Immagine
 Un letto da Etain... di Carvelli
 
"
E, come per la maggior parte del genere umano, fu così anche per me: scelsi il lato migliore per trovarmi poi nella condizione di non sapere come restargli fedele.

Robert Louis Stevenson
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di Carvelli (del 23/03/2010 @ 17:46:00, in diario, linkato 568 volte)

">.

 

 
Di Carvelli (del 23/03/2010 @ 11:56:42, in diario, linkato 579 volte)
Non so cosa è successo ma è successo. So dov'ero. Non lo dimenticherò, no. Non tanto facilmente. E' successo a casa mia e precisamente...non importa. E' successo nell'unico posto dove poteva succedere. E l'ora. Era tra le 6e30 e le 7e15. In mezzo a questo tempo ho sentito una specie di clic e nulla tornerà uguale a prima. Non so bene parlarne ma è successo qualcosa che non so cosa ma è successo e io non sono più quello. Si è pigiato un piccolo interruttore. Se qualcosa era ON ora è OFF. O viceversa. Ma non so parlarne. Né so dire come mi sento. Con le parole, no. Vorrei dirlo con altro. Ora ci penso. Anzi no. Forse fra poco o fra molto farò qualcosa e sarà tutto più chiaro. Cosa è successo. Perché. E tutte le conseguenze.
 
Di Carvelli (del 22/03/2010 @ 15:01:07, in diario, linkato 565 volte)
E' tutto oggi che ho in mentre questa canzone. E tre giorni che penso a quello che dice (ma senza ricordarla) o che vorrebbe dire. Ora la ricordo e la linko. Il solito imbarazzante video amatoriale collage di foto semiero_iche (molto semi).
">.
 

Frutti di corbezzolo (fuori stagione?)
Fiori-fiordalisi che spuntano all'improvviso.
Un pèrone rotto (senza che nessuno lo sapesse, neanche il pèrone)
Una lucertola nel prato (morta)
Un film (Crazy Heart) in cui il lieto fine lo è da un punto di vista più alto mentre da uno più basso non è lieto per niente. Ma è così che funziona: il vero beneficio non è mai la persona-altra oggetto d'amore ma l'amore che prende posto al volante della persona-prima.
La voglia di S.1 di provarci.
L'esempio di S.2, la sua voglia di riuscirci (meglio di qwella di S.1 anche se più dolorosa).
Libri: L'uomo che cade di de Lillo, L'altro segreto della vita di Stewart, 1984 di Orwell.
Il regalo di A.
">.

 
Di Carvelli (del 22/03/2010 @ 09:15:38, in diario, linkato 509 volte)

Ho regalato questo libro. The Paris Review. Il libro (Fandango)


Praticamente un blocchetto più che un mattone. Prima di regalarlo, l'ho sfogliato. meglio, l'ho aperto a caso ed è spuntata questa poesia.

A.R. AMMONS

    Trovato sul retro di una busta da Helen Vendler 28.1.1981

Un giorno sei arrivata e
come sempre in questi casi
il senso ha empito tutto quanto -
i tuoi occhi, le cose che
sapevi, il tuo modo di girarti,
chinarti, stare in piedi, o sederti,
così o cosà: appena
sei partita, la regione qui è salita
in piena, una marea invertita e tutto
quanto offre desolazione è defluito via.

 
Di Carvelli (del 22/03/2010 @ 09:13:27, in diario, linkato 580 volte)
 
Di Carvelli (del 19/03/2010 @ 10:53:07, in diario, linkato 624 volte)
 
Di Carvelli (del 19/03/2010 @ 08:35:33, in diario, linkato 566 volte)
 
Di Carvelli (del 19/03/2010 @ 08:22:33, in diario, linkato 655 volte)

Linko anche oggi un po' di nonsense di Edward Lear

C'era un vecchio di Messina
La cui figlia si chiamava Opsibina;
Portava sulla testa un parrucchino
E cavalcava in groppa a un maialino,
Con gran diletto di tutta Messina.

che in inglese suona così

There was an Old Man of Messina
Whose daughter was named Opsebeena;
She wore a small Wig,
And role out a Pig,
To the perfect delight of Messina.

