Immagine
 altro...in ushuaia... di Carvelli
 
"
Taluni fanno l'amore ogni giorno; altri lo fanno cinque o sei volte in tutta la vita, oppure mai. Taluni fanno l'amore con decine di donne; altri con nessuna. E' ciò che viene chiamato "legge del mercato".

Michel Houellebecq
"
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 02/09/2004 @ 11:25:09, in diario, linkato 752 volte)

 

Sui miei boxer c'è una targhetta. Free instinct. E' la marca. A fianco c'è un omino che tipo corre. Dove andrà? Forse simboleggia comodità praticità e possibile evolutività delle mutande. Forse è una premonizione. Forse un invito. Non so. Di sicuro la mia vita non è più la stessa da quando ho scoperto che c'ho un invito alla libertà sulle mutande, sui boxer per la precisione. Devo essere all'altezza. Sarò all'altezza. Ieri a SalaUno dove venerdì pomeriggio ci sarà la presentazione di Perdersi a Roma il testo bellissimo della Plath messo in scena dal bravissimo PierPaolo Sepe. Straordinario allestimento messa in scena recitazione ecc. (lo potrete vedere anche venerì a seguire). Il posto è bello le attrici brave lo spettacolo denso. Vado a memoria... la Plath scrive "che bello che siamo liberi che non ci sono legami, sono come un filo d'erba" e dopo parla di "fili d'erba che spaccano la roccia". Free. Instinct. 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/09/2004 @ 16:51:43, in diario, linkato 969 volte)

  Rete Bioregionale Italiana, Stampa Alternativa e l’Ass. Le Radici

         

                                   Sono lieti di annunciare l’arrivo in Italia di

 

              

               Gary Snyder

 

 

 

     Per una serie di incontri, presentazione del libro L’Isola della Tartaruga (Stampa 

     Alternativa, 2004) e ‘readings’ di poesie a:

 

 

 

 

Roma, 8 settembre, incontro con la stampa, Via Giulia, Primo Municipio, ore 11 (circa)

 

Roma, 8 settembre, Libreria Feltrinelli, Piazza Colonna (Roma Centro), ore 18,30

 

Acquapendente (VT), 10 settembre, il “Poeta e il Carbonaio”, incontro conviviale (numero chiuso)

 

Pitigliano (GR), 11 settembre, “Festival della Letteratura Resistente”, chiostro medioevale Fortezza Orsini, ore 18,30

 

Gubbio, c/o podere Pratale, 14 settembre, incontro conviviale con la Rete Bioregionale, pomeriggio/sera

 

Firenze, 17 settembre, Libreria Edison, Piazza Repubblica (Firenze Centro), ore 18,00

 

Info: Stampa Alternativa, tel.: 0761/352277 – e-mail: nuovi.equilibri@agora.it

        Ass. Le Radici (x Acquapendente), tel.:  0763/732157 – e-mail: hanna.salo@libero.it       

        Rete Bioregionale Italiana, tel.: 0376/611265 (ore pasti) – e-mail: morettig@iol.it 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/09/2004 @ 14:51:05, in diario, linkato 819 volte)
Ho comprato l'Unità. Non è la prima volta e non sarà l'ultima. Il motivo era un pezzullo su PERDERSI A ROMA e sua presentazione di venerdì sul dorso Roma. Che c'era ed era bello. Ma l'Unità valeva la pena anche per la interessante voce della Marjane Satrapi fumettista personale e geniale ad un tempo e per uno splendido articolo/racconto di Valeria Viganò. Sublime. Il giornale lo vale. E' su Borgna (Eugenio) e mi ha messo voglia di leggere. Uno di quegli articoli che ritagli e conservi. E uno di quei modi di scrivere parlando di sé e dicendo di tutto. Anche bello il pezzo in cultura sui blog a firma Lello Voce (vi dice qualcosa?)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/09/2004 @ 09:31:38, in diario, linkato 738 volte)

Ieri Fahrenheit 9/11.  Grande Michael Moore. Non ne voglio parlare. Vi invito solo ad andarlo a vedere. E di corsa. Ci sono scene di poesia e scene di rabbia di dolore puro di contraddizione di satira. Insomma è un film che non smette mai. Bisogna stare attenti e seguirlo bene nella sua rete di indagini ma anche farsi trascinare nel dolore e nelle incongruenze di quello che stiamo vivendo/subendo al buio della coscienza e della sorveglianza dell’intelligenza.

