Immagine
 Il letto di Nadia... di Carvelli
 
"
Com'è, o Mecenate, che nessuno vive contento della sorte che la ragione gli ha dato o il caso gli ha gettato davanti, e tutti invece non fanno che esaltare chi persegue una vita diversa?

Orazio
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 02/11/2011 @ 08:55:34, in diario, linkato 412 volte)
Ieri siamo andati a vedere con una mai amica This must be the place. ma ve ne voglio parlare un po' con calma. Il film mi è piaciuto? Sì. Mi ha entusiasmato? No. Griderei al capolavoro come mi è accaduto di avvertire da più parti? No. Ma Sean Penn è bravo e ci sono delle grandi trovate sceniche. Lo rivedrei? Sì. Lo consiglierei? Pure. Eppure qualcosa ogni tanto mi ha disturbato. Non so cosa - per parafrasare la battuta di Penn che tutti ripappagallavano all'uscita. Il film ha le sue furbizie, la sua scaltrezza. E questo forse ogni tanto mi ha messo sull'avviso. Insomma vi lascio un po' in broda. E anzi mi aspetto un po' di contraddittorio. E prometto...to be continued.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 02/11/2011 @ 09:00:46, in diario, linkato 434 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/11/2011 @ 12:45:25, in diario, linkato 1209 volte)

Qualche tempo fa il culto o, meglio, l’allure di Sherwood Anderson serpeggiava tra gli appassionati in una forma catatonica. I più fortunati riuscivano ad accaparrarsi sparute copie sulle bancarelle e ne andavano fieri a dispetto dei tanti che lo cercavano senza requie. Si trattava soprattutto del più noto I racconti dell’Ohio da anni inedito. Un mio amico di ritorno da Napoli mi garantì che ne avrei trovato un esemplare alla libreria Guida proprio al fianco della pasticceria Scaturchio. Non dico che ci andai a posta ma, appena fui a Napoli, non mancai di farci un salto infruttuoso. Qualcosa ha voluto che quest’anno le cose cambiassero e quel libro ha rivisto la luce con il titolo originale di Winesburg, Ohio (Einaudi), garante il cultore Vinicio Capossela che all’epopea del libro ha persino dedicato una canzone oltre a esserne da tempi non sospetti il padrino.

Ora Nobel, collana barra casa editrice (diretta da Marco Innocenti) del Consorzio Milonga, ridà alle stampe Poor white, un testo del 1920. La traduzione è di Eugenio Ponzilli. La coincidenza vuole che mentre lo sto leggendo ne trovo fuoritempo l’antico precedente einaudiano su un tavolo di mercatino: vecchia edizione con copertina in cartoncino sbruzzoloso e un paesaggio pastello a presentarlo. Poi dici il caso! La Nobel – in una grafica dallo stile seventies – strilla in copertina la frase del “piccolo-grande” scrittore svizzero Peter Bichsel  - “Il padre della letteratura americana moderna” - che compete in autorità con la sponsorizzazione più pop del cantautore italiano. Un povero bianco è un testo corale che racconta le vicende di Hugh Mc Vey, inventore partito dal nulla per realizzare il grande sogno americano, e Clara Butterworth. E sono quelle dedicate a quest’ultimo personaggio le pagine, a mio avviso, più belle del libro. I due si muovono in parallelo in mezzo alle pianure che circondano Bidwell e le sue strade tra ansie matrimoniali e inventività. Attorno a loro pullulano personaggi minori che hanno la forza di un contraltare singolo e collettivo che ne fa la riuscita narrazione del secondo piano e dello sfondo unico che contrasta e amplifica la vicenda dei protagonisti. E’ come se leggessimo insieme dei caratteri mai cameo e insieme una cornice umana generale che si salda al racconto del luogo. Personaggi-luogo e personaggi universali allo stesso tempo.  Per una logica latente il povero bianco Hugh e la “chiacchierata” Clara scontano invidia e ammirazione della loro città senza potersi difendere se non essendo quello che sono: un geniale e pervicace out land hero e una fascinosa e illuminata anticonformista in tempi e territori del perbenismo un po’ vacuo. Due posizioni scomode per una cittadina non disposta alla tolleranza e all’apprezzamento della diversità se non in una forma cinicamente meravigliata e screditante.

