Immagine
 Il letto a Takayama... di Carvelli
 
"
Per me l'amore è un puro concetto dotato di un corpo inadeguato, che passando attraverso cavi sotterranei, linee telefoniche ecc., riesce faticosamente a trovare il contatto. Una cosa terribilmente imperfetta. A volte ci sono errori di trasmissione. A volte non si conosce il numero. A volte ti chiamano, ma hanno sbagliato numero. Non c'è niente da fare. Finché vivremo in questo corpo, sarà così.

Haruki Murakami
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 31/03/2005 @ 14:15:41, in diario, linkato 836 volte)
Quello di F. è in una scatoletta e si degusta. Sono cioccolatini mirabili. Fatti da lei. In casa. Una meraviglia. Dice "mi sono iscritta ad un corso intensivo di cioccolatologia... credevo fosse tutta teoria e invece 4ore da svenire di tecniche e prove... sono tornata e questi sono i risultati" Li vedo e li degusto per tipi. Cioccolatini scaccia tristezza. Vorrei dire di più: gradi escursioni termiche bagnomaria... ma forse bisognrebbe imparare e basta.
 
Di Carvelli (del 31/03/2005 @ 10:29:51, in diario, linkato 870 volte)
Che volgarità a piovere in questa descrizione di sonde e sondini, alimentazioni cannulari. E soprattutto folle osannanti in piazza o sotto l'ospedale ("speriamo che si affacci" "siamo venuti apposta dalla Sicilia") e cori e grida e dolore ad ampi gesti delle mani. Che fastidio (non Lui, il Papa, no, lui poveraccio) anche i Giletti "... e c'è qualcuno che gli consigliava di dimettersi...che orgoglio nel portare la sua sofferenza..." e giù applausi. Povero Papa. Povero Uomo. Giocato come una schedina 12X.
 
Di Carvelli (del 31/03/2005 @ 09:16:58, in diario, linkato 766 volte)
Ieri con D. The Assassination. Ma perché ci ostiniamo ad andare a vedere i film insieme (ma è chiaro per amicizia) se poi lui esce scontento quando io mi sciolgo di complimenti e viceversa. Io comunque dico che mi è piaciuto questo film e onore al merito a Sean Penn (ci ripetiamo) uno dei più grandi attori americani. Il monocorde non mi disturba, la fotografia è sublime, il clima (il climax forse meno) è ben raccontato. Ma D. se ne va amareggiato. Uno per uno.
 
Di Carvelli (del 31/03/2005 @ 09:13:10, in diario, linkato 905 volte)
Vorrei vorrei che uno studio serio di uan rivista americana dicesse di noi e della nostra reazione diversa ad una tazza o un vaso che precipita dalle nostre mani e 1 SI ROMPE, 2 RIMBALZA SENZA SBECCATURE. Vorrei vorrei che si sapesse quanto la nostra (diversa e mutevole) personalità creda a quale delle due e quale sia in relazione a ciò la sua impressione contraria. Cose così. Uno studio serio. Una rivista americana. Psicologi e medici in equipe e tanti cocci a terra. Oppure no.
 
Di Carvelli (del 30/03/2005 @ 13:04:30, in diario, linkato 996 volte)

il manifesto di ieri. Massimo Raffaeli. Mi sembra un buon intervento. Serio e misurato nelle premesse. Del libro ancora non scriverei non avendone ultimato la lettura (per ora posso solo dire che è un ottimo esordio) ma lo recensirò sul prossimo BLUE.