Nessuno dei due trovò le parole per dire all altro quanto soffriva. Fecero l amore lentamente. Tanto per dare un senso alle loro lacrime. Signori, questo è Jean-Claude Izzo. Vorremmo essere altrove? A Sarzana, al Festival della mente? O a Mantova a quello della letteratura? O ovunque, non qui. In un letto altrove?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/08/2004 @ 13:04:19, in diario, linkato 1186 volte)

5terre...ovvero le vacanze quando si poteva... E la mia innata passione cimiteriale (ancora mai confessata)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/08/2004 @ 08:53:55, in diario, linkato 949 volte)

Ecco. Una parola. Una di quelle con un significato ma chiaro chiaro chiaro. E invece... Una domanda che ci tormenta è sempre quella della via di accesso alle parole non del loro significato. Per esempio: come si accede all'intimità? Attraverso quale stretto pertugio? Forzando? Naturalmente? Ci si chiede(va) se e perché, come... insomma ci si faceva domande sulla via facile o impossibile che ci conduce all'incontro dell'altro. Magari un ciorpo e magari subito. Senza passare per i convenevoli. Niente strategie. Avvicinati subito da? Una necessità? Una chiarezza? La domanda è insomma perché succede (e a chi e come) che ad alcuni la via d'accesso al corpo altrui è così facile mentre ad altri il corpo (altrui) è interdetto e la via di accesso difficile. Perché le manovre di avvicinamento al segreto della pelle sono truppe d'assalto e ad altri uno sventolio di bandiere? Magari possono sembrare domande stude magari perniciose magari non-domande ma la certezza qua non fa media per cui meglio le linee storte dei punti di domanda che la sicurezza (col pallino sotto) dell'esclamativo. La parola è: intimità. La pronuncia è chiara. Il significato pure. Il punto è: come si crea e forse anche come si distrugge con un movimento incerto della mano o con la stasi o con parole brutte. Non intime. Cosa fa sì che un corpo incontri un altro corpo nella facilità? I racconti che subisco le cose che penso le mie esperienze. Tutto concerta a far risuonare queste domande. Me le devo porre, è bello pormele. Sapere che quella scarsa ora mi ha aperto un forziere e quei mesi mi hanno lasciato alle porte di un segreto sia pur minimo. E non so nulla e non ho imparato alcunché di quella persona. Poi magari c'è pure che uno è portato a farsele queste domande e non farebbe altro nella vita ma questo è un altro discorso. Il discorso qui invece è l'intimità e l'iniziatica via di approvigionamento ad esso. Cosa apre e cosa chiude. Cosa rimanda e cosa si perde nell'istante in cui la porta fu aperta e noi non entrammo.

(photo di Susan Egan da www.nerve.com)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 31/08/2004 @ 08:51:01, in diario, linkato 1696 volte)

