Immagine
 Il letto di Hvammstangi... di Carvelli
 
"
Affamato e inferocito, sapevo che nulla al mondo mi avrebbe costrtto al suicidio. Proprio in quel periodo avevo cominciato a capire l'essenza del grande istinto di conservazione, la qualità dui cui l'uomo è in sommo grado dotato. Vedevo i nostri cavalli sfiancarsi e morire - non posso esprimermi in altro modo, utilizzare altre parole. I cavalli non si distinguevano in nulla dagli uomini. Morivano a causa del Nord, del lavoro troppo gravoso, del cibo cattivo, delle botte - e anche se subivano tutto ciò in misura mille volte inferiore agli esseri umani, i cavalli morivano prima. E capii la cosa più importante: che l'uomo è diventato uomo non perché è una creatura di Dio, né perché nelle mani ha quella cosa straordinaria che è il pollice. Ma perché è FISICAMENTE più forte, più resistente di tutti gli altri animali, e poi perché in seguito ha saputo costringere il proprio spirito a servire con successo il corpo.

Varlam Salamov
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 21/02/2005 @ 12:36:40, in diario, linkato 868 volte)

Intanto una recensione che scovo in internet. Questa

 

 

di Oliva Muratore

muratore@bazarweb.info

 

Roma, una città che t’irretisce

La più mediorientale delle capitali europee vista con gli occhi di un autore che sceglie di perdersi in questa città per raccontarla…

 

“Non esiste una sola Roma. Ce ne sono 100, mille, infinite. Ci sono infiniti volti che si sovrappongono e tracciano stratigrafie dell’anima. Roma è questo, e insieme qualcos’altro di diverso, di non ancora scoperto. Roma non la trovi, non la conquisti, non la domini mai del tutto. Mentre è qui, Roma è già altrove, un altrove che non raggiungerai mai. E’ la città che t’irretisce, che ti perde nei suoi poetici profili. Non sei tu a scegliere Roma, ma è la città a volerti, il labirinto a vincerti”. E’ proprio questa intuizione a dominare le pagine di Perdersi a Roma, di Roberto Carvelli (edizioni Interculturali, 2004). Un testo particolare che si presta a differenti letture sociologiche e a più livelli d’indagine ermeneutica. Uno studio che parte dalla città, dalla sua toponomastica, dalle strade, dai quartieri, dalle chiese, dai monumenti; che parte dalla pietra, dalla polvere, dall’acqua.
Alla parola l’autore affida il compito di ritrarre Roma, dove lui stesso vive e che ogni giorno cerca di scoprire sotto una luce differente. Ad accompagnarci in questo itinerario pittorico intinto nella tavolozza cromatica della più mediorientale delle capitali europee, ma anche nella più drammaticamente vera, umanamente nuda e profeticamente spietata, i racconti dei grandi artisti, le testimonianze dei massimi scrittori viventi, ma anche di quelli che hanno semplicemente scelto Roma come patria d’elezione.
Roma sembra fuoriuscire, d’improvviso, dalla sontuosa cornice architettonica dei secoli e dei millenni, per ritrovarci all’angolo di un baretto, nella luce declinante di un tardo pomeriggio, nella densità rosa di un cielo che sfiora le algebre dei terrazzi. Roma è questo ed è anche la culla del pensiero, del cinema, della cultura contemporanea. Roma è il nido che ciascuno di noi si porta dentro, “l’architrave magica che ci consente di accedere alle leggi dell’eterno ritorno”, l’Itaca che la scrittura misurata di Roberto Carvelli elegge a rifugio del vivere, del sentire, qualche volta del morire.

Poi la segnalazione di alcune presentazioni su cui vi aggiornerò presto e una mail meravigliosa e sorprendente di una amica che riceve l'invito alla lettura di P.A.R. da un insospettabile amico, guru del suo alpinismo.

