Immagine
 letto scomodo di claus... di Carvelli
 
"
E poi, Machado, le tue poesie!/ E' un po' come quando un uomo di mezz'età/ s'innamora un'altra volta. Una cosa bella da vedere/ anche se un po' imbarazzante./ Ho fatto qualche sciocchezza, tipo metter su il tuo ritratto./ E andavo a letto con il tuo libro/ per averlo a portata di mano. Una notte un treno/ è passato nei miei sogni e mi ha svegliato./ E la prima cosa che mi è venuta in mente, con il cuore a cento,/ nella stanza buia è stata:/ va tutto bene, tanto c'è Machado./ E poi sono riuscito ad addormentarmi.

Raymond Carver
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 02/10/2009 @ 12:24:09, in diario, linkato 528 volte)
Alla fine tutte e due le unghie di tutti e due gli alluci sono cadute. Come ci si aspettava (ero stato ben informato da premurosi amici estivi...se fossimo stati in inverno non avrei saputo di che morte sarebbero morte le due unghie). Come ci si aspettava sono cadute senza dolore. Ora ci sono due scuole di pensiero, sempre a sentire gli informatori. 1. Si formerà un'unghia strana ("non normale, brutta" dice l'informatore C.). 2. Tutto tornerà nella norma: unghie, alluci e tutto il resto. Aspetto.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/10/2009 @ 14:50:09, in diario, linkato 534 volte)

Mi metti
e mi togli
dalla croce.
Mi inchiodi
e mi schiodi,
corona di spine
e spugna d'aceto.
Mi rimetti giù
esausto dal supplizio
e mi chiedi un miracolo estemporaneo.
Niente da fare
non è cosa di ogni giorno.
Per uno che riesce
dieci volte nulla.
Ma questo nessuno lo scrive
e la gente non ha tempo
di aspettare
che faccia un po' di riscaldamento
e prove.
Mi chiedi i documenti.
Non sono io
quello che cercavi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/10/2009 @ 14:25:38, in diario, linkato 567 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/10/2009 @ 14:27:27, in diario, linkato 573 volte)

Camminano parlando da soli.
Camminano gesticolando tra sé.
Camminano parlando con altri.
Camminano gesticolando verso altri.
Come pensano? Cosa?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/10/2009 @ 08:25:17, in diario, linkato 561 volte)
Ieri sera. A cena. Mi racconta di una vita. Anzi due. Nella prima lui ama lei (lui 15 lei 10) ma è tutto qui. Nella seconda lui (50) e lei (45) si mettono insieme. Mi parla anche di tutto quello che c'è in mezzo. Figli, divorzio, cose. Non so perché mi interessanto tanto le vite degli altri. Una scarna forma di dipendenza, neppure un ritrarmi rispetto alla mia, né curiosità fine a se stessa. Perché anche mi chiedo mi piacciono tutti i rapporti a due. Uscire in due parlare in due ecc. Mi sembra di prendere sempre di più, di raccogliere meglio, di essere io stesso più adatto. Anche se non è sempre così.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/10/2009 @ 09:57:46, in diario, linkato 912 volte)