Versi per accendere la normalità
Una antologia della poetessa polacca Wyslawa Szymborska, premio Nobel nel `96, raccoglie mezzo secolo di versi curati da Pietro Marchesani per Adelphi. Rivelando la capacità di guardare con stupore fatti e presenze della quotidianità
EMANUELE TREVI
Un libro di poesia, in mille maniere, è sempre molto di più della somma delle poesie che lo contengono. È un paradosso, questo, che nel corso accidentato della modernità è diventato lo stimolo e il limite di un'avventura formale tanto interminabile quanto ricca di incognite e sorprese. Così, è difficile non trattenere un moto di iniziale delusione quando, aperto il nuovo libro di Wyslawa Szymborska leggiamo sul frontespizio un'impegnativa dichiarazione cronologica: Poesie 1945-2004. La Szymborska è uno spirito così simpatico e originale, dal profilo umano prima ancora che poetico, che questa indicazione di una lunga vita spesa a scrivere (poco) non può che indurre nei lettori già affezionati (sempre di più in Europa e anche molto giovani) un moto di istintiva simpatia. Eppure, mezzo secolo di poesie somiglia, in genere, a una corda d'arco troppo tesa e destinata a spezzarsi, non dal punto di vista della qualità intrinseca, ma da quello della nuova forma che la serie dovrebbe costituire. Di solito, un libro così si affida a un curatore, spesso più giovane, e assolve i suoi compiti di conservazione e documentazione seguendo il filo di un indice esteticamente inerte. Eppure questo Discorso all'ufficio oggetti smarriti (il titolo è quello di una poesia dei primi anni Settanta), splendidamente curato e tradotto da Pietro Marchesani (Adelphi, pp.189, euro 15,00) smentisce come meglio non potrebbe la regola. Perché è la storia di una voce, molto più che la desueta e improponibile «storia di un'anima», che questo libro ci racconta partendo dall'immediato dopoguerra, quando il piglio effusivo e il disordine dei sentimenti della giovane poetessa di Kornik fa pensare a una Marina Cvetaeva guarita per incanto dall'ossessione del sublime; fino a arrivare a poesie (alcune splendide) pubblicate su giornali e riviste polacche nei primi mesi di quest'anno. Anche una scelta molto selettiva, peraltro, non avrebbe dimensioni poi troppo diverse da quella di un'opera omnia, duecentocinquanta poesie suddivise in una decina di smilzi libretti, scritti spiando le minuzie della vita che passa, come ha spiegato la stessa Szymborska in una recente intervista a Federica Clementi. Perché non c'è evento che non possa essere «spremuto, concentrato» in una poesia: e ogni fatto contiene in sé già tutta «una carica che la poesia è pronta e in grado di accogliere» - come si legge su «Adelphiana» n.3, dello scorso maggio. Fin dai suoi primi passi, la Szymborska sembra nutrirsi di una contraddizione molto fertile, senza mai nemmeno azzardarsi a risolverla. Il suo approdo non è necessariamente ai territori dell'informe, come accade in tanta grande poesia del Novecento. Il dettato è limpido e, come se non bastasse, si adegua facilmente, senza tante discussioni, alle istituzioni del codice anche più desuete, con strofe regolari e addirittura rime («da un certo punto di vista è tutto molto semplice», confida sorniona la Szymborska a Federica Clementi, «alcune parole fra loro rimano, altre no»). Tuttavia, queste inclinazioni dello stile non sono la premessa di un ennesimo atteggiamento crepuscolare, come tutto poteva far prevedere: le famose scintille prodotte, come scrive Montale nel suo grande saggio su Gozzano, dallo sfregamento del banale e del sublime. Leggendo questa antologia ci si rende conto in modo sempre più indubbio che la voce che stiamo ascoltando assomiglia a una voce crepuscolare, ma non lo è. Quei congegni verbali trasparenti, in delicato equilibrio su se stessi, tanto da far pensare a certe filiformi sculture di Melotti, ci stanno raccontando un'altra storia, sono la traccia di un'identità sfuggente, poliedrica, contraddittoria e inclassificabile più di quanto potessimo sospettare a prima vista. Il «quotidiano» che questa voce poetica vuole rappresentare, non è, tanto per cominciare, una base solida e rassicurante, e l'identità che si esprime in versi, guarda alla normalità e nello stesso tempo sa che non potrà mai darla per scontata. Nel cuore della normalità, anzi, si accende e si fa desiderare un impossibile evocato con straziante nostalgia, raggiunto solo in pochi e fugaci momenti fuori dal tempo. Come nella splendida poesia che si intitola La memoria finalmente, proveniente da Uno spasso, raccolta del 1967. È un discorso esultante, perché finalmente si è realizzato un desiderio, quello di sognare i genitori proprio così com'erano e come finalmente è stato possibile sognarli «una notte normale,/ da un venerdì qualunque a un sabato». L'immaginazione della sognatrice questa volta ha agito sobriamente, con un gusto alla Kantor, fornendo alle larve dei genitori il minimo sufficiente, un tavolo e due sedie. E così adesso le appaiono: «in sogno, ma come liberi da sogni/ obbedienti solo a se stessi e a null'altro»: dunque belli fino a splendere della loro bellezza, commenta la poetessa con una geniale inversione di concetti, perché somiglianti.