 

 
Di Carvelli (del 21/02/2005 @ 09:27:42, in diario, linkato 790 volte)
Problemi sentimentali: è uno di quei connubi che andrebbero banditi dalle conversazioni. Certo, mi direte, e allora chi esce più con chi. E soprattutto per cosa. Già. Quante amicizie finite. Vero. Quanti meno amici/amiche. Sicuro. Infatti infatti bisogna riconoscere al duo PROBLEMI SENTIMENTALI la virtù del fare quadrato (o cerchio per i meno razionali, per chi è per le forme quadrettate e le vie di fuga) più di un camino, di una televisione, di un bicchiere di brandy. Vediamo. La mia teoria (io sono uno di quelli delle teorie, i miei amici lo sanno) è che non esista la categoria “problemi sentimentali” ma la categoria PROBLEMI. E in relazione a questa, al suo massimo grado ahiloro quella delle PERSONE PROBLEMATICHE.  Che poi sia detto chiaro e tondo non è che uno rischi di rimanerci a vita. Questo no. Ora: esistono i problemi, una predisposizione ad averli ed una accentuazione sentimentale, meglio una funzione catalizzatrice dei sentimenti. Insomma: il problema non è sentimentale. Né il contrario. Il problema è il problema. Così le persone che ci aderiscono con facilità. In sentimenti non hanno i problemi. Sono i problemi che hanno i sentimenti problematici. Da cui la categoria PROBLEMI SENTIMENTALI. Vi ho convinti?
 
Di Carvelli (del 18/02/2005 @ 15:02:18, in diario, linkato 742 volte)

LIBERIAMO LA PACE
Giuliana, Florence, Hussein
tutti gli ostaggi e il popolo iracheno

Manifestazione nazionale del 19 febbraio 2005


Centinaia le adesioni alla manifestazione proposta da il manifesto, si mobilitano anche gli operatori dell’informazione

Sono ormai centinaia le adesioni alla manifestazione proposta dal quotidiano il manifesto per il 19 febbraio. Associazioni e reti laiche e cattoliche (dall’Arci ad Emergency, dall’Agesci alla Tavola della pace, dal Forum del Terzo Settore all’Assopace, dal Gruppo Abele a Pax Christi, dai vari Fori Sociali alle Donne in Nero, dalle Acli a Legambiente, da Rete Lilliput ai francescani del Sacro Convento di Assisi….), testate (da L’Unità a Diario, da Europa a Liberazione, da Testimonianze a Carta…), sindacati (Cgil, Cisl e Uil, Fiom, sindacati di base, Rsu), partiti (l’Unione e molti dei partiti che ne fanno parte, con le loro organizzazioni giovanili), Enti locali (gli Enti locali per la pace, la rete del nuovo Municipio, singoli comuni), Ong (da un Ponte per… a Mani Tese a Save the Children…), organizzazioni di studenti.

E inoltre centinaia di singoli cittadini, politici, intellettuali, artisti e tantissimi operatori dell’informazione, che hanno sottoscritto un appello specifico e che sfileranno con un loro striscione.

Sul sito www.fermiamolaguerra.it sono pubblicate tutte le informazioni (adesioni, percorso, composizione del corteo, appelli, materiali di promozione, comunicati stampa, ecc).

La manifestazione si chiuderà a Porta Capena (Circo Massimo) con un saluto del sindaco di Roma Walter Veltroni e gli interventi di Simona Torretta, Gabriele Polo, direttore de il manifesto,  Giovanni Di Lorenzo, direttore di Die Zeit (la rivista a cui Giuliana collabora) e Serge July, direttore di Liberation, il quotidiano di Florence Aubenas.

Seguirà un concerto con Caparezza, Assalti Frontali, Tetes di Bois, Richi Gianco e Maurizio Camardi, Enzo Avitabile, Folkabestia, Jamal Ouassini, Noureddine, Rashmi Bhat.

I pass per accedere all’area palco si possono ritirare  giovedì 17  e venerdì 18 febbraio dalle ore 10.30 alle ore 19 presso l’ufficio stampa dell’Arci nazionale in via dei Monti di Pietralata 16 a Roma.

 Ricordiamo che le adesioni vanno inviate a adesioni@mow.it.
 
