Immagine
 rodi... di Carvelli
 
"
Piegati soltanto per amore se muori, continuerai ad amare.. Ne te courbe que pour aimer Si tu meurs, tu aimes encore..

René Char
"
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Carvelli (del 15/01/2004 @ 13:37:02, in diario, linkato 748 volte)
Grande numero di MUSICA di Repubblica oggi con confronto di Filippo la Porta tra Kureishi (aridanghe!) e Yoshimoto. Vi levo la suspance, vince Hanif sia pur di poco. Vince. Altrove articolo su Giallo Wave e opinioni di cantautori sulla narrativa di genere. Approvo Pacifico che invita lla lettura di Solea di Izzo anche se gli preferisco Casino totale. Il Mio amato Roy Paci (Rrrroy) pende per un più large public Lucarelli. E sia!
 
Di Carvelli (del 15/01/2004 @ 07:10:31, in diario, linkato 754 volte)

Mi fa molto pensare la rivalutazione in toto degli anni Ottanta. Radio insospettabilmente dedite a migliaia di neghittosità al presente esercitarsi al passato in un esercizio di rivalutazioni o ri-cultualizzazioni di brani pop già castrati anni prima. E allora eccoli i “bellissimi” (dicono questi dj trasformisti) duran duran, gli spandau ballet ecc. E’ fin troppo naturale chiedersi che destino subiscono brani musicali di stesso tenore pop ma sfortunata contemporaneità.

 
Di Carvelli (del 14/01/2004 @ 07:49:43, in diario, linkato 709 volte)

“Ho detto ai miei figli che non devono, in nessuna circostanza, partecipare a un massacro, e che le notizie di massacri compiuti tra i nemici non devono riempirli di soddisfazione o di gioia.

Ho anche detto loro di non lavorare per società che fabbricano congegni in grado di provocare massacri, e di esprimere il loro disprezzo per chi pensa che congegni del genere siano necessari.”

 

Kurt Vonnegut – Mattatoio n.5 (1966)

 

 
Di Carvelli (del 13/01/2004 @ 11:29:43, in diario, linkato 692 volte)
Sob non andrò (lavoro!) sarebbe stato un bel regalo di compleanno...se qualcuno sa ulteriori appuntamenti lo dica! Mercoledì 14 gennaio alle 15 presso l'Aula 18 della Facoltà di Lettere e Filosofia di Roma Tre (via Ostiense 234) incontro con Hanif Kureishi, l'autore di Budda nelle periferie e di Love in a Blue Time. Info: veraldi@uniroma3.it
 
Di Carvelli (del 13/01/2004 @ 08:02:55, in diario, linkato 755 volte)

Capisci quanto chi vive in un altro paese abbia bisogno di integrarsi anche se fa parte di una comunità autosufficiente e integrata. Di quanto parlare il dialetto slang possa diventare da un bisogno di appartenenza un'estremizzazione della paura di essere escluso da una comunità. Che in genere chi rimane in un posto è perché lo ama e che ama chi ci vive. Che fare amicizia è la cosa più naturale del mondo. Che le tante differenze non riusciranno mai del tutto a farci sentire separati dal resto dell’umanità e che se ci sentiamo marziani forse abbiamo dimenticato le nostre origini e rischiamo di riscoprirle nel modo più doloroso possibile.

 
Di Carvelli (del 13/01/2004 @ 08:00:46, in diario, linkato 721 volte)
Giovani E’ un film che descrive una ellisse tra due dolori. Due, di due persone. Avvicinandoli a capo e a fine del film. Giovani è un’opera prima girata in uno stile personale e dando preferenza alla macchina a spalla, al pedinamento da Luca e Marco Mazzieri. Preferendo primi piani ai campi lunghi come si compete ad un film di psicologia. Film introflesso a cui non si può però rimproverare la non adesione al reale né l’incapacità di raccontare le storie. Al di là della Sastri, di Wertmuller, della Pozzi si devono ammirare i due attori giovani, naturali, intensi (ma ben diretti prima di tutto).
 
Di Carvelli (del 11/01/2004 @ 21:59:39, in diario, linkato 649 volte)

Ancora cinema e ancora neve. Ancora con D. Una specie di coazione a ripetere. Una filmografia, un minifestival trasversale. Forse è una ricerca o forse un bisogno. Di certo entro nervoso ed esco pacificato, sereno, Il film Nòi Albinòi è un film islandese, cinematografia risaputa di neve. Un filone e noi lo seguiamo. Bello o non bello ripeto un film di pace. Un po’ opportunisticamente mi accontento. Di entrare scosso ed uscire quieto. Nòi è un ragazzo che aspetta con indolenza la fine. Nel mentre cerca di fare il meno possibile. A scuola, a casa, al lavoro (nelle rare occasioni). E' la scelta di una assenza.

 Comprato Gottfried Benn “Aprèslude” (Einaudi). Nella IV di copertina leggo che è libro di fine carriera per Benn che scrive ad un critico “Conoscerà il coraggio dei vecchi pugili che si costringe ancora una volta a calcare il centro del ring in vece di vivere dei propri interessi o di aprire un bar.” L’ultima poesia, quella che chiude la raccolta e che le dà il titolo dice così:

"durare, aspettare, concedersi,

oscurarsi, invecchiare, apréslude."

