Immagine
 Il letto a rio grande... di Carvelli
 
"
Ne avevo viste troppe io di cose non chiare per essere contento. Ne sapevo troppo e non ne sapevo abbastanza.

Louis-Ferdinand Céline
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 18/07/2008 @ 15:44:26, in diario, linkato 545 volte)
Se vorremo no, non ci perderemo. Magari per un po'. Solo per un po'. Il nostro è un legame che rimane. Il nostro è un sogno che dura, che non si sveglia. Un sogno continuo. In cui ricadi, se lo vuoi. L'importante è che il bene sia ovunque. L'importante è che tutto sta succedendo per la nostra felicità e per la felicità del mondo. Dunque non c'è un dolore che si sta propagando da questo luogo in cui siamo. Forse per un po' ci metteremo distanti. Chi scatta la foto non deve avere l'impressione che esista un nesso tra noi. Perciò ci sediamo a un capo e all'altro ma ci sfioriamo col pensiero. Tu sei di poche parole e timida io no. Io sono di molte parole e la mia timidezza è nascosta, spunta dopo, quando tutto dovrebbe essere già successo. Il giorno non si ricorda. Neppure l'ora. Ma tutto è successo allora. Poi più nulla. Di fatto. Ma senza perdersi. Veramente.
 
Di Carvelli (del 18/07/2008 @ 10:04:56, in diario, linkato 598 volte)
 
Di Carvelli (del 17/07/2008 @ 15:26:45, in diario, linkato 558 volte)

O diventiamo bravi a spiegare quello che non si può spiegare. O rinunciamo a spiegarlo.

 
Di Carvelli (del 17/07/2008 @ 10:43:50, in diario, linkato 556 volte)
Ecco cosa succede ad avvicinarsi troppo alle cose. Se ne vede la grana. Ecco, succede questo. A stare troppo addosso alle cose succede questo. E succede anche ai racconti. Se li rileggi dopo un po'. Tu che pure li hai scritti. Quindi, parte di te. La versione completa di quello che hai fatto si smarrisce. E rimane tutto a vorticare come quelle immagini di superfici roteanti che si sovrappongono e si separano: lo sfondo, il primo piano, il pensiero che tutto tiene, ancora lo sfondo. Il galleggiare delle lettere sul piano geometrico che le trattiene. Tutti pezzi sparsi a cui viene meno il sentimento del completo. Non siamo di questa terra pensi. Di questo sistema di segni.
 
Di Carvelli (del 16/07/2008 @ 09:30:59, in diario, linkato 506 volte)

Sto variamente leggendo, sfogliando, spulciando o curiosando intorno ai libri che vedete sopra. Alcuni sono bottino di una rapina legalizzata su una bancarella, altri sono bottino di rapina a pieno prezzo in libreria. Per molti la lettura sarà un'agonia, per altri una febbre a bollire o bassa e continua. Nascerà qualche amicizia. Qualcuna si chiuderà. Con qualche libro ci si frequenterà ancora e ancora. Come con l'anima sofferta della Pozzi (sotto appongo poesia). Di Snyder mi porterò dietro tanto ancora, il tanto che mi aiuta a stare al mondo o al pianeta, alle cose di sempre, di oggi. Della Varvello riesco a raccontare i racconti come se fossero storie mie (non sono storie mie, neanche in senso lato). Li so raccontare, come se me li avesse detti un amico e lo avessi ascoltato incuriosito. Ogni tanto (per qualcuno) mi piace modificare il finale per far sì che chi mi legge non abbia l'impressione di una storia inventata dopo che tutto fino a quel momento è sembrato il registro della verità. Poi leggo Celati e mi compiaccio della lateralità, della capacità di spezzare sempre il fiato, d'inventare sport nuovi o recuperarne di antichi. Avere da dire: è questa la natura quintessenziale dei libri.

