Immagine
 letto ospitante di nicola a toro... di Carvelli
 
"
In un certo senso, avere una dipendenza è sinonimo di intraprendenza. Una bella dipendenza come si deve toglie alla morte l'elemento sorpresa. Perciò si può progettare la propria fine, eccome. (...) La verità è che il sesso non è sesso se ogni volta non lo fai con un partner diverso. La prima volta è anche l'unica in cui uno c'è dentro completamente, con la testa e con il corpo.

Chuck Palahniuk
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 20/07/2005 @ 13:02:50, in diario, linkato 786 volte)

 

Noi che abbiamo conosciuto
il cuore di ogni giorno e il cuore senza età,
l'idea che illumina la carne,
la sapienza delle misure
e il lampo, noi ci lasciamo
qui, in due metri di cemento, con un atto
di presenza, un battito
estivo, uno scambio di persona.

 de angelis.JPG

 
Di Carvelli (del 20/07/2005 @ 09:18:13, in diario, linkato 795 volte)
Chissà se un giorno sarà un mestiere. Se qualcuno dovrà o potrà vendere il suo sguardo perfetto per i colori. E se magari servirà saper riconoscere le sfumature che fa il sole quando s'interra. Un pantone di qua un computer di là e da lì una diagnostica. Chissà. Per ora è solo piacere senza sistematizzazione.
 
Di Carvelli (del 19/07/2005 @ 09:07:00, in diario, linkato 772 volte)
Ho mancato di segnalare un interessante viaggio di Leonetta Bentivoglio (qualche giorno fa su Repubblica) nella Salisburgo di Thomas Bernhard. Un bel racconto di percorsi letterari. Interessante, ben scritto, corposo. Il dispiacere di non averlo conservato. Sabato su Alias (a recensione di un recente Guanda) un interessante profilo del flâneur nel magistero dei Passages di Walter Benjamin di Emanuele Trevi (che rivendica - e bene fa - il diritto ad un passaggio della stessa natura della quinta troppo perfetta di Roma). Ora che per qualcuno si apprestano le vacanze e i viaggi è forse utile ricordarsi al di là del consueto ritornello turista o viaggiatore come di una qualsiasi corona di passi si possa fare avventura. Anche per il sottoscritto, convinto alla fatidica estate romana, si aprono passaggi (si spera) segreti o non consueti (che spesso vale come segreti). Senza timore dell'immortalità: il tutto scorre e il deperimento saranno il grimaldello per non sentirsi zero sotto le tre cifre (da quando iniziamo a contare? Che dite?) della storia umana.
 
Di Carvelli (del 18/07/2005 @ 09:31:26, in diario, linkato 808 volte)
Ieri due ragazzette (25?) discinte e tatuate mi hanno attraversato la strada obbligandomi alla fermata con una sfacciata allegria e un "grazie" a seguire pieno di fili. Parliamo di donne e di nuovi stili di vita. Mi sembra che il margine tra il grottesco e il meraviglioso sia davvero insensibile per molti. Intendo: che alle volte, nell'eco dellka pubblicità ci si senta vorticosamente e irrinunciabilmente spinti verso il coraggio, l'aggressività, l'intraprendenza. Da cui: non è casuale né raro essere corteggiati e interrogati da una fanciulla o una donna con aria seduttiva e divertita dal proprio nuovo ruolo. Non è raro e non è spiacevole. No. Divertente, allegro, spiazzante male che vada. Quindi bello. Ma il ma è rappresentato da quella sottile linea che spesso rende grottesca e perciò ridicola la stessa libertà per cui ci emozionammo e divertimmo in premessa. Non sappiamo cos'è. E' un passo sbagliato? Una frase detta male? Con poca convinzione? Con troppa ironia? Non definiamo. Ma capiamo all'impronta che il giocattolo è finto, fasullo e presto tra le mani ci risulta noioso o gli cresciamo attorno velocemente al punto da volercene separare quasi subito. Non era il caso delle due venticinquenni.
 
Di Carvelli (del 15/07/2005 @ 09:38:48, in diario, linkato 790 volte)

Rimango ogni volta stupito del tipo di richieste che annunciano l'ingresso nel mio sito:

innamorarsi di un altro / il costo di un maltese di razza piccola / come riconoscere i funghi delle unghie / stivali in gomma a roma / lezione di baci/ consolatio ad uxorem

 
Di Carvelli (del 15/07/2005 @ 09:22:18, in diario, linkato 969 volte)
Alzarsi in piedi. Farsi la colazione o farsela portare (antiche forme di schiavismo da alcuni chiamate matrimonio da altri amore). Lavarsi i denti. Fare ginnastica. farsi piovere addosso l'acqua calda della doccia o le gettate fredde del rubinetto, solo sul viso e con sbuffi. Accendere la radio o la tivvù. Ravviarsi i capelli. Dire buongiorno a qualcuno. O no (non dirlo, non avere nessuno a cui dirlo, rimpiangerlo come una ricchezza o una malattia che non si ha). Uscire e andare. Vestirsi lentamente o curarsi a lungo. O rimanere a letto ad aspettare l'illimitata ottusità delle sveglie e il rischio del collasso anti-lavorativo.
 