Radiografia del bestseller Piperno
Né capolavoro né romanzo fallito, Con le peggiori intenzioni è l'esordio di un narratore che, chiacchiere a parte, non ha creato alcuna «generazione», né si avvicina ai romanzieri cui è stato paragonato. Notevole la sua tenuta, sebbene affetta da sbalzi di temperatura stilistica
MASSIMO RAFFAELI
Èdifficile parlare di un libro e valutarlo avendolo letto dopo la incorporazione e transustanziazione che i media hanno operato su di esso mutandolo in best seller: equivale al fatto di assistere a una partita di calcio dopo averla vista sezionare per ore alla moviola e averne sentito straparlare per giorni nei processi televisivi, quando il gioco è divenuto un'eclissi e un pretesto che dia luogo agli impulsi della mitologia o, nel caso opposto, della distorsione e della allucinazione. Questo, per certi versi, è anche il caso del romanzo di Alessandro Piperno, Con le peggiori intenzioni (Mondadori, pp. 304, Euro 17.00), un esordio accompagnato da un chiasso mediatico di cui si ricordano pochi precedenti, compresa un'intera trasmissione della «7» e una lunga intervista all'autore comparsa sul magazine del Corriere della sera con tanto di copertina, sul serio sciagurata, che voleva alludere a una inesistente Generazione Piperno. Due sono almeno gli inconvenienti per il lettore. In primo luogo alla forma del testo, e al suo nudo dettato, è subentrata la singolare silhouette di Daniel Sonnino, nome del protagonista del romanzo, con le sue caratteristiche e i suoi modi di dire, come fosse una decalcomania ovvero un portavoce generazionale, cui si è presto sovrapposta la fisiognomica di Alessandro Piperno in persona con tutti i suoi pensieri sul mondo (quanti anni ha, cosa fa, cosa mangia, come vive e chi vede, se è tifoso della Lazio e perché etc.): ciò ha giovato enormemente alla vendita del libro ma ne ha retrocesso ipso facto la disamina a metodiche inessenziali e primordiali, con rare eccezioni. ( Marcel Proust, cui Piperno ha dedicato anni fa uno studio molto intelligente, criticava Sainte-Beuve accusandolo di usare le biografie degli scrittori in modo meccanico e parassitario: nel caso attuale, come per ogni best seller, ci si è contentati di ancor meno, anzi del minimo, avallando la chiacchiera sul personaggio, il medesimo che firma il romanzo, nato a Roma nel 1972 e docente all'Università di Tor Vegata, e quello da lui simulato sulla pagina). Il secondo inconveniente, che procede direttamente dal primo, ha comportato la sostituzione del giudizio critico (basta aprire Internet per verificarlo) coi surrogati della dichiarazione di fede, l'aut-aut di chi da un lato scomoda Philip Roth o Morderai Richler e dall'altro sospetta l'apocrifo, ritenendolo uno smaccato falso d'autore.

A una lettura il più possibile spassionata e lontana dal chiasso, Con le peggiori intenzioni non appare né l'una né l'altra cosa, vale a dire né un capolavoro né un libro fallito ( e nemmeno una costruzione mediatica corvèable à merci); semmai, si tratta tanto di un esordio notevole per tenuta e «fiato» narrativo, quanto di un libro imperfetto per asimmetria di costruzione e per gli sbalzi della temperatura linguistico-stilistica: ad ogni modo Piperno ha, dello scrittore autentico, l'energia che non diminuisce sotto sforzo e appunto il fiato del fondista, la capacità di stare sulla pagina e lavorarla in terza dimensione, oltre ad uno spazio-tempo tutto suo, intimamente posseduto, cui ritorna con ossessione e si direbbe per costrizione psicofisica. È la Roma dei Parioli, dove il protagonista Daniel Sonnino è nato trent'anni fa e dove ha visto diramarsi, in avanti e all'indietro, gli ibridi del destino di chi discende tanto da una couche ebraica, cosmopolita e per così dire speziata di qualsiasi avventura esistenziale, quanto da una schiatta di cattolici marchigiani, solida e laconica eppure latrice di discendenze imprevedibili.

Perciò il romanzo si divide in due parti, tuttavia diseguali, che stanno fra loro come possono starci una saga familiare, dove l'io narrante si dissimula nei ricordi di un bambino oppure funge da docile catalizzatore della memoria, e invece un romanzo di formazione vero e proprio, quando il protagonista, adolescente e poi adulto, chiede un senso al suo vivere e crescere, ne valuta retrospettivamente il prezzo e ne riconosce la fatalità. Nel romanzo di famiglia, cento pagine compatte e virate nei colori di una stupefazione che assorbe la nostalgia, si accampa la vicenda del nonno Bepy Sonnino, vale a dire una vita di eccessi gloriosi e caduchi, una parabola che tiene dentro tutta l'esistenza e la dilata per cerchi concentrici, fino a smemorarsene e perderla nel punto in cui la generosità e lo spreco sono una cosa sola, così come il valore e il disonore, per squassante paradosso, coincidono.

