Immagine
 Il letto di Padova... di Carvelli
 
"
E poi, Machado, le tue poesie!/ E' un po' come quando un uomo di mezz'età/ s'innamora un'altra volta. Una cosa bella da vedere/ anche se un po' imbarazzante./ Ho fatto qualche sciocchezza, tipo metter su il tuo ritratto./ E andavo a letto con il tuo libro/ per averlo a portata di mano. Una notte un treno/ è passato nei miei sogni e mi ha svegliato./ E la prima cosa che mi è venuta in mente, con il cuore a cento,/ nella stanza buia è stata:/ va tutto bene, tanto c'è Machado./ E poi sono riuscito ad addormentarmi.

Raymond Carver
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 13/05/2005 @ 09:05:37, in diario, linkato 713 volte)
Non do i numeri, li aspetto se mai. Ma non me li gioco, no. E' solo che ora come ora se avevo un certo numero di numeri (di telefono) forse non li ho più. Nel ricostruire la rubrica si torna ad un anno zero. Così scompariranno tanti numeri datati. Perché i numeri si datano, certe amicizie (o) hanno il fiato corto. Intanto grazie Yuraku...se non ci fossi tu...
 
Di Carvelli (del 12/05/2005 @ 14:43:16, in diario, linkato 823 volte)
A chi fosse dotato del mio numero di cellulare, l'unico numero che detengo, si precisa che l'utente è fuori linea. Per la terza volta (3) il cellulare è saltato dalla tasca (prima fu da quella della camicia, poi da quella del pantalone) della giacca: quella fonda per intenderci "il taschino". Più che affranto sono SFIGATO. O meglio sono senza cellulare e con un serio problema di destino che si ripete a vite su di me.
 
Di Carvelli (del 12/05/2005 @ 12:39:31, in diario, linkato 770 volte)
Nessuna crisi di identità. E' solo che il refuso - un refuso vocale se fosse possibile dire - mi sta addosso con le unghie. Ho visto volantini con scritto Roberto Cavalli (magari!) in migliaia di copie e altoparlanti alla Festa dell'unità annunciare la presentazione del libro di Roberto Caravelli. Il gioco mi diverte - bartezzaghianamente - perché si presta ad un'infinita arte combinatoria che è di suo sfiziosa. Firmato Caruelli
 
Di Carvelli (del 11/05/2005 @ 09:34:17, in diario, linkato 825 volte)

 

È la versione light del più amaro proverbio. Una versione diffusa. L'altro giorno la mia moto ha inconsapevolmente danneggiato una macchina in sosta. La storia è questa. Quella se ne stava buona buona quando qualcuno l’ha sbatacchiata contro l’altra macchina. Lei inconsapevole. Io inconsapevole. La macchina danneggiata si è subito fatta sotto chiedendo in giro e scattando le foto al mio timido scooter che ignaro di essere un modello si è poi trovato ad essere il corpo del reato. E anche il reato. Ma attenzione c’è una differenza: IL REATO  e IL CORPO DEL REATO sono due cose due. Ma per la giovane proprietaria della macchina la distinzione non era chiara. Saputo dell’accaduto e delle foto ho chiamato la mia assicurazione che  - figurarsi! – si è subito premurata di dirmi – figurarsi2! – che loro assicurano i danni statici e pagano di default. Assicurazioni=società a delinquere è una semplice identità. Così saputo chi è la signora (è una collega di un ufficio confratello e laterale) l’ho cercata e lei “…ma figurati…sei pure un collega… mio marito mi aveva detto ‘ non farai una lira…hai fatto un danno da 200€’… figurati comunque adesso richiamo mio marito…” Fatico a spiegare la mio posizione di danneggiato più che di danneggiatore, mi appello al buon senso. E penso: beh avrà capito… la moto è la danneggiata oltre che la inconsapevole e involontaria danneggiatrice… è come dire che tra due macchine c’è un carrello di un supermercato e se tu glielo spingi contro all’altro e la danneggi il danneggiatore non è il carrello (e per lui il supermercato) ma la macchina che l’ha spinto e non ti rivali quindi sul supermercato. È l’identica e triste posizione di chi si trova la macchina strisciata da un bastardo manovratore poi scappato senza prendersi responsabilità. Speravo fosse chiaro. Speravo fosse ovvio.

Due giorni dopo mi chiama il marito. Prima frase: allora? Facciamo il CID (leggasi constatazione amichevole di colpa)… Dopo lunga e strenua trattativa ci accordiamo per un fiftyfifty che vuol dire 100€ per me (100 per lui). Mi domando cosa ho pagato con questi soldi: la metà del danno, una rivalsa, una scaltrezza, una pace familiare, un gesto di bonomia nei miei confronti, una lezione di vita, il vantaggio dell’essere colleghi. Non posso non pensare con preoccupazione anche adesso alla staticità della mia moto, al suo equilibrio e al rischio che su di noi pesi sempre l’algida spada della vendetta e dell’occasione.