I ritmi DI AMY HEMPEL
di Paola Peroni
UNA SCRITTURA ILLUMINANTE COME UN LAMPO


Incontro a New York con la scrittrice americana Amy Hempel, autrice di culto in America e assente dalle nostre librerie da quasi vent'anni. Ora la Mondadori traduce l'intera raccolta dei suoi racconti con il titolo Ragioni per vivere. «L'osservazione e l'omissione vanno di pari passo», dice, a proposito della sua predilezione per la forma breve, che le consente di stringere frammenti limitati di esperienza in frasi precise e cesellate
Quando la prima raccolta di racconti della scrittrice americana Amy Hempel venne pubblicata, nel 1985 da Knopf, la critica la accolse come il promettente debutto di una voce particolarmente originale. La precisione del linguaggio, il ritmo della sintassi che rimandava a quello della poesia, la cesellata perfezione di ogni frase e l'introduzione di una forma narrativa frammentaria, capace di rompere con la linearità del racconto tradizionale, suscitarono l'ammirazione di numerosi scrittori, e tra questi Alice Munro e Raymond Carver. La cerchia dei fan di Amy Hempel si allargò ancora con la publicazione di tre ulteriori raccolte e, tuttavia, la esclusività della sua concentrazione sulla forma breve la rendeva una autrice per pochi. Con l'uscita nel 2006 della raccolta completa di tutti i racconti, presso Scribner, appena tradotta in modo eccellente da Silvia Pareschi per Mondadori con il titolo Ragioni per vivere, Amy Hempel venne finalmente scoperta dal grande pubblico, complici, forse, i numerosi premi e riconoscimenti che, finalmente, la sua scrittura le meritava. Tra i temi ricorrenti, condivisi dalle donne cui dà voce nei racconti, c'è la perdita della fede compensata dalla fiducia nella devozione degli animali, mentre i disastri naturali - terremoti e alluvioni - sono all'ordine del giorno e hanno perso i connotati della straordinarietà.
Lei ha dichiarato di non essere interessata a scrivere un romanzo e ha espresso rammarico per non essere stata in grado di scrivere poesie. In che modo la sua passione per la poesia ha influenzato l'acustica della sua prosa?
Leggo molti poeti contemporanei quando scrivo i miei racconti e trovo la loro influenza sul mio lavoro assai positiva. Considero ogni frase che scrivo come se fosse il verso di una poesia, la rileggo per ascoltarne il suono, il ritmo, così come per saggiarne la formulazione e il contenuto, insomma cerco di applicare gli strumenti della poesia alla prosa, provando a raggiungere quella sintesi, nella composizione del racconto, che mi rimanda al distillato dei versi, alla precisione del loro linguaggio: sono queste le qualità che inseguo in tutti i miei racconti.
Come sintetizzerebbe le attrattive del racconto come forma narrativa?
Il racconto impiega spesso una quantità gestibile di esperienza. Non si è costretti a coprire un vasto arco temporale ed esistenziale come accade nella maggior parte dei romanzi, perché il racconto si occupa dell'attimo, coglie quella che potremmo chiamare una illuminazione, il momento in cui avviene un cambiamento osservabile nella vita di chiunque. Mi interessano le situazioni in cui succede qualcosa capace di portare a un mutamento, soprattutto se quel che accade ha il potere di produrre un ribaltamento della posizione di potere interna a un rapporto, che sia un matrimonio, una storia d'amore o una amicizia. Improvvisamente la persona che aveva in pugno la situazione perde il controllo, ed ecco, sono questi cambiamenti a affascinarmi, a costituire una fonte di materiale su cui lavorare. Invece, mi riesce difficile mantenere alto l'interesse per ciò che accade durante un lungo lasso di tempo e per tante pagine quante sono necessarie a raggiungere la forma di un romanzo.
Nel racconto intitolato «La pietra Tom fra le anguille», c'è una nonna che chiede alla narratrice di aiutarla a ricordare i bei tempi quando era viva sua madre. E così la narratrice mette insieme una lista di momenti felici, colti tra quelli che ricorda di avere osservato nei rapporti tra le sue amiche e le loro madri: lei, infatti, non è in grado di ricordare nemmeno un attimo di felicità tra sé e sua madre. Questo racconto è esemplificativo di due processi ricorrenti nella sua prosa, quello che passa per l'osservazione e quello che porta all'omissione. Possiamo considerarli elementi fondamentali nella rappresentazione del tema dei suoi racconti?
Assolutamente sì. L'apprezzamento che ho più gradito tra quelli che ho ricevuto viene dallo scrittore William Kennedy, ed è stato: «Tu ometti tutte le cose giuste». La selettività è sempre al centro della mia attenzione, sia quando sono nei panni della scrittrice sia quando sono in quelli della insegnante di scrittura creativa. Di tutto ciò che si può dire di una persona, mi chiedo, qual è la singola cosa che può dire tutto di quella persona? Se uno scrittore è in grado di individuarla, può omettere tutte le altre osservazioni, le qualità meno sigificative, gli altri tratti e le altre informazioni. Per questo osservazione e omissione vanno di pari passo.
I racconti di Grace Paley hanno avuto una grande influenza sulla sua opera. Ce n'è uno, intitolato «Una conversazione con mio padre», in cui la scrittrice americana inserisce una storia secondaria dentro quella principale, fornendoci un esempio sorprendente del tentativo di esaminare la propria tecnica narrativa. Ad un certo punto il padre, nel racconto della Paley si lamenta: «Hai omesso tutto». Lei ha fatto qualcosa di simile nel «Raccolto», uno dei suoi racconti migliori, in cui la narratrice si rivolge al lettore dicendo: «Ometto molte cose quando dico la verità. Lo stesso vale per quando scrivo un racconto». Il suo è stato un tentativo cosciente di rendere omaggio all'opera di Grace Paley?
