Immagine
 il letto open di Sogno... di Carvelli
 
"
Per me l'amore è un puro concetto dotato di un corpo inadeguato, che passando attraverso cavi sotterranei, linee telefoniche ecc., riesce faticosamente a trovare il contatto. Una cosa terribilmente imperfetta. A volte ci sono errori di trasmissione. A volte non si conosce il numero. A volte ti chiamano, ma hanno sbagliato numero. Non c'è niente da fare. Finché vivremo in questo corpo, sarà così.

Haruki Murakami
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
á
á
Di Carvelli (del 23/09/2009 @ 09:59:50, in diario, linkato 700 volte)

">.

Finalmente trovo e linko la sequenza di Baci rubati in cui la Madame racconta per lettera l'apologo della differenza educazione/tatto. In francese è ancora più bella. Poi, va a casa di lui (dopo essersi fatta dare l'indirizzo in negozio) senza farsi annunciare e gli propone un contratto (un patto?)... invita il povero Antoine a superare l'imbarazzo (nella scena prima Antoine era scappato da casa di lei e si era licenziato). E' bello quando dice la rissposta sono io. Eccomi: la lettera diventa persona.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 23/09/2009 @ 08:57:13, in diario, linkato 521 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2009 @ 14:52:53, in diario, linkato 556 volte)
Faccio un appello veloce. Ci sono solo io. Di tutti a quelli a cui avevo detto di esserci, solo io. Ma solo a me l'avevo detto. E dunque cos'era questa attesa? Cosa e chi aspettavo? Forse è solo che me lo sono ricordato così tante volte che l'attesa è montata. Avrebbero dovuto essere presenti almeno tutti i me a cui l'ho detto nei giorni precedenti. Tanti me diversi. Provo a capire di tutti chi è venuto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 22/09/2009 @ 09:27:53, in diario, linkato 2093 volte)

Rubo da www.nazioneindiana.com i preziosi consigli-tesi di Walter Benjamin. 13 o XIII (per dirla alla romana).

I. Chi intende procedere alla stesura di un’opera di vasto respiro si dia buon tempo e, al termine della fatica giornaliera, si conceda tutto ciò che non ne pregiudica la continuazione.
II. Parla di quanto hai già scritto, se vuoi, ma non farne lettura finché il lavoro è in corso. Ogni soddisfazione che in tal modo ti procurerai rallenterà il tuo ritmo. Seguendo questa regola, il desiderio crescente di comunicare diverrà alla fine uno stimolo al compimento.
III. Nelle condizioni di lavoro cerca di sottrarti alla mediocrità della vita quotidiana. Una mezza quiete accompagnata da rumori banali è degradante. Invece l’accompagnamento di uno studio pianistico o di uno strepito di voci può rivelarsi non meno significativo del silenzio tangibile della notte. Se questo affina l’orecchio interiore, quello diventa il banco di prova di una dizione la cui pienezza soffoca in sé persino i rumori discordanti.
IV. Evita strumenti di lavoro qualsiasi. Una pedante fedeltà a certi tipi di carta, a penne e inchiostri ti sarà utile. Non lusso, ma dovizia di codesti arnesi è indispensabile.
V. Non lasciarti sfuggire alcun pensiero, e tieni il tuo taccuino come le autorità tengono il registro dei forestieri.
VI. Rendi la tua penna sdegnosa verso l’ispirazione ed essa l’attirerà a sé con la forza del magnete. Quanto più lento sarai nel decidere di mettere per iscritto un’intuizione, tanto più matura essa ti si consegnerà. Il discorso conquista il pensiero, ma la scrittura lo domina.
VII. Non smettere mai di scrivere perché non ti viene più in mente nulla. E’ un imperativo dell’onore letterario interrompersi solo quando c’è da rispettare una scadenza (un pasto, un appuntamento) o quando l’opera è terminata.
VIII. Occupa una stasi dell’ispirazione con l’ordinata ricopiatura del già scritto. L’intuizione ne sarà risvegliata.
IX. Nulla dies sine linea: sì, però qualche settimana.
X. Non considerare mai perfetta un’opera che non t’abbia tenuto una volta a tavolino dalla sera fino a giorno fatto.
XI. La conclusione dell’opera non scriverla nel solito ambiente di lavoro. Non ne troveresti il coraggio.
XII. Gradi della composizione: pensiero, stile, scrittura. Il senso della bella copia è che in questa fase l’attenzione va ormai soltanto alla calligrafia. Il pensiero uccide l’ispirazione, lo stile vincola il pensiero, la scrittura ripaga lo stile.
XIII. L’opera è la maschera mortuaria dell’idea.

Walter Benjamin, La tecnica dello scrittore in tredici tesi
tratto da: Strada a senso unico (Einaudi, 1983)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2009 @ 15:19:33, in diario, linkato 480 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 21/09/2009 @ 08:54:00, in diario, linkato 450 volte)

Sono di qua a vedere l'effetto di litigi stupidi (esistono litigi stupidi? litigi non stupidi?). Di qua a vedere come si possa fare di una mattina piovosa una mattina piagnucolante. Basta poco, serve nulla. Sono dall'altra parte della barricata a fare la parte di chi aiuta a ricucire: piccola arte sartoriale che non cura le ferite nostre ma forse aiuta a pensare che con due giri di filo regge anche la stoffa più consunta. Se dati bene. Se dati presto.

Visto al Quirino la compagnia MK in Comfort Geografia. Interessante. Ricerca di sincronia: forse... vedi sopra. Forse serve una ricerca infinita di equilibrio (a rischio pur sempre di cadute) per riuscire solo alla fine e solo giocando ad andare a un ritmo speculare, una danza allegra in cui finalmente due è uno. Nessuna rivalità, nessuna competizione. ma non è facile da questa e da quella parte della barricata.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 18/09/2009 @ 09:22:54, in diario, linkato 536 volte)
E' la seconda volta che viene. E trova sempre tanta gente. Che è pure un caso. Un caso fortunato. Alla fine si avvicina e mi parla. Ti volevo dire una cosa - non è italiana ma parla una lingua forbita, ricca di termini, rotonda - ti volevo dire (dice) che la tua casa è una metafora. Penso alla tua casa come a una metafora dell'accoglienza.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2009 @ 12:50:02, in diario, linkato 484 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2009 @ 10:48:30, in diario, linkato 488 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 17/09/2009 @ 09:21:44, in diario, linkato 536 volte)

Ieri sera dopo aver visto Videocracy - un interessante e perciò raccomandabile documentario da cui però forse mi aspettavo qualcosa in più - ho letto uno dei racconti dei 49 di Hemingway per la precisione quello di cui nell'introduzione lo scrittore americano dice essere uno di quelli mai a nessuno piaciuto ma fra i suoi (dello scrittore) preferiti (interessante spunto di riflessione quello dei gusti personali veros la propria opera di chi ne è coinvolto ancor prima come autore). Il racconto, LE LUCI DEL MONDO, è in definitiva un lungo dialogo tra bar e prostitute di due giovanotti (si potrà dire ancora?). E' dunque un racconto di chiacchiere alcoliche che si chiude nella stessa transumanza sbevazzante con cui si è aperto. Due prostitute non si riescono a mettere d'accordo su chi abbia davvero amato un uomo che ora non c'è più. La verità del loro amore è non differibile, non condivisibile, personale. Come i gusti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 459 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi pi¨ cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi¨ cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








07/12/2019 @ 04:36:31
script eseguito in 508 ms