Immagine
 altro...in ushuaia... di Carvelli
 
"
Quand'ero giovane, avevo ali instancabili,/ ma non conoscevo le montagne./ Quando fui vecchio, conobbi le montagne/ ma le ali stanche non tenevano più dietro alla visione./ Il genio è saggezza e gioventù.

Edgar Lee Masters
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 21/05/2009 @ 10:18:38, in diario, linkato 588 volte)

Che si è sentita speciale. Tre mesi appena (dice lei, ma non erano sei?) e per una volta era preziosa agli occhi di qualcuno. Ed è una cosa che è durata anche dopo, una cosa che forse ha funzionato per altri, per me, per dopo. Questa è la cosa bella. La cosa brutta è che non sei generoso. Non eri generoso almeno allora. Ma proprio per nulla. Chiedo se c'è una cosa media. E non c'è. Non c'è mai una cosa media. Domandarsi perché. Mi riviene in mente una frase dal film L'uomo che amava le donne di Truffaut: "è che sembra che ne va della tua vita". Sembra che non esiste null'altro, che tutto quello che c'è, tutto quello che esiste è questa cosa qui. Volermi (è bello Mi vuoi? dovremmo dire tutti così come se fossimo una bibita fresca. Mi vuoi? Sì ti voglio). Un desiderio vitale (o forse è mortale?) a cui non si riesce a dire di no.

Lascio lo zainetto sulla moto dalle 21 all'1. Lo lascio in mezzo a una strada e vado via in macchina. Me ne accorgo solo quando ritorno. E lo zainetto è ancora lì. E' stato lì per tutte quelle ore e nemmeno un curioso. Deve essere come si dice "mettere davanti agli occhi per nascondere". (Mi sorprendo) Ritorno a casa e mi ripeto: lascio lo zainetto tutta la notte sulla moto (d'accordo sì nel giardino ma tutta la notte e e...mi soprendo ancora...me ne accorgo solo stamattina).

Il sogno è brevissimo mentre lo sogno penso che sembra un film degli WHO. Il film è girato benissimo (di chi è il merito?). Sono su una specie di calesse non trainato da nulla, mosso solo dal vento. Tempesta di sabbia, cammelli che danzano nella polvere cavalcati da viandanti arabi in turbante. E' una specie di danza bellissima che purtroppo finisce alle 8e30 senza sveglia (è suonata due ore prima) . Oggi R e T dicono che sembro un arabo. Che mi sono vestito da arabo (mi dicono di stare attento ai controlli anti-terrorismo). Sogno o son desto?

Mi domando se ho fatto tutto. Se devo lasciare qualche indicazione per dopo. Se già sto preparando il dopo. Dico "ci penserò dopo" ma penso che dopo è presto. tenerne conto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 20/05/2009 @ 09:19:09, in diario, linkato 798 volte)

Le parole devono essere rimaste nell'aria un po'. Le parole erano "matrimonio" e "contatti". Poi più nulla. Persone che piangevano. Facce costernate. Dopo è stato solo dolore. Immobilità, dilazione di tutto. Le parole sono tornate dopo, nel tardo pomeriggio, altrove. In un centro commerciale iperpopolare dove cercavo di partecipare a una lista di nozze come a una riffa a cui erano rimasti premi troppo piccoli. Come se avessero bucato la bolla eccole di nuovo lì, molte ore dopo. Matrimonio e contatti. Tanto più forte è la morte.

Ho contatto tre volte la parola matrimonio e una la parola funerale. Mi è tornato alla mente un film. Ma lì c'era il numero 4. Mi è ritronata alla mente questa canzone (anche se c'è un videomontaggio allucinante didascalico).

">.

Prima di essere stato. Prima di essere (stato) cattolico, buddista. Prima di tutto i simboli. Ma ne riparlerò. Del mio animismo. Del mio panteismo. (Un'altra volta)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 19/05/2009 @ 09:08:21, in diario, linkato 515 volte)

Tu devi essere matto, e non hai detto altro. Che altro dire. Parlo per me, ora. Che altro dire. Ed è finita lì.

Dopo - quanto dopo, non so dire - non hai altro da dire. Niente. Non nient'altro. Niente. Hai finito di fare quello che facevi. Forse c'è stata una vacanza. Forse due. Forse. Tante altre cose, dunque, da dire. E invece: niente. E' domani che aspetti. E' domani che aspetto.

Questo sono, ho detto. Questo sono ma non ho detto cosa è "questo". Ma emergerà chiaro dopo. Dopo sarà chiaro. E dunque lasciamo fare al tempo. Il tempo fa meglio di noi. Che terribili imitatori del tempo che siamo. Ora dimmi. Dimmi se sono matto. Dimmi qualcosa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/05/2009 @ 15:30:32, in diario, linkato 597 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/05/2009 @ 11:37:46, in diario, linkato 663 volte)
Mai più, mai più voglio sentire dire che un piccione non muore. Che se si va, che si deve andare, che quelli vanno, che tutto va come deve andare. Che non bisogna rallentare. Invece i piccioni muoiono. Distrattamente, sbadatamente i piccioni muoiono. E non è di morte naturale. Non dire accelera. Non dire tutto va. Nessuno muore se non di vecchiaia, di malattie. Perché invece i piccioni muoiono in incidenti stradali. E ora lo so.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/05/2009 @ 10:26:19, in diario, linkato 696 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/05/2009 @ 09:03:32, in diario, linkato 660 volte)

