altro cadono sotto i suoi "mortacci sua" tutti i presunti responsabili del traffico. Non è un buon momento questo per i tassinari e si capisce dall'odio ostentato e profuso (questo) e da altre manifestazioni di dolore (la confessione dell'altro giorno di un altro che disperato mi chiedeva consigli su come comportarsi). Intanto il taxi avanza e io mi accorgo che non ho mai visto la faccia del declamatore di "mortacci sua". Mi viene la curiosità e provo a inquadrare il volto nello specchietto ma inutilmente. Poi, ad un mio commento invece colgo il muso, e lo vedo contratto in un'espressione sofferente, un ghigno, una trattenuta ira che gli ha modificato la mascella e le labbra. Mi dico che non voglio morire così. Con una faccia da "li mortacci sua".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2006 @ 09:32:17, in diario, linkato 592 volte)

La mattina fanno capannello attorno alla scala della metro. Un gruppo misto di diffusori di giornali free press, abitanti del quartiere, perditempo. Il clima è pensionistico sciatto e male in arnese. Il tempo (quello cronologico) è smisurato. Attendono qualche evento non verificabile, soprendono la noia con il buonumore e verrebbe da dire che con questa bassa disposizione alla ripetizione sempre uguale delle mattine abbiano ragione loro e la vincano questa dispersione che morde e affretta la fine.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/09/2006 @ 13:54:39, in diario, linkato 542 volte)

Qui www.ilpostodeilibri.it/#3 da Angela Scarparo. Che inizia così:

La parola discriminazione a me fa sempre venire in mente Stephen King. King è uno scrittore di horror, nato nel '46, è molto famoso anche in Italia. E’ americano. E’ l’autore di (tante storie fra cui) Shining, Stand by me, e It, tre romanzi da cui sono stati tratti film. Spesso nelle storie di King ci sono gruppi di bambini. Spesso in questi gruppi di bambini, come è nella realtà, ci sono storie di discriminazione. Anzi, spesso le storie di King partono da un atto di discriminazione. Un insulto, un litigio in casa, una passeggiata per schiarirsi le idee e un bambino si perde, viene picchiato, non torna più a casa, o torna a casa malconcio. Molti e fra i più vari, i motivi per essere discriminati. Essere poveri. Essere brutti. Essere grassi. Essere femmine. Il momento in cui ho pensato che King fosse un autore davvero grande me lo ricordo bene. E’ stato quando leggendo It sono incappata nella figura della donna del gruppo. Da bambina era discriminata come alcuni dei suoi amici, perché povera. Ma non solo per quello. Lei oltre alla fatica di essere povera, per essere accettata, deve superare anche quella di essere una femmina.

