Immagine
 Il letto di Dettifoss... di Carvelli
 
"
Cogliamo fiori, prendili tu e lasciali sul grembo,/ e che il loro profumo renda soave il momento -/ questo momento in cui tranquillamente non crediamo in niente,/ innocenti pagani della decadenza./ Almeno se sarò ombra prima, ti ricorderai poi di me/ senza che il mio ricordo ti bruci o ti ferisca o ti commuova,/ perché mai intrecciammmo le mani, né ci baciammo,/ né fummo altro che bambini.

Fernando Pessoa
"
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 01/03/2012 @ 09:53:33, in diario, linkato 603 volte)

http://www.paesesera.it/Societa/La-via-del-gatto
La via del gatto

È arrivato il momento delle presentazioni. Amiche e amici, lettrici e lettori questo è Google, il mio gatto. Anni quattro, un’adozione difficoltosa, un carattere indipendente e un po’ di m… ma – non c’è che dire – in questo ci somigliamo. Nell’essere forastici, affettuosi a tempo determinato, scevri da qualsiasi smanceria. Se fosse una foto-rebus la soluzione sarebbe “Google maps”. Il mio compagno, infatti, sta comodamente seduto sulla carta di Roma, le terga su Villa Ada, una zampa su Villa Borghese e una su Villa Torlonia. Ma non è di Google che vi voglio parlare, né di me. O, almeno, non direttamente. Mi piacerebbe qui tributare un omaggio ai gatti della nostra città. Al loro carattere di numi tutelari dell’Urbe, quell’aria disincantata con cui l’attraversano, l’attitudine sonnacchiosa con cui affrontano qualsiasi dramma gli scorra al fianco. Il coraggio distratto con cui si difendono dai suoi mille pericoli, la titubanza premurosa con cui guardano l’altro lato di una strada che forse non attraverseranno. La pena di essere nati o di finire a due passi dal Gran Raccordo Anulare o da una via di grande scorrimento e tutta la sfortunata roulette che questo può determinare. L’essere liberi, padroni di loro stessi e di tanti luoghi di cui si sentono proprietari con la buona fortuna che possa essere per sempre. E penso ai gatti della colonia felina di Largo Argentina o quelli di stanza in una villa della città dove, se tutto va come si deve, invecchieranno sereni. Lo so che molti di voi pensano ai gatti come a un disturbo. Olfattivo, per qualcuno. Sanitario, per qualcun altro. Immagino che per molti di voi gli animali abbiano un posto un po’ (o un po’ troppo) più basso nella scala dei valori. Comprendo che per diversi che leggeranno queste righe la convinzione che l’urbanizzazione debba cauterizzare qualsiasi manifestazione diversa da quella umana sia una persuasione inamovibile. Ma questo antropocentrismo – è il mio modo di pensare – renderebbe un po’ più povere le nostre giornate, più limitata la nostra visione delle cose. Ecco, vorrei che ognuno di noi si rappresentasse Roma come una città senza animali se non quelli condotti al guinzaglio sui marciapiedi. Senza il libero circolare di un’altra specie che ci insegna quanto l’autonomia possa essere un valore da apprendere con ammirazione. Soprattutto in questi tempi di varia costrizione: sociale, economica, viaria. Siete sicuri che la città sarebbe migliore? Riuscireste a immaginare una Roma solo tubi di scappamento e persone in fila per salire sulla metro? Vi voglio lasciare con un consiglio di lettura, anche se poco romano. Lo ha scritto un autore bolognese, Fabio Rizzoli. È un Almanacco dei giorni migliori giunto alla sua seconda puntata: Inverno (Fernandel, €14). Si avvicendano racconti, boutade, divertissement, elenchi, storielle accompagnati da consigli di lettura, visione, ascolto. Roma compare come una puntata della rubrica “Gli occhiali di Polifemo. Rubrica di notizie prescindibili”: “Inaugurata a Roma la prima Mostra Nazionale dello Sciopero. Evento di apertura: sciopero del personale della Mostra”. Può essere un’idea? Ma c’è anche un racconto del ghost writer del papa in crisi di idee mentre è alle prese con il discorso del mercoledì delle ceneri. C’è qualche gatto che passa qua e là o fa i versi dell’amore e un cane di cui facciamo nostro e sposiamo l'amore per i felini quando dice: “Una delle mie convinzioni è poi quella che lui abbia un gran senso dell’umorismo. Ovviamente non posso portare prove al riguardo. Però ne sono certo”. Come chioserebbe Rizzoli… Da fare: Trovare le prove che Roma sarebbe una città peggiore senza gatti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 01/03/2012 @ 09:55:54, in diario, linkato 528 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/03/2012 @ 09:29:50, in diario, linkato 598 volte)

CANTO D’AMORE DELLA DEA ISHTAR
Dal Ghilgamesh

Vieni, Ghilgamesh, sii il mio consorte,
concedimi il tuo amore,
sii il mio sposo e la tua sposa sarò.
Farò attaccare per te
un carro di lapislazzuli e d’oro,
dalle ruote d’oro e dai corni di elettro.
Demoni della tempesta come muli vi aggiogherai,
nella fragranza dei cedri entrerai nella nostra casa.
Quando entrerai nella nostra casa,
la soglia ed il palco baceranno i tuoi piedi,
dinnanzi a te s’inchineranno re, signori e principi,
i frutti del monte e del piano ti porteranno in tributo.

da http://regard.forpassion.net/le-piu-belle-poesie-damore-2/

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/03/2012 @ 09:34:11, in diario, linkato 509 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 05/03/2012 @ 11:30:47, in diario, linkato 578 volte)

0,60 a cartella, la Bandella della Magliana, la Cassa della Letteratura: ovvero tre discussioni pubbliche a Libri Come www.minimaetmoralia.it/?p=6831

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 06/03/2012 @ 09:28:31, in diario, linkato 524 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/03/2012 @ 09:17:05, in diario, linkato 619 volte)

L'uomo pubblico
di Abdulah Sidran

L'ho sentito
al mattino, prima del risveglio,
gemere e lamentarsi

Di giorno
conduce e risolve questioni di portata mondiale
e si fa carico dei problemi del popolo


Di giorno
decide risolutamente
dei destini della gente
ma fino a tarda notte
stende una pomata che brucia
sulla sua ferita ardente

Mentre ne cura una
ne apre un'altra che pulsa

L' ho sentito
quant' è vero Dio
gemere e lamentarsi
al mattino.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 07/03/2012 @ 15:33:24, in diario, linkato 588 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/03/2012 @ 08:40:28, in diario, linkato 582 volte)
Dura da qualche giorno e durerà qualche giorno. L'odore di mimosa al Quadraro. Dipende da un albero a via dei Quintili e da uno a via Cincinnato. Il giro preciso che faccio ogni mattina. Giallo e dolciastro. Un giorno ripasserò e sarà finito. Ogni anno mi dimentico di contarli i giorni. Quanto dura un odore. Io instituirei una specialistica. Pseudoscientifica. Pseudoromantica.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carvelli (del 08/03/2012 @ 16:15:26, in diario, linkato 505 volte)
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Ci sono 193 persone collegate

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








19/10/2021 @ 10:53:47
script eseguito in 455 ms