Immagine
 Il letto di sarisari... di Carvelli
 
"
Mentire scopare morire. Avevano appena proibito di tentare qualcos'altro. Si mentiva con rabbia al di là dell'immaginabile, molto al di là del ridicolo e dell'assurdo (...) Così erano messi tutti. Si faceva a chi mentiva molto più degli altri. Presto non ci fu più verità in città.

Louis Ferdinand Celine
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 16/06/2010 @ 09:51:01, in diario, linkato 504 volte)

In Parla con lei di Almodovar ci sono due battute tra il divertente e il filosofico. La portiera chiede di Benigno in carcere a Marco e Marco dice che Benigno è innocente e la portiera "sì ma innocente di cosa?". Già, si può essere innocenti rispetto a e forse non lo si può essere in assoluto. Insomma si può essere innocenti solo di una cosa. Chissà.
Verso la fine del film Marco parla con la maestra di danza interpretata da Gerladine Chaplin. Un giorno dovremo parlare io e lei e sarà più semplice di quel che crede. E la maestra: "Sono insegnante di ballett(o) e so che non esistono cose semplici". Questa battuta mi piace perché mi fa pensare al fatto che anche un'arte di apparente fluidità ha origine in un grande sforzo. Ma un po' mi fa anche ridere. E non so perché.

 
Di Carvelli (del 16/06/2010 @ 09:50:42, in diario, linkato 473 volte)
 
Di Carvelli (del 15/06/2010 @ 14:44:14, in diario, linkato 591 volte)

Proseguo il mio diario di lettura di Inoue Yasushi (Ricordi di mia madre). http://it.wikipedia.org/wiki/Inoue_Yasushi
Stiamo parlando sempre della mamma del titolo. Alla donna in questione. ottuagenaria, si è rotto il meccanismo del ricordo e inizia a nominare sempre la stessa persona e solo lui, Shunma. Ecco perché.

Quella che mia madre raccontava di Shunma era una storia molto semplice. Diceva che era gentile, intelligente, e che un giorno, mentre studiava e lei dal giardino si era avvicinata alla veranda, le aveva detto: “Puoi salire”. Tutto qui. All’epoca mia madre doveva avere sette o otto anni. Forse per una bambina come lei l’invito a salire era stato un avvenimento tanto importante da rimanerle in mente per l’intera vita. (…)

Non ricorda il marito. No, mai. I figli ne soffrono ma c'è qualcosa di profondo considerando che la persona che lei ricorda, di quasi dieci anni più grande, è morto giovane tra l'altro. E d'accordo che c'è qualcosa che si è rotto nel meccanismo del ricordo ma perché nel nulla galleggia questo episodio piccolo e isolato?

Che abbia un significato la vita o sia insulsa, dipende dal punto di vista; si può anche presumere che l’unione carnale di marito e moglie per l’intera vita non abbia molto significato, mentre ne avrebbe un piccolo frammento d’amore spirituale, capace di durare senza dissolversi fino al termine di una lunga vita. Da questo punto di vista l’esistenza umana non è certo un episodio trascurabile.
">.

 

 

 

 
Di Carvelli (del 14/06/2010 @ 16:23:42, in diario, linkato 470 volte)
 
Di Carvelli (del 14/06/2010 @ 14:22:47, in diario, linkato 629 volte)

Prima di una suggestiva, indimenticabile notte di Caravaggio e magica narcolessia, questo concerto che mi è (abbastanza*) piaciuto. C'erano dei solisti interessanti come il batterista Mark Mondesir e, ovvio, la Marcotulli. E' un periodo che si parla molto dei Pink Floyd persino per uno come me che di musica sa poco riesce difficile dire o pensare a che cosa sarebbe o sarebbe stata la musica senza di loro. Deve essere qualcosa tipo la classica senza Bach ma è detto da uno che ne sa poco, appunto. Del tanto che ci sarebbe da dire per fortuna rimane il tanto che c'è da sentire. Cose vecchie che risenti come se fosse la prima volta tanto sono state innovative e concluse e credo che in questo si annidi il genio, nella capacità appunto di innovare tracciando un percorso completo, esaustivo. E insieme forse di segnare vie che altri seguiranno. In testa batte la parola compiacenza** che poi ritrovo nella pagina di Inoue Yasushi che oggi linkavo.
">.

*
abbastanza  abbastanza (ant. a bastanza) avv. – A sufficienza, quanto basta: ho mangiato a.; sono a. bene informato; è un golosone che non ne ha mai a.; averne a., di una persona o di una cosa, esserne stufo: ne ho a. di lui e dei suoi capricci; cominciavo ad averne a. di quella vita. In correlazione con una prop. consecutiva introdotta da per o da: ho lavorato a. per meritarmi un po’ di riposo; sei a. grande per capire certe cose; non sono a. preparato da presentarmi all’esame. Meno proprio, davanti a un agg., col sign. di alquanto, piuttosto: sei stato a. sciocco a credergli; il prezzo mi pare a. elevato. 