Bepy vive alla potenza ennesima (le donne, il denaro, gli amici, lo stuolo dei sedotti e degli adulatori) ma il suo è un esempio tanto eccessivo e nella sostanza suicida da non lasciare eredità possibili se non nel disamore e nel rancore, ovvero in un rammarico, agli occhi di Daniel, che equivale a un implicito senso di frustrazione e impotenza, come di chi riconoscesse nella totalità perduta il crisma di una propria e coatta parzialità; e infatti: «La vita, a sentirgliela descrivere, è corsa su un carro dorato. La sua aggettivazione è schiava del grado assoluto, così come gli avverbi dell'iperbole: `egregiamente', `mirabilmente', `stupendamente'. E, d'altronde, anche dopo, nella disgrazia, Bepy non perderà l'abitudine del grande artista pop di trasformare la merda in oro.»

Dunque è difficile sopravvivere a Bepy. Pur mantenendo lo stesso perimetro del romanzo familiare (anzi deducendone per esteso le figure implicite e ulteriori) il romanzo di formazione di Daniel è come fosse orfano del vigore e della pienezza che prima gli garantiva l'ombra invadente di Bepy. Ogni personaggio ne viene amputato o meglio opacizzato; lo stesso percorso formativo di Daniel che culmina in un grande amore andato a male, la sua epica dell'irresolutezza, patisce una specie di impasse e un progressivo raffreddamento. Se prima Bepy attirava i personaggi astanti nel vortice, o nel suo cono d'ombra, facendone quasi il proprio colloide, qui le figure che entrano ed escono dalla vita del protagonista (la madre, gli zii, gli amici del liceo, la Dafne sempre fuggitiva e infine catastrofica) sono più riconoscibili e torniti ma anche più frontali e meccanici. Magari più «tipici» di quell'ambiente e di quel passato prossimo, però decisamente meno vividi e liberi: infatti, più la ricostruzione d'epoca si fa sottile e dettagliata, più senti che l'effetto è voluto invece che naturalmente trovato; e allo stesso modo, man mano che la pagina si nutre di dettagli storico-ambientali e digressioni, senti che si ingessa e procede scontando una visibile inerzia. (Ad esempio i numerosi richiami al fatto che il protagonista sia un professore universitario a contratto e che abbia scritto un libro da titolo Tutti gli ebrei antisemiti, se non vogliono essere strizzate d'occhio a Roth, sono semplici decorazioni, un ingombro). La stessa inerzia da cui sembrano fuggire le pagine finali del romanzo, quando Daniel diviene adulto sfregiando il suo ambiente e, alla lettera, compromettendosi: ma pure questo, in chiave struggente e autoparodistica, è un modo per tornare a Bepy, e celebrarne il destino.

 
Di Carvelli (del 30/03/2005 @ 10:46:35, in diario, linkato 964 volte)

Raffaello Baldini

Da "In fondo a destra"

NEL LABIRINTO DI UN UOMO RIDICOLO……
«E’ un labirinto. Non per modo di dire. E’ un labirinto vero e proprio. Grande. Molto grande. E noi ci siamo capitati dentro. E vogliamo uscire. E non ce la facciamo. Capisce, signora?»
E non capiva ancora. Mi stava vicina. «Ma io devo uscire, ho un appuntamento», «Signora, io non gliel'impedisco, cerchi», «E lei non cerca?», «Cerco anch'io, ma ognuno per la sua strada, qui si deve andar da soli, con il proprio istinto, con i propri nervi», «Ma io da sola ho paura», « Stia tranquilla. Non la lascio qui sola. Troverà presto compagnia. C’è tanta gente che non la pensa come me. Che sta insieme. Che si scambia idee, che si consiglia. Ecco, sente? s'avvicina qualcuno, un gruppo, sono laggiù, li vede? gli vada incontro. Addio, signora».