La porta che si chiude

Tu lo vedi, sorella: io sono stanca,
stanca, logora, scossa,
come il pilastro d'un cancello angusto
al limitare d'un immenso cortile;
come un vecchio pilastro
che per tutta la vita
sia stato diga all'irruente fuga
d'una folla rinchiusa.
Oh, le parole prigioniere
che battono battono
furiosamente
alla porta dell'anima
e la porta dell'anima
che a palmo a palmo
spietatamente
si chiude!
Ed ogni giorno il varco si stringe
ed ogni giorno l'assalto è più duro.
E l'ultimo giorno
- io lo so -
l'ultimo giorno
quando un'unica lama di luce
pioverà dall'estremo spiraglio
dentro la tenebra,
allora sarà l'onda mostruosa,

l'urto tremendo,
l'urlo mortale
delle parole non nate
verso l'ultimo sogno di sole.
E poi,
dietro la porta per sempre chiusa,
sarà la notte intera,
la frescura,
il silenzio.
E poi,
con le labbra serrate,
con gli occhi aperti
sull'arcano cielo dell'ombra,
sarà
- tu lo sai -
la pace.

 
Di Carvelli (del 15/07/2008 @ 09:10:11, in diario, linkato 638 volte)

Ieri la sputaDVD - complice la mia voglia di rischiare il nuovo - mi ha rifilato questo film.

Huckabeesi heart huckabees - Le strane coincidenze della vita. Un film del 2004 che mi era passato completamente inosservato. Ma completamente proprio. E con un cast di questa grandezza (e sorprendentemente di questa mescolanza) mi stupisco. Non che vado a vedere film per cast ma... (ma la mescolanza avrebbe potuto attrarmi).

Il film mi ha inaspettatamente divertito, inaspettatamente rasserenato, inaspettatamente fatto pensare (e qui inaspettatamente sta pure per autolesionismo). Una commedia sull'essere se stessi/essere felici. Le coincidenze le ho viste a latere (e sono personali). Il film mi è piuttosto apparso un divertito turbinare di psicologismi con un fronte ironico che sbeffeggia lo scavo interiore a la page e uno tematizzante (per quanto a superficie) che ne semplifica le conclusioni (dello scavo) in un "gli estremi si toccano e si autoannullano o autoapprovano". La frase su cui s'incaglia l'llegra teoria della ripetizione incarnata dai due detective psicologici è questa e mi piace ripetermela e ripetervela. Ad libitum.

COME NON ESSERE ME STESSO

COME NON ESSERE ME STESSO

COME NON ESSERE ME STESSO

COME NON ESSERE ME STESSO

 

Ieri laRepubblica in prima pagina:

Il Cavaliere "Sì al dialogo o riforme da solo"

 
Di Carvelli (del 14/07/2008 @ 17:45:15, in diario, linkato 653 volte)

Da www.mattatoia.splinder.com

Questa parola amore

Non accorrerò quando chiamerà

anche se mi dirà ti amo,

specialmente se lo dirà,

anche se giura

e non promette altro

che amore amore.



La luce in questa stanza

copre ogni

cosa nello stesso modo;

neanche il mio braccio fa ombra,

anch'esso

consumato dalla luce.



Ma questa parola amore...

questa parola s'oscura,

s'appesantisce e si scuote, comincia

a farsi strada coi denti, con brividi e convulsioni

su questo foglio

finché anche noi scompariamo quasi

nella sua gola trasparente  e siamo ancora

separati, lucidi, fianchi contro coscia, i tuoi

capelli sciolti che non conoscono

esitazioni




R. Carver, Orientarsi con le stelle

 

 
Di Carvelli (del 14/07/2008 @ 16:24:52, in diario, linkato 571 volte)

Un'intervista a la Repubblica di qualche settimana fa (ricevo e pubblico...questa risposta in particolare che ho riletto più e più volte). La Gallagher racconta la sua vita con Carver (in questo caso è un editor in casa quello di cui si dice, un editing-vita):

