Immagine
 LondonLetto... di Carvelli
 
"
Fuggi da ogni grandezza: la vita nostra in una povera casa può andare oltre quella dei re e degli amici dei re. (...) la roba che non ci si adatta è come il calzare del proverbio che troppo largo ci inciampa e troppo stretto ci piaga.

Orazio
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
á
á
Di Carvelli (del 16/11/2009 @ 16:50:50, in diario, linkato 962 volte)

Sere fa rileggevo la bellissima raccolta di Giorgio Caproni - Il seme del piangere, dedicata alla mamma Annina. Tra le pagine più belle della nostr poesia italiana del Novecento.

L’uscita mattutina

Come scendeva fina
e giovane le scale Annina!
Mordendosi la catenina
d’oro, usciva via
lasciando nel buio una scia
di cipria, che non finiva.

L’ora era di mattina
presto, ancora albina.
Ma come s’illuminava
la strada dove lei passava!

Tutto Cors’Amedeo,
sentendola, si destava.
Ne conosceva il neo
sul labbro, e sottile
la nuca e l’andatura
ilare - la cintura
stretta, che acre e gentile
(Annina si voltava)
all’opera stimolava.

Andava in alba e in trina
pari a un’operaia regina.
Andava col volto franco
(ma cauto, e vergine, il fianco)
e tutta di lei risuonava
al suo tacchettio la contrada.

 
Di Carvelli (del 16/11/2009 @ 09:45:21, in diario, linkato 519 volte)
 
Di Carvelli (del 16/11/2009 @ 08:55:30, in diario, linkato 628 volte)

Quello che per uno è una disfatta, per un altro è un beneficio. Inizio con il perdere. Perdo, lascio. Cose che ho in mano mi sfuggono. Si rompono gli oggetti. Uan busta sta da qualche parte con dolci che qualcuno mangerà al posto di altri. Mi sfuggono le cose, le persone. E solo da adesso ho l'impressione di avere tutto davvero vicino, tutto davvero addosso. Tutto mio. Tutto io. Senza più nulla, tutto è con me, tutto mi appartiene, tutto si avvicina.

Ieri sera. Lei sa il cinese, lui è inglese. Il tutto dopo due giorni in dialetto napoletano. Lingua e dialetto. Penso ai modi che abbiamo ognuno di noi di comunicare, di farci capire. Con le parole. Senza le parole. 

 
Di Carvelli (del 13/11/2009 @ 14:53:51, in diario, linkato 706 volte)

Dalle mail ricevute si evince che il tasso di serendipità che vi avvolge è alto. M. racconta che proprio mentre pensava a una sola persona, si concentrava su quella. A quella pensava, lei bramava. Proprio allora in una sacca di questo vuoto/pieno dell'attesa/ricerca si è palesata nella sua vita, imprevista e improvvisa, un'altra persona. D'un colpo, dice, tutta quell'ansia e aspettativa un po' ostinata (confessa)si è dissolta come "nebbia al sole". Si domanda M. se fosse necessario un evento meteorologico altro per rivelarne un altro. O. O? - chiedo. Oppure no. Questa la definizione di cui in oggetto. Così M. Per autoaffermazione D. dice che proprio nel giorno in cui leggeva il mio post un tizio le parlava del film da cui prende spunto. E questa cara D. è coincidenza o rete. Rete, sì. Rete in cui siamo avvolti, dentro la quale siamo collegati, interrelati, gradi di separazione. Un po' di felicità vi raggiunga serendipitina o meno. Per oggi e giorni a venire.

PS Mi sa che uno di questi giorni vi dovrò parlare di Cartesio ma non oggi e, soprattutto, non per farina del mio sacco.

 
Di Carvelli (del 13/11/2009 @ 08:43:00, in diario, linkato 618 volte)
Stante il successo del post (vi ringrazio delle mail e della telefonata e del sms) ritorno sul nonluogo del delitto. Esiste una serendipità legata al ritrovamento di qualcosa di imprevisto. Ma io volevo parlare a prescindere. Della mia confusione mentale. Un qualcosa che mi è involontariamente proprio e mi rende persona sottovalutata dal punto di vista dell'attenzione. Che poi è una delle cose che mi diverte sempre tanto. Perché ad esempio - e con massimo stupore degli interlocutori - io mi ricordo esattamente i vestiti delle persone, le parole precise che dicevano in quel dato momento (prego ogni giorno per abbattere il mio essere rancoroso!). Ovviamente parlo delle cose che mi interessano, delle persone. Per estensione perdo molte cose. O meglio le sposto in attimi di distrazione da un posto all'altro e poi non ricordo quel movimento di sottrazione. Da cui dovrei dire che vivo in una costante sensazione di serendipità. Vivo di perdite e di ritrovamenti.
 