1938

La mèstra ad Sant'Armàid
dal vólti, e' dopmezdè,
la s céud tla cambra e la zènd una Giubek.
La n fómma.
Stuglèda sòura e' lèt
la guèrda ch'a s cunsómma.
U i pis l'udòur.
Dal vólti u i vén da pianz.



1938 - La maestra di Sant'Ermete / delle Volte, il pomeriggio, / si chiude in camera e accende una Giubek. / Non fuma. / Sdraiata sul letto / la guarda consumarsi. / Le piace l'odore. / Delle volte le viene da piangere.

Mi duole aver perso i suoi libri (prestati per una via non più percorribile... forse bisognerebbe sempre far fare ritorno ai libri, alle persone). Mi duole pensare al poco della sua scrittura che però sarà un indelebile poco.

 
Di Carvelli (del 30/03/2005 @ 10:09:52, in diario, linkato 1309 volte)

Un bel pezzo di Christian Raimo su Torraccia, un quartiere romano (Repubblica edizione romana). Ricco, pieno di storie (ne contiene una meravigliosa, una di quelle che rubi e scrivi) e di facce. Bella l'idea che un quartiere abbia una sua autocoscienza. Bella la filosofia che s'insinua nella sua pagina

 

 

 
Di Carvelli (del 30/03/2005 @ 09:26:03, in diario, linkato 817 volte)

TERRA. La Cina infinita delle campagne

... L’obiettivo di questa numero di PRIVATE è la ‘Cina fuori dalle città, la Cina infinita delle campagne’, e ha l’intenzione dichiarata di rendere giustizia a circa 900 milioni di persone che vivono in un territorio vastissimo ai margini del recente prodigio economico. Gli artisti presentati sono tutti cinesi, e fra i migliori fotografi del momento.

 
Di Carvelli (del 30/03/2005 @ 09:17:15, in diario, linkato 795 volte)

Purtroppo non succede. Purtroppo succede. Che ti mandino dei dattiloscritti o delle mail con racconti o latro e tu dovresti portarli in una casa editrice. Magari nella tua, magari in una che conosci tu. Vedrai che succede - diceva un mio amico scrittore - ti manderanno le loro cose. E infatti è successo, succede. Purtroppo non succede che io abbia tanta influenza (per ora?) da farle pubblicare. Ho tentato con una ragazza che mi ha spedito dei racconti (alcuni molto belli per me) che avevano anche una loro circolarità suscettibile di raccoltina. Ma... qui c'è quello/a geloso del suo lavoro di scoutaggio, lì sei amato ma temuto, rispettato ma guardato con sospetto... Insomma, purtroppo è così. Prendiamola con filosofia...e la filosofia come apprendo dal blog della Lipperini è ormai diffusa. Cita la Fanucci (www.fanucci.it), ultima a dichiararsi:

Avviso agli aspiranti scrittori

Dopo soli due giorni dall'annuncio di una nuova collana di narrativa di autori italiani e stranieri, la casella di posta (elettronica e non) è stata letteralmente invasa di richieste di pubblicazione (oltre 200). Con queste poche righe, vorrei consigliare a tutti che per pubblicare bisogna rivolgersi alle agenzie letterarie e non direttamente agli editori. Ce ne sono tante e molto competenti. Io da parte mia dichiaro ufficialmente che non garantisco che venga presa visione di alcun manoscritto che non sia stato inviato attraverso un'agenzia letteraria. Ad ogni modo i manoscritti ricevuti NON verranno restituiti.
Grazie per la collaborazione,

Sergio Fanucci

  

 
Di Carvelli (del 29/03/2005 @ 17:30:17, in diario, linkato 779 volte)

Ecco il mio segreto familiare, casalingo... sono possessore, felice possessore dell'esserino n.103. Ormai da anni. E ci sto bene. Sembra una di quelle testimonianze autentiche televisive...e infatti è autentica ma è su internet.

Già ma chi è l'esserino 103 e cos'è a questo punto un esserino?

Scopritelo (non su educhescional ciannel) ma su

www.esserini.it

 

 
Ci sono 285 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








24/11/2020 @ 20:52:37
script eseguito in 654 ms