Immagine
 letto di M e G a Lubriano... di Carvelli
 
"
La storia si ripete sempre due volte: la prima volta come tragedia, la seconda come farsa.

Karl Marx
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 18/03/2010 @ 08:51:48, in diario, linkato 536 volte)

There was an Old Man on whose nose,
Most birds of the air could repose;
But they all flew away
At the closing of day,
Which relieved that Old Man and is nose.

C'era un vecchio il cui naso
Da ogni sorta d'uccellini invaso;
Ma al tramontare del giorno
Fuggì con tutti a stormo,
Il che alleviava quel vecchio e il suo naso.

Leggo dal LIBRO DEI NONSENSE di Edward Lear, nella traduzione di Carlo Izzo. Uno dei libri che sto leggendo in questo periodo. Troppi e troppo interrotti. Domenica ho comprato e iniziato a leggere Massimo Recalcati (L'uomo senza inconscio). Ho cercato ma non ho trovato Ian Stewart (L'altro segreto della vita). E ho leggiucchiato Franca D'Agostini (Paradossi).


Stamattina mi sono svegliato con Gaber. Non questo Gaber. Ma a questo ho pensato. Che poi è anche la sua ultima apparizione. A voi.

">.

 
Di Carvelli (del 17/03/2010 @ 16:59:23, in diario, linkato 507 volte)

Mesi fa, anni fa (perdo la cognizione del tempo), una amica mi ha parlato di questo blog e io ne ho parlato qui. Poi è passato quel tempo che non sappiamo quantificare e quel blog di Vivi è chiuso e finisce con questo post che mi piace regalarvi.

giovedì 14 maggio 2009

Epilogo

 
Come mi sono ripromessa da molto tempo, voglio dedicare l'ultimo post a spiegare l'origine del titolo di questo blog. You still have the waves in your eyes.

Era il 2 Marzo dell'anno scorso. Erano passate due settimane da quando ero arrivata a Trinidad. Avevo appena cominciato in ufficio, avevo conosciuto i miei coinquilini, Camilla mi guidava un po' nelle piccole cose quotidiane, come scegliere l'operatore telefonico e evitare le strade nella parte est della citta'. Avevo arredato la mia stanza. Non avevo ancora visto il mare.

Domenica 2 Marzo sono andata al mare per la prima volta, a Maracas beach. Con Abinta, Camilla, un'amica di Camilla (che poi avrebbe fatto il corso di diritti umani con me in Costa Rica qualche mese dopo). E Mister K, che vedevo per la prima volta. Io e lui eravamo in macchina da soli, abbiamo chiacchierato e simpatizzato. Ero a bocca aperta per la bellezza della strada che attraversava tutta la Northern Range. Ho fatto il bagno nell'oceano, spingendomi troppo lontano. Ho mangiato il bake and shark. Io e K abbiamo fatto una lunga passeggiata, fino alla fine della spiaggia, oltre i pescatori. Al ritorno sono andata con Camilla nella sua rastamobile. E' stato un giorno fondamentale, uno di quelli che restano impressi nella memoria. Molte cose nuove. Molti inizi di cose importanti, vissuti senza rendersene conto. Il mio battesimo a Trinidad.

Quando sono tornata a casa ero felice, avevo le guance scottate dal sole. Finalmente avevo visto il mio tanto amato mare. Mas mi ha vista salire le scale saltellando, ha sorriso e mi ha chiesto. Dove sei stata, Vivi? Io ho risposto raggiante. At the beach! E lui, schermandosi gli occhi dal sole del tramonto, con un impeto poetico senza precedenti, mi ha detto tutto di un fiato.

You still have the waves in your eyes.
Hai ancora le onde negli occhi.
 