Di Carvelli (del 18/02/2005 @ 14:54:52, in diario, linkato 752 volte)
Presentazioni. Dibattiti. Conferenze. Convegni. Qualsiasi parola ci metti davanti dopo ci sta bene la parola buffet. La parola buffet ha una sua semplice definizione: una tavolona con dietro due tipi (o 4 o 6 o 10) in livrea (o no) che scodellano portate sui piatti protesi. Le pietanze derivano da scatoloni salva-temperatura e tutto tintinna. Abbondano facce del malaffare e del bisogno. Proliferano amici di amici di amici. E mangiano (anzi scusate a Roma magnano... che è di più di mangiano) per quattro. Si mettono in tasca il pane e si travasano il vino nelle boccette. C'è gente che secondo me si studia il giornale per svoltare pranzi e cena. E - devo ammetterlo - io questa gente la rispetto. Anzi la amo. Magnamo tutti evvaffanculo a tutto. Chi paga paga.
 
Di Carvelli (del 17/02/2005 @ 16:47:08, in diario, linkato 1666 volte)
Ho scoperto grazie alla attenta lettura del bravissimo Pietro Adamo... leggete il suo ultimo ed esaustivo Il porno di massa da CortinaPIETRO ADAMO: Il Porno di massa ... che nel mio libro uno degli intervistati sedicente esperto avrebbe fatto un po' di confusione di film. Io, per parte mia (e non vuole essere una giustificazione) ho fatto la parte di chi apre le orecchie e scrive. Qualcosa ci sarebbe scappato e così è stato. Di sbagliato, di poco verificato. L'idea era costruire una fotografia il più possibile somigliante della pornografia dal produttore al consumatore. Mi scuso.
 
Di Carvelli (del 16/02/2005 @ 15:44:30, in diario, linkato 1585 volte)

 

 

i Lemming

– 5 –

 

 

 

Roberto Carvelli

 

 

KAMASUTRA IN SMART

 

 

racconto

 

 

 

 

A volte è necessario cambiare tutto perché niente cambi. Per questo alla smart è naturale mettere in discussione i risultati acquisiti e proporre sempre soluzioni innovative.

(Depliant smart fortwo coupé & smart fortwo cabrio 2004)

 

La smart è vostra complice in tutto. Le molteplici versioni d’allestimento, i materiali pregiati e gli accessori intelligenti fanno della smart l’auto dei vostri desideri. E il design è talmente flessibile che vi consente di personalizzarla come meglio desiderate. Siete individualisti? Lo sono anche la vostra smart city-coupé e la vostra smart cabrio.

(Catalogo accessori post-vendita & BRABUS tuning 2004)

 

 

 

Capitolo 1 – Nel quale sei il modo in cui lo fai

 

 

 

Open your mind.

(www.smart.com)

 

 

Smart è molto più di un prodotto o una nuova marca,

è una svolta, un nuovo modo di vivere.

 

It’s not what we do. It’s the way we do it.

(Smart libretto di istruzioni)

 

 

 

Sono nella mia intima essenza uno sfigato, un imbecille, un poveraccio. Nella mia zona di essenziale e zenitale centratura sono un coglione. Autentico. Dico questo in un’epoca di necessari bilanci. Quella del mio quarantacinquesimo anno in cui, per una specie di vortice del tempo, mi accorgo all’improvviso e per intero della mia età. Sono un coglione. Ho quarant’anni passati e forse ho passato più della metà della mia vita a non fare nulla. Oggi ho quarantacinque anni, una casa di imbarazzante cubatura e di invereconda mancanza di personalità. Nessun mobile, nessun divano, sedia o letto è stato scelto. Nessuna stampa o quadro è stato comprato con attenzione. Tutto ad oggi mi è passato di traverso, mi è scivolato di lato, mi ha urtato per caso. Amicizie occasionali, amori saltuari, parentele distratte.

