Immagine
 il letto di Kyoto... di Carvelli
 
"
Cosa cercano gli uomini nelle donne?/ il profilo del desiderio soddisfatto./ Cosa cercano negli uomini le donne?/ Il profilo del desiderio soddisfatto.

William Blake
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 12/09/2007 @ 10:02:21, in diario, linkato 603 volte)
Dici "non sono all'altezza", dici "mi sento inadeguata", "tutto questo stare male...un male che dipende da me". Come faccio a convincerti che non è così severa la Legge? Che è rigorosa sì ma non così sanguinaria? Come faccio a convincerti che il tuo finirà solo per essere un solidarizzare con la sconfitta e che non serve piangersi addosso né alzare bandiera bianca? Rompo una tazza. O meglio la faccio scivolare dal tavolo e quella rimbalza sul pavimento - anche rumorosamente - e non si rompe. Tu dici "è un buon auspicio" e ti torna il sorriso.
 
Di Carvelli (del 11/09/2007 @ 16:01:26, in diario, linkato 618 volte)
Tra qualche giorno saremo invasi dal piacere. Questa è la novità. O meglio il futuro. Il futuro dell'advertising. Ovvero la pubblicità di qualcosa che sta per arrivare senza altri profili. Francamente non voglio sapere di più. Non sono curioso di avere delle anticipazioni. Mi dà solo da pensare il fatto che il piacere si visualizzi e si prefiguri come un'invasione. Sinceramente ho un immaginario del piacere diverso e ve lo risparmio. Sinceramente continuo ad accontentarmi della mia semplicità e mi viene da riflettere che spesso queste pubblicità a indovinello e al futuro prossimo si traducano in un pericolo e ricordino certe barzellette con il finale che mai arriva e quando arriva è ormai tardi per ridere e per esserne sorpresi.
 
Di Carvelli (del 11/09/2007 @ 09:21:47, in diario, linkato 628 volte)

Un numero preferito?
Il 14 o il 17.
Un colore?
Il verde scuro o il marrone scuro.
Un cane?
Il pastore tedesco o il maremmano.
Un gatto?
Siamese o soriano.

Due di ogni cosa. Alla fine è sempre così. Sono nemico delle domande per recuperare la password: una serrata lotta alle definizioni, all'unico. Sarà una malattia? Per me malattia sarebbe (è) decidere di scegliere uno e poi basta.

 
Di Carvelli (del 10/09/2007 @ 16:04:32, in diario, linkato 1733 volte)

Rivedendo BACI RUBATI di Truffaut.

Quando si racconta l'aneddoto della differenza tra tatto ed educazione. Avete presente? Un uomo sorprende e scopre una donna svestita in un camerino "scusi signora" dice. Questa è educazione. Un uomo sorprende e scopre una donna svestita in un camerino "scusi signore" dice. Questo è tatto. Questo è cinema anzi è letteratura. O sia quel che sia: questa è arte del racconto. Questa.

 
Di Carvelli (del 10/09/2007 @ 10:00:59, in diario, linkato 729 volte)
Tante volte la salute è meno importante di quello che sembri. Contrariamente all'adagio. Tante volte almeno la salute del corpo e dello spirito si piegano sotto i colpi necessari di uno stare bene più immediato, con gradini di accesso brevi e uscite rigorose ma secche anche queste. Il bene è semplice. Persino i discorsi della salute alle volte sembrano pleonastici, ridondanti e barocchi rispetto all'immediatezza di quello che ci rende realmente e concretamente felici.
 
Di Carvelli (del 07/09/2007 @ 09:42:28, in diario, linkato 645 volte)

"E' tutto qui?" ha chiesto
"Sì, è tutto qui".

Alba su Parise. Su Amore, primo racconto dei Sillabari. Alba su questa canzone di Cristina Donà.
iL RACCONTO FINISCE COSì:
"Invece erano passati solo pochi mesi ma il sentimento che lui e la giovane signora avevano provato (e qui descritto) era tale che essi, senza volerlo e senza saperlo, avevano vissuto e disperso nell'aria in così poco tempo alcuni anni della loro vita".

Alba su un'idea fissa:
non si può desiderare insieme di SALVARSI, ESSERE SALVATI e SALVARE.

"E' tutto qui?" ha chiesto
"Sì, è tutto qui".

