Immagine
 marina di pisciotta... di Carvelli
 
"
L'Amore è l'agire in modo piacevole di udito, tatto, vista, gusto e odorato, ciascuno nel proprio ambito, presieduti dalla mente congiunta con l'anima. Ma in particolare l'Amore è, di quest'ultima, l'adeguata sensazione, pervasa dalla gioia che viene dalla consapevolezza e ricca di risultati, in relazione a uno speciale contatto.

Vatsyayana
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 10/11/2008 @ 09:10:17, in diario, linkato 637 volte)

Sabato ho comprato Club Midnight di Charles Simic. E ho comprato e regalato (ma prima ho letto) Roberta Dapunt e il suo La terra più del Paradiso. Ieri sera ho finito di leggere La versione di Barney e stamattina ho riletto un po' di Martin Buber. Come se fossi un lettore a cottimo. Mi servo dei libri a piccole dosi. Me li somministro come l'omeopata del mio poco tempo mi destina.

Charles Simic


Letti disfatti

Amano le stanze ombreggiate,
le carte da parati consunte,
le crepe nel soffitto,
le mosche sul cuscino.

Se ti viene la tentazione di allungarti,
non essere sorpreso,
non farai caso alle lenzuola sporche,
al raschio delle molle arrugginite
mentre ti metti comodo.
La stanza è un cinema buio
dove si proietta
una pellicola sgranata in bianco e nero.

Un’immagine sfuocata di corpi svestiti
nel momento della dolce indolenza
che segue all’amore,
quando il più malvagio dei cuori
arriva a credere
che la felicità può durare per sempre.

Traduzione di Nicola Gardini

 

Charles Simic
Club Midnight
A cura di Nicola Gardini
Adelphi Edizioni 2008

 
Di Carvelli (del 10/11/2008 @ 09:07:06, in diario, linkato 769 volte)
">.
 
Di Carvelli (del 10/11/2008 @ 09:05:38, in diario, linkato 669 volte)
Amatevi come io vi ho amati .
 
Di Carvelli (del 07/11/2008 @ 16:24:53, in diario, linkato 601 volte)

Avere da dire

di Roberto Carvelli

 

A completamento di lettura delle 457 pagine di cui si compone, dei 19,50 € necessari per l’acquisto del nuovo libro di Hanif Kureishi (Ho qualcosa da dirti, Bompiani) rimane l’impressione di un viaggio utile per non dire necessario. Un viaggio istruttivo e di gradevole compagnia. Il titolo non suona pretenzioso, tutt’altro: avvalora l’intenzione di scrittura, la necessità e la capacità affabulative e una confidenza non strumentale.  Il protagonista è uno psicanalista di successo autore di libri felici (Sei personaggi in cerca di cura è un suo esemplare titolo) che condivide la massima “Il nostro compito è di guarire anche chi sta bene”, i suoi amici, il passato che torna a ravvivarlo e tormentarlo, l’Inghilterra guerresca e dedita al facile profitto nel nome del laburismo. L’autore anglo-pakistano ci ha abituato negli ultimi libri – ma si potrebbe dire dagli esordi – alla varietà dell’ispirazione con scarti spesso apparentemente spiazzanti (penso a Il corpo). Kureishi scrive come un classico e pensa come un contemporaneo. S’intuisce che le mosse le prende sempre da temi vivi e da una mai banale anche se schietta considerazione degli stessi. In questo libro gli ingredienti sono le relazioni umane nelle loro multiformi varietà. Figli che somigliano con dispetto ai loro genitori che si disprezzano e si conoscono per mezzo loro, amori interrotti e ripresi e rinterrotti, amicizie da registrare di continuo, parentele che mettono a dura prova affettiva (il padre assente del protagonista e la sorella piena di stridenti sfaccettature): il libro di Kureishi è popolato di lati umani comuni ma non per questo fa il gioco facile delle strizzatine d’occhio al lettore. Persino il sesso (anche sotto la specie dell’incesto) che campeggia spesso nelle pagine, non sta lì per prurito ma per realistica osservazione e meditazione causale ed effettuale delle complessità umane.