Non è stato assolutamente un tentativo cosciente e tanto più le sono grata per averlo individuato, perché mi dimostra quanto profondamente abbia assorbito l'opera di Grace Paley. Ho letto e riletto i suoi racconti molto prima di cominciare a scrivere, ed è fantastico e sorprendente scoprire che esiste in un mio racconto un cenno così diretto al suo lavoro. Nel racconto di Paley il personaggio solleva una questione giusta, perché è evidente che persone diverse, pur osservando lo stesso evento, ne daranno inevitabilmente resoconti differenti. Questo fenomeno non cessa di interessarmi. Grace Paley è stata molto abile nel mettere in bocca al personaggio del padre una critica rivolta al suo modo di raccontare: è come se si fosse autoinflitta una condanna, è come se avesse sfidato la sua scrittura dall'interno del suo lavoro, e per questo la ammiro.
Lei ha eliminato dai suoi racconti alcuni passaggi esplicativi, optando per una tecnica narrativa frammentaria anziché lineare, che ricorda il vagare della mente umana. Eppure, la struttura logica dei suoi racconti ha uno svolgimento perfettamente compiuto, ben lontano dalla casualità dei nostri pensieri. A lei sembra che la logica richiesta dalla narrativa agisca come un limite nella rappresentazione della realtà?
La narrativa non coincide con la realtà e necessita di bellezza formale. Un termine che mi piace usare è «destrezza creativa», con il quale intendo la capacità di dare forma al reale secondo i requisiti della narrativa, che implicano la necessità di omettere alcuni elementi, alterarne altri e immaginarne altri ancora. Per quel che riguarda la memoria, essa funziona in maniera frammentaria e non segue un andamento lineare; perciò, diversamente da quanto accade a molti altri scrittori, che trovano logico organizzare i ricordi, il pensiero, il comportamento e le azioni in una forma lineare, a me interessa riportarli a una scrittura frammentaria. Inoltre sono attratta da quegli scrittori che riescono a lavorare a un racconto, o anche a un romanzo, componendolo di frammenti numerati, o con diversi titoli o che, più semplicemente, montano spezzoni di testo separati tra loro, magari centinaia di frammenti: è un processo di composizione che si fa ancora più affascinante quando i ricordi o le idee arrivano mentre si sta scrivendo e non si sa ancora perché ci siano venuti in mente: ma proprio scrivendone se ne troverà la ragione e si imparerà qualcosa di nuovo.
In «Offertorio», il suo racconto più sessualmente esplicito, la narratrice, una contemporanea Sheradaze, racconta le sue avventure amorose per intrattenere il suo amante. Tra queste pagine lei torna ad affrontare temi che aveva già esplorato: la natura e il potere della narrativa, il valore nonché la possibilità di conoscere la verità; ma giunge a conclusioni diverse da quelle che aveva raggiunto in passato...
Uno degli obiettivi entusiasmanti che ho potuto realizzare scrivendo «Offertorio», è stato quello di mettere in mostra un impulso molto comune, ossia il desiderare più di ogni altra cosa ciò che alla fin fine ci distruggerà. L'amante della narratrice di «Offertorio» è un consumato voyeur, che vuole sapere i particolari di tutte le passate avventure amorose della donna: chiede di ascoltarle e riascoltarle, e vuole conoscerne i dettagli più intimi; ma quando la narratrice cede e glieli racconta, viene fuori che il suo migliore amante è stato un altro, non l'uomo che ora la interroga, e che finirà dunque per ritrovarsi annientato da ciò che desiderava tanto sapere.
In un racconto pubblicato di recente ha scritto: «Basta con le metafore. Nessuna cosa è uguale a un'altra»: cos'è che le metafore tolgono alla scrittura e alla costruzione narrativa di un racconto?
Le metafore a volte abbelliscono ciò che dovrebbe essere detto in modo diretto. È buffo, quasi comico, ma spesso quando si comincia a scrivere, una delle cose a cui si aspira è trovare una buona metafora. Non intendo, con ciò, criticare gli altri scrittori, ma per quel che mi riguarda sono arrivata a rendermi conto di quanto questa tecnica alla fin fine serva per tenere a distanza l'esperienza: l'uso delle metafore, o anche solo il paragonare una cosa a altro, mi allontana da ciò che cerco di dire e non aiuta il lettore a metterlo a fuoco con più chiarezza. Per me la sfida è stata quella di scrivere in modo strettamente letterale, e la sua conseguenza si è risolta in una sorpresa: ho scoperto che più ci si tiene attaccati alle cose più il lettore pensa che la scrittura sia densa di metafore. È curioso, ma è così. In ballo ci sono le aspettative di chi legge, che spesso si accosta alla pagina aspettandosi che le cose raccontate rappresentino altro. Per esempio, per me un orologio è un orologio, ma per altri rappresenta il passare del tempo. Forse l'esempio è sciocco, ma illustra la difficoltà di dire cosa sia esattamente una cosa. Ricordo che lo scrittore Terrence Des Pres, autore di un brillante libro intitolato Il sopravvissuto, sulla sua esperienza nei campi di concentramento, mi disse che uno dei problemi e delle difficoltà che si incontrano scrivendo, appunto, un libro sui campi di concentramento è che non esiste alcuna esperienza paragonabile. Il campo di concentramento è la metofara di se stesso.
I luoghi sono molto importanti nei suoi racconti, non è vero?
Sì, la mia prima raccolta di racconti è nata dal mio rapporto con la California, che per me è solo uno stato geografico, non una condizione mentale. Ci ho vissuto, sia al sud che al nord, e ne sono rimasta molto impressionata: è stato il posto più bello e il più misterioso in cui abbia abitato. Per me che sono nata nel Midwest la California è un luogo magico: era naturale che le storie della mia prima raccolta fossero ambientate lì. C'è chi è più bravo a conoscere le persone, io sono più interessata ai luoghi, e fra l'altro ero molto attratta dai terremoti, che in California abbondano.
Mondadori ha usato il titolo della sua prima raccolta, «Ragioni per vivere» per l'edizione italiana che raccoglie tutti i suoi racconti. È un titolo strano data la dominante della morte nella sua opera. C'è forse dietro una intenzione ironica?
All'inizio è sembrato un titolo ironico anche a me, poi sempre di meno. Me lo aveva suggerito il mio editore e mi piacque. L'attaccamento alla vita delle donne che popolano i racconti è così labile, che non sembrano avere sufficienti ragioni per vivere; ma poi mi sono resa conto che qualsiasi ragione, anche la più piccola, è una buona ragione se riesce a tenere qualcuno in vita.