 
Di Carvelli (del 10/05/2005 @ 14:56:06, in diario, linkato 686 volte)
Mercoledì 11 h. 18,30 con Carola Susani - Biblioteca comunale del Pigneto
 
Di Carvelli (del 10/05/2005 @ 09:15:34, in diario, linkato 808 volte)
Ho rivisto LUCI DELLA RIBALTA un film a cui la parola culto sta bene addosso. Intanto perché tocca temi universali con un coinvolgimento mai freddo (al contrario, piuttosto... ma le lacrime non devono essere un problema). Ce ne sono tante di frasi, una piccola antologia di sapienza. Ma la palma d'oro a questa (cito a memoria) LA VITA NON HA UN SENSO. E' DESIDERIO. IL DESIDERIO E' IL TEMA DELLA VITA. Non mi sembra che ci sia molto da aggiungere.
 
Di Carvelli (del 06/05/2005 @ 08:56:00, in diario, linkato 3066 volte)

"Certo è strano non abitare più la terra,/ non agire più gli usi da così poco appresi, e alle rose, e alle altre cose piene di promesse/ non dare più il senso di un umano futuro;/ ciò che eravamo in mani illimitatamente ansiose/ non essere più, e anche il proprio nome/ abbandonare come un giocattolo infranto./ Strano non desiderare più i desideri. Strano/ quel che stretto si teneva vederlo dissolto/ fluttuar nello spazio. E' penoso essere morti:/ un continuo ricercare, faticosamente in traccia/ di un poco di eternità."

 

Rainer Maria Rilke - I ELEGIA - da ELEGIE DUINESI (versione di Franco Rella - BUR)

 
Di Carvelli (del 06/05/2005 @ 08:54:48, in diario, linkato 747 volte)
Accorrete numerosi!!!
 
Di Carvelli (del 05/05/2005 @ 08:46:50, in diario, linkato 1664 volte)
Mi spendo molto volentieri per raccontare questo esordio importante senza essere roboante e forzosamente clamoroso. In Campani (che è del 1976) la grazia dei sentimenti, la leggerezza dei piccoli eventi ma raccontati con un nitore che spiazza sostituiscono con onore gli effetti. E tutto questo ha effetto, forza. Mi sono trovato più e più volte a rileggere le pagine di E' DOLCISSIMO NON APPARTENERTI PIù (playground), senza noia, come se cercassi in una piccola parola perduta un sentimento sfuggito. Tornare indietro per riassaporare le atmosfere di questi interni sentimentali giovani e senza adulti, di queste fughe quasi da fermo nell'appennino modenese. Il tema mi sembra proprio il "crescere". Un crescere soli, senza modelli probabili, nella libertà della natura selvatica della vita che in definitiva permette tutti gli esperiementi possibili che il laboratorio famiglia cerca di controllare. Questo è un libro che dovrebbe conquistare l'attenzione della critica, essere adottato come si fa con un figlio talentuoso che poco ha e molto merita. Si tratta di dare luce alla piccola editoria e alle sue scelte forti, alla scrittura che non finge, che non mistifica. Vi invito a leggerlo, ad assaporarlo come si fa con i liquori o con i vini buoni serviti nei calici grandi in dosi da degustazione.
 
Di Carvelli (del 03/05/2005 @ 14:18:05, in diario, linkato 839 volte)
Ad ogni buon conto questo è un sito personale, un blog, un diario on line. Ogni parola che si spende qua dentro riguarda la scrittura. È scrittura. Non scrittura alta, non seriosa (a volte neppure seria), non narrativa. Piena di refusi, altalenante nello stile e nell’interesse. Scherzi e indignazioni. Con la stessa serietà. Avrete capito che pur parlando di me spesso invento. Altrettanto spesso non parlo di me. O scrivo (sarebbe più giusto dire) di me parlando d’altro/i. Per parlare d’altro/i. Chi mi conosce da presso sa cosa c’è dietro. Chi poco volte, sì volte no. Quello che rimane è il desiderio di fondare una comunicazione e, virtualmente, un’amicizia che si basi sull’amore per la cultura: i libri, il cinema, la musica, il teatro (andarci!!) et similia. Bisogna farsene una ragione: nulla di quanto è scritto qui è attendibile dal punto di vista della MIA VITA PERSONALE (tre parole tutte mie e tutte in IO che preferisco trasfigurare che consegnare pare pare ad una realtà che forse non esiste neppure nella forma narcisa e presuntuosa di cui ahimè mi tocca fare ammenda prima che scrittura). Ad ogni buon conto non siamo mai così tanto altri/o in quello di cui diciamo IO e NOI. Conviene rassegnarci. Ad ogni buon conto sono solo parole, è solo letteratura, sono solo libri. Proprio come il rock’n roll.
 
Ci sono 1564 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








01/10/2020 @ 17:59:39
script eseguito in 581 ms