 
Di Carvelli (del 06/09/2007 @ 16:40:05, in diario, linkato 1011 volte)

A Karen

di Franz Krauspenhaar

Mia cara,
fino a pochi giorni fa non sapevo nemmeno chi tu fossi. In un pomeriggio di agosto, nel marasma di una vita sempre indietro e in ritardo, nella ricerca di qualcosa che allontanasse per un poco la grigia noia, ho visto un film porno, Fuga dall’Albania, nel quale apparivi proprio tu. Facevi la parte di una giovane che lascia clandestinamente quel paese per sfuggire alle violenze del padre, finisce in Italia e qui diventa una prostituta per gente ricca e influente. Ecco, di albanese e di slavo non avevi proprio niente, così che pensai tu dovessi essere di un altro paese d’ Europa, molto più occidentale. Il tuo viso dai tratti raffinati e dai colori scuri mi fece subito pensare alla cugina Francia. Quando alla fine del film vidi scritto il tuo bel nome, Karen Lancaume, ne fui certo senza controlli, eri francese. Non eri proprio una delle solite facce magiare o ceche, belle ma plastificate, che circolano a tonnellate nel porno d’ogni provenienza e ordine e grado. Eri un bel corpo estraneo. Bella di una bellezza ben diversa. Karen Bach, o Angel Paris, o Carene Lancome, o Karen Lancom, insomma sempre tu con tanti nomi diversi ma tra loro simili, e in trenta film, ho saputo poi, su internet - che ogni volta che un volto d’attore o l’intelligenza di uno scrittore o di un regista mi colpiscono m’informo, affamato di vita e di vite come sono – e ragazza di Lione, della buona borghesia, vissuta spesso in campagna. Che si sposa presto con un dj e sempre presto si divide. Che si dà al porno per pagare i troppi debiti. Bum. Una vita buttata in pasto ai cani dalla bava lunga, sporchi, cattivi. Eri un corpo estraneo. Con quel viso di una dolcezza disperata; e il corpo certo lo avevi bello, ma come mille altri corpi di quell’ambiente, dove è il mezzo di sussistenza dell’essere. Così, quando ho letto su Wikipedia che eri morta – nata nel gennaio del 73, morta a Parigi nel gennaio del 2005 – sono rimasto molto male, colpito duro, sì. Eri morta a 32 anni appena, giovane e per me molto bella, e anche se avevi lasciato quei mattatoi a luci rosse e adesso non sapevi bene più che fare, in fondo eri sempre giovane e avresti potuto rifarti bene, la tua grande partita in fondo era solo iniziata. Nel 2000, col tuo vero nome di Karin Bach, avevi partecipato a quel film “normale”, Baise-moi, che aveva anche avuto successo. E forse avresti potuto tentare persino strade molto alternative a quella del cinema - che comunque tu avevi studiato, da ragazza, comunicazione. Ma insomma, difficile entrare nella vita di chi ha scelto il suicidio per terminarla, come tu avevi fatto. Sonnifero in una dose ingente, in un  weekend a casa di amici, in pieno inverno, a Parigi, tutta sola. Hai detto infine basta al cinema del mondo, a questo spettacolo mortale, anche alla speranza che è davvero alla portata di tutti, inclusi i moribondi. Tu hai detto un enorme no, dolce, splendida Karen. Hai preferito chiudere nel sonno più profondo, hai voluto cadere nel sonno del sempre, di prima che tu nascessi, nel sonno prenatale. Sei tornata ad essere stella dopo la caduta. Tu, tesoro, non ce l’hai fatta a sopportare il tuo obbrobrio di fronte alla grandezza della tua stessa vita. E’questo.

www.nazioneindiana.com

 

 
Di Carvelli (del 06/09/2007 @ 13:49:52, in diario, linkato 662 volte)
Tutti i libri che hai letto a cosa ti sono serviti? Tutta la tua libreria, la cultura, gli studi? A che cosa ti servono le cose che sai? A chi è utile la tua erudizione? Le cose che pensi e quelle che dici cambieranno la vita a qualcuno?
 
Di Carvelli (del 05/09/2007 @ 14:35:23, in diario, linkato 697 volte)
L'altro giorno sentivo i risultati di una raccolta fondi tsunami. Di straordinaria generosità. Soprattutto paragonata ad una per i bambini del Libano. Perché? - e ci siamo fatti molte domande. Io mi sono risposto - senza citare Conrad - che è più facile essere generosi contro la Natura (contro la forza uniforme ed equidistante della Natura) che contro l'uomo (e la sua opera con o contro Natura e a vantaggio proprio). Il disastro della guerra, delle fazioni inibiscono le mani ai portafogli. Forse.
 
Di Carvelli (del 05/09/2007 @ 12:54:03, in diario, linkato 636 volte)
"Un terremoto, una frana, una valanga soverchiano l'uomo incidentalmente, per così dire senza passione. La furia dell'uragano invece lo attacca come un nemico personale, cerca di afferrargli le membra, gli s'abbarbica alla mente, tenta di sradicare da lui perfino l'anima". Questo è Joseph Conrad in TIFONE. E questa è stata la mia notte, un po' meno uragano ma molto vento. Molto. In piena notte. To be continued
 
Ci sono 555 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








08/08/2020 @ 16:19:19
script eseguito in 897 ms