In ultimo, il libro dello scrittore londinese si può considerare un proficuo viatico all’analisi dei nostri tempi complessi e difficili (ma stimolanti per vivacità) scritto con la giusta presenza e una leggerezza nel fondo che potremmo definire karmica, cioè comprensiva della continua e sempre possibile trasformazione nella lotta eterna tra Bene e Male (nelle pagine c’è sempre l’idea che nulla è definitivamente perduto e non per stolta speranza). La citazione nel testo dal Purgatorio dantesco non è presuntuosa né casuale – pensiamo – bensì orientativa. Dei tanti viaggi possibili quello di Kureishi per congruità può in senso lato qualificarsi come un confronto – nelle motivazioni – non equivoco nella zona di mezzo della nostra bipolare (e per questo a volte percepita come tormentosa) esistenza.

 
Di Carvelli (del 07/11/2008 @ 15:33:37, in diario, linkato 606 volte)

Qui (sul nostro friendly ZoeMagazine)

Uno dei termini della annosa questione
di Roberto Carvelli

Tuttavia c’è una differenza tra un Budda e un comune mortale, in quanto un comune mortale è illuso mentre un Budda è illuminato. Il comune mortale non sa di possedere sia l’entità che la funzione dei tre corpi del Budda.
Nichiren Daishonin (monaco buddista XIII secolo)

 

 

 

Del Buddismo mi hanno sempre colpito i termini semplici della questione. Sofferenza e gioia, felicità relativa e assoluta. E, last but not least – anzi, forse, addirittura, first –, illusione e illuminazione. Un binomio antitetico che mi sembra funzionale alla spiegazione di tante cose della annosa questione che chiamiamo Vita (e suo funzionamento). E altrettanto funzionale mi sembra l’innato fronteggiarsi tra Bene e Male ma non in termini così bianco e nero, né diavoloni incazzati e cherubini boccoluti ma solo un opportuno contendersi di estremi entrambi utili come a dire che un match è bello se è combattuto e non se stravince una squadra o un singolo. Che per vincere servono ostacoli da sfidare, sfide personali, traguardi senza per questo cadere in una Olimpiade continua e fiaccante e, soprattutto, fine a se stessa. Illusione e illuminazione – per tornare alla coppia che c’interessa – sono due parole per noi tra l’altro lessicalmente anche vicine e questo può essere un aiuto anziché no. Perché vicine lo sono pure funzionalmente. Come se a separarle fosse solo un piccolo scarto, un click che invece è un bang, anzi un big bang. Eppure il big bang è solo un effetto. Una conseguenza straordinaria di un evento piccolo che è il gesto di allungare la mano verso un interruttore e accenderlo. Il modo in cui si passa dall’una all’altra è solo davvero il click di un interruttore, e il gesto di accenderlo che è quello che ci riguarda. E questo, diciamocelo, non è un fatto inessenziale. E’ anzi un determinismo piacevole: non è da poco vedere che una cosa che fa la differenza sta lì a un passo, che se allunghi la mano e pigi quel tastino la visione delle cose su cui prima avevi visto appena ombre mostra figure nitidissime.

E i termini della annosa questione sono anche comprensibili. Quante volte – e quelle erano o ci sono sembrate coincidenze fortunate – una cosa ha cambiato di aspetto al verificarsi di un’altra? Una cosa in apparenza sfigata si è mutata in una cosa felice? Ci sono da sempre cose che acquistano una loro logica al verificarsi (anche al subitaneo verificarsi) di un’altra e questo, si diceva, è un congegno fortuito. Ma questo congegno si può anche provare a determinarlo. Cioè si può, a buona ragione, accenderla questa luce su cose non spiegabili. Ovviamente siamo nel campo delle semplificazioni ma non delle banalizzazioni, come qualcuno potrebbe obiettare, perché le cose stanno effettivamente così, anche se questo “così” non dice come si faccia ad allungare il braccio e a pigiare il tasto. E allora mettiamola così che il Buddismo non è altro che una ginnastica a esercizi per braccio che si allunga e pigia. Il gesto di una educazione fisica apparentemente trascurabile e aspecialistica che alla lunga crea un’abilità semplice (che può sembrare stupida) ma che invece serve a fare di una annosa questione una quotidiana felice celebrazione. Che è poco ma è anche quello che serve, a pensarci bene. 

