Immagine
 il letto di Alessandra... di Carvelli
 
"
Com'è, o Mecenate, che nessuno vive contento della sorte che la ragione gli ha dato o il caso gli ha gettato davanti, e tutti invece non fanno che esaltare chi persegue una vita diversa?

Orazio
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 27/04/2005 @ 09:09:10, in diario, linkato 814 volte)
E' l'assenza di gravità che rende felici. La sospensione e l'attesa (se uno non si aspetta nulla dall'attesa). Un palazzo in cima ad una casa o il suo contrario. Ma è meglio il contrario e sotto il vuoto del silenzio e della quiete e sguardi lontani, molto lontani. Le auto troppo lontane. Le moto, le persone: tutto lontano. Le voci degli altri, la timidezza della tua che non riesce a sporcare questa pace né quella di un altro o di un'altra.
 
Di Carvelli (del 27/04/2005 @ 09:06:51, in diario, linkato 828 volte)
Una mattina piena di sole e di aria fresca cupoloni di qua palazzacci di là, platani e lungoteveri finché va. Ecco Roma. Oggi.
 
Di Carvelli (del 26/04/2005 @ 17:35:19, in diario, linkato 780 volte)

"In modo inimitabile la vita sa mentire / al di là di attese e smentite... / Ma dal tremito di tutte le vene / lo puoi capire: è viva!"

Marina Cvetaeva

 
Di Carvelli (del 26/04/2005 @ 12:13:52, in diario, linkato 1115 volte)

Dal blog di davide l. malesi http://licenziamentodelpoeta.splinder.com/

Istigazione a delinquere

Da queste parti, qualcuno propone il rilancio della cosiddetta "letteratura ombelicale", di cui ci stiamo faticosamente liberando poco alla volta (non è ancora scomparsa, purtroppo, checché se ne dica...). Già qui, tempo fa, si tornava a giustificare la contemplazione dell'ombelico come sorta di obiettivo sul mondo: "... c'era stata una rifunzionalizzazione dell'ombelico, direi. L'ombelico dello scrittore era diventata la lente deformante della prospettiva sul mondo", scrive Christian Raimo in questa sua simpatica apologia (non saprei come definirla altrimenti) dell'antologia di racconti La qualità dell'aria. All'epoca in cui fu pubblicata, l'antologia suddetta mi parve semplicemente ignobile, anche se non mi dedicai più di tanto allo studio del perché e del percome (devo dire che dopo aver letto le conclusioni a latere di Raimo sull'antologia, ho capito invece il perché e il percome, anche se non sono poi così contento d'aver capito - a volte l'ignoranza è una benedizione). I testi antologizzati, sbandierati nella prefazione come antitesi all'ombelicalismo, ne erano in realtà intimamente pervasi (se ne salvava uno soltanto, assai divertente: l'autore me lo sono scordato, comunque il racconto s'intitolava Steinbeck). La qualità dell'aria era, per così dire, il ritorno dell'ombelicalismo sotto mentite spoglie. Ora, su L'Arte di Leggere, si profetizza (e s'incoraggia, ahimè) una nuova, efferata supremazia dell'ombelico: non più alla chetichella, dunque, bensì in pompa magna. Abbiamo, io penso, poco da stare allegri. 

Bene (cioè, male, ma comunque): allora io suggerirei, piuttosto che una rivalutazione dell'ombelico, una taglia sull'ombelico. Vale a dire: si potrebbe costituire un fondo per pagare un killer prezzolato di buon livello professionale, che accoppi sistematicamente ogni scrittore reo d'aver pubblicato un testo ombelicale (non un libro: secondo me, per giustificare l'esecuzione basterebbe anche un racconto). Per i quattrini, sono certo che tra i milioni di lettori nauseati di certe schifezze, i fondi si troverebbero. Rimarrebbe, forse, un unico problema: chi è che può legittimamente stabilire quando un testo è ombelicale oppure no?  Trattandosi di vite umane, a quel punto, occorrerebbe muoversi coi piedi di piombo prima di sancire che il tal libro, o il tal racconto, sono ombelicali. In realtà, a mio avviso, tratterebbesi di un falso problema: dacché i testi ombelicali, da sempre, proclamano a gran voce la loro "ombelicalità". Il che, per così dire, taglierebbe la testa al toro (e all'autore) una volta per tutte.

 
Di Carvelli (del 26/04/2005 @ 09:52:48, in diario, linkato 960 volte)
La Repubblica - 15.04.2005 - 45 Hits

Tecniche orientali e letti particolari: un'officina di idee

Daniela Gambino

Ultimamente mi stressa parecchio rilassarmi. Un controsenso? No, se ripeterti «stai tranquilla, stai easy» diventa un imperativo. Il consiglio più comune è «medita, riposa bene, fatti fare un massaggio, dedicati all'ikebana, fatti un po' di origami». Consigli in tema, anche se non sono manager, su www. managerzen. it, per «proporre un approccio alternativo alla cultura aziendale». Tentiamo tutti di sollevarci il morale con la cultura del Sol levante. Pure quelli che non metterebbero mai piede in un sushi bar di tendenza (ricette su www.ilmenu.com) come minimo si leggono i manga e fanno i massaggi shiatsu. Una mia amica vuol comprarsi un tatami, l'ha appena scoperto e dichiara «lo voglio». I giapponesi sono maestri indiscussi del design essenziale (in mostra a Palermo «Makio Hasuike Industrial designer» presso la galleria di architettura Expa, www.expa.org, il suo sito è www.mhway.it)