Buona lettura!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/09/2006 @ 13:36:52, in diario, linkato 651 volte)
Mammamiamammamiamammamia. Siamo nella metropolitana e penso a chi ci ha calati in questo splendido incubo di differenze. Nessuno con nessuno c'entra. E' un delirio eppure è bello. Metti insieme tutto un quaderno di facce così e avrai la prova provata che Darwin vince sulla CreazioneUniversale un miliardo a mille (più gli indecisi e i non votanti). Ma vi prego di non divulgare. Non fare propaganda. Mi sento meglio? Sto meglio? Vivo meglio? Mammamiamammamiamammamia che domande! Intanto ho dormito in una mansarda piena di giocattoli o nella casa dei nonni o nella vecchia fattoria di campagna della nonna (ma cappuccettorosso non è venuta) e ciò non è detto che sia stato un male. Cosa va bene e cosa va male: andrebbero catalogati per differenze (tipo: se questo non va male allora va bene; tipo: se va bene questo ne discende che vanno male questi e quest'altri). C'è poco da fare: l'idea del catalogo mi seduce. La quantità mi ha sempre suggerito la differenza, la distinzione. Mai l'omologazione, l'indistinzione, l'anonimato. E siamo di nuovo alla metro e a tutto questo quaderno di facce e vestiti e tatuaggi e piercing e cravatte e borselli e pettinature e zaini e lopecie e tinture e voci. Siamo nella metropolitana e sono indeciso se farmi catturare dalla meravigliosa prosa di LUNAR PARK o se dalla poesia delle facce. Cosa ci accomuna? Chissà se ognuno di noi senza saperlo sta facendo una faccia da metropolitana? Ognuno con piccole variazioni personali ha messo su una faccia da tube. Ognuno ha uno sguardo sotterraneo e studiato al serpentone. Non so. Comunque, sempre forza darwin.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/09/2006 @ 16:44:24, in diario, linkato 649 volte)
Parliamo della stessa storia. Raccontiamo la stessa storia. L'uno all'altro descriviamo una figura. Il terzo (se un terzo ci ascoltasse) disegnerebbe una stessa immagine. Eppure abbiamo due sentimenti. Siamo due sentimenti. Di due interiorissime vicissitudini. L'amore ha poche parole. Sbagliate. Amore non ha parole. Amore: ma non a parole. Per favore.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 15/09/2006 @ 09:31:37, in diario, linkato 609 volte)
Ore 4. Piovono secchi d'acqua sul tetto sulla mia testa e altri sul tetto che non ho. Sul tetto che avrò. Gli elementi costitutivi di una casa sono il tetto e le sue mura. Sembra quasi una battuta vendere una casa senza tetto eppure c'è gente a cui va di scherzare o c'è l'incuria del tempo. Ma piovono secchi d'acqua un po' qui e un po' lì e forse ovunque. Contestuali, paralleli. Di alcuni so l'esito - questo gorgoglio cavernoso e il ticchettare diffuso di una pioggia di pietre - di altri no. Piove su tutte le case che vedo in quest'alba che schiarisce e mi domando quante menti concepiscono la precarietà dell'esistenza di chi (non come noi) ha dovuto cercare un ricovero di fortuna e (se esiste meritocrazia per questi mali) quanti lo abbiano meritato.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/09/2006 @ 16:53:47, in diario, linkato 810 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 14/09/2006 @ 13:57:54, in diario, linkato 628 volte)

Rubo dalla preziosa selezione di versi di mattatoia ( www.mattatoia.splinder.com ) questa poesia

È tutto così semplice,
sì, era così semplice,
è tale l'evidenza
che quasi non ci credo.
A questo serve il corpo:
mi tocchi o non mi tocchi,
mi abbracci o mi allontani.
Il resto è per i pazzi.



Patrizia Cavalli, Pigre divinità e pigra sorte, Einaudi

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/09/2006 @ 09:52:50, in diario, linkato 609 volte)
Non so qual è il sistema migliore per non perdere le cose, le persone...stare molto attento? legarle a te? Non so se funziona questo modo di legare a noi le cose che ci sono care....forse è proprio quando stringiamo così forte un legame con gli oggetti che amiamo e le persone che amiamo che quelli/e si perdono...credo che sia una specie di questione vitale...un contrappasso, una punizione della Natura che non accetta che noi interveniamo nei suoi tipi di legami, che sono suoi, solo suoi. Ecco qui, forse l'unico modo è rispettare la Natura, le sue leggi entropiche, dispersive, i suoi gorghi vitalistici...solo così quel che non è nostro (né mai lo sarà) può appartenerci, somigliarci, avvicinarsi a noi. E' incredibile quanto possa diventare brutta la vita di chi non rispetta questi principi così dolorosamente antitetici con quello che noi crediamo sia giusto nel provare piacere di quello che ci piace. Vorrei (ho sempre voluto) che la mia vita fosse solo questa difficile scuola di distanza, questa guerra pacifica ai falsi convincimenti e che le persone che incontro facciano con me un pezzetto di questa strada che ci porterà alla polvere e ci salverà.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/09/2006 @ 15:53:38, in diario, linkato 4489 volte)

Coscia posteriore del maiale conservata intera con vari procedimenti e consumata solitamente in fette sottili o impiegata a dadini nella preparazione di alcuni piatti. Così il De Mauro-Paravia sulla voce prosciutto che è parola che mi è molto cara. A suono. Ma qual è l’etimologia? Copio dall'utile www.etimo.it

 

A Roma c'è una modo di dire molto efficace ed è: "Far passare la sete con il prosciutto". Non mi dilungo in spiegazioni ma lascio la sollecitazione del proverbio che spesso apre finestre luminosissime su cose incomprensibili con la licenza della vita che è sempre più chiara nelle immagini ché la nostra mente nelle spiegazioni.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 181 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








12/08/2020 @ 11:22:25
script eseguito in 655 ms