«A Ray piaceva svegliarsi presto, verso le 7. Si preparava il caffè, cucinava la colazione, il suo pasto preferito, lavorava un' oretta e mi aspettava, visto che a me invece piace prendere le cose con calma. Facevamo un' altra colazione insieme, discutevamo della giornata. E se avevo fatto qualche sogno voleva che glielo raccontassi, perché lui non sognava quasi mai. Dopo colazione, riprendeva a scrivere e spariva. Quando lavorava alla prima stesura di un racconto, ci dava davvero dentro. Però se era in fase di revisione, mi chiedeva di dare un' occhiata e mi chiedeva un parere. Se c' era un problema andavamo a cercare la soluzione con una passeggiata al fiume. Di solito, la parte più difficile era il finale perché si doveva trovare un opportuno punto fermo a tutto quanto era stato messo in moto. Io potevo solo indicargli le forze in azione nella storia e che pressioni esercitavano sui personaggi principali. La cosa lo aiutava molto perché gli dava un punto di vista esterno, una specie di visione dall' alto. Se non dovevamo scrivere, nel pomeriggio andavamo a pesca di salmoni nello stretto di Juan de Fuca, Dovunque fosse, Ray doveva sempre mangiare alle cinque del pomeriggio perché aveva un calo di zuccheri ed entrava subito in ansia. E' strano ma anche a distanza di vent' anni a quell' ora penso sempre a lui. Penso: Ray avrà fame. Una delle nostre regole era che dopo le sei smettevano di parlare di «affari», cioè di cose riguardanti l' insegnamento, l' organizzazione di viaggi, i rapporti con editori. Ci raccontavamo aneddoti, scambiavamo pettegolezzi su parenti e amici, guardavamo un film o un programma d' informazione. Leggevamo, a volte l' uno all' altro. Per lo più io leggevo poesie a Ray. Alle dieci di sera, lui staccava il telefono, non gli piaceva ricevere telefonate di vecchi amici che a quell' ora avevano bevuto un po' troppo. Andavamo a letto presto. Non so se reso un' idea, alla fine ci divertivamo molto insieme. Sembrava sempre che ognuno di noi sapesse esattamente che cosa avrebbe fatto sorridere l' altro».

 
Di Carvelli (del 14/07/2008 @ 12:30:39, in diario, linkato 585 volte)
 
Di Carvelli (del 14/07/2008 @ 10:47:32, in diario, linkato 531 volte)

Più di una volta ne ho scritto qui e altrove. L'importanza di avere un editor. Una persona - ma qualche volta è un'anima, davvero - specializzata nell'ascolto letterario. Magari una persona che ti legge nel durante e non solo nel dopo. Che ti conosce più di un marito o una moglie. dal punto di vista della scrittura o dell'anima che la forgia. sa delle tue letture. sa per le tue letture.
Alle volte c'è addirittura un'anticipazione. Qualcosa che se non sei abituato a frequentare il mistero delle coincidenze ti può anche stupire o addirittura farti cadere nel baratro di una sorpresa che non hai mezzi per spiegare. Come in questa poesia che mi manda, che legge per me. Il me che la conosce in anticipo e la cita senza saperla. Con la vita. Con le parole. Di una scrittura della vita presente. Avete presente?

Dolore
Mi sono svegliato presto, stamattina, e dal letto
ho guardato lontano nello Stretto e ho visto
una barchetta traversare le acque agitate
con  una sola luce accesa. Mi sono ricordato
di un  mio amico che era solito chiamare
a gran voce la moglie morta dalla cima dei colli
attorno a Perugia. Che ha continuato  a mettere un  piatto
in tavola anche per lei per molto tempo dopo che
non c'era più. E apriva le finestre
per farle godere l'aria fresca. Queste manifestazioni
le trovavo imbarazzanti. al pari degli altri suoi
amici. Non riuscivo a capirle.
Fino a stamattina.

La poesia è tratta da Orientarsi con le stelle di Raymond Carver (minimum fax, per ora)

 
Ci sono 565 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pių cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pių cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








08/08/2020 @ 16:28:42
script eseguito in 689 ms