Il nocciolo dell'ispirazione di Wislawa Szymborska ci parla dunque di una difficile passione per questa somiglianza, per questa congruenza di ciò che esiste a se stesso, di ciò che noi tendiamo a dare per scontato e invece, per la Szymborska, è un miracolo che si ripete a ogni risveglio: un dono, uno stupore che ci induce a toccare il mondo, il nostro mondo liso e intessuto di abitudini, «come una cornice intagliata».

Sono poesie, queste, che dunque non fanno che insegnarci, con la loro maniera astuta e ridente, che se amiamo questo mondo, se nonostante tutto è qui che rimaniamo attaccati, ciò accade perché, in maniera altrettanto intensa anche se meno evidente, non smettiamo mai di dubitarne. E quando evochiamo l'assurdo e l'impossibile non è perché la vita non ci basta, ma perché quasi sempre è già abbastanza assurdo e impossibile guardarsi dritti negli occhi e confessarsi, una normale sera di un normale giorno dell'anno, che l'amore è finito: come fanno gli amanti di Senza Titolo - altro capolavoro degli anni Sessanta - che desiderano l'irruzione nella loro stanza di una «cerbiatta repentina». Che, c'è da giurarlo, non arriverà a togliere quei due dall'imbarazzo. (da il manifesto di domenica 28)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 30/08/2004 @ 09:29:21, in diario, linkato 797 volte)
Finite le olimpiadi che rimane? Il calcio. Risposta esatta. E con il calcio le veline e con le veline l'isola dei famosi 2, il grande fratello 5? O 6? O 7? La fattoria, Parmalat, Il Signor B.? Non era meglio rimanersene in vacanza? Vacanza? Si fa per dire. Non rivedremo più un bel film antico alle 18, alle 20,45. Ma quiz, show, quizshow, barzellette. Perché la televisione delle vacanze è più interessante della televisione del lavoro? Ieri grande pezzo di Emanuele Trevi (il manifesto)sulla Szymborska da noi ultimamente amata. Spero di ritrovarlo in internet per citarlo e con esso il rimando ad Adelphiana 3 (la rivista edita dalla quasi omonima casa editrice milanese) che porta un'intervista alla Nostra.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 28/08/2004 @ 20:13:11, in diario, linkato 1188 volte)
Intanto come appare. Di un altro colore, inaggiornabile nella sua forma immaginifica (chissà...dal Mac non si può configurare l'impostazione foto)...la tastiera colma di peli (Mizzi...ricordate? sta qua...al gatta del partito dell'amore...anche detta Cicciolina). Oggi a proposito di Mizzi, anzi ops di Cicciolina, ho visto una Pupa (ragazzi non perdiamo l'uso dei sinonimi...era proprio una pupa da film americano) con scritto sul culo ops sul sedere MAKING HISTORY... ERA UN BEL CULO? Chiede Dario. Sì era un bel culo Dario. Ma il bello erano i luccichini e l'attillato rosso e breve della stoffa. La storia... Magistra Vitae...Eh Dario? Dice che tocca andare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 27/08/2004 @ 14:37:36, in diario, linkato 786 volte)
Il 3 settembre alle ore 18 a Roma, Teatro Sala Uno a san Giovanni. Poi brani letti dal libro e attori. Prima una chiacchierata amichevole con FRANCESCA DE SANCTIS (l'Unità) e CLAUDIO DAMIANI (poeta).
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2396 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








10/08/2020 @ 04:41:17
script eseguito in 652 ms