 
Ora Vivi ha cambiato blog e paese e la trovate qui
http://humanitariancircus.blogspot.com/
ma vale la pena cercarla ancora lì, dove non è più ma ci sono ancora le sue onde
http://stillwavesinyoureyes.blogspot.com/


 
Di Carvelli (del 17/03/2010 @ 11:48:39, in diario, linkato 557 volte)
E' una questione numerica, in definitiva. Penso. Magari non semplice ma, in definitiva, solo una questione di numeri. Ieri ho perso un guanto. I guanti, si sa, sono due. Come gli orecchini che però - la New Wave insegna - possono essere indossati pure singolarmente. Come le scarpe che invece è difficile che non siano due. I calzini. Tutte cose che vanno in coppia. Anche se è vero che esiste un guanto da lavoro singolo. Ma io ho perso un guanto da freddo (si può dire guanto da freddo? Forse no. Ma io ho perso un guanto da freddo: e questa è una questione lessicale, concedetemelo). Non come i pantaloni che sono uno. Come era bella mia madre quando mi diceva "ti ho stirato il pantalone". Nella sua infinita semplicità aveva risolto ogni contraddittorio scegliendo nel vocabolario la versione mono. Ieri sera, passeggiando attorno ai palazzi del nostro quartiere, io e S. e il suo cane R., io ho perso un guanto. Ora ne dovrei avere uno e invece lo ha S. che ha promesso di rifare lo stesso giro oggi con R. per ritrovare il secondo. Forse glielo darà da annusare e lo troverà lui, R. - oddio sto prendendo una deriva eccessivamente fantastica. Forse il secondo guanto non si troverà e a S. o a me rimarrà un solo guanto. Ma un solo guanto non funziona. Un guanto da solo non dura. Oggi penso a tutte le cose o le persone che dovrebbero essere due e invece sono uno. E non basta.
 
Di Carvelli (del 17/03/2010 @ 08:37:38, in diario, linkato 751 volte)

Due citazioni da due libri e due autori che amo. Non casualmente sono rispettivamente una lettura notturna e insonne e una diurna e assonnolita. Dal Viaggio al termine della notte, la prima e da Le lettere, la seconda.

Mentire scopare morire. Avevano appena proibito di tentare qualcos'altro. Si mentiva con rabbia al di là dell'immaginabile, molto al di là del ridicolo e dell'assurdo (...) Così erano messi tutti. Si faceva a chi mentiva molto più degli altri. Presto non ci fu più verità in città.
LOUIS FERDINAND CELINE

Fuggi da ogni grandezza: la vita nostra in una povera casa può andare oltre quella dei re e degli amici dei re. (...) la roba che non ci si adatta è come il calzare del proverbio che troppo largo ci inciampa e troppo stretto ci piaga.
ORAZIO

 
Di Carvelli (del 16/03/2010 @ 08:34:16, in diario, linkato 554 volte)

Oggi 16 marzo Tonino Guerra festeggia i suoi 90 anni. Come qualcuno forse sa nel lontano 1992 mi laureai proprio con una tesi sulla sua opera narrativa - a cui di gran lunga si è sempre preferita quella poetica in dialetto romagnolo e cinematografica (è stato uno sceneggiatore di molti e importanti film) - e sulle dinamiche di scambio tra essa e la scrittura del film. Proprio da un film nacque il mio interesse per questo autore di Sant'Arcangelo. Non un film strepitoso ma da un soggetto che poi letto avrebbe fatto da carota per il mio lavoro. Era Il frullo del passero, di Mingozzi. Il plot era di Tonino. La storia di una giovane mantenuta che rimane senza protezione alla mote dell'amante e decide di accettare quella di un ottantenne che le chiede solo di ascoltare i suoi racconti. In un crescendo di realismo magico i racconti del vecchio anticipano le vicende d'amore della ragazza. Cito oggi una poesia - solo nella traduzione in italiano - molto bella di Guerra che è nella stessa raccolta di prose e poesie dal titolo Il polverone.

La farfalla

Contento proprio contento
sono stato molte volte nella vita
ma più di tutte quando ci hanno liberato
in Germania
che mi sono messo a guardare una farfalla
senza la voglia di mangiarla.