Che cazzo campo a fare? A che pro ho vissuto? Sono domande dal tono grave ma legittime: chiunque alla mia età dovrebbe farsele. Così, tanto per fare un po’ il punto della situazione. Io me le faccio ma non trovo risposte confortanti. Riprendo in mano i libri del piccolo scaffale all’ingresso di casa. Pochi e scivolosi, sguisciano tra il vimini impagliato. Sono libri della scuola. Portano il mio nome e cognome segnati in giravolte e seguiti da parole e numeri in crescita. 3ª media, 4° ginnasio. Ho fatto il classico come qualsiasi altra cosa. Sono andato avanti con una costante mediocrità che non mi ha mai scosso, sbilanciato, né in un senso né nell’altro. Non ho mai sorpreso i professori. Ero atteso al poco. Le mie pagelle non evocavano neppure a parole future una possibile o augurata crescita. Ero quello. Non sarei potuto essere nulla di più e su questo assunto una quasi incontrastata convergenza. Matematica. Scienze. Latino e Greco. Italiano. Un mediocre spalmato. In questi anni non ho letto nulla o quasi. La mia biblioteca: Il pendolo di Foucault (non letto), Il nome della rosa (letto in parte), Se questo è un uomo (bellissimo!), Versetti satanici (lette le prime 20 pagine), I promessi sposi (bello, ma forse un po’ datato), Poesie di Prévert (le rileggo ogni tanto), Eva Luna di Isabella Allende (così così), Un mese con Montalbano di Andrea Camilleri (interessante, ma forse un po’ difficile). I libri smessi dalla scuola hanno ancora sovraccoperte di plastica trasparente e targhette. Gli altri l’adesivo della libreria sul prezzo. Feltrinelli, Mel bookstore. Regali. Libri ricevuti da parenti lontani, visitati nell’altrove meno angusto della mia piccola casa o fatti trovare sulla scrivania dell’ufficio nei primi anni della mia assunzione prima che cadesse nel vuoto la bonomia della colleganza di primo pelo. Soprattutto regali di parenti. Una genia sparsa nello stivale con una decisa persistenza ligure. Genova San Martino, Pegli, Sampierdarena, Vado ligure. Sono lì le persone che negli anni mi hanno abbracciato, anche se di rado, dicendo “come sei cambiato… erano anni che non ti vedevamo… ti ricordo così” e le mani segnavano improbabili mezzi metri.

Vivo a Roma da quasi dieci anni e dopo vari cambi di sede. Per una paradossale indecenza del caso mi sono trovato a fare carriera in una grande società. Sono entrato per intercessione di un mio parente influente e poi per comodità di assetto sono stato portato avanti assai. Decisive sono state le mie caratteristiche caratteriali. Non sono competitivo, non ho mai smesso la mediocrità di cui ho detto, non ho mai litigato con alcuno, non ho mai creato problemi né chiesto avanzamenti, non ho preteso promozioni. Sono un carrierista ideale: non voglio fare carriera.

Dopo varie case in affitto, alla morte di mia madre – mio papà morì di tumore ai tempi della scuola – utilizzando una piccola eredità, ho comprato una piccola casa di 30 metri quadri (commerciali) in una piccola propaggine tra periferia e centro della città: tutto in proporzione. È un quartiere di binari e facce multicolore, un paese incastrato nella fretta disattenta della città. Pur nella familiarità della zona se voi chiedeste ad una qualsiasi persona del mio angusto vicolo avreste la sorpresa – per me non lo sarebbe – di scoprire a che punto possa arrivare la mia evanescenza. Chi arriva in questo reticolo di case basse e scalpiccio di piedi dice “bello qui, si conoscono tutti” senza immaginare quanto io possa passare inosservato. Alle volte mi sono trovato quasi fantasticamente a pensare di non essere altro che un fantasma. Una specie di nessuno in alone. Un’ombra, una presenza. Certo, forse qualcuno ammetterebbe di avermi visto ma non saprebbe dire se abito qui o qui abbia un ufficio, una fidanzata, un amico, un parente.

Pensare a Luna. Non è un pensiero persistente. Non è un’ossessione. È il modo che ho adesso per attaccarmi alla vita nella sua forma essenziale di bisogno e di piacere, un modo facile, il modo più facile che conosca per provare un interesse alle cose, adattabile, sostituibile. Per farla breve, mi corico nel letto e a luci spente mi masturbo pensando a lei. Di mio ci metto solo un po’ di fantasia, lo sforzo di ricordare alcuni dettagli della persona, e il movimento della mano. Un andamento lento, costante, non troppo stringente e cadenzato al ritmo del ricordo, della fantasia. Un’operazione che potrà durare, che so, minuti? Quindici? Non so, dipende dal ricordo, da quanto impiego a ricreare una situazione minimamente realistica e stimolante davanti alla mia mente. Se fatico a mettermi Luna a favore di vita ci impiego di più. Forse trenta.
 