** 
compiacenza 
compiacènza s. f. [der. di compiacere, compiacente]. – 1. Il compiacersi, piacere intimo, soddisfazione: provare c. nel fare il bene; c. di sé stesso, dei risultati raggiunti; a proposta così inaspettata, colui sentì, insieme con la maraviglia, un ribollimento di sdegno, non però senza qualche c. (Manzoni). 2. L’essere o mostrarsi compiacente, desiderio di far cosa gradita a qualcuno: esser pieno di c.; lo ricevette per pura c.; fare un sorriso di c.; spesso sinon. di cortesia: avere la c. di dire, di fare; abbiate la c. di ritornare più tardi. 

 

 

 

 

 

 

 

 
Di Carvelli (del 14/06/2010 @ 09:55:43, in diario, linkato 533 volte)
 
Di Carvelli (del 14/06/2010 @ 09:04:35, in diario, linkato 770 volte)

Approfittando di sconti ho comprato un altro bellissimo libro di Inoue Yasushi che qui cito.

 

Alla scomparsa di mio padre incominciai a pensare alla mia morte come a un evento non più remoto. Ma la distesa dell’oceano della morte era per metà nascosto dalla presenza di mio padre, che godeva ancora di buona salute: quando avessi perso anche lei, tutti gli schermi frapposti tra me e la morte sarebbero crollati, e la morte mi si sarebbe presentata con una lievità e una compiacenza a me prima ignote.


Inoue Yasushi - Ricordi di mia madre - Adelphi

 
Di Carvelli (del 11/06/2010 @ 16:41:53, in diario, linkato 996 volte)

Pensavo oggi a delle parole che non si usano più o meno. Una di queste è "sgualdrina". Una parola che mi piace molto. Per il suono che ha. Così vi propongo (alla faccia dell'etimo) di farla nostra e riciclarla. Si potrebbe ad esempio dire: ho studiato una sgualdrina (per dire "molto"). Ho mangiato una sgualdrina (per dire assai). Mi sento una sgualdrina (per dire... che so... "stanca"). Oggi piove una sgualdrina (una pioggerellina leggera?). Facciamo una sgualdrina? (per dire una gita veloce). Uffa che sgualdrina (al posto di "carneficina" ma senza sangue). E' una bella sgualdrina (per indicare "un guaio", "una situazione di difficile soluzione"). Se vi va potremmo decidere di intitolarle una via - qualora non sia stato fatto - ... "abito in VIA SGUALDRINA N.8"... Un ristorante, se già non c'è..."Cha mangiata ieri a La Sguadrina!" Potremmo anche decidere che è un momento del giorno o della notte: "ieri sono tornata quasi alla sgualdrina" (le 3? Le 4?). Financo si potrebbe decidere che è una bimba in età della crescita (ma dobbiamo essere sicuri che non sia rimasto il vecchio significato) ché in fondo il suffisso in -ina può tornare utile. Posiamo fare anche che è una malattia, una di quelle leggere tipo un raffreddore: mi sento una sgualdrina oggi...quasi quasi mi prendo l'aspirina". Ma la mia è solo una proposta. Un po' sgualdrina.

Bibliografia
http://it.wiktionary.org/wiki/sgualdrina
www.etimo.it/?term=sgualdrina 
www.youtube.com/watch?v=F4AyI5dwDNI

 
Di Carvelli (del 11/06/2010 @ 12:27:45, in diario, linkato 485 volte)

Giorni fa sul New Yorker ho trovato una vignetta. C'era Superman o giù di lì (su di lì). C'era un Supereroe, comunque, seduto sulla chaise longue di un anziano psicanalista dall'aria austera. La frase sotto diceva più o meno (cito a memoria e traduco come posso) "Io sono reale ma non posso dire la stessa cosa di lei". Mi risulta molto difficile di questi tempi sia in esterna che in interna capire cosa è reale e cosa no. Cosa è straordinario. Ci provo ora.
E' reale
sentire i cattivi odori, mangiare, sudare, lavarsi i denti, sanguinare, sentire l'acqua troppo fredda o troppo calda sulla pelle sotto la doccia, bruciarsi al sole
E' irreale 
il dolore, il vento, il caldo, parlare, ascoltare, pensare che è tutto finito, che non puoi fare più nulla
E' straordinario
piangere, ridere a crepapelle, pensare che stai pensando (ma non saperlo dire né saper dire a cosa), scoprire che stai sentendo qualcosa che non sai dire, provare a dirlo, rinunciare, essere guardati in un certo modo (già...quale modo?), asciugarsi al sole

 
Di Carvelli (del 10/06/2010 @ 11:25:55, in diario, linkato 451 volte)
Concerto molto suggestivo ieri al Circolo degli artisti di Bobo Rondelli. Sudore e risate. Sudore soprattutto. Malinconia, struggimento avanti a tutto. Rimango sempre colpito quando nelle versone trovo parti più o meno (più o meno) equilibrate di ironia e malinconia. Di ironia e autoironia, pure, come una specie di attitudine al tiro, un tiro a segno non doloroso o mortale che è capace di più bersagli.
">.
 
Ci sono 151 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








12/08/2020 @ 10:57:34
script eseguito in 683 ms