il manifesto 8.X.09

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/10/2009 @ 09:25:09, in diario, linkato 512 volte)

Chi sa e chi deve sapere. Ho pensato a tutto per tempo. Ché non ho tempo. Non so quanto. Non quanto ancora. Tutto è scritto per dopo. Sapevo già tutto prima ma sabato ne ho avuto la certezza. Come una specie di epifania di quello che succederà. Lo stesso gesto. Lo stesso volo impercettibile di polvere nella vallata. Un gesto già pensato che all'improvviso torna a ricordarsi di sé. Tutto lì succederà. Nell'aria. E non sarà la fine vera. Ché non c'è fine.

Sono in campagna e sogno le talpe. I loro mucchi di terra. Chissà se fossi in mare cosa sognerei.

Ho trovato Fabrizio Lupo di Coccioli. Non me lo sarei mai aspettato.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/10/2009 @ 14:30:03, in diario, linkato 602 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/10/2009 @ 09:10:11, in diario, linkato 516 volte)

(Premessa) Zve zve è il modo in cui il mio amico G. riassume tutta una serie di passaggi intermedi nella conversazione. "Stavo lì zve zve e lui mi ha detto zve zve che era stanco". Un po' tipo eccetera eccetera. Ma più veloce e affermativo. Zve zve sta per qualcosa in più. Tipo troppo complicato da dire o "capisci quello che voglio dire?"

 

H 17e30 a casa di S. Entro che fa caldo e ne esco dopo due ore e fa freddo. Ma di brutto. prima parliamo di una serie di cose zve zve che per me S. è una di quelle persone che definisco intellettuali nel senso più organico possibile. Di mestiere fa quanto di più lontano da eppure è autenticamente profonda, intensa e porta sempre un punto di vista nuovo alle mie riflessioni.

H 21 Messaggi zve zve mangiare zve zve rivedo Luce dei miei occhi che nei giorni scorsi avevo qui linkato. C'è una scena che mi colpisce. Lei è in macchina e chiede a lui "sto bene?". E' la fine del film. Per la prima volta lei si pone il problema di come sta davanti a lui. Prima era successo solo con la figlia. Dopo - è cambiato qualcosa - se lo domanda per lui. Iniziare a contare per una persona passa per risposte ad una ricerca di approvazione? Per la rivelazione di una debolezza. 

H 23e20 "Come si chiama quel grande autore di teatro omosessuale...?" neanche ciao. Domando se grande vada inteso in senso di stazza. No, ovvio. Ci penso e poi dico il nome. Indovino. Dico "rimango in linea per il premio?" Ma non ho vinto nulla. Vorrei che rimanesse così senza litigare. Vorrei.

H 00.20 Penso a una storia che racconterò.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 13/10/2009 @ 09:29:09, in diario, linkato 566 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 559 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








09/12/2019 @ 01:31:15
script eseguito in 514 ms