Ho mancato di menzionare un bel racconto scoperto settimane fa su un numero interessante di Specchio de La Stampa...è un po' che è tornato interessante. Con ampi spazi letterari curati da Cortellessa. Ma torniamo al racconto. E' di Antonio Franchini che già anni fa recensii per i suoi bei libri "sportivo-iniziatici". Il racconto aveva un bel ritmo e una bella corrispondenza fra tempi (quelli del ricordo, quelli interni, quelli de racconto - nel racconto). Al centro c'è il mangiare. Al centro c'è la morte. Al centro c'è la notizia di una morte. La freccia viene scoccata per analogia della vita (e la freccia è la notizia della morte) mentre il protagonista mangia prelibatezze in un villone. Il cellulare è il mezzo di questa dissonanza. Costruito con grande sapienza il racconto alternava piani diversi di presente-passato. Con gusto, sarebbe fa dire se non ci fosse in mezzo tutto quel ben di dio gastronomico.

Mi è capitato tra le mani e ho letto anche il romanzo La persecuzione del rigorista di Luca Ricci

di cui anni fa credo proprio di aver letto delle storie uscite per addictions (esiste ancora?). Giorni fa citavo Casa d'altri la cui ineguagliabile bellezza rimane tra le pagine-maestro di tanta letteratura che fa esplodere tanto con poco. Ci ripenso.

Murakami quasi agli sgoccioli. Ho mancato di ridire di Sillitoe. Migliori sono i racconti successivi al primo che titola il tutto. Cito a memoria e quindi con beneficio d'inesattezze mnemoniche...d'altronde sono sempre io quello che ha perso un buono regalo di ben 50euri...Zio Ernst, Il quadro del peeschereccio, L'insegnante. Mi ha impressionato di meno la title track.

Vorrei dire altre due cose che non sono però letture ma visioni e quindi le rimando al capitolo di competenza. Visti Muriel (Resnais) e Melinda e Melinda (Allen). A presto o meglio a fra un po'.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/05/2009 @ 08:59:03, in diario, linkato 601 volte)

Che succederà nei Caraibi? Vado a rivedere il diario di Viviana di cui già in parte ho parlato. Ed eccola al ritorno dal viaggio brasiliano. Una pagina lontana. O siamo noi lontani alla pagina. A voi (la sentenza e la lettura).

Capitalismo caraibico

 
Appena arrivata. Avevo voglia di un roti. E' tanto che non lo mangio, un mese e mezzo o piu'. Era il primo desiderio alimentare arrivando a Trinidad. K ha riso. "Un roti? Di domenica? Ma sei pazza!" Come sono pazza? Che male c'e'? Da quando il cibo e' legato ai giorni della settimana? Lui ha sorriso e ha detto va bene. Proviamoci. E infatti ci abbiamo provato, ma effettivamente tutti i roti shops sono chiusi di domenica. Chissa' come mai, a nessuno verrebbe mai in mente di mangiare un roti di domenica. Sarebbe una follia.

Io ero delusa, e incredula. Uno dei cibi piu' consumati delpaese, inaccessibile. Ma poi ripensandoci ho realizzato che qui e' cosi'. Nessuno mangia curry la domenica. Come a nessuno verrebbe in mente di mangiare un bake and shark se non in spiaggia. O le doubles se non di notte. O la corn soup se non la sera, dalle 6 in poi. Impossibile.

La regola magica del capitalismo secondo cui parte integrante della vendibilita' e del successo di un prodotto sta nella sua capillare distribuzione, qui non funziona. E' un po' la regola della cocacola. Parte del suo successo e' dovuto al fatto che la si puo' trovare ovunque. Hai voglia di una coca, dopo meno di cinque minuti ne hai una in mano. Ovunque tu sia.

Qui gli unici che hanno capito questo trucco sono gli agenti del marketing di KFC. Sempre aperto, sempre pronto. E infatti, miracolosamente, ha un enorme successo. Ma chissa' come,mai , ho la netta sensazione che se aprissi un negozietto di roti, bake and shark, corn soup e doubles "sempre aperto e sempre pronto" a Porto of Spain, i Trinidini storcerebbero il naso. "E perche' mai dovrei aver voglia di mangiarmi un roti di domenica?"
 
Il resto delle avventure di Viviana...
http://stillwavesinyoureyes.blogspot.com/
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/05/2009 @ 16:56:35, in diario, linkato 730 volte)

Segnalo questa intervista uscita sul venerdì di Repubblica qualche tempo fa. In definitiva abbastanza informata sui fatti.

http://www.zeroviolenzadonne.it/rassegna/pdfs/eeb6ad66a2deb80b87cef434a962be36.pdf

In attesa che si compia la beata traduzione una foto estera. Correre/Vivere/Scrivere.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/05/2009 @ 16:43:49, in diario, linkato 683 volte)
My Shoes
by Charles Simic


Shoes, secret face of my inner life:
Two gaping toothless mouths,
Two partly decomposed animal skins
Smelling of mice-nests.

My brother and sister who died at birth
Continuing their existence in you,
Guiding my life
Toward their incomprehensible innocence.

What use are books to me
When in you it is possible to read
The Gospel of my life on earth
And still beyond, of things to come?

I want to proclaim the religion
I have devised for your perfect humility
And the strange church I am building
With you as the altar.

Ascetic and maternal, you endure:
Kin to oxen, to Saints, to condemned men,
With your mute patience, forming
The only true likeness of myself.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3
Ci sono 1248 persone collegate

< marzo 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








03/03/2021 @ 02:58:25
script eseguito in 452 ms