Di Carvelli (del 14/07/2005 @ 09:06:14, in diario, linkato 796 volte)
Utilizzo un poco di spazio di oggi per fare professione di fede. Fede anche in Kafka e nella sua prosa conturbante. Il miglior estensore di metafore moderne e ce n'è di contemporanee. Ma la linea che segue lo scrittore di Praga è di certo capitale. Vuoi perché in un'era di mezzo, un medio evo di sicuri sviluppi a cui non possiamo non guardare con attenzione e riconoscenza. Kafka. Oh Kafka. Leggevo recentemente un racconto. UN DIGIUNATORE. Un racconto del febbraio 1922. E a ripensarci. Oggi. Non in questo post-bombe e caccia ai responsabili (ovunque essi siano), né in questa deriva di fanatismo. O non solo in quello. Il fanatismo a cui faccio riferimento io mi circonda. Ci circonda e non è intonato dai muezzin. Punto. Cercare di essere superumano è un po' il credo e la mission (per dirla in una trasversalità economica) di ogni religione. Ma quale è il super? E siamo sicuri che non sia un sub? Io preferisco AL MEGLIO DI più che un sopra e un sotto. Ma sono circondato anche nella serena atmosfera di un luogo di lavoro o di una amicizia da una deriva verso il super. Il preteso super. Un super che fa essere sub. Sub umani. Aggressivi. Sterminatori e portatori di culture superiori e di stragi (non al tritolo, no). In questa mattina mi domando se voglio essere un digiunatore al soldo di un organizzatore di digiuni o del pubblico. Un artista di magrezza seppellito dalla mia stessa lotta alla resistenza. E ha senso privarsi di cibo nella facilità di un poco appetito per le pietanze? Essere super-umani non ci farà diventare sub-umani? Non sarà meglio essere umani, molto umani e non digiunare una morte ma mangiare una vita senza per questo dilaniarla?
 
Di Carvelli (del 13/07/2005 @ 09:03:16, in diario, linkato 749 volte)

In un racconto di Cechov dal titolo MOLTA CARTA (RICERCA D'ARCHIVIO) il pretesto della scarlattina fa nascere un dispendio di lettere tra funzionari. Spesso lo scambio di lettere formali nascondono il romanzo di una vita. Ricordo una donna disperata (una donna di quasi sessant'anni) per aver provato a risolvere un problema di esproprio di terre. Una donna lottare con l'ingiustizia e l'isolamento. Ricordo che in nome di una sua vecchia militanza avesse anche chiesto ad un partito della sinistra un aiuto ed avesse ottenuto un frustrante divaricamento delle braccia. Ricordo le lacrime e la prostrazione. Davvero alcune storie si raccontano ad ingiunzioni e documenti. Carta. Molte storie. Anche d'amore. Carta. Tanta carta. Di cui siamo pronti a giurare assai frequenti sentimenti. ma carta appunto. Molta carta. Forse troppa. Il racconto di Cechov si concludeva con la felicità di un fabbricante di carta, appunto.

 
Di Carvelli (del 12/07/2005 @ 11:39:16, in diario, linkato 716 volte)

Siamo sotto la casa di un amico. Io P. e F. Avete presente il mondo di Amelie? Quando alla povera bimba viene fatto credere che procura disastri? In positivo sembriamo noi. Siamo lì che chiacchieriamo e un’autista scampanella ad un ragazzo di zaini strabordanti. Din din din e quello nulla (avrà pensato che lo volesse prendere per il culo). Din din din (i tram, più meditativi, hanno questo clacson campana tibetana) e lo invita a salire. E quello “ma non ho il biglietto” e l’autista (l’autobus è vuoto) “sali lo stesso, non ti preoccupare”. Forse gli d° uno strappo fino al deposito. Dopo due minuti si ferma una macchina e ne scende un ragazzo (con una donna, la mamma). Da un’altra un uomo. Lei a lui: “ricordati di dargli le medicine…. Blablabla” Okkei okkei. Risale sull’altra macchina. Io P. e F. parliamo dei figli dei separati. La magia risuccede. Dalla macchina di lui (ora con il ragazzo) nessun rumore di motore. Ferma. E fermano la mamma che scende. Segue un’ora di cavetti e tentativi di accensione. L’incidente sembra scaldare un pavimento di ghiaccio. Come se si stesse sprigionando una comunicazione nuova da questa interruzione. Un’ora e si riparte. Sarà successo qualcosa nelle loro vite? Chissà se avessimo continuato a parlare Io P. e F. là sotto quella casa che sarebbe successo ancora. È che succedono sempre tante cose senza che ce ne rendiamo conto attorno a noi.

 
Di Carvelli (del 12/07/2005 @ 09:06:47, in diario, linkato 696 volte)

Mai visto? Mai sentito? Grave. Soprattutto mai sentito. Pag.15 de il manifesto lo celebra oggi. E fa bene. In concerto è superlativo anche in una giornata come quella dell'altro ieri di raucedine e fresco (sempre rapprtato alla stagione) improvviso. Roy non sta mai fermo ed è sempre disponibile alla chiacchierata. E' un artista comunicativo, politico, coraggioso e infaticabile. Una sera siamo anche finiti a berci una birra insieme in un pub con gli amici ed è un racconto di altri a riprova di quel diaframma semplice del successo (senti come suona 'sta trombetta!): fare e suonare, dire per affermare. E tanta energia, davvero tanta. Da vedere e sentire.

 
Ci sono 947 persone collegate

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








18/09/2020 @ 13:12:51
script eseguito in 595 ms