Di Carvelli (del 16/02/2005 @ 15:18:24, in diario, linkato 738 volte)
Una ricerca suggerisce che solo un terzo degli italiani sarebbe dotato di lavastoviglie. Da cui: i due terzi i piatti e le pentole se le laverebbero a mano. Oltre al comprensibile riflettere sulla deflagrazione della famiglia allargata o numerosa forse val bene riconoscere a questa noiosa abitudine i crismi dell'esercizio spirituale. Magari meno articolato della preparazione dei cibi ma alla portata di tutti. Chissà quanti soliloqui e quante idee potrebbero dire di essere nate sotto il getto d'acqua freddo o caldo dei rubinetti o quante decisioni risciacquate nelle vasche dei lavelli. O quante composizioni familiari nell'asciugatura delle posate. Mi vengono in mente i miei due anni di lavapiatti universitario ma questo è un altro discorso... più economico... ma lo stesso un giorno ne dovrò scrivere.
 
Di Carvelli (del 16/02/2005 @ 10:17:24, in diario, linkato 748 volte)

ieri ho affittato e visto

Ben girato (le scene di sesso hanno - evviva! - aria e varietà) ma brutti soggetto e sceneggiatura, colmi di topoi decadenti e maudit. Mal recitato (due piani: quello sciatto e quello dell'attor giovane). Peccato. Me ne avevano parlato molto. Ma certo esordire così giovani e con delle cose da dire (anche da dire male) non è male e infatti la nostra pare che sia in USA tra le braccia (sembra braccia braccia)  di Defoe a girare altro.

 
Di Carvelli (del 16/02/2005 @ 09:54:31, in diario, linkato 734 volte)
Ieri ho letto uno strano coccodrillo. È morto (domenica) Aldo Carotenuto (oggi Brioschi, purtroppo ancora giovane) e da Repubblica l’estensore del lungo necrologio si è affrettato a riconoscere gli oneri più che gli onori di questo professore universitario e saggista psicologo gli oneri. Il narcisismo, l’espulsione dall’ordine per la pratica sessuale del transfert, il generalismo teoretico, chiamando a raccolta i suoi detrattori. Hai voglia te! Quanti ne aveva! Odiato da tutti… lo conosco poco, ammetto ma so quanto fosse inviso all’Accademia e alla Saggistica di campo per questo suo intingere la penna nell’inchiostro dell’amore e nel veicolarlo attraverso i media più popolari. È stato strano pronunciarsi in punto (punto e basta) di morte con tanta obbiettività giustizialista che meglio forse sarebbe stato ignorare o abbreviare. Magari ritenendo poco rappresentativa questa morte di un breve saggio e della pagina della cultura…E invece pezzone con tutti i crismi e tutte le ugge. Non so! Che dite?
 
Di Carvelli (del 16/02/2005 @ 09:23:51, in diario, linkato 773 volte)

“Cos’è questa? Tristezza? Chissà, forse./ Un motivo che conosco a memoria./ Che sempre si ripete. E sia./ Che continui così./ E risuoni anche nell’ora estrema,/ come la gratitudine degli occhi/ e delle labbra per ciò che qualche volta/ ci costringe a guardare lontano./ E fissando in silenzio il soffitto,/ perché visibilmente la calza resta vuota,/ capirai che tanta avarizia è solo indizio/ del diventare vecchio./ È tardi ormai per credere ai prodigi./ E sollevando lo sguardo al firmamento/ scoprirai sul momento che proprio tu/ sei un dono sincero.” Josif Brodskij

Mi permetto di aggiungerlo alle citazioni.

 
Ci sono 520 persone collegate

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








27/10/2020 @ 22:05:29
script eseguito in 636 ms