Immagine
 letto di giulia e gianf... di Carvelli
 
"
Cogliamo fiori, prendili tu e lasciali sul grembo,/ e che il loro profumo renda soave il momento -/ questo momento in cui tranquillamente non crediamo in niente,/ innocenti pagani della decadenza./ Almeno se sarò ombra prima, ti ricorderai poi di me/ senza che il mio ricordo ti bruci o ti ferisca o ti commuova,/ perché mai intrecciammmo le mani, né ci baciammo,/ né fummo altro che bambini.

Fernando Pessoa
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 12/11/2010 @ 14:22:59, in diario, linkato 519 volte)

Se il mondo è morto
di Franco Arminio

Ho cinquant’anni. Quando ne avevo venti non pensavo di arrivare a questa età. Mi sentivo in una combustione che mi avrebbe bruciato prima. Non ero malato, ma sentivo il mio cuore battere troppo in fretta e alla cieca. Con un cuore così, pensavo, non si può andare lontano nel tempo. Usavo il mio cuore per scriverci sopra, lo battevo come si batte un tappeto. Non scrivevo col cuore, scrivevo sul cuore. Una scrittura a oltranza e senza progetti precisi. Non facevo libri. Scrivevo e basta. A volte uscivo con la donna che poi è diventata mia moglie, e prima e dopo l’amore le dettavo i miei versi. Eravamo in una centoventisette verde, in un’Irpinia appena ferita dal terremoto. Tutta quella scrittura era una specie di salasso, un modo per scalciare via da me l’ansia che mi assediava. C’è chi si avventura in lunghi viaggi, chi cerca di disperdere l’ansia muovendosi nello spazio. Io non mi spostavo quasi mai. Ero un avventuriero rimasto a casa e l’ansia cercavo di disperderla estraendo dal mio corpo una montagna di parole. Alla fine, senza che me ne accorgessi, la mia vita ha preso questa forma che mi rendeva al tempo stesso minatore e miniera.

Adesso la mia vita è un poco cambiata. Il paese in cui vivo non è più ferito, è morto. Forse pure il mondo è morto. È un’idea che ultimamente condivido con una persona molto cara. Ne parliamo spesso del fatto che il mondo è morto. Non so bene se pensiamo la stessa cosa, forse si, ma non importa.

Quando ho iniziato a scrivere questo testo non avevo la minima idea di cosa volessi scrivere. Si comincia da una frase, poi se ne fa un’altra. I miei testi nascono dalle simpatie che le diverse frasi hanno tra di loro. Forse un testo per riuscire bene deve avere la fortuna che questa simpatia tra le frasi vada avanti fino alla fine, una simpatia sincera, non appesa alle necessità dell’argomento e neppure dello stile. La simpatia misteriosa che alcune cose del mondo hanno per altre cose del mondo. Anche le frasi sono cose del mondo. Io sto in mezzo a loro, in mezzo alla natura, in mezzo alle persone, ci sto sempre con molta ansia. Non è più l’assedio di un tempo, però, non ho bisogno di scrivere a oltranza e il cuore non è più quello di una mosca appoggiata su una ragnatela.

Se il mondo è morto ci si può preoccupare meno anche della propria vita, si può affrontare la giornata senza l’assillo di dover risolvere chissà cosa, di arrivare chissà dove.

www.piazzaemezza.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/11/2010 @ 10:26:00, in diario, linkato 424 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 12/11/2010 @ 09:56:49, in diario, linkato 528 volte)

Pauso la mia lettura di Grossman con questo libro (forse il solo che non ho ancora letto di Peter Bichsel ovvero Il lettore, il narrare - Marcos y Marcos). Che torna curiosamente al filo srotolato ieri sulla realtà, i fatti, il loro racconto. Scrive Bichsel:

Mentre racconto delle storie, io non mi occupo della verità, ma delle possibilità della verità. Finché ci saranno ancora storie, esisteranno ancora delle possibilità. Perciò la domanda che si fa al narratore di storie, se cioè la sua storia sia vera o no, si basa su due errori.
Il primo consiste nel credere che esistano storie che non contengono verità. In linea di principio, non si inventa nulla, perché la fantasia umana è limitata da tutto quanto esiste. In fisica si parla di leggi naturali: per il narratore di storie non saprei come chiamarle.
Il secondo errore sta nel pensare che la lingua possa rendere ciò che veramente esiste; infatti, essa può solo cercare di descrivere la realtà.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/11/2010 @ 10:47:55, in diario, linkato 435 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 11/11/2010 @ 09:54:40, in diario, linkato 439 volte)

Ho finito di leggere Mao II di Don DeLillo. Inutile dire la continua sorpresa rappresentata da questo autore. La sua intelligenza, la capacità di arrivare a più livelli. Dalle suggestioni alle illuminazioni. Alla semplicità intensa e assoluta che reggono tutte le frasi dei suoi libri. Alle volte sembra di leggervi dentro le soluzioni di enigmi inspiegabilmente lunghi. Risposte inspiegabilmente brevi. Fulminanti. La domanda che avevo da qualche giorno è perché si litiga sui fatti. Perché passiamo o sprechiamo tempo a trovare un punto in comune su fatti che ci riguardano (che riguardano noi e altri quanto noi o di più o di meno, non so). La domanda che avevo non era una domanda precisa come questa che segue non è forse una risposta precisa. E comunque è di DeLillo, è nel suo libro che vi consiglio, che consiglio soprattutto a chi scrive con alterne fortune, attuali e future. 

"Ciò che abbiamo di fronte a noi rappresenta una cosa. Il modo in cui l'analizziamo, la descriviamo e la codifichiamo è qualcosa di completamente diverso".


Ho iniziato a leggere Vita e destino di Vassilij Grossman.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/11/2010 @ 15:54:35, in diario, linkato 426 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 10/11/2010 @ 09:22:10, in diario, linkato 531 volte)

Vedendo ieri  un film che mi è stato prestato, The Hunger un film del 1983 di Tony Scott con Bowie, la Denevue e la Sarandon mi è ritornata in mente una pagina dei diari di Etty Hillesum in cui riflette su quello strano miscuglio tra estraneità e intimità insita nell'eros. Il film devia sullo zombismo ma alle spalle c'è questo cannibalismo vicendevole dell'amore, nel film anche in salsa saffica e comunque (p)ossessiva. Come se fosse una metafora di questa attrazione/fascinazione per lo sconosciuto. A questo proposito la Hillesum citava Rilke. Lo rifaccio: "E sentì stranamente uno straniero dire / Io sono con te".

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/11/2010 @ 12:28:59, in diario, linkato 606 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 09/11/2010 @ 09:14:28, in diario, linkato 437 volte)
Che ne è delle nostre mani? Cosa di loro, del nostro secondo volto, come lo chiama Etty Hillesum nei suoi diari?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/11/2010 @ 17:28:15, in diario, linkato 442 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Ci sono 1310 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








15/08/2020 @ 21:22:58
script eseguito in 481 ms