 
Di Carvelli (del 15/03/2010 @ 09:46:29, in diario, linkato 527 volte)

">.


THIS BITTER EARTH  BY CLYDE OTIS SUNG BY DINAH WASHINGTON
 
This bitter earth
What fruit it bears
What good is love
That no one shares
And if my life is like the dust
That hides the glow of a rose
What good am I
Heaven only knows

This bitter Earth
Can it be so cold
Today you're young
Too soon your old
But while a voice
Within me cries
I'm sure someone
May answer my call
And this bitter earth
May not be so bitter after all
##
Non crede di aver sbagliato persona. Ma non parla di me ché non sono quello che dice. Non sono quello che pensa. Non mi riconosco nelle sue parole. Dico: non fidarti del tuo sguardo. Piuttosto domandati cosa vuoi vedere a prescindere da me. Lo dico perché tu possa trovarlo altrove. Non qui dove non c'è. Ma non c'è verso ed è probabile dunque che quel qualcosa c'è e che io non lo vedo. Un'ipotesi che non prendo in considerazione. O almeno non per via teorica.
 
Di Carvelli (del 15/03/2010 @ 09:01:57, in diario, linkato 522 volte)
 
Di Carvelli (del 10/03/2010 @ 16:17:42, in diario, linkato 509 volte)

Trangugio spesso a garganella le risposte di Milana Runjic su Internazionale come questa della settimana che chiude...

Sensibilità maschile

Cara Milana, le donne dicono sempre che gli uomini dovrebbero essere più sensibili. Ma non sopportano quando il loro uomo piange. Perché?

Internazionale 836, 3 marzo 2010

Ho sempre pensato che quello maschile sia il sesso più sensibile. Le donne sono più complicate ed esigenti. Per molti uomini la cosa più importante è essere lasciati in pace. Con i loro amici, i loro hobby e la tv.

Ma per noi donne non è facile accettarlo. Rispetto agli uomini siamo più combattive, abbiamo rapporti più burrascosi, umori più intensi, insoddisfazioni più grandi e la quantità di parole che possiamo pronunciare è superiore a quella del più logorroico degli uomini. Facciamo fatica a spiegarci perché gli uomini sono così pigri. Forse si tratta di una loro fragilità innata, scritta nel dna.

Le teorie sulla possibile estinzione dei maschi, e quindi del futuro autosufficiente delle donne, non sono così folli come sembrano. Ma non mi piacerebbe vivere in un mondo senza uomini: riescono a rendere la vita più sopportabile, a volte anche magica. Piangono raramente, ma quando succede sono commoventi. Abbassano lo sguardo e lasciano scorrere le lacrime lungo il viso, senza smorfie, senza singhiozzi. Per secoli hanno dovuto essere “maschi alfa”, ma oggi non lo sono più.

Sono dolci e letteralmente smarriti in questo mondo dai contorni affilati. Ecco perché bisogna lasciarli piangere quando hanno voglia di farlo. Perché per loro non è affatto facile.

www.internazionale.it/firme/articolo.php?id=23079

 

 
Di Carvelli (del 10/03/2010 @ 09:26:46, in diario, linkato 534 volte)
Dove c'è vento lì sono io
ma non in persona,
in parole.
Cose che ho detto tanto tempo fa,
cose che ho scritto perché fossero dette.
Dove c'è vento lì sono io
e dico le parole
che vorresti aver sentito o sentire.
Dove c'è vento lì sempre sarò.
Non penserai
"da quanto non c'è?"
e se sono morto.
Ci sarà vento
e dentro le mie parole.
in un certo modo
pure io ci sarò.
O così ti sembrerà.
 
Di Carvelli (del 10/03/2010 @ 09:25:36, in diario, linkato 523 volte)
 
Ci sono 1376 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








05/08/2020 @ 07:03:48
script eseguito in 628 ms