Devo dire che il tatami, qui inteso come base del letto, e il relativo futon, cioè il materasso specifico, fanno una bella figura in casa, soprattutto sistemati secondo i dettami del feng shui, che sarebbero una serie di direttive per posizionare i mobili in modo da trarne armonia. Riposare bene è fondamentale. Lo scrittore e blogger Roberto Carvelli, ha scritto 'Letti', per Voland, un'autobiografia che utilizza il letto come punto di vista privilegiato (www.carvelli.it). A creare dei letti ludici, che servono per tutti, ma diventano, magicamente, giochi per bambini, e trasformano il riposo in un'esperienza creativa, ci pensano Roberta De Grandi e Daniela Vinciguerra. Palermitane, una laurea in architettura, mamme, hanno creato le officine delle idee, denominata Achab, come il capitano di Moby Dick, perduto nel suo sogno di inseguimento. Daniela e Roberta, si legge dal sito www.officineachab.it, «professionalmente insieme dal 1996, aprono nel novembre 2002 l'officina d'idee in cui discutono, progettano e costruiscono, da sole e con altri compagni di ricerca, la loro personale visione di un contemporaneo hand-design (?)». Dal loro catalogo, consultabile online, si può vedere koudò, cubo multicolore, (koudò, è un parola che significa cubo per dormire), oggetto, puff, chaise longe, poltroncina e soprattutto letto d'emergenza. Più tutta una serie di oggetti «veramente bassi - mi spiega Daniela - che non è un modo di dire, più che alla cultura giapponese ci rifacciamo, alla cultura dei bambini, i bambini vivono il pavimento, da genitore lo rivaluti: è un punto di vista diverso». Per contattarle l'indirizzo email è infoofficineachab.it. Per postare e comunicare http://danielagambino. splinder.com

 
Di Carvelli (del 26/04/2005 @ 09:39:34, in diario, linkato 742 volte)

Fatevi un esame di coscienza: se siete felici - ma veramente felici - del vostro rapporto sentimentale, o del vostro nonrapporto sentimentale, se non avete mai tradito il vostro Lui/Lei, o se lo avete tradito con una certa leggerezza senza tracce, se non siete mai stati traditi (mah) con dolore (capita), se non ne avete coscienza, se... Se state bene in fatti sentimentali... Andate! A vedere:

Oh non vi lamentate se... Non ve la prendete con me! E soprattutto non fate gli imbarazzati alla fine del film.

 
Di Carvelli (del 22/04/2005 @ 14:58:20, in diario, linkato 722 volte)
La guardo poco ne so poco. per esempio ultimamente non capisco uno in un programma reality che soffre per una che fa la stronza (il vertice del fascino femminile se la fortezza cede, alla fine). Così ho capito. La mia collega F. - che ne sa molto di più e la capisce la tivvù - mi dice che non è così e mi dice "no no ...ti devo spiegare" ma poi non mi dice nulla.
 
Di Carvelli (del 22/04/2005 @ 12:53:35, in diario, linkato 769 volte)
Che brutta sorte la parola FRATELLO. E' chiaro il suo significato ma è anche abusato. Vuoi per motivi religiosi vuoi... solo per quello mi sa. Sulle scritture mica c'è scritto siamo tutti/e suoceri/e, o tutti padri/madri. Forse è per troppa responsabilità. Forse. Invece (anche io) credo di aver detto "M. è mio fratello" "S. è mio fratello". E invece mio fratello è G. e Sacre Scritture a parte oggi compie 39 anni.
 
Di Carvelli (del 22/04/2005 @ 09:38:55, in diario, linkato 776 volte)

C'è una splendida intervista sul Corsera-cultura di Ranieri Polese a Silvia Ballestra. I suoi libri, gli editor come si deve, il cambiare editore, il rimanere fedeli all'idea della letteratura, Tondelli, un coming out noir e un tributo a IZZO. Ce n'è per tutti e da una voce importante e ineguagliata per tanti aspetti nella sua linea colta e popolare che ha tenuto a battesimo la rinascita della letteratura italiana. Anche oggi mi sembra che abbia qualcosa e più di qualcosa da dire. Da leggere.
 
Di Carvelli (del 22/04/2005 @ 09:09:15, in diario, linkato 786 volte)

Molti amici molto onore. Mi sembra un adagio migliore e tra l'altro di non compromesso dalla Storia. Per cui accolgo con curiosa attenzione l'esistenza di un blog dedicato all'amichevole prestito dei libri. Una sorta di evoluzione ancora più partecipata del book crossing. Io per conto mio mi dibatto ancora per capire dove sie IL CORPO di Kureishi. A chi l'abbia dato e quando. Più saggio il mio amico D. che si scrive tutto su un biglietto... questo DVD a quello o a quell'altro. Io trasmetto il piacere della lettura come una cortesia per gli ospiti della casa che forse sono troppi e poi non ritornano. Provo a ricordare mani e facce nella mia casa. Ma inutilmente. Detto questo segnalo il blog generoso. Più di me.

http://librinprestito.splinder.com/

 
Ci sono 1811 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi pił cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie pił cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








29/10/2020 @ 23:17:31
script eseguito in 625 ms