 
Di Carvelli (del 11/01/2004 @ 09:21:45, in diario, linkato 739 volte)

Mi scappano le lettere, quelle al direttore, o altra eminenza grigia gravitante attorno ad una testata. Chi ha frequentato o frequenta i giornali sa perché. Non si può generalizzare ma spesso si tratta di lavoro subappaltato a giovani giornalisti tutto sommato pure un po’ ammaliati un po’ rosikelli delle manie di grandezza dei tenutari della legittima. Indi, le salto a piedi pari. Salvo, time ago, avevo pensato di scrivere con una certa continuità a questi suddetti, ponendo questioni. Sarebbe stata un’intimazione di marca letteraria o qualcosa del genere. Intanto le salto. Salvo ieri. Aprendo lo Specchio de La Stampa sono rimasto colpito dal titolo

Il messaggio di Dogville. Risponde la Lietta Tornabuoni, uno dei critici cinematografici più prestigiosi e stimati delle pagine spettacoli dei nostri quotidiani. Il titolo della lettera è la lettera. La risposta: “Mi sembra che Dogville comunichi due specie di messaggi. Il primo è quello del suo stile, di un cinema senza ostentazioni né sprechi, quasi povero ma ricco di emozioni forti.” E fin qui… Poi: “Il secondo non è esattamente un messaggio, piuttosto la constatazione di quanto possa essere violenta la sopraffazione esercitata sui più deboli e disarmati, di come la convenienza del più forte possa trasformare le vittime in colpevoli. Spesso purtroppo, non sempre fortunatamente, questa è la realtà.” Appunto. La realtà. Che dire. Io sapevo poco a vederlo ma non ho avuto dubbi uscendo che fosse un film anti-americano. E ho visto almeno due anti-americhe. Quella piccola, della piccola America (c’è!) che si difende dall’esterno/interno aggredendolo, vittimizzandolo (sì). Insomma razzismo e propaggini, moralismo e dintorni. E quella grande che l’esterno lo aggredisce e tutto è sotto gli occhi di tutti. Così, senza saperne nulla. Solo per aver capito che in quel Dog(ville) c’era già una matrice etimologica. –Ville. E –dog. Ma poi io ho amici informati e mi dicono Lars avercela a piene mani con gli USA (la stessa scelta della Kidman, reduce dall’americanissima visione di Kubrick e qui bravissima (come sempre e come non mai), ahilei incazzata con Lars!), di aver fatto dichiarazioni in questo senso, addirittura preannunciando Tri o tetra(non ricordo)logia. E allora? Che succede? Ho amici di deriva sinistra? Che poi sì, è vero. O peggio i critici (alcuni) tendono a  censurare messaggi scomodi? Non va più di moda il giornalismo militante? Cioè a parole sì: uno si dice militante e alla fine ha una specie di passaporto/lasciapassare per gli errori. Insomma, militanti a ritroso, militanti retroattivi. Il punto non è che la critica sia sbagliata, non lo è. Il punto è l’informazione: perché non far sapere il progetto, il pensiero dell’artista? Addolcire o annacquare tutto? Credo sia fortemente in contrasto con al poetica di Lars Von Trier e mi dispiace per chi legge.

Vi ricordate? FESSO CHI LEGGE.

 
Di Carvelli (del 10/01/2004 @ 16:16:14, in diario, linkato 813 volte)

Ho rivisto da poco CANICOLA, un film che avevo già visto al cinema e che con LA VILLE EST TRANQUILLE mi sembra meglio aver interpretato la contemporaneità in versione calorosa...scappo...aggiungerò ...

Ecco... Che dire Canicola è un film che potrebbe essere stato girato a Latina o in qualche provincia del Nord Est. Insomma è un film universale. Pieno di bellezza. Supermercati. Piccola e grande follia. Sentimenti e casualità. Fissazioni. Allarmi. Tradimenti. Amore. Credo che debba formare una piccola filmografia sul presente di cui sarà bene non dire solo… mi piace/non mi piace… è arte/non lo è… è morale/amorale. Sono termini di questione che secondo me svincolano anche scrittori come Houellebecq.

 
Di Carvelli (del 10/01/2004 @ 11:26:05, in diario, linkato 1692 volte)

Ieri rapporto Worldwatch Institute su USA e Europa (letto sul Corriere della Sera). Le spese: 18 miliardi in cosmetici, 17 miliardi in cibo per animali domestici, 15 miliardi in profumi, 14 miliardi crociere, 11 miliardi gelati. Le necessità: 12 miliardi per cure mediche su donne incinte, 19 miliardi per eliminare fame e malnutrizione, 5 per alfabetizzare tutto il mondo. Non credo ci sia molto da aggiungere. A me risuomano nella mente le parole di Etain Addey, mia amica, bioregionalista, autrice di un libro splendido che sarebbe da imporre più che da consigliare. I suoi diari di Pratale, al piccola comunità umbra in cui vive e ospita per poco: Una gioia silenziosa (editore Ellin Selae). Lei è chiara: si tratta di fare sacrifici, di consumare meno, di rinunciare. Nessuno ve lo potrà dire, nessuno ve lo dirà ma il punto è quello: spendere meno per mantenere quello che è poco (e che sarà sempre meno). Abituarsi a non avere tutto quello che vogliamo nel momento esatto in cui lo desideriamo, invece di andare e comprarlo. Ma tutto questo corrode un sistema che si basa sull’esatto contrario: creare un bisogno immediato affinché. Credo che l’educazione ai consumi, più che boicottaggi che pure condivido (vedi l’Ostile), ci salverà.

 
Ci sono 1416 persone collegate

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
diario (3972)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
casa (8)
diario (1)
Letti di Amicizia (81)
libri (7)
Roberto (9)

Le fotografie più cliccate


Titolo

 


webmaster
www.lorenzoblanco.it








08/08/2020 @ 05:23:49
script eseguito in 586 ms