Scrive Anderson di Clara: “Aveva la sensazione di essere più vecchia e più saggia di tutti gli uomini che conosceva. Aveva stabilito, come in definitiva fanno molte donne, che ci sono due tipi di uomini al mondo: quelli che sono dei bambini miti, buoni e ben intenzionati, e quelli che, pur rimanendo bambini, sono ossessionati da una stupida vanità maschile e pensano di essere venuti al mondo solo per essere i padroni della vita”. Clara pensa che “si dovrebbe riuscire a trovare in qualche posto un uomo che rispetti se stesso e i suoi desideri, ma che sia anche in grado di capire anche i desideri e i timori di una donna”. Che la ragazza finisca per rimanere sovente delusa è nei fatti. Come quando intermedia l’amore tutto interno e virtuale di Alfred Buckley che si dichiara per lettera e poi passa spesso a trovare il padre di lei senza esplicitare tutto il suo desiderio. Così “Clara rimaneva sola in compagnia dell’uomo che aveva dichiarato di volerla sposare ma che, ne era convinta, non desiderava nulla del genere nel suo profondo”. In conclusione il mondo di Anderson pullula di personaggi che non sono in contatto con se stessi e si muovono nella vita come mossi da un’ansia di successo vuota. Quella che li spinge al contempo alla febbre industriale e all’affanno verso un’unione sentimentale.

Lo scrittore americano non sceglie mai la via facile del parteggiare per i suoi eroi incompresi. Persino l’ammirazione di Bidwell per Hugh o il desiderio malizioso verso Clara non ci sono mai consegnati come un portato a segno unico. Tale ambiguità fa di Poor white un romanzo non semplicistico anche se la lettura è sempre premiata da uno stile coinvolgente. La ricchezza del libro è data proprio dalla capacità di osservazione ravvicinata e dal racconto dall’alto della vicenda. Ancora Un povero bianco: “All’interno dell’invisibile cerchio e sotto il grande tetto ogni persona conosceva il proprio vicino e da lui era conosciuto. Gli stranieri non si muovevano veloci e misteriosi e non c’era quel continuo e assordante rumore di macchine e nuovi progetti in azione. Sembrava che l’umanità fosse disposta a prendersi un tempo per conoscere se stessa”. Anderson si fa cantore della versione embrionale e in scala minore del sogno americano. Lo rappresenta dove è davvero piccolo e per questo più grande e vero. Lì dove la storia non l’ha ancora eternato e forse mai lo farà.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 03/11/2011 @ 17:02:16, in diario, linkato 505 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/11/2011 @ 08:39:19, in diario, linkato 532 volte)
Boys don't cry è un film Usa del 1999, diretto da Kimberly Peirce ed interpretato da Hilary Swank e Chloe Sevigny. Il plot è sviluppato su un fatto di cronaca ed è la storia del giovane Teena Brandon, transgender biologicamente donna che cambiò il proprio nome in Brandon Teena. Nel film la lesbica Swank - bravissima - si invaghisce in modo ossessivo di sue coetanee a cui nasconde il suo essere donna. Il film è durissimo e disperato ma bello. Adatto alla sensibilità di chi riconosce al di là della quaestio la libertà dell'espressione dei sentimenti. Cioè era un po' un consiglio di visione. Ecco.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 04/11/2011 @ 09:00:13, in diario, linkato 443 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/11/2011 @ 12:09:46, in diario, linkato 594 volte)

Molti mandano poesie e lo fa anche (appropriatamente) una libreria di Morlupo vicino Roma che si deve alla giornalista Monica Maggi. La poesia di questo sabato di Libra www.lalibrerialibra.com è molto bella. E' di Roberto Roversi a cui mi lega un'ammirazione e una stima che non dimentico (oltre a non dimenticare la collaborazione in alcuni suoi progetti come Rendiconti).

I DIECIMILA CAVALLI di Roberto Roversi

Non puoi far nulla (nel caso specifico)
se non sei come loro
se non sei
non sei un rivoluzionario se non fai la rivoluzione
non sei un operaio se non fai l’operaio
né un uomo se non stai fra gli uomini.
Puoi distorcere tutto, contaminare
mescolandoti nel veleno della metafora
ma se non sei questo e quello
puoi appena parlare.
Bisogna esercitare per poter concludere.
Guardarsi dalle imitazioni.

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/11/2011 @ 12:17:50, in diario, linkato 424 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/11/2011 @ 14:11:47, in diario, linkato 532 volte)

1 il concerto jazz di un amico al vibrafono
2 un topolino dilaniato dal mio gatto
3 una buona cena di pesce (spaghetti integrali con vongole=la morte loro)
4 portaportese con aria di crisi e prezzi ribassati
5 le paste da regoli (uno dei due motivi per cui vale la pena morire e uno dei dieci per cui vivere)
6 un pranzo rischioso ma finito bene (i molti libri di cucina in classifica alla fine a qualcosa serviranno)
7 Orlando (con una speciale Tilda Swinton) in lingua originale
8 la pioggia sul tetto, dal letto (una cosa tira l'altra)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/11/2011 @ 14:22:00, in diario, linkato 391 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 230 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








11/12/2019 @ 14:52:35
script eseguito in 487 ms