E' uno dei pochi limerick di Lear in cui il traduttore Izzo (interessante la sua introduzione) non è costretto ad arrampicate sulle pagine dei vocabolari. Cosa che fa anche quando avrebbe la città di Ancona che però facendo rima con owner lo porta a un altro parallelo Crotone/padrone. Notizie su Lear le trovate qui o nella intro di cui si diceva dove vengono raccontati anche episodi della vita italiana (morì a Sanremo) del poeta inglese che fu anche notevole disegnatore coem nel disegno della poesia su in alto.

http://it.wikipedia.org/wiki/Edward_Lear

 
Di Carvelli (del 18/03/2010 @ 10:49:25, in diario, linkato 553 volte)

Due parole su Giuseppe

 

 

Siamo un pezzo avanti nella storia di Anna e ancora nessuna parola su Giuseppe. Dov’è Giuseppe mentre raccontiamo di Anna e Carlo, di Sara? Mentre scriviamo di loro, dove si trova Giuseppe? In questo momento, nel momento, ad esempio, in cui Anna e Carlo sono al tex-mex o prendono i loro aperitivi con altri, Giuseppe sale e scende dagli aerei per lavoro. Sale e scende come un sintomo di carriera a cui purtroppo fa difetto lo stipendio. Il limite di molti lavori fondati sulla passione è la convergente ricerca di piacere o invito al sacrificio. E Giuseppe si sacrifica mentre pensa che in fondo nulla sta levando alla sua vita. Non sta togliendo attenzione a una compagna, non a una figlia o un figlio. Non sta togliendo nulla neppure a se stesso. E torna tardi la sera. E fa la spesa tardi la sera. Sceso da un aereo, salito su un taxi e risceso compra cose inutili anche se buone. Non dietetiche. Non sane. E, soprattutto, care. Perché ad entrare tardi in negozi aperti si finisce spesso per spendere di più. Potrebbe fare la spesa qualcun altro per lui? Potrebbe avere un’organizzazione della vita, anche fuori dal lavoro, più metodica?

Ma forse bisogna partire da un’altra domanda. Perché Giuseppe non ha una compagna visto che ha o, meglio, ha avuto e anche più volte l’età giusta per averne una? Non certo per il lavoro, la carriera. E’ una persona onesta: non darebbe mai la colpa a questa vita di sacrifici. Neppure per avere molte donne ché non ne ha né una né molte. Deve essere colpa di quello che ha pensato o che pensa.

In amore, chi ha buone gambe scappa. Questo pensa Giuseppe dell’amore. Grosso modo assioma omologo al più noto adagio “in amore vince chi scappa”. L’aggiunta del buone gambe sta a dire che non è per lui tanto una questione di “vincere” ma di salvarsi, e salvarsi per lui ha una virtù sola “correre” o “saper correre”. In definitiva salvarsi non è per tutti. Eppure c’è in Giuseppe, anche se non lo sa, anche se si stupirebbe se qualcuno glielo facesse notare, anche se dissentirebbe se qualcuno gliela attribuisse c’è in Giuseppe, dicevamo, una naturale propensione alla vita matrimoniale. Ed è tardi per dirselo, è tardi per scoprirlo passati i 40 anni. E soprattutto è difficile dirselo se non lo si pensa.

 

Quando Anna incontrerà Giuseppe – scusate il piccolo salto in avanti – noterà questo di lui. Questo dirà alle amiche e questo – anche se ci ritornerò poi, inizio col dirlo – è l’impressione che Giuseppe, nonostante, per usare le parole di Carlo, un curriculum sentimentale molto lacunoso e ricco d’ombre, abbia il ritmo delle persone che sanno stare in coppia, in relazione. Superate almeno certe ruvidezze e abitudini dello stare per troppo tempo da solo. Cose che comunque a anche Anna ha notato e ne ha sorriso.

 
Ci sono 927 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi pi cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








24/11/2020 @ 02:13:07
script eseguito in 615 ms