Di Carvelli (del 12/11/2009 @ 09:48:24, in diario, linkato 489 volte)
 
Ecco cosa diceva il Presidente Clinton alla nazione. Recupero dalla mia biblioteca n2 un libro pamphlet uscito all'indomani del caso Clinton a firma di Ida Magli. Titolo SESSO E POTERE. Copertina brutta: succede. Mi sono chiesto se potesse essermi utile rileggerlo oggi. E pur argomentando e facendomi argomentare dall'antropologa mi sono convinto che la mutevolezza dei tempi tradisce le scienze inesatte. Spesso l'esattezza delle scienze inesatte è nella debolezza delle basi di partenza. Una buona base di partenza può garantire - altrimenti detto - all'inesattezza di lavorare sul solido. Quando penso all'esattezza penso a principi e, in ogni caso, penso a latere senza avercela assolutamente con la Magli, né con questo libro che pone anzi un campo di domande. La Magli dà all'uomo il potere di ridare un ruolo alla donna. Alla donna rimprovera di aver accettato logiche di potere maschili e quindi di aver conquistato potere con armi non loro proprie e in questo aver levato il contributo essenziale del loro mattone alla tenuta della casa. E ora? E ora - continuo nella banalizzazione - spetta all'uomo rideterminare il ruolo della donna nella società.
(to be continued)
 
Di Carvelli (del 11/11/2009 @ 15:16:32, in diario, linkato 497 volte)

Il mio cellulare suonerà così. Giusto per mettermi un po'  in imbarazzo o farci sentire qualcuno.
">.

 
Di Carvelli (del 11/11/2009 @ 15:06:23, in diario, linkato 558 volte)
A premessa wikipedia.
http://it.wikipedia.org/wiki/Serendipit%C3%A0
Giorni fa ho visto Serendipity, quello che comunemente viene definito un film stupido o "un'americanata" e F. - una nuova amica - saputo il tema ha definito "diabolico". Di diabolico cosa c'è? C'è un uomo e una donna alle porte del loro matrimonio (rispettivamente con altri due) s'innamorano. se ne accorgono. ma sidano il caso e decidono che se quest'improvvisa virata del destino nei loro confronti deve avere un senso glielo deve dimostrare chiaramente e fanno una scommessa. Si ricontreranno senza sapere nulla l'uno dell'altro. Per caso. E per caso non vi dico come va a finire. E se per caso me lo chiedete. Per caso vi consiglio di affittarvi il film, di sentirvi un po' stupidi. Come mi sono sentito io.
 
Di Carvelli (del 10/11/2009 @ 15:22:37, in diario, linkato 1601 volte)

Continuo a leggere con fatica dopo una pausa di lettura di giorni Fabrizio Lupo. Un romanzo di Carlo Coccioli  che ho fortunosamente trovato nella piccola e preziosa Tanner. Mi incuriosisce è un libro di più che sull' omosessualità. Un libro importante che racconta un mondo di cui mi ha sempre affascinato il fervore amoroso. Invidiabile. Nelle sue due forme erotica e romantica (ma quando scrivo romantica penso a thanatos... il gioco disperato della fine che spesso mi è arrivato a voce di miei amici omosessuali). Nelle pagine leggo una bellissima frase di Kafka:

"Il Messia non verrà se non quando non sarà più necessario, non verrà se non un giorno dopo la sua venuta, non verrà l'ultimo giorno, ma l'ultimissimo".

Prosegue

"Che queste parole di Franz Kafka, quasi un profeta dell'Antico Testamento, non si alzino contro di me".

Mi capita spesso - mi capita oggi e mi è capitato spesso di pensare - che il fervore religioso possa essere espresso meglio da uomini non di apparato. O meglio: avverto e ho sempre avvertito al fede nel mondo disperato degli ultimi, dei sofferenti, dei peccatori. Anche nel Sutra del Loto il Budda non si mostra al fedele nel momento del dolore, della disperazione ma solo dopo di esso. Quando al dolore si sostituisce la fede, l'ardente desiderio che brucia ed è stato ormai combusto dalla sofferenza. Credo che K. intendesse questo. Il mondo sarà salvato dopo la fine.

 
Ci sono 2293 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pi¨ cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pi¨ cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








10/08/2020 @ 03:22:51
script eseguito in 610 ms