Immagine
 Il letto di Padova... di Carvelli
 
"
“Ascolta. Più sono gli uomini che hai avuto e più ti amo. Capisci quel che voglio dire?” “Perfettamente”. “Odio la purezza, odio la bontà! Voglio che la virtù non esista in nessun luogo, e che tutti siano corrotti fino al midollo”. “E allora, caro, dovrei essere proprio il tipo che fa per te, perché io sono corrotta fino al midollo”. “Ma ti piace? Non sto solo dicendo se ti piaccio io, voglio sapere se ti piace fare l’amore in quanto tale”. “L’adoro”.

George Orwell
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 01/09/2010 @ 10:17:38, in diario, linkato 631 volte)
Ora vorrei essere in Finlandia, guardare la gente che si stringe nei giacconi. Un pallido raggio di sole, uno un po' meno pallido. Una pioggi improvvisa. Ritornare in albergo per sentire un po' di caldo. Guardare dalla finestra fare buio e poi riscendere. Sentire le parole che suono hanno visto che già scritte sembrano strane forse a voce l'effetto sarà più straniante ancora. Se sono in città pensare a una gita. Se sono in gita ripensare al ritorno in città. Leggere un'insegna e immaginare di aver capito. Poi guardare dentro e scoprire di no. Tante altre cose che da qui non capisco e tante che mi pare di capire guardando la cartina geografica visto che non ci sono mai stato.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/09/2010 @ 10:17:57, in diario, linkato 695 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 02/09/2010 @ 09:09:06, in diario, linkato 517 volte)

Lunedì scorso (ero a donare il sangue) ho letto la rubrica di Alberoni sul Corsera. La parola (Alberoni) so che evoca in molti immediata ripulsa ma io ho scelto per mestiere (e dovere di mestiere) di mettermi continuamente in dubbio sulle certezze acquisite e se voglio essere coerente mi devo esercitare spesso e anche con imprese e riprese difficili. Metti pure che il titolo proponeva la accattivante disamina fare l'amore/fare sesso... Non mi è piaciuto l'argomentare del sociologo specie nel suo precipizio per cui (fare sesso) non fa guardare in faccia (ops) nessuno e mentre uno sta lì ti potrebbero sostituire il partner bell'e buono lì sotto, in corso d'opera (non sono letterale ma quasi). Accampo miei personali dubbi e senza neppure offrirvi esempi plausibili e generosamente ovvi. Non è così e basta. Ma, a prescindere, non credo in una manichea distinzione degli atti e dei verbi. Credo in una specie di incongrua spartizione ma nell'inossidabile imperio estetico (e dopo o prima etico) del bene (in questo caso mi piace/non mi piace). Una imponderabile variabilità, d'accordo, ma retta sempre da quell'impulso (mediato dall'etica sì)

Ci ripenso oggi nel raccontarvi del nuovo (seminuovo, ce n'è un altro a Venezia) film di Ozon che è bello e fa dimenticare il non riuscito Ricky. Per chi non conoscesse Ozon...a voi!
http://it.wikipedia.org/wiki/Fran%C3%A7ois_Ozon
Con Il rifugio Ozon torna ai vertici del suo cinema più poetico. Sotto la sabbia che lo ha fatto conoscere a noi e il poco visto ma bellissimo Il tempo che resta (i produttori - e gli editori? - italiani odiano la morte ma forse è che il pubblico italiano ha più dimestichezza ed è più attrezzato ad altro che alla riflessione sulla fine). Il film mi ha fatto pensare a quell'articolo di Alberoni e non per la immediata promiscuità a cui si può pensare quanto per quanto essa possa vestire panni molto delicati e sentiti. Vi rinvio al film per non tradirne la bellezza. Qui la canzone-tema cantata dai due bravissimi e bellissimi protagonisti.
">.

Mansfield. Leggo - guarda caso - un racconto molto interessante (Istantanee), non il più bello dei suoi ma interessante da citare qui. Ecco Moss (nome simile a quello della protagonista del film di Ozon): pochi soldi, arretrati d'affitto, crisi lavorativa (cinema, canto...). Va in un caffè in cui spera di avere occasioni di lavoro. Immagina, proietta. Incontrerà nel suo film mentale qualcuno che magari le proporrà un film reale, o una audizione da contralto. E invece ecco lì pronto un gallo - pomposo e sconveniente - che la seduce. E lei? Si fa sedurre. E' giorni che il mio tema è "la sperequazione tra realtà e immaginazione". Credo che avrebbe dovuto essere il tema di confronto anche nel pezzo di Alberoni. Ozon non sfugge a questo confronto "terzo" e questo è ciò che lo rende grande.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/09/2010 @ 08:34:45, in diario, linkato 618 volte)
Molise, Francesca, Tango. Tre parole si sono variamente incrociate nella mia estate. Con una ricorrenza quasi sospettosa. Casuale o causale? Casuale, per lo più. Solo raramente causale. Quando ad esempio sono andato in Molise e ho risentito un'antichissima amica o ho accompagnato un'altra a una milonga (solo per poco). Poi tutto casuale ma con frequenza e combinazioni impensate. Esiste nell'arte combinatoria una spiegazione numerica di questa ripetizione? Voglio dire: una sequenza di probabilità che la giustifichi e la renda più probabile di altre successioni?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/09/2010 @ 09:18:33, in diario, linkato 541 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/09/2010 @ 10:23:28, in diario, linkato 565 volte)