 

 
Di Carvelli (del 06/11/2008 @ 14:31:23, in diario, linkato 622 volte)
Un'aria effervescente ci inonda. Qui come altrove sembriamo bagnati da un'atmosfera gioiosa. Quasi risolutiva. Per molti messianica. Quella di un nero alla casabianca, di uno che ce l'ha fatta da solo e insalita. Forse anche noi abbiamo un dream. Il dream di uno che si sobbarchi tutte le nostre crisi, le problematicità che ci circondano, come un Superman. Ecco Obama sembra incarnare il nostro Clark Kent. Un segno sulla scheda e sarà supereroe. Un segno e tutto passa. Ma sarà difficile che si realizzi solo così. Forse serve un leader, uno che sappia ridare un clima di fiducia in se stessi e negli altri e il discorso post-elezione di Obama sembrava lanciare questo sasso. Un dream è un dream: può diventare un progetto se all'aria "nuvoletta" si sostituiscono azioni in una cornice (le nostre). In definitiva ci basta qualcuno che ci dia una cornice, un foglio, dei colori. In definitiva un patto che ha bisogno di una coerenza per mantenersi senza annacquarsi di delusioni. I suopereroi passano, gli uomini restano: basta non demandare al mondo della fantasia le nostre frustrazioni. Solo così non finirà in nuvolette.
 
Di Carvelli (del 05/11/2008 @ 09:54:58, in diario, linkato 547 volte)
Si diffonde la piaga dell'obamismo. Italia in festa, Roma in festa, USA in festa. L'obamismo - contrariamente alle preoccupazioni della prima ora - pare non renda ciechi. Salvo effetti collaterali successivi. Quindi si continui la festa personale di avere un nero alla casa bianca
 
Di Carvelli (del 03/11/2008 @ 11:40:51, in diario, linkato 516 volte)

Non sono nessuno, niente è niente, nessuno e nessuna cosa, tutto è tutto.

 
Di Carvelli (del 03/11/2008 @ 10:10:04, in diario, linkato 566 volte)
Vorreste essere a Roma dove fa ancora caldo, la giornata è nitida, luminosa, e noi siamo allegri, sbrighiamo le faccende della casa canticchiando, portiamo i bambini al parco, ci fermiamo su una panchina a leggere in maniche di camicia il giornale, guardiamo insistentemente una che ci corre lì a fianco, dopo risistemiamo i vestiti dei bambini tutti sudati e scomposti. Vorreste, no?
 
Di Carvelli (del 31/10/2008 @ 16:40:55, in diario, linkato 1115 volte)

Toro (20 aprile - 20 maggio)

Non devi essere quello che non vuoi essere, Toro. Per favore, leggi di nuovo questa frase, bevila come se fosse l'elisir che avresti voluto bere da quando avevi 13 anni. Ecco alcuni corollari: non sentirti in dovere di essere all'altezza delle aspettative degli altri; non ti sforzare di raggiungere un tipo di perfezione che non ti interessa; non obbligarti a credere alle idee che ti intristiscono o ti infastidiscono, né a provare le emozioni che gli altri cercano di farti provare. Sentiti libero di essere esattamente come vuoi. Festeggia Halloween travestendoti dalla persona che finora hai tenuto nascosta.

Il solito Brezsny

www.internazionale.it/oroscopo/

 
Ci sono 3142 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








30/09/2020 @ 08:54:21
script eseguito in 576 ms