1 Ho visto una fastidiosa, inappropriata pubblicità della - credo - federazione giornali o editori. In breve: donne più adulte (lettrici) hanno un vestito di caratteri tipografici parlano con una ragazza più giovane (non lettrice) in mutande che si copre il seno. Sugli slip semitrasparenti, proprio lì il suo dubbio "eh?". Mi interrogo un minuto sul significato della pubblicità. Vi invito a farlo anche voi. Un minuto e poi basta. Archiviate.

2 Finesettimana di film. Miral: bello anche se mostra ogni tanto la corda dell'emozionalità, emotività, emozionismo (boh provo anche ad inventare parole). Trovo invece imbarazzante (e con me la gente nel cinema Somewhere della Coppola), trovo al contrario pretenzioso e banale (e con me Roberto Escobar, con cui quasi mai in contrasto) il nuovo film della regista di Lost in traslation. L'idea è che il suo nuovo film faccia il verso a quello senza essere riuscita a ripeterne la grazia vuota, l'intensità straniante. Escobar sulla Domenica del Sole mette in risalto la "buona volontà della Coppola" ed è troppo buono. Parla di "luoghi comuni" ed è generoso. La verità, forse l'unica salvifica verità è che la regista intrisa per metà d'America e d'Europa compone un film sui mali (tutti americani e quando la replica l'Italia rischia con facilità la macchietta) dello star system.  Nel farlo non può che scagliarsi contro dei luoghi comuni. Non so se è slavifico questo andar contro i muri senza armi adeguate.

3 Sabato ci siamo visti e abbiamo parlato del pensiero della differenza. Un tema che voglio investigare, di cui so poco e di cui forse ci occuperemo presto. Ecco (penso ora) i perché che poi si sono avvicendati nelle ore successive. Una di noi che ne sa molto ci spiega le categorie del pensiero maschile e femminile. Le contrapposizioni, il canone vincente, imperante. Parliamo di anoressia, di dodicenni che guadagnano con videochat i loro 5euro mostrandosi nude. 

4 Siamo al mare e tutti e due guardiamo una coppia polacca. Sono giovani. La ragazza indossa un minimo tanga che sguazza (il resto del corpo è abbronzato) dentro il segno bianco di un costume più largo indossato per tutta l'estate. La mia amica fa una lunga dissertazione sull'inappropriatezza della sequenza. "Al limite il contrario". E fa una riflessione "tutta femminile" sul perché ("per una donna non può non esserci un perché") della sbagliata successione di costumi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/09/2010 @ 09:34:09, in diario, linkato 541 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/09/2010 @ 14:46:03, in diario, linkato 805 volte)

Mesi fa Valerio Magrelli (sua la traduzione, sotto) ha dedicato un libro alle riscritture di questo sonetto di Baudelaire, Recuillement. Il libro si intitola Nero sonetto solubile.  

Fa’ la brava, o mia Pena, e sta’ più tranquilla.
Tu invocavi la Sera; essa scende; eccola:
Un’atmosfera oscura avvolge la città,
Agli uni portando pace, agli altri affanno.

Mentre dei mortali la moltitudine vile,
Sotto la sferza del Piacere, questo boia senza pietà,
Va a cogliere rimorsi nella festa servile,
Mia Pena, dammi la mano; vieni qui,

Lontano da loro. Guarda affacciarsi i defunti Anni,
Dai balconi del cielo, in vesti antiquate;
Sorgere dal fondo delle acque il Rimpianto sorridente;

Il Sole moribondo addormentarsi sotto un’arcata,
E, come un lungo sudario trascinato verso Oriente,
Ascolta, mia cara, ascolta la dolce Notte che cammina.

Leggete il pezzo dedicato al libro di Magrelli da Linnio Accorroni qui. www.minimaetmoralia.it/?tag=valerio-magrelli 

">.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/09/2010 @ 08:52:45, in diario, linkato 466 volte)
La prima cosa bella di stamattina e una delle riuscite del film della Coppola.
">.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/09/2010 @ 16:45:20, in diario, linkato 468 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 1369 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/08/2020 @ 22